Che cosa sono il diritto e la giustizia?

Un punto di vista da Sean Henschel.

Che cosa significa il termine giustizia? Come potresti rispondere a questa domanda? Naturalmente, dopo uno sforzo intellettuale, sarebbe possibile per noi fornire quella che ci piace definire una risposta „accettabile“. Con un po‘ di stato di diritto e costituzionale, stato sociale e democrazia, diritto e legislazione, legalità e costituzionalità, uguaglianza e parità di diritti, riserva legale e considerazione dei singoli casi, proporzionalità e garanzia di protezione giuridica…..con un po‘ di inventiva, improvvisazione e bluffing, si può fare una definizione convincente, ben suonante e impressionante di ciò che è giustizia con una combinazione di concetti, così come una consultazione di report di esperienze selezionate per illustrare ciò che è stato detto.

Alcuni possono inchinarsi all’autorità legittima (Pierre Bourdieu (1)) del giurista studiato, mentre altri, magari definendolo un „Winkeladvokaten“, possono allora essere in grado di ucciderti! Oh orrore…..

Bisogna ammettere che sembra un po‘ esagerato. La complessità delle questioni che l’uomo moderno deve affrontare quotidianamente è considerevole. Tanto più notevole è l’incapacità di rispondere a domande molto semplici o almeno di ridurle all’essenziale.

Cominciamo con un semplice chiarimento. Una distinzione fondamentale è fatta tra diritto, giustizia e diritto. Inoltre, ci sono molti altri concetti come leggi formali e materiali, diritti reali, assoluti, diritti relativi, diritti civili e diritti sociali, solo per citarne alcuni. Per tutta la diversità di queste caratteristiche, non è necessario spiegarle tutte per il momento.

Atteniamoci all’essenziale.

Alla ricerca di un’introduzione adeguata, ho ricordato la formula giuridica di Gustav Radbruch, uno dei più influenti filosofi del diritto del XX secolo, che parla di diritto e giustizia. Ci sono diverse varianti della sua formula, ma io ritengo che una sia la più semplice e allo stesso tempo la più comprensibile. Secondo Gustav Radbruch, il diritto è „la realtà che ha il significato di servire la giustizia“. Per giustizia si intende un concetto in cui si tratta della correttezza della distribuzione e dell’equilibrio e il principio di uguaglianza gioca un ruolo importante. Gli stessi fatti devono essere trattati allo stesso modo e fatti diversi. Inoltre, si tratta di certezza del diritto, nonché di potere sotto forma di decisione e coercizione. Anche se la teoria del diritto di Gustav Radbruch è molto più complicata e combina molti elementi in un sistema giuridico unificato, questa frase colpisce il chiodo sulla testa. C’è una realtà giuridica, un’opportunità e un’idea di distribuzione ed equilibrio.

Sono concetti che si possono pensare a lungo e che possono essere interpretati in modi diversi. L’utilità può anche essere molto diversa. Sono scopi individualistici? Finalità sociali? Finalità sovrumane?

Le discussioni accademiche hanno la loro giustificazione. Tuttavia, sembra che due diversi campi si stiano formando sempre più frequentemente. Da un lato, un gruppo di persone con un atteggiamento anti-intellettuale, unito ad un atteggiamento apatico, verso il pensiero in sé e soprattutto verso idee e sistemi astratti. Tempo sprecato! Questi pensieri e queste idee non possono essere trasformati in denaro così ovviamente. Tutto ciò che non serve direttamente allo sviluppo economico viene attentamente vagliato. D’altra parte c’è un gruppo di esperti che scrivono nelle loro stanze sul retro molti testi complicati, che sono destinati solo ad un piccolo cerchio e vengono letti solo da un piccolo cerchio. Alcuni corrono dietro ai soldi e altri dopo titoli ambiti. In sostanza, i due gruppi non sono troppo diversi. Capitale culturale può essere commercializzato così come la nuova auto di tendenza o il nuovo orologio. Oggi sono i veicoli con i quattro cerchi e gli orologi che brillano. Sicuramente ci saranno poche persone che fanno qualcosa di completamente altruista. Ogni azione ha uno scopo da qualche parte. Anche L’art pour l’art non è senza scopo, come la gente ama postulare.

Non posso dire con certezza perché sia così. Una ragione potrebbe essere la dottrina neoliberale che sta penetrando sempre più profondamente nella società di oggi, una dottrina che è sorprendentemente riuscita a unire il darwinismo sociale e il capitalismo finanziario dopo la crisi finanziaria in modo tale che rimane solo un individuo sradicato, ansioso di dimettersi e allacciare le cinture.

E‘ interessante notare che a entrambi i gruppi manca molto.

Distribuzione e bilanciamento. In senso giuridico, ciò significa la distribuzione superficiale di beni materiali e immateriali con un certo valore economico misurabile. Una distribuzione di beni pubblici e privati. Tutti possono sedersi su una panchina nel parco e chi danneggia l’auto di qualcun altro deve pagare un risarcimento. La banca parco fa parte del servizio pubblico statale, richieste di risarcimento danni una questione di sofisticati paragrafi del BGB di diritto civile in combinazione con la giurisprudenza attuale. Valore del veicolo prima e dopo il danno, diminuzione di valore mercantile e alla fine di nuovo una possibile negligenza contributiva…..

Ma che dire della giustizia non „legale“? Perché non ci pensiamo più spesso? È giusto, ad esempio, che i genitori della famiglia P. permettano alla figlia A. di possedere un telefono cellulare e il figlio B. no? Sarebbe giusto che la figlia riceva più affetto dai genitori che dal figlio? Che dire della naturale differenza nei cicli di risposta sessuale tra uomini e donne? Il diverso trattamento delle persone a causa delle preferenze personali è giusto? La legge scritta presuppone una correttezza predefinita di distribuzione ed equilibrio. Chiunque danneggi deliberatamente la proprietà di un’altra persona deve pagare un indennizzo. Chi commette un omicidio colposo deve contare su almeno cinque anni di reclusione.

Nella vita quotidiana al di fuori di un apparato coercitivo statale, ognuno definisce l’aspetto della distribuzione e della compensazione. Tuttavia, questo habitus morale è messo in discussione tanto raramente quanto le leggi che si accettano incontestabili per paura o conformità.

Non si tratta di un appello per una vita fuori dalla foresta alla Henry David Thoreau, ma forse per mettere in discussione leggi molto semplici come il requisito delle impronte digitali per le carte d’identità o le semplici „regole“ della vita quotidiana.

Come sono compatibili con il concetto di giustizia? Il rilevamento delle impronte digitali riguarda, da un lato, l’autodeterminazione informativa dell’individuo e, dall’altro, il chiarimento di possibili reati da parte dello Stato. Libertà contro sicurezza.

Vi sono varie implicazioni per il concetto di giustizia e giustizia. E‘ una cosa buona. Ma fondamentalmente si tratta sempre di distribuzione ed equilibrio. Tutto quello che facciamo ha a che fare con esso.

Cari lettori, vorrei condividere con voi una domanda interessante. Una questione che rimane controversa e che ha spesso suscitato accesi dibattiti.

E‘ giustificato uccidere un’altra persona o una massa di persone per un cosiddetto „obiettivo superiore“?

E ‚proprio questa questione che è stata discussa nella revisione della Corte costituzionale federale della costituzionalità del § 14 (3) Aviation Security Act (2) e ha fatto impazzire Rodion Raskolnikov. La legge sulla sicurezza aerea dovrebbe creare il quadro giuridico per abbattere un aereo dirottato dai terroristi in caso di emergenza, evitando così ulteriori vittime a causa di una possibile caduta a terra. 100 vite contano più di 10? E‘ permesso pesare una vita umana contro l’altra? Sarebbe giusto?

Fonti:

https://de.wikipedia.org/wiki/Die_feinen_Unterschiede
https://www.bundesverfassungsgericht.de/SharedDocs/Entscheidungen/DE/2006/02/rs20060215_1bvr035705.html
+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte immagine: Alexander Kirch / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort