Click work: una ricaduta in condizioni a lungo ritenute superate.

Un commento di Norbert Häring.

Milioni di persone fanno i lavori più piccoli in tutto il mondo via Internet per un centesimo. Questo mercato del lavoro, ancora piccolo, è in forte crescita anche nei paesi industrializzati. Questo aiuta le aziende a risparmiare sui costi. Per i lavoratori di Clickworkers, dovrebbe essere una buona occasione per guadagnare qualcosa con il tempo altrimenti inutilizzato. Ma non è così che funziona.

Negli ultimi anni, grazie alle piattaforme e alle applicazioni Internet, è emerso un nuovo mercato del lavoro: Lavoratori e clienti si ritrovano lì per i lavori più piccoli. A volte è solo una questione di minuti di lavoro, alcuni lavori possono anche essere fatti in pochi secondi. Il denaro viene poi pagato in centesimi.

Da giugno questi posti di lavoro non dovrebbero più essere consentiti. La „legge contro il lavoro illegale e l’abuso di prestazioni sociali“ vieta di offrire lavoratori a giornata in luoghi pubblici o di fare uso di tali offerte. L’obiettivo è quello di evitare che la protezione del lavoro e la legislazione fiscale siano compromesse. Ma questa legge non si applica a Clickwork. Lo spazio pubblico Internet non è inteso come Internet, ma solo la cosiddetta „prostituzione dei lavoratori“ per strada.

Due economisti dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) hanno ora esaminato l’aspetto di questo mercato del lavoro dal punto di vista degli appaltatori. In particolare, Uma Rani e Marianne Furrer hanno analizzato le possibilità per i lavoratori a scatto di aumentare i loro guadagni attraverso l’esperienza e un buon lavoro. Finora non ci sono state quasi nessuna prova scientifica su questo argomento.

La domanda è particolarmente interessante perché piattaforme come la Amazon Mechanical Turk, lanciata nel 2005, o la grande piattaforma tedesca Clickworker stanno vivendo una rapida crescita. È quindi concepibile che in futuro tali condizioni di lavoro frammentate costituiscano una parte considerevole del mercato del lavoro.

Se si potesse guadagnare molto attraverso l’apprendimento sul lavoro, l’esperienza e la costruzione della reputazione, ci sarebbe motivo di aspettarsi che le condizioni di lavoro e la retribuzione nel lavoro d’insieme, come viene anche chiamata questa forma di lavoro, migliorerebbero nel tempo. Altrimenti, la diffusione del lavoro di massa sarebbe una prospettiva molto negativa per la forza lavoro. Perché la paga è finora notoriamente negativa a causa della concorrenza mondiale e i compiti pubblicizzati sono spesso fastidiosamente semplici e monotoni.

Lavoro monotono, pagato molto al di sotto del salario minimo

Questo ha un sistema ed è ciò che rende il click work così attraente per i clienti. Dai pacchetti di compiti più complessi, che fino ad ora sono stati eseguiti dai propri dipendenti pagati con il salario minimo e soggetti ai contributi previdenziali, i compiti più semplici e facili da descrivere sono separati e pubblicizzati con un piccolo compenso.

Questo può portare grandi risparmi, come riferiscono gli autori sulla base di esempi. Ad esempio, i moduli assicurativi potrebbero essere digitalizzati per un sesto dei costi precedenti, oppure un piccolo programma specializzato potrebbe essere acquistato per cinque dollari da un lavoratore a scatto invece che per 2000 dollari da un fornitore di medie dimensioni. Le piattaforme consentono alle aziende di tutto il mondo di trovare persone che hanno urgente bisogno di denaro sufficiente per svolgere il loro lavoro a quasi tutti i salari.

La conseguenza sull’altro lato è che il lavoro monotono come ai matrimoni di Taylor è sempre più dilagante. Il principio del taylorismo era quello di suddividere il lavoro precedentemente svolto da artigiani qualificati in singole fasi, che potevano essere eseguite in modo rapido ed efficiente in catena di montaggio da personale semispecializzato.

E‘ possibile che la monotonia del lavoro e della scarsa retribuzione sia solo un fenomeno iniziale. Forse, come nelle fabbriche dell’epoca, i compiti dei lavoratori torneranno ad essere più complessi quando il sistema sarà stato stabilito e perfezionato, e quando gli appaltatori avranno dimostrato la loro affidabilità e la loro qualificazione.

Tuttavia, gli autori hanno trovato poche prove di ciò nella loro indagine su 2350 lavoratori clandestini. Hanno pubblicizzato il sondaggio come clickwork a pagamento su cinque principali piattaforme internazionali, tra cui Clickworkers. I risultati di altri studi hanno confermato che la retribuzione oraria ottenibile è di gran lunga inferiore al salario minimo in tutti i paesi industrializzati.

Tenendo conto dei lavori secondari non retribuiti ma necessari come la ricerca e l’elaborazione degli ordini, solo un terzo dei clickworkers americani ha guadagnato almeno il salario minimo nazionale di 7,25 dollari. Dei tedeschi, solo il 10% ha guadagnato il salario minimo di 8,84 euro. La media nei paesi industrializzati era di poco meno di quattro dollari all’ora, la mediana anche solo tre dollari. La mediana è il salario orario che si trova esattamente al centro della distribuzione. Metà guadagna meno, l’altra metà di più.

La maggior parte dei lavoratori click sono sovraqualificati

La maggior parte dei lavoratori clandestini sono altamente qualificati. La metà di quelli che rimangono più a lungo hanno una laurea. Il profilo dei requisiti dei compiti è tipicamente molto al di sotto del livello di qualifica dei lavoratori a scatto. Questo migliora solo leggermente con l’aumentare dell’esperienza, secondo i clickworkers.

Ciò si riflette anche nelle prospettive di guadagno. Nel primo anno in cui i nuovi arrivati devono ancora acquisire reputazione ed esperienza sulle piattaforme, i guadagni aumentano notevolmente, da meno di quattro dollari a quasi cinque dollari in media in tutte le piattaforme e regioni. Ma dopo soli due anni, i lavoratori con un click-through non guadagnano più in media.

Le opportunità di formazione retribuita sono praticamente inesistenti e anche l’apprendimento sul posto di lavoro è praticamente inesistente. Al contrario, i lavoratori click sperimentano che il loro lavoro ha una cattiva reputazione sia nell’ambiente sociale che presso i datori di lavoro tradizionali. Si preoccupano quindi se hanno ancora la possibilità di ottenere un lavoro normale dopo un periodo di clicker.

Per molti, cliccare non è solo un’attività secondaria insignificante per il tempo che precede l’arrivo dell’autobus o il viaggio in treno. Nei paesi in via di sviluppo è la principale fonte di reddito per il 41 per cento dei partecipanti al sondaggio, mentre nei paesi industrializzati è del 27 per cento.

Il cliente decide se pagare o meno

Le piattaforme di clickwork sono anche una ricaduta in stati a lungo superati per quanto riguarda i diritti fondamentali dei lavoratori. La parte di lavoro non retribuito è alta, è stato un ulteriore risultato della messa in discussione. Il mecenate decide liberamente. Se non è soddisfatto, non paga. Una ragione non è necessaria. Spesso riesce persino a mantenere il risultato del suo lavoro.

Lo studio sostiene la richiesta dell’OIL di introdurre norme minime internazionali per il lavoro digitale. Se è necessaria una legge contro il lavoro diurno, è difficile giustificare la deroga a tali norme.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 27.11.2019 sul sito: http://norberthaering.de

+++

Riferimento immagine: JKStock / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort