Bombardamento di Dresda nel febbraio 1945: chiaramente un crimine di guerra

Un commento di Hermann Ploppa.

Il 13 febbraio 1945 era un martedì. Quindi è tempo di carnevale in Germania. Carnevale anche a Dresda: „Il martedì grasso i bambini scavavano ogni tipo di mascherata dalle scatole del vecchio e colorato armadio del contadino e vagavano rumorosamente per le strade“. (1) Allo stesso tempo Victor Klempererer è condannato a distribuire lettere ai concittadini ebrei che devono trovarsi in un luogo inquietante (2). Questo non significa nulla di buono. Klempererer è stato professore di studi romantici all’Università di Dresda. Poiché ha sposato un „ariano“, non viene mandato nelle camere ardenti di Auschwitz. Ma non può fare il suo lavoro e, inoltre, ha dovuto indossare una stella gialla ebrea per diversi anni.

Nel frattempo, alla stazione ferroviaria di Dresda si svolgono scene orribili, come scrive Gisela Neuhaus nel suo diario: „È stato difficile per me trovare la strada tra la folla affollata davanti alla stazione. Nella stazione stessa, i rifugiati si sono sdraiati spalla a spalla sul pavimento. Avvolto in coperte o coperto con cappotti. I neonati e i bambini piccoli urlavano. Le madri erano disperate, molte piangevano, alcune dormivano con le ginocchia tirate sui fianchi. Un’immagine di miseria! Erano rifugiati dalla Slesia. Molte famiglie erano state separate. Alcune madri gridavano a gran voce i nomi dei loro figli nella speranza di trovarli qui tra la folla della stazione ferroviaria principale di Dresda. Avevano vissuto cose terribili“. (3) Tra poche ore la maggior parte di questi sfortunati sarà bruciata a morte.

È la fine dell’Impero nazista. L’Armata Rossa ha appena attraversato la Vistola ed è in avanscoperta verso Berlino. Breslau è circondata e i terroristi nazisti hanno cacciato la popolazione da Breslau e dichiarato la città una fortezza. Gli Alleati occidentali sono avanzati da tempo nella Renania. La Luftwaffe tedesca è già stata sconfitta dall’aprile 1944. La difesa aerea non funziona quasi più. In realtà, la Germania è aperta come la porta di un granaio e bastano poche altre grandi scaramucce per sferrare il colpo mortale al terrore nazista. Ciononostante, i pianificatori militari degli Stati Uniti e della Gran Bretagna si sono posti l’idea di fare qualche altro esempio sanguinoso. Amburgo, la regione della Ruhr e Berlino, naturalmente, erano all’orizzonte quando si è trattato di un „colossale massacro con centomila morti“ (4). Ma ora Dresda doveva essere colpita.

Dresda, una città „così remota e irrilevante per la guerra da essere stata ignorata per quattro anni e mezzo. (5) Ci sono stati attentati dinamitardi selettivi sulla stazione centrale di Dresda, niente di più. I bunker non erano stati costruiti nemmeno per la popolazione civile di Dresda. C’era un solo bunker per il leader regionale nazista Mutschmann. La famiglia Jäger, innervosita, si era trasferita da Amburgo a Dresda dopo i bombardamenti dell’operazione Gomorra, per aspettare la fine della guerra. Anche la famiglia Koch di Rostock, che era fuggita a Dresda dopo le notti dei bombardamenti al fosforo, si è trasferita a Rostock.

Si sentivano al sicuro a Dresda.

I nuovi cittadini di Dresda hanno fatto i loro calcoli senza il comandante della British Air Commander Sir Arthur Harris. Harris ha stabilito che lo scopo delle operazioni della British Air Force era „la distruzione delle città tedesche, l’uccisione di lavoratori tedeschi e lo sconvolgimento della vita civile in tutta la Germania“. (6) La popolazione tedesca potrebbe ancora essere „contenta“ che gli Alleati occidentali non abbiano portato avanti il loro piano di spopolamento completo delle città tedesche con gas velenoso (7).

E così, la sera del 13 febbraio 1945, un’enorme flotta aerea britannica con caccia e bombardieri partì per Dresda. Gli inglesi arrivano sempre di notte, perché i loro bombardieri sono tecnologicamente molto indietro rispetto alle flotte di bombardieri statunitensi e sono un obiettivo relativamente facile per una difesa aerea tedesca (che nel caso di Dresda è ormai quasi inesistente). Le fortezze volanti americane, invece, attaccano in pieno giorno da un’altezza sicura e colpiscono i loro obiettivi in modo ancora più preciso degli inglesi. I bombardieri britannici hanno bisogno di piloti che abbiano familiarità con la zona, che volino davanti a loro e localizzino l’obiettivo del bombardamento. Poi l’avanguardia contrassegna il bersaglio con un prodotto chimico dai colori vivaci (chiamato „albero di Natale“) e ordina alla flotta di bombardieri di raggiungere il bersaglio del bombardamento via radio a onde ultracorte. Nemmeno questa comunicazione VHF può ancora disturbare i tedeschi. Ora Dresda è bombardata su due „fan“ in tutta l’area.

Tra le 22.03 e le 22.28 viene sganciato il primo tappeto di bomba. Tutto è perfettamente sincronizzato: „La distruzione di massa è una questione di millimetri, non accadrebbe, i barili di bombe verrebbero caricati indiscriminatamente su un luogo… Il fuoco deve essere più veloce dei vigili del fuoco. Altrimenti non sarà un attacco di annientamento, ma un mucchio di aree bruciate“. (6). Dopo l’all-clear, i tossi di Dresda tornano dalle loro cantine dove avevano cercato rifugio. Ma ora arriva la spinta finale, ovvero un nuovo attacco dall’1.16: „Attacco uno insegue le persone in protezione, attacco due afferra chi ha lasciato la protezione. La protezione delle cantine si esaurisce dopo due ore“. (8) La famiglia Koch di Rostock si siede in cantina e vede come il fosforo bollente arriva fino a loro. Riescono a fuggire dalla cantina e dalla città. Tutto intorno a loro cadaveri secchi, rimpiccioliti, sfigurati e irriconoscibili. Gli esseri umani sono costituiti per il 90% da acqua, e l’acqua viene estratta dal corpo alla velocità di rottura. Le persone in fiamme cercano l’estinzione nell’Elba, ma l’acqua dell’Elba non può raffreddare i corpi. Un uomo è impazzito e porta con sé quattro bambole: è la sua famiglia mummificata.

Il fuoco al fosforo non risparmia nessuno: „Il personale infermieristico dell’ospedale di Johannstadt si è messo in spalla i pazienti con le loro sottili camicie a righe e li ha messi lì. Le donne che hanno partorito di recente sono arrivate di corsa dal policlinico. Questo è stato il primo gruppo che il „doppio colpo“ ha tirato fuori dai loro nascondigli e li ha esposti al sole… La stazione principale era fuori dal compartimento. Era pieno di rifugiati del Fronte orientale. Il primo attacco aveva lasciato la possibilità di sganciare un numero maggiore di treni passeggeri dall’area della città, che erano stati richiamati dopo che il n. 5 (il corrispondente bombardiere britannico H.P.) aveva terminato il suo lavoro. Dopo di che la stazione principale è diventata un bersaglio privilegiato anche per il secondo colpo“. (9)

Nel secondo colpo sono state utilizzate le famigerate bombe incendiarie a bastone, 650.000 delle quali solo a Dresda, cioè una bomba incendiaria a bastone per quasi ogni Dresda. Alcuni di questi erano dotati di fusibili a tempo in modo che non esplodessero fino all’inizio dei lavori di salvataggio. Inoltre, i vigili del fuoco e i paramedici sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco da aerei a bassa quota nell’area cittadina completamente indifesa. Durante le ore di luce del 14 e 15 febbraio, i bombardieri statunitensi hanno continuato i loro attacchi contro i cittadini di Dresda.

Al momento dell’attacco, 640.000 persone del posto vivevano a Dresda. Il numero di rifugiati in quel momento può essere stimato solo approssimativamente. Si assume un numero compreso tra 150.000 e 350.000 „ospiti“. A, come si deve ammettere, una notevole sfocatura nella stima. I numeri sono generalmente il punto in cui le menti si differenziano. C’è stato e c’è ancora un acceso dibattito sul numero di morti nell’apocalittico inferno di Dresda. Come se la quantità potesse trasformarsi in qualità (10).

Il conteggio dei cadaveri sembra decidere se si tratta di un crimine di guerra o di un atto di guerra legittimo. Negli anni Sessanta, attraverso la rivista di Amburgo Der Spiegel e DIE ZEIT, si stima che circa 200.000 morti nell’ex Firenze sull’Elba circolassero nel mondo attraverso la rivista di Amburgo Der Spiegel e DIE ZEIT. Nel corso dei decenni, tuttavia, questo numero a sei cifre ha subito un declino sociale ed è stato presentato solo da gruppi della destra politica. Per porre fine all’indegna asta per i morti di Dresda, il sindaco di Dresda Ingolf Roßberg ha fondato nel 2004 una commissione di storici, che doveva ora determinare le cifre esatte. I risultati sono stati disponibili nel 2008 (11), e lo studio ipotizza che il numero di vittime sarà di 18.000-25.000. Questo non è molto convincente. Per gli storici si suppone che tutte le vittime possano essere identificate dalla polizia e dai servizi di soccorso con precisione e in tempo di pace. Con la migliore volontà del mondo, è incomprensibile che, nel caos senza speranza che aveva già prevalso a Dresda prima della notte dei bombardamenti, chiunque avrebbe potuto avere il tempo e il tempo libero di eseguire un’autopsia con calma e di confrontarle con le carte d’identità eventualmente lasciate incerte. Le persone erano state bruciate con i loro documenti d’identità personali. Non erano più riconoscibili come individui. Infatti, a causa dell’alto numero di morti, fu eretta una vera e propria pira di massa, che fu poi incendiata. Chi è stato in grado di identificare le centinaia di migliaia di rifugiati?

L’altra domanda è: perché Dresda è stata rasa al suolo quando la fine della guerra era solo questione di pochi mesi? A questa domanda risponde attualmente un giovane storico del Tagesspiegel di Berlino: Dresda era estremamente rilevante in senso militare (12). Dresda era stata di grande importanza come centro militare. Era il sito di un’industria degli armamenti importante per lo sforzo bellico. Dresda era stata progettata come l’ultima fortezza nazista, e quindi lo sterminio di Dresda aveva accorciato enormemente la guerra. Il giovane si riferisce ovviamente a un saggio dello storico militare Rolf-Dieter Müller nella già citata antologia della Commissione storica (11).

Müller in realtà confuta l’affermazione dell’importanza militare di Dresda per la fase finale della seconda guerra mondiale piuttosto che sostanziare questa tesi. Il 1° gennaio 1945 i nazisti avevano dichiarato Dresda „zona fortificata“. Ciò significa che, come è successo a Breslau, i cittadini di Dresda sarebbero stati semplicemente cacciati dalla loro città e, in caso di invasione sovietica, avrebbero scatenato un’estenuante battaglia casa per casa, in altre parole una vendetta per Stalingrado. Chi avrebbe dovuto guidare questa guerra urbana dalla parte tedesca rimane però poco chiaro. Con una divisione delle SS, l’ultima seria forza nazista tedesca aveva appena lasciato la zona di Dresda per l’Austria. Dresda era invece sovraffollata di „soldati, convalescenti, viaggiatori d’affari, ecc., tanto che le strutture ricettive in caserma, scuole e palestre erano insufficienti. (14).

Altrimenti, la confusione di competenze che notoriamente predominava nell’impero nazista anche in tempo di pace. Per la zona della fortezza di Dresda „non disponeva nemmeno di veicoli propri ed è rimasta dipendente dal far sentire le sue richieste materiali nella giungla delle responsabilità“. (15) Cos’altro si sarebbe potuto sviluppare da Dresda in termini di ascesa della Germania nazista? I pezzi grossi nazisti e le SS si preparavano da tempo a partire per il Sud America, e già nell’agosto 1944 la leadership nazista aveva dato istruzioni all’economia tedesca di trasferire il più rapidamente possibile il suo denaro a paesi esteri sicuri attraverso la Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea. Dal punto di vista dei nazisti, la guerra era finita da tempo (16). Cos’altro potrebbero fare le unità Volkssturm di Dresda, che erano malate di piede e si stavano „riprendendo“, per cambiare la situazione? Come hanno potuto queste truppe dilettantistiche prolungare artificialmente la guerra? Non sarebbero nemmeno stati compagni di allenamento contro le ben collaudate unità dell’Armata Rossa ucraina.

Resta il fatto che l’attacco a Dresda è stato militarmente e strategicamente assolutamente inutile. Dare un calcio a qualcuno che è già a terra è indecente, per metterlo nella logica del cortile della scuola. Infine, resta ancora da rispondere alla domanda: la distruzione di Dresda per mezzo del fuoco era conforme al diritto internazionale, alla legge marziale o a qualsiasi sistema giuridico fosse in vigore? Utile qui il saggio di uno scienziato dell’elitaria Washington Georgetown University (17).

Eric Langenbacher esamina l’entità dei bombardamenti alleati per l’intero Reich tedesco. Un totale di 2,7 milioni di tonnellate di bombe riversate sulla Germania durante la seconda guerra mondiale. 3,6 milioni di case sono state distrutte, lasciando 7,5 milioni di persone senza tetto. Tra le vittime della bomba, donne, bambini e anziani erano chiaramente sovrarappresentati. Come già detto, i calci più duri sono stati dati quando la Germania era già a terra: il 72% di tutte le bombe sganciate sulla Germania dai bombardieri statunitensi è stato somministrato negli ultimi dieci mesi di guerra. E lo United States Bombing Survey del dopoguerra afferma che i bombardamenti erano diretti principalmente contro industrie non importanti per la guerra, cioè l’industria dei beni di consumo, che in quei tempi magri poteva significare solo: rifornire la popolazione di cibo e abbigliamento. In altre parole, non sono stati gli armaioli ad essere colpiti principalmente dal tappeto di bombe, ma quelle zone che erano essenziali per l’acuta sopravvivenza della popolazione civile non coinvolta. In altre parole: la popolazione „normale“ era massicciamente minacciata nella sua esistenza. Medici, vigili del fuoco e paramedici sono stati colpiti da aerei a bassa quota, ma anche i comuni cittadini sono diventati bersaglio di attacchi militarmente insensati. Un „buffo“ piccione di terracotta alleato che spara ai cittadini, per così dire, senza colpa. Vecchi, malati, donne, vaccini di Hitler.

La Convenzione di Ginevra del 1864 proibiva chiaramente gli attacchi alle strutture mediche nemiche. La Convenzione dell’Aia del 1907 stabilisce chiaramente all’articolo 23: „Sono vietati i bombardamenti aerei destinati a terrorizzare le popolazioni civili o a distruggere o danneggiare la proprietà privata che non ha carattere militare, o a ferire i non combattenti“. (18) L’articolo 25 condanna l’attacco a città, villaggi ed edifici indifesi. La Convenzione dell’Aia non è mai stata pienamente ratificata, ma ha già fissato degli standard. I procuratori del Tribunale per i crimini di guerra di Norimberga erano ben consapevoli del fatto che il loro stesso bombardamento terroristico sulla Germania non era legale. I famigerati bombardamenti nazisti contro Guernica, Londra, Coventry, Varsavia o Minsk non sono stati inclusi come accuse. Perché sarebbe stato un boomerang contro le potenze occidentali. Così, il procuratore capo degli Stati Uniti, Robert H. Jackson, ha dichiarato apertamente: „Questo problema sarebbe equivalso a una richiesta di controindicazioni, che non sarebbero state utili al processo“. (19)

Ma questo non dovrebbe impedirci di citare a questo punto un’accusa decisiva del Tribunale per i crimini di guerra di Norimberga contro il terrore nazista. Il principio 6(b) formulato lì recita: „Violazione delle leggi e dei costumi di guerra. Tali violazioni includono … omicidio, maltrattamenti o deportazione per lavoro in condizioni di schiavitù … la distruzione selvaggia di città, mercati o villaggi o qualsiasi devastazione non giustificata da necessità militari. (20)

Se si parte dal presupposto che una norma legale è universalmente valida, allora un tale atto d’accusa è naturalmente applicabile anche alle atrocità commesse dalle associazioni di bombardieri statunitensi e britanniche. Oppure gli USA rivendicano liberamente un eccezionalismo giuridico secondo lo slogan degli antichi romani: Quod licet Iovi, non decet bovi, cioè: ciò che è permesso a Giove è ben lungi dall’essere appropriato per il bue? Probabilmente aspetteremo invano una risposta a questa domanda. Eric Langenbacher dell’Università di Georgetown giunge a una conclusione inequivocabile: „I bombardamenti sulle città tedesche durante la seconda guerra mondiale sono stati chiaramente una violazione del diritto internazionale, dell’etica militare e delle convenzioni di guerra. (21)

Ora, a nostro avviso, „etica militare“ è una contraddizione in termini. E anche la convenzione di guerra è un codice a cui nessuno aderisce. La carta è paziente. I giorni della galante guerra di governo feudale sono ormai lontani. Viviamo in un’epoca di guerra totale. La distruzione industriale di beni e persone. Quello che è stato fatto a Dresda, ora è stato fatto a Baghdad, Kabul o nello Yemen. La logica della Guerra Totale corre come un filo rosso nella storia recente. E attraverso la nostra passività permettiamo che accada di nuovo ogni giorno. Tutto ciò che è tollerato senza resistenza è possibile e fattibile. Quando l’alleanza „difesa“ occidentale la NATO sta ora conducendo la prova generale per la prossima Guerra Totale con il Difensore 2020 sul suolo tedesco, dovremmo far capire ai civili che non permetteremo un altro massacro di civili. Sminuire crimini commessi, come il bombardamento di Dresda a posteriori, attraverso una conta dei morti di cattivo gusto o una grave falsificazione della storia, non dovrebbe che rendere appetibili le guerre imminenti. La prossima guerra inizia con la lotta per l’interpretazione delle guerre passate.

Addendum: La famiglia Koch sopravvive all’incendio di Dresda e si dirige verso Jena. Qui il decenne Helmut Koch è costretto dai soldati americani a disinnescare le munizioni delle scorte della Wehrmacht. Quando Helmut cerca di fuggire, viene prima catturato e i soldati gli fanno saltare i denti. Scappa di nuovo e viene colpito da aerei a bassa quota statunitensi mentre cerca rifugio sotto una roccia. Può fuggire quando l’attenzione degli aerei a bassa quota è concentrata su un treno passeggeri in avvicinamento. Appena Helmut è scappato dal cornicione, cade giù. Un thriller d’azione hollywoodiano scritto dalla vita reale. E così è successo a molte persone in quei giorni.

La famiglia Jäger torna ad Amburgo. Heino Jäger diventa un cabarettista molto popolare nella Germania settentrionale all’inizio degli anni Settanta (22). I suoi macabri e assurdi schizzi („Lebensberatungspraxis Dr. Jäger“), sono diventati noti a un vasto pubblico attraverso il Norddeutscher Rundfunk. Gli hanno fatto guadagnare l’ammirazione di colleghi cabarettisti come Hanns Dieter Hüsch. Ma il suo consumo estremo di alcol porta allo sviluppo della demenza. Heino Jäger si sveglia alla sua morte troppo presto in una casa di riposo per anziani a Bad Segeberg. All’epoca non esisteva un trattamento psicologico per i disturbi da stress post-traumatico per questi malati di mente che erano stati feriti dalle notti dei bombardamenti a Dresda.

E anche queste vittime delle notti dei bombardamenti non sono state registrate in nessuna statistica.

Fonti e note:

  1. Zitiert aus Walter Kempowski: Der rote Hahn. Dresden im Februar 1945. München 2001. S. 18
  2. a.a.O., S.24
  3. a.a.O., S.28
  4. Jörg Friedrich: Der Brand. Deutschland im Bombenkrieg 1940-1945. München 2002. S.359
  5. ebenfalls S.359
  6. a.a.O., S.361
  7. https://www.spiegel.de/spiegel/print/d-13531696.html
  8. a.a.O., S.362
  9. a.a.O., S.363
  10. https://www.welt.de/geschichte/zweiter-weltkrieg/article205780481/Dresden-1945-So-instrumentalisiert-der-AfD-Vorsitzende-die-Bomben-Opfer.html
  11. Rolf-Dieter Müller/ Nicole Schönherr/ Thomas Widera (Hg.): Die Zerstörung Dresdens 13. Bis 15. Februar 1945. Gutachten und Ergebnisse der Dresdner Historikerkommission zur Ermittlung der Opferzahlen. Göttingen 2010
  12. a.a.O., S.75ff; Rolf-Dieter Müller: Die militärische Bedeutung Dresdens im Frühjahr 1945 und die Auswirkungen der alliierten Luftangriffe.
  13. https://www.tagesspiegel.de/politik/75-jahre-dresdner-bombennacht-die-afd-versucht-den-opfer-mythos-wiederzubeleben/25539616.html
  14. a.a.O., S.79
  15. ebd.
  16. Hermann Ploppa: Der Griff nach Eurasien – Die Hintergründe des ewigen Krieges gegen Russland. Marburg 2019
  17. Eric Langenbacher: Die Alliierten im Zweiten Weltkrieg: das angloamerikanische Bombardement deutscher Städte. In: Adam Jones (Hg.): Völkermord, Kriegsverbrechen und der Westen. Berlin 2005. S.134ff
  18. a.a.O, S.146
  19. a.a.O., S.151
  20. a.a.O., S.153
  21. a.a.O., S.154
  22. https://www.youtube.com/watch?v=h1aCh-l4E18

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento immagine: wikicommens: Foto_biblioteca_df_ps_0000010_Vista_della_città_torre

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort