Audizioni contro Trump – Cosa hanno testimoniato i testimoni e su cosa hanno taciuto i media tedeschi.

Anche se la settimana scorsa i media hanno bruciato un vero e proprio fuoco d’artificio intorno alla procedura di impeachment negli Stati Uniti, dalle audizioni non è emerso nulla di tangibile. Ecco una sintesi delle dichiarazioni e degli altri eventi della scorsa settimana.

Una posizione di Thomas Röper.

Nelle ultime due settimane, quando il Congresso ha ascoltato i suoi testimoni in udienze pubbliche, i media tedeschi si sono letteralmente capovolti. Ogni giorno c’erano diverse relazioni e il lettore tedesco poteva avere l’impressione che Trump fosse stato condannato e ucciso. In realtà, era vero il contrario. Diamo quindi un’occhiata alle dichiarazioni che, secondo la stampa tedesca, avrebbero messo Trump in pericolo. Ma prima di farlo, vorrei ricordarvi qualche parola su cosa sia lo scandalo.

Joe Biden era responsabile per l’Ucraina a suo tempo come Vice Presidente degli Stati Uniti dopo la Maidan. E appena due mesi dopo la Maidan, ha trovato lavoro a suo figlio Hunter alla Burisma, un’azienda ucraina del gas. La Burisma è stata oggetto di diversi procedimenti penali per corruzione e riciclaggio di denaro. Il proprietario dell’azienda era in precedenza il ministro dell’ambiente ucraino e ha dato alla sua azienda in questa posizione i diritti di produrre gas di fracking ucraino.

Hunter Biden ha ricevuto ufficialmente 50.000 dollari al mese per il suo lavoro, a Kiev è stato tre volte in tutti questi anni. Inoltre, una società di New York, dove Hunter Biden ha lavorato, ha ricevuto altri 900.000 dollari in 18 mesi. In totale, Burisma ha trasferito oltre 16 milioni di dollari a Biden e ad altre persone di alto rango provenienti dall’Occidente che sono stati inviati lì nei 18 mesi a partire da maggio 2014.

Nel frattempo, Biden Senior ha lavorato per fermare le indagini su Burisma, anche licenziando il procuratore generale delle indagini in Ucraina.

Trump vuole scoprire se qui c’è corruzione, quindi se Burisma ha pagato i soldi a Biden Junior per Biden Senior per chiudere l’indagine. Il presidente ucraino Selensky è interessato anche alle macchinazioni corrotte del suo predecessore Poroshenko. Quando Trump ha chiesto a Selensky di indagare sulla questione durante la controversa telefonata del 25 luglio, ha aperto le porte di Selensky.

Ma i democratici avevano paura per la campagna presidenziale, perché se durante la campagna elettorale si fosse saputo che Biden era corrotto, la campagna elettorale per i democratici sarebbe finita. E così andarono sull’offensiva e accusarono Trump di aver ricattato Selensky: Dovrebbe indagare, altrimenti non ci sarebbero più soldi dagli Stati Uniti.

Il fatto che Biden stesso abbia ammesso apertamente di aver ricattato il governo Poroshenko è nascosto. Ma Biden stesso ha detto con orgoglio a Poroschenko come lo ha ricattato nel 2018: O il fastidioso procuratore generale viene licenziato o viene cancellato un miliardo di aiuti dagli Stati Uniti.

Questi sono brevemente i retroscena dello „scandalo Ucraina“, ora vogliamo dare un’occhiata a ciò che i testimoni hanno testimoniato prima del congresso.

Il primo ad essere interrogato il 13 novembre è stato Bill Taylor, l’ambasciatore americano a Kiev. Tuttavia, non aveva nulla da dire e non ha potuto contribuire con le proprie scoperte. Ci ha detto solo che uno dei suoi dipendenti di un ristorante aveva sentito una telefonata sull’indagine. Quindi lui stesso non ha nulla da contribuire, il suo dipendente ha ascoltato una conversazione telefonica. Lui stesso non l’ha fatto.

Ma anche una tale dichiarazione valeva la pena di fare notizia ai media in cui si diceva che Trump era stato pesantemente accusato.

Un repubblicano aveva persino chiesto a Taylor se avesse parlato con Trump, o con Selensky, o se avesse ascoltato la telefonata in questione. Quando Taylor rispose a tutte le domande con „no“, il repubblicano ironicamente disse: „Quindi sei un testimone importante?

Insieme a Taylor, è stato interrogato George Kent, vice segretario di Stato al Dipartimento di Stato americano. Inoltre, non ha dato alcun contributo alla questione. Ha accusato l’avvocato di Trump, Giuliani, di aver cercato lo sporco contro Biden e di aver condotto una campagna contro Marie Yovanovitch, allora ambasciatore degli Stati Uniti a Kiev. Yovanovitch è stato licenziato dal posto in maggio, più circa che ora.

Le dichiarazioni di Kent possono essere interessanti, ma non hanno nulla a che fare con la domanda se Trump abbia esercitato pressioni su Selensky nella telefonata.

Il 15 novembre era il turno di Yovanovitch. Ma non aveva nulla da riferire in merito. Invece, si lamentava che Trump l’aveva richiamata e che Giuliani era contro di lei. Ma gli ambasciatori sono nominati e richiamati ogni giorno nel mondo. E il fatto che si senta o meno trattata ingiustamente non è un problema di Stato. Ma non ha detto nulla sulla questione chiave se Trump ha fatto pressione su Selensky.

Il 19 novembre è stata la volta di Alexander Vindman, ex consulente ucraino della Casa Bianca. Aveva sentito la telefonata. Secondo Vindman, la conversazione era „inappropriata“. Ma non ha detto nulla di ciò che non si sapeva da quando sono stati pubblicati i verbali della conversazione. Che l’abbia trovato „inappropriato“ è la sua opinione, ma nessuna prova. Nella questione, tuttavia, non ha comunicato alcun fatto nuovo.

Sempre il 19 novembre, è stata ascoltata Jennifer Williams, ex associata del Vice Presidente Pence. Come Vindman, però, non aveva nulla da dire in proposito, anche lei ha trovato la conversazione „insolita“ e „inappropriata“. Ha concluso che potrebbe esserci un collegamento con l’auspicio di Trump per le indagini in Ucraina e l’aiuto militare temporaneamente congelato per l’Ucraina. Era dell’opinione che Trump fosse interessato ai suoi obiettivi personali e non alla politica degli Stati Uniti.

Anche lei non aveva nulla da dire in proposito, ma si è limitata ad esprimere la sua opinione. Puoi condividerli o meno, ma un’opinione personale non è la prova di nulla. Non poteva dire di più.

Anche Tim Morrison, un testimone repubblicano, è stato ascoltato il 19 novembre. Ha trovato la telefonata in ordine e non ha trovato nulla di illegale.

Kurt Volker, ex inviato speciale degli Stati Uniti in Ucraina, è stato un testimone interessante perché era seduto alla fonte e saprebbe se Trump avesse collegato gli aiuti militari statunitensi alle richieste. Ma non ha potuto confermare che durante il suo interrogatorio del 19 novembre. L’unica cosa che ha potuto dire in questo caso è che ha parlato con l’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’UE, Sondland, in merito all’indagine su Biden. Ma questa non è la prova della pressione che Trump avrebbe esercitato. Tuttavia, Volker ha espresso dubbi sul fatto che Biden possa essere coinvolta nella corruzione. Ha detto che pensava che Biden fosse una persona decente e non pensava che Biden avrebbe potuto fare qualcosa del genere.

Ma, questo non è stato segnalato nemmeno in Germania, Volker ha anche detto di aver incontrato Selensky il 26 luglio, il giorno dopo la telefonata. Alla domanda se Selensky fosse preoccupato per Trump dopo la telefonata, Volker rispose „no“ e aggiunse che avevano una buona conversazione e Selensky era molto positivo per la telefonata con Trump.

Era il turno di Gordon Sondland il 20 novembre e fu il primo ad incriminare Trump. Egli ha affermato che c’era stato un „Quidproquo“ – uno scambio diretto di cortesia e sostegno da parte del governo degli Stati Uniti. Ma: anche lui ha dato solo la sua valutazione, perché ha dovuto ammettere che Trump lo aveva esplicitamente negato in una conversazione diretta con lui. Invece, Trump aveva detto che avrebbe dovuto parlare con Giuliani e che aveva chiamato per le indagini. Questo è ben noto, lo stesso Giuliani dice ad ogni sua innumerevole apparizione televisiva.

Quindi Sondland è il primo che ha effettivamente fatto una dichiarazione incriminante sulla questione, ma anche senza prove e, in ultima analisi, le sue dichiarazioni incriminanti si basano solo sulla sua valutazione, non su fatti oggettivi. In tribunale sarebbe troppo poco, ma politicamente può essere usato.

Anche Laura Cooper, dipendente del Pentagono, ha fatto il suo turno il 20 novembre. I repubblicani hanno sempre sottolineato che non poteva esserci alcuna pressione da parte di Trump perché l’Ucraina non sapeva nemmeno che il 25 luglio, quando si sono svolti i colloqui, i fondi annunciati sarebbero stati trattenuti. Secondo gli oppositori di Trump, la posizione di Cooper è stata invalidata perché ha testimoniato che gli interlocutori ucraini avevano già chiesto a luglio cosa stava succedendo con i soldi.

Ma questo non risponde alla domanda se l’Ucraina sapeva che il denaro era stato trattenuto, perché non ha detto nulla a riguardo. E anche se lo facessero: Il fatto che un dipendente di un ministero ucraino le ponga una domanda non significa che Selensky ne fosse a conoscenza.

Anche David Hale, dipendente del ministero degli Esteri, è stato ascoltato il 20 novembre. Ma non aveva nulla da dire sulla questione, invece ha parlato positivamente dell’ambasciatore richiamato Yovanovitch e ha riferito di averla difesa. E‘ gentile da parte sua, ma non ha niente a che fare con la domanda fondamentale.

Il 21 novembre è stata la volta di Fiona Hill, membro dello staff dell’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton. Ma Hill non aveva nulla da riferire in merito. Ha invece negato con forza che l’Ucraina abbia interferito nella campagna elettorale statunitense del 2016 e ha insistito che la Russia lo avesse fatto. Sembra positivo per la stampa, ma non ha nulla a che fare con la questione in gioco.

Infine, sempre il 21 novembre, è stato il turno di David Holmes, membro dell’ambasciata americana a Kiev. Questo è il dipendente di Taylor, che sostiene di aver sentito una telefonata in un ristorante. Trump e Sondland erano al telefono mentre Holmes era seduto accanto a lui. Trump ha detto di aver chiesto: „Inizierà l’indagine“, a cui Sondland rispose: „Lo farà“. Selensky „farà tutto quello che vuoi“. Come risultato, Holmes ebbe l’impressione che Trump lo stesse facendo pressione su di lui.

E‘ un peccato che Sondland non abbia confermato questa conversazione. Ma anche se: Il fatto che Trump chieda a un ambasciatore in merito all’indagine non è ancora un segno di pressione o addirittura di ricatto contro Selensky.

Inoltre, Holmes ha anche preso le parti di Yovanovitch e ha detto di non aver mai avuto contatti di questo tipo con un ambasciatore da parte del governo. Forse sì, ma Trump aveva anche tutte le ragioni per non piacere a Yovanovitch, perché cercava di evitare che il procuratore generale, che ha interrotto le indagini della Burisma, parlasse con Giuliani.

Ci si deve quindi chiedere come si può fare che un ambasciatore che deve rappresentare gli interessi del suo governo agisca contro il suo stesso presidente. Se non è d’accordo con il suo presidente, questo è un suo problema. Lei deve sostenere la sua politica come suo rappresentante o dimettersi dalle sue funzioni. Immaginate un ambasciatore tedesco che sabota la politica della Merkel. Non rimarrebbe in carica neanche per molto tempo.

Quelli erano i testimoni e le loro dichiarazioni. Ora ognuno deve decidere per se stesso se può vedere in questo che Trump ha fatto pressione.

Resta da notare che Giuliani ha decisamente negato le accuse di aver stabilito un collegamento con gli aiuti militari all’Ucraina nelle sue indagini contro Biden e di aver così esercitato pressioni. E Giuliani ha anche dichiarato di essere sicuro che ci sono prove della corruzione di Biden in Ucraina.

Questo non può essere negato, dato che in Ucraina sono già stati pubblicati gli estratti conto bancari che mostrano il pagamento nascosto di 900.000 dollari a Hunter Biden.

Tutto ciò che ho scritto qui è stato rispecchiato (ad eccezione delle pubblicazioni ucraine, che sono tenute segrete in Germania) e in altri media tedeschi. In Germania, ogni testimonianza prima del Congresso è stata trasformata in un lungo articolo, verboso e fiorito, sostenendo che ognuno dei testimoni aveva pesantemente incriminato Trump. Si è dovuto leggere molto attentamente per filtrare le affermazioni che ho compilato qui dalle lunghe spiegazioni degli articoli.

Ora a ciò che non si poteva sperimentare nei „media di qualità“ tedeschi.

I repubblicani volevano anche citare e interrogare Hunter Biden. Sarebbe stato interessante se avesse dovuto dire cosa ha effettivamente fatto per Burisma e lo stipendio mensile ufficiale di 50.000 dollari. Dopo tutto, Hunter era fortemente dipendente dall’alcool e le droghe al momento della morte del fratello lo ha gettato fuori strada. Ma i Democratici hanno impedito che Hunter Biden fosse interrogato con la loro maggioranza, così come il fischiatore che ha iniziato l’affare.

Il segretario all’energia degli Stati Uniti Perry ha detto in un’intervista che Trump non gli aveva mai menzionato l’indagine di Biden o della società del gas Burisma, anche se aveva regolarmente parlato con Trump della corruzione in Ucraina.

Dopo che gli interrogatori erano finiti, il presidente del comitato, il democratico Adam Schiff, ha detto di aver trovato la cattiva condotta di Trump peggiore dello scandalo Watergate. Secondo lui, è dimostrato che Trump ha ricattato l’Ucraina.

Puoi discutere su questo, ma anche se lo fai: E‘ sorprendente che Schiff non la vede così quando si tratta del ricatto indiscusso del governo Poroshenko, come ha ammesso lo stesso Biden.

La nave è una strana figura nel gioco comunque. Egli stesso ha avviato la procedura di impeachment di cui è presidente. E mentre accusa Trump di aver minacciato l’Ucraina, non gli dispiace molto di fare lo stesso. Sulle indagini in Ucraina contro il Burisma, si è rivolto, ha detto:

„Il messaggio giusto per l’Ucraina, il nostro messaggio politico degli Stati Uniti è: non fare indagini politiche.“

Questo può anche essere visto come una minaccia, perché se un democratico diventa il prossimo presidente, i democratici potrebbero „punire“ l’Ucraina per le loro indagini. Biden aveva già apertamente minacciato di bloccare un miliardo se l’Ucraina non avesse obbedientemente licenziato il suo procuratore generale. Questo potrebbe essere visto come un assaggio di ciò che l’Ucraina sta affrontando dopo la vittoria elettorale dei Democratici l’anno prossimo, se dovesse indagare su Biden.

In Ucraina, il Presidente Selensky è ovviamente stanco dell’argomento, come dimostra la sua risposta a una domanda di un giornalista americano:

„Penso che tutti in Ucraina siano stufi di Burisma. „Abbiamo il nostro paese, abbiamo la nostra indipendenza, abbiamo i nostri problemi, tutto qui.“

Il deputato degli Stati Uniti Lindsey Graham ha chiesto in una lettera al Dipartimento di Stato americano documenti. Questi sono i verbali dei colloqui tra Biden e Poroshenko nel febbraio 2016, quando Biden ha imposto il licenziamento del procuratore ucraino che stava indagando su Burisma.

Joe Biden ha reagito in modo sorprendentemente sensibile. Ha accusato Graham di essere completamente sotto il controllo di Trump e lo ha pubblicamente minacciato di rimpianto per tutta la vita. Perché Biden ha problemi a pubblicare i verbali quando è una pelle onesta che non ha nulla da nascondere?

Il deputato statunitense Lee Zeldin ha detto alla CNN che vi sono prove di interferenze ucraine nelle elezioni americane del 2016. All’epoca, il responsabile della campagna Trumps, Paul Manafort, è stato accusato di avere stretti contatti con la Russia e ha dovuto dimettersi. In seguito fu condannato per evasione fiscale. Il punto cruciale era che non si trattava della Russia, come allora riportato, ma dei soldi che guadagnava come consulente in Ucraina, ma che non aveva pagato le tasse negli Stati Uniti. E queste informazioni provenivano dal governo di Poroshenko e avevano lo scopo di aiutare Clinton. Secondo Zeldin, l’allora ambasciatore ucraino negli Stati Uniti ha svolto un ruolo chiave.

Il fatto che la maggioranza di una parte possa impedire all’altra parte di convocare testimoni, vedi Hunter Biden, ha probabilmente già chiarito quanto queste „indagini“ nel Congresso degli Stati Uniti siano prive di obiettivi. In un’indagine oggettiva si convocherebbero tutti i testimoni necessari e inutili e poi si valuterebbero le loro testimonianze invece di impedire ai testimoni di testimoniare secondo il gusto politico.

La conferma che queste indagini in seno al comitato di intelligence sono puramente politiche dimostra un altro messaggio. Qualche settimana fa sono stati arrestati negli Stati Uniti due ucraini che lavoravano con Giuliani. Sono stati messi sotto pressione per testimoniare contro Giuliani e rilasciati solo in condizioni e con manette elettroniche. Uno di loro, Lev Parnas, ha parlato con il suo avvocato.

In seguito alle recenti elezioni negli Stati Uniti, i Democratici hanno ottenuto la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti e Adam Schiff è stato eletto presidente del comitato dei servizi segreti. In precedenza, era il repubblicano Devin Nunes. Parnas ora ha detto che quando Nunes era presidente dell’Intelligence Committee, ha parlato con lui e voleva un contatto con l’ex procuratore generale ucraino Schokin, che stava indagando su Burisma ed è stato licenziato sotto la pressione di Biden Senior.

Questo si vede: Se i repubblicani avessero ancora la maggioranza nella Camera dei rappresentanti, ci sarebbero ora indagini attive contro i Biden e le loro macchinazioni in Ucraina. Ma poiché i Democratici hanno la maggioranza, vediamo una procedura di impeachment contro Trump.

Quindi le indagini non sono affatto obiettive, sono completamente motivate politicamente. Solo i media tedeschi non lo dicono ai loro lettori, danno l’impressione che si tratti di una procedura obiettiva e costituzionale e non di uno spettacolo politico.

Resta la questione di come le cose continueranno ad andare avanti.

La commissione dominata dai democratici deve ora decidere se il prossimo passo sarà compiuto. Finora, nell’ambito della procedura di impeachment sono state effettuate solo le cosiddette indagini preliminari. I democratici decideranno ora se i risultati delle testimonianze citate sono sufficienti per un vero e proprio processo contro Trump.

Non è affatto certo di come decideranno, perché ora si trovano in un dilemma. Se terminano il processo, si sentiranno in imbarazzo, anche se i media lo presenteranno in modo diverso.

Ma quando apriranno ufficialmente il caso, il Senato si occuperà di dove i repubblicani hanno la maggioranza. E poi i repubblicani decideranno chi sarà convocato come testimone e non i democratici. Ma se i democratici vogliono rischiare che Hunter Biden venga interrogato e altri – compresi gli ucraini – le cui dichiarazioni sotto giuramento potrebbero danneggiare i democratici è la domanda più eccitante in questo circo che gli Stati Uniti chiamano democrazia.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 26.11.2019 su Anti Mirror

+++

Fonte immagine: Michael Candelori / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort