Come il governo degli Stati Uniti intende cancellare la resistenza alla Bilancia

Un punto di vista di Norbert Häring.

Chiunque creda che la prevista moneta digitale globale di Facebook, la Bilancia, sia nata morta a causa della resistenza delle autorità di regolamentazione, potrebbe essere seduto su una manovra ingannevole. Perché negli annunci internazionali, le parole spesso significano il contrario di ciò che sembrano voler dire.

Poiché Mastercard, Visa e Paypal, tre partner particolarmente importanti, non hanno partecipato all’Associazione Bilancia, e poiché alcuni legislatori e ministri, così come gruppi internazionali, hanno criticato il progetto, potrebbe sembrare che la valuta privata globale non sarebbe diventata nulla. Ma se si legge esattamente ciò che gli Stati Uniti hanno guidato il gruppo del G7 delle sette nazioni industriali più importanti recentemente annunciato (1), e traduce il discorso del diplomatico in una lingua normale, si può essere in dubbio. Sembra molto severo. Tuttavia, se visto alla luce del giorno, la dichiarazione del G7 dice:

  • Si dovrebbe dare il via libera alla Bilancia se gli operatori possono garantire il rispetto delle norme sull’identificazione dei mittenti e dei destinatari delle transazioni finanziarie. Questo è un requisito che si adatta bene ai piani di Facebook.
  • Che il G7 ha svuotato di potere il più grande gruppo del G20, che dovrebbe essere responsabile della regolamentazione finanziaria, in termini di Bilancia.
    Che gli organismi internazionali di regolamentazione dominati dagli Stati Uniti, come il Financial Stability Board (FSB), dovrebbero prendere la decisione preliminare sulle condizioni che l’Associazione Bilancia deve soddisfare per poter iniziare.
  • I membri del G7 sono gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone, la Germania, la Francia, la Gran Bretagna e l’Italia. Dopo la grande crisi finanziaria, il G7 è passato in secondo piano. A tal fine, il G20 è stato istituito su iniziativa degli Stati Uniti per orientare la regolamentazione finanziaria internazionale. È stato regolarmente il G20 a dare gli ordini di lavoro (informali) ai gruppi internazionali di normazione.

Oltre al G7, il G20 comprende i più importanti paesi emergenti, tra cui Cina, India e Russia. Ovviamente, gli Stati Uniti non sono stati in grado di prendere una decisione in questo contesto che assegna agli standard setter il compito di creare un contesto normativo adeguato per la Bilancia. Per questo motivo il G7 si è assunto questo compito con un gruppo di lavoro sulle „monete stabili“.

Il Bilancia è quindi una „moneta stabile„, una moneta criptata il cui valore deve essere mantenuto stabile rispetto ad un metro importante – in questo caso un paniere delle principali valute. Quando il G7 scrive „Stablecoin“, significa Bilancia.

Ecco le dichiarazioni più importanti della relazione del gruppo di lavoro del G7 nella mia traduzione e interpretazione non ufficiale:

„Le monete stabili potrebbero contribuire allo sviluppo di modalità di pagamento globali più veloci, meno costose e più inclusive di quelle attuali“.

Si tratta di un inizio molto costruttivo. Poiché Facebook e l’Associazione Libra sono organizzazioni private che vogliono invadere una giurisdizione governativa tradizionale, questo non è né ovvio né necessario per ragioni diplomatiche. Va avanti dritto:

„Il G7 ritiene che nessun progetto globale Stablecoin dovrebbe iniziare finché non saranno affrontati i problemi e i rischi legali di regolamentazione e di vigilanza, attraverso una progettazione appropriata e l’osservanza di regole chiare e proporzionali ai rischi.“

La frase „non dovrebbe iniziare prima“ può anche essere tradotta come „può iniziare non appena ….“. L’espressione „regole chiare e proporzionate ai rischi“ nasconde un mandato per i regolatori di non ostacolare la Libra con regole troppo severe, e di rendere le regole così chiare che l’Associazione Libra può contare sull’approvazione quando attua ciò che è necessario. Allo stesso tempo, si prepara a far sì che i governi critici siano successivamente sottoposti a pressioni affinché applichino in questo modo, e non in modo più rigoroso, le regole concordate negli organismi di normazione.

Ciò sarà quindi ancora più esplicito e formulato con il tono di comando:

„Le autorità pubbliche devono coordinarsi tra autorità, settori e autorità locali per sostenere l’innovazione responsabile nei pagamenti, garantendo al tempo stesso una risposta globalmente coerente alla minimizzazione dei rischi. Le autorità dovrebbero mirare a garantire che la loro regolamentazione rispetti questi principi e norme e applichi tali norme alle monete stabili. Essi dovrebbero perseguire un approccio normativo neutrale dal punto di vista tecnologico e basato sulle funzioni. Essi dovrebbero esaminare l’impatto delle monete stabili a livello mondiale, avendo cura di evitare un arbitraggio normativo dannoso e di garantire condizioni di parità di condizioni che favoriscano la concorrenza“.

Sono tutti principi che equivalgono ad assicurare che nessun governo si discosti dalle regole di „promozione dell’innovazione“ concordate a livello globale, non da ultimo e soprattutto non per proteggere il proprio traffico dei pagamenti dal dominio delle grandi società americane. Ciò sarebbe considerato come una parità di condizioni di concorrenza e sarebbe in contraddizione con i principi di neutralità tecnologica e funzionalità. E‘ solo questione di quali funzioni sono soddisfatte, non di chi lo fa con quale tecnologia. I governi non dovrebbero quindi più ritenere – come ha fatto, ad esempio, il ministro delle finanze francese – che le imprese private non dovrebbero essere autorizzate ad emettere moneta perché è compito degli Stati. Non sarebbe „basato sulle funzioni“.

In seguito si deciderà quale gruppo informale dovrebbe fungere da riferimento principale per le monete stabili: si tratta del Financial Stability Board (FSB). E ottiene un mandato molto costruttivo (per Facebook):

„L’FSB e gli (altri) organismi di normazione stanno intensificando i loro sforzi per valutare come i principi e gli standard esistenti dovrebbero essere applicati alle monete stabili e/o per sviluppare nuove raccomandazioni politiche per accordi sulle monete stabili in modo coerente a livello globale.“

I 25 paesi ammessi a partecipare all’FSB, ciascuno con un rappresentante della banca centrale e un rappresentante del ministero delle finanze, si sovrappongono fortemente al G20. Tuttavia, il presidente dell’FSB ha un ruolo di primo piano da svolgere nell’attuazione del mandato favorevole alla Bilancia del G7. Di norma, il Consiglio si riunisce solo due volte all’anno. Nel frattempo, il segretariato o i gruppi di lavoro sotto l’egida del presidente portano avanti i lavori. Il Presidente è il Randal Quarles della Federal Reserve.

Nel comunicato con cui la Presidenza del G7 accoglie con favore la relazione del gruppo di lavoro del G7, si chiarisce in linguaggio diplomatico, ma ancora chiaramente, che il G7 si occuperà della creazione della certezza del diritto per la Libra stessa e che i paesi del G20 si riuniranno nelle file e dovranno attuare quanto deciso al tavolo del G7:

„Accogliamo con favore la cooperazione del G20“.

Dopo il riferimento ai lavori degli organismi di normazione FSB e del Gruppo d’azione finanziaria internazionale sul riciclaggio di denaro sporco e il finanziamento del terrorismo (GAFI), si afferma chiaramente che il G7 sta nuovamente prendendo l’iniziativa:

„Sottolineiamo l’importanza di un coordinamento globale attraverso le frontiere, anche con i paesi emergenti e in via di sviluppo. Il G7 assumerà un ruolo guida nell’attuazione rapida ed efficace delle norme GAFI sulle nuove tecnologie, comprese quelle sulle monete stabili“.

In altre parole: Una volta che l’FSB e il GAFI (sotto la guida degli Stati Uniti) hanno formulato le regole, i paesi del G7 dovrebbero iniziare con la Bilancia. I paesi che non sono più autorizzati a sedere al tavolo dei potenti dovrebbero seguire questo esempio.

Sembra chiaro che il mandato favorevole alla Bilancia del G7 risale al governo degli Stati Uniti. La rivista Politico ha appreso dai circoli del G7 (2) che vari governi europei avevano spinto per un atteggiamento molto restrittivo, compreso il divieto della Bilancia. Tuttavia, ciò è fallito a causa della resistenza del Segretario del Tesoro americano Steven Mnuchin. Secondo Politico, la Commissione Europea, che tradizionalmente reagisce in modo così stabile alle pressioni americane come un castello di carte reagisce al vento, si oppone anche ai tentativi di vietarlo per non apparire ostile alla tecnologia e poco collaborativo.

I G20 si sono accettati bene (3) e hanno ripetuto le formulazioni del G7 nel proprio comunicato. Hanno inoltre annunciato che non affronteranno la questione da soli prima che l’FSB e il GAFI abbiano formulato le loro raccomandazioni a metà del prossimo anno.

Tradizionalmente, le raccomandazioni di questi gruppi sono semplicemente annuite dal G20 e poi attuate dalle autorità di regolamentazione dei paesi membri, per lo più senza un serio coinvolgimento dei parlamenti nazionali. In questo caso potrebbe non andare così bene a causa degli scontri di interessi. Ma spingere in questa direzione è riconoscibile la strategia del governo americano.

Non dipende solo dalla buona volontà, perché ha anche un’influenza decisiva sul Fondo monetario internazionale e sulla Banca mondiale. E queste due organizzazioni utilizzano tutti i mezzi di pressione di cui dispongono per costringere le economie emergenti e i paesi in via di sviluppo ad applicare fedelmente gli standard finanziari „non vincolanti“ che gli organismi „informali“, nell’ombra internazionale degli standard-setters, stanno informando. Se non lo faranno, riceveranno rating inadeguati per il loro sistema finanziario, ad esempio, il che dissuaderà i potenziali investitori e finanziatori.

Gli inglesi si uniscono a

Il governatore della Banca d’Inghilterra, Mark Carney, ex banchiere della Goldman Sachs, ha dichiarato già a giugno (4), poco dopo l’annuncio dei piani di Facebook, che la Banca d’Inghilterra stava considerando di dare alle aziende tecnologiche (Libra) l’accesso alla liquidità della banca centrale, che in precedenza era riservata alle banche. Se l’Associazione Bilancia dovesse essere trattata come una banca dalle banche centrali, potrebbe dissipare l’avvertimento che l’introduzione della Bilancia potrebbe privare le banche centrali del loro potere. Almeno le principali banche centrali del G7, da cui l’Associazione della Bilancia otterrebbe liquidità, avrebbero l’opportunità di ottenere informazioni e influenza.

Tuttavia, il principale punto d’arresto è il pericolo di riciclaggio di denaro di cui la Bilancia è accusata, perché chiunque può aprire un conto Facebook o Whatsapp con un nome falso e usarlo per fare soldi. Il GAFI, con le sue norme antiriciclaggio, ne è il principale responsabile.

Tuttavia, l’Associazione Bilancia ha già annunciato nel suo Libro bianco che intende sviluppare e promuovere uno „standard di identità aperta“. Le due frasi del Libro bianco:

„Un ulteriore obiettivo è lo sviluppo e la promozione di uno standard di identità aperta. Crediamo che un’identità digitale decentrata e portatile sia un prerequisito per l’inclusione finanziaria e la concorrenza„.

Molti commentatori sono rimasti scioccati nell’apprendere che Facebook, l’orco dei dati con i suoi numerosi scandali di abuso di dati, di tutti i luoghi, voleva sviluppare e applicare qualcosa come una carta d’identità digitale globale. Ma c’è il grande pericolo che ciò accada, come dimostra l’esempio deterrente della Cina. Lì, il governo, ossessionato dalla sorveglianza totale, ha reso obbligatorio per le piattaforme Internet e le società di telecomunicazioni di consentire solo agli utenti registrati e identificati di utilizzare i loro servizi. Questo vale anche per le molto diffuse funzioni di pagamento mobile WeChat e Alipay.

Sarà difficile illudersi che il governo degli Stati Uniti e il GAFI non troverebbero una cosa così grande. L’attuale presidente del GAFI è un cinese. Ma più importante per il lavoro di contenuto è il segretario esecutivo, il britannico David Lewis. La Cina e la Gran Bretagna sono i due paesi con la più alta densità di telecamere di sorveglianza per abitante nel mondo.

Facebook può quindi sperare di avere lo standard di identità globale per Internet, che vuole comunque stabilire, dettato dal FATF come condizione per il lancio della Bilancia. Dal 18 ottobre e fino alla fine di novembre, l’Associazione Bilancia ha il tempo di presentare le sue idee al GAFI. Fino ad allora avrà luogo una consultazione pubblica su un progetto di direttiva del GAFI sull’identità digitale. I piani della Libra Association per uno standard di identità globale potrebbero quindi già essere integrati nella prossima direttiva del GAFI.

Se funziona, i francesi e gli altri governi potrebbero stare sulle loro zampe posteriori. Non avrebbe piu‘ avuto un ruolo.

Rafforzare il potere sanzionatorio degli Stati Uniti

Abbiamo già spiegato più dettagliatamente altrove perché il governo degli Stati Uniti sta compiendo uno sforzo tale da aprire la strada alla realizzazione della Bilancia contro ogni previsione. Una citazione di David Marcus, ufficiale della Bilancia di Facebook, alla conferenza Money 20/20 di fine ottobre (5) sarà brevemente sufficiente.

(AML sta per misure contro il riciclaggio di denaro sporco):

Citazione: „L’antiriciclaggio è qualcosa di cui dobbiamo occuparci e voglio dire che l’efficacia dell’applicazione delle sanzioni può essere molto migliore in Libra che in altri sistemi di pagamento. La tracciabilità da digitale a digitale è migliore di quando si tratta di denaro contante ed è più sicura perché funziona su sistemi in tempo reale. …. La contabilità aperta – la catena di blocco – permette alle autorità di regolamentazione di verificare autonomamente ciò che sta accadendo e di identificare dove si trova il rischio, senza dover fare affidamento sui rapporti“. Fine quotazione

In altre parole, il governo degli Stati Uniti e i suoi servizi segreti dovrebbero avere accesso diretto in diretta al sistema di pagamento della Bilancia e ai suoi dati ed essere in grado di ampliare e perfezionare notevolmente il loro regime sanzionatorio grazie alla Bilancia. Quale governo e quali servizi segreti non si facevano innaffiare la bocca?

Fonti:

  1. https://www.bis.org/cpmi/publ/d187.pdf
  2. https://www.politico.eu/article/facebook-libra-faces-eurozone-backlash/amp/?__twitter_impression=true
  3. https://www.reuters.com/article/us-imf-worldbank-g20-stablecoin/g20-kicks-off-debate-to-regulate-stablecoins-in-hit-to-facebooks-libra-idUSKBN1WX2AH
  4. https://www.bloomberg.com/opinion/articles/2019-06-21/when-facebook-s-banker-is-bank-of-england-governor-mark-carney?utm_source=&utm_medium=&utm_campaign=
  5. https://thenextweb.com/hardfork/2019/10/29/facebook-defends-libra-comparing-it-some-of-the-most-meaningful-innovations-of-our-time-lol/

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 03 novembre 2019 su www.norberthaering.de

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort