Commissione d’inchiesta della Corona – Parte 22 o 8.1 | di Jochen Mitschka

Insulto alla maestà o prova necessaria?

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

Nella riunione del Comitato di Corona n. 8 „USA – il punto di vista dall’interno / Situazione attuale in Svezia, Francia e Italia tra gli altri“ è stata riportata la situazione in vari Paesi (1). Ecco un riassunto della prima parte.

All’inizio al Dr. Wodarg è stato chiesto come vedere l’immagine presentata dai media, secondo cui la situazione della corona negli USA era „fuori controllo“. Il Dr. Wodarg ha risposto che sarebbe molto confuso ciò che viene testato negli USA. Ci sarebbero molti interessi secondari che influenzerebbero la discussione. Per esempio, la campagna elettorale sarebbe stata condotta anche con Corona e la paura-mongestione. Inoltre, l’assistenza sanitaria negli Stati Uniti è organizzata privatamente. Vale a dire che la malattia e la paura erano abituati a commercializzare e a fare un sacco di soldi anche prima di Corona.

Poi ci sono incentivi per testare il più possibile, e poi ritestare il test. „Gli ospedali ricevono il 20% in più dai militari se ci mettono Covid-19“. Se si trattasse di polmonite, ha detto, sarebbero circa 8.000 dollari di costi aggiuntivi. Se si ventila qualcuno con Covid-19, sarebbe di 30.000 dollari se il test risultasse positivo.

Poiché anche la qualità dei test sarebbe molto diversa, ci sarebbe un enorme incentivo ad effettuare quei test che tendono ad essere più facilmente positivi. Tutto viene fatto da aziende private che hanno i loro interessi personali.

Poiché i laboratori possono realizzare i propri test, convalidarli da soli, e c’è interesse a vendere il maggior numero possibile di test, e poi l’uso è di nuovo da parte di aziende private che cercano di utilizzare il maggior numero possibile di test, il più spesso possibile, l’incentivo finanziario in questo settore è completamente diverso da quello di un sistema sanitario pubblico.

L’alto numero di casi negli Stati Uniti, ha detto Wodarg, non è in grado di spiegare al momento. D’altra parte, aveva ricevuto un’e-mail in cui si diceva che le persone che si erano ritirate dalla coda perché non potevano più aspettare il test erano state informate dell’esito positivo del test pochi giorni dopo.

Quando gli è stato chiesto, ha sottolineato che, come in Germania, il numero di test positivi sarebbe dipeso dal numero di test nel loro complesso. I casi di coloro che risultano positivi in Germania sarebbero pari al numero di falsi positivi previsti. E se si facessero più test negli Stati Uniti, naturalmente ci sarebbero più persone che risulterebbero positive.

Il dottor Füllmich ha fatto notare che il New York Times ha pubblicato un articolo in cui un governatore è stato dichiarato positivo al test per parlare con Trump, e quindi ha dovuto tornare indietro. Quando poi è andato a farsi rifare il test, però, il test è risultato negativo.

Poi c’è stata una breve discussione sul termine „teorico della cospirazione“. Invece di esprimere un giudizio negativo su una persona, si dovrebbe discutere e confutare il consenso.

Poi la commissione ha ascoltato un medico statunitense che aveva creato un’ampia banca dati su Corona, ed è stato uno dei medici meglio informati sulla situazione generale, non incline a controposizioni estreme né a seguire il mainstream. L’intervista è stata condotta in inglese.

Pam Popper, MD, USA

La signora Popper non è un medico praticante, ma un medico e ha la pretesa di vedere l’essere umano nel modo più olistico possibile, di cui aveva anche scritto un libro. Ha anche prodotto 3.500 ore di video e 2.500 articoli per diffondere l’educazione sanitaria. Ha detto che si trattava anche di cercare di prevenire una malattia attraverso il proprio comportamento prima di un intervento medico, o di sostenere una cura. E infine, naturalmente, avrebbe dovuto occuparsi di Corona.

Il dottor Füllmich ha poi chiesto se la stessa esperienza è stata fatta negli Stati Uniti, cioè che la gente vuole credere che si tratti di una crisi molto grave, e che l’adeguatezza delle misure sarebbe stata giudicata completamente al di fuori della situazione reale.

La signora Popper ha sottolineato che questa situazione è in corso da tempo nel servizio sanitario statunitense. Ad esempio, la possibilità di essere feriti da una mammografia sarebbe da tre a dieci volte maggiore della possibilità di ricevere un beneficio positivo. Ha poi fornito altri esempi di marketing utilizzati per vendere servizi medici che hanno ridotto il rapporto rischio/beneficio.

I responsabili saprebbero di poterlo fare perché su questa base vendono tre miliardi e mezzo di dollari all’anno. Pertanto, erano sicuri di poter vendere la narrazione di Corona anche al pubblico. Tuttavia, la signora Popper credeva che questa volta ci fosse un’esagerazione che avrebbe potuto portare ad un „reset“ che sarebbe stato negativo per l’establishment.

L’establishment, ha detto, aveva commesso degli errori. In primo luogo, ha spiegato, all’inizio era stato deciso che tutti i paesi dovevano agire allo stesso modo. Ma quando paesi come la Svezia, il Giappone e altri non hanno fatto il loro gioco, c’è stato un problema. La Svezia non si troverebbe in grossi guai, come sostenuto. E questo deve rendere i poteri che sono molto preoccupati. La seconda cosa che è andata male è che avevano il presidente sbagliato quando è iniziato. Il presidente avrebbe dovuto seguire il consiglio del dottor Fauci e isolare il Paese per 17 mesi, cosa che non ha fatto.

Ora vedete che gli Stati Uniti, dove non si fa praticamente nulla, sono poco diversi in termini di vittime da quelli che hanno adottato le misure più severe. E ancora e ancora, si scopre che nel giro di mezz’ora, un test può essere positivo una volta, negativo una volta.

E infine, i media alternativi dedicherebbero molta attenzione a questo tema, il che non sarebbe positivo per la narrativa dell’establishment. Questo vorrebbe che si promuovesse il pericolo, il panico, ma finora solo circa la metà della popolazione o meno vuole farsi vaccinare, anche se in futuro si potrà andare solo a sport o ad altri eventi con le vaccinazioni. La gente non manderebbe più i propri figli a scuola, non per paura di Corona, ma per le misure draconiane che vi sono state adottate, e la disponibilità a vaccinarsi continua a diminuire.

Quando le è stato chiesto, ha poi spiegato le differenze tra i due test utilizzati negli Stati Uniti, un test PCR e un test dell’antigene. Entrambi sarebbero imprecisi. Ha sottolineato che l’inventore del test PCR ha detto espressamente che il test non dovrebbe mai essere utilizzato a fini diagnostici.

Ha poi spiegato come, quando l’epidemia di influenza si è placata, hanno cercato di andare porta a porta per convincere la gente a sottoporsi ai test. E naturalmente, più test si facevano, più falsi positivi ci sarebbero stati, che poi si sarebbero diffusi attraverso i media ogni giorno. Poi ha raccontato come a un intero stato è stato detto di restare a casa „perché 150 persone avevano l’influenza“.

Poi ha riportato un episodio in Florida che nemmeno i media mainstream potevano ignorare. Un giorno è stato riportato che il 100% di tutti i test sarebbe stato positivo. Il che è statisticamente impossibile. Ma allo stesso tempo, in una casa di cura in Connecticut, 18 residenti sono risultati positivi, e anche loro avevano dei sintomi. Quindi sono stati tutti portati all’ospedale. Lì sono stati testati di nuovo, ma con risultati negativi. Ma sono rimasti lì finché i sintomi non si sono attenuati. Poi sono stati riportati a casa. Lì sono risultati tutti di nuovo positivi.

Poi ci sarebbe stato un certo numero di persone che hanno detto che sarebbero andate a fare il test, ma quando il tempo di attesa sarebbe stato troppo lungo, se ne sarebbero andate di nuovo, perché i bagni pubblici erano stati chiusi. Poi hanno ricevuto i risultati del test per posta, anche se non erano stati testati, ed è risultato positivo.

Il governatore della Florida, che non è considerato compromesso, aveva ordinato un’indagine in merito. E in questo, sempre più di queste storie stanno spuntando fuori sempre più persone che riportano la stessa cosa. Persone che affermano di poter dimostrare che non erano nemmeno al test e che sono state comunque dichiarate positive.

Di conseguenza, ha detto la signora Popper, anche le persone che in precedenza avevano creduto e assecondato tutto iniziavano a innervosirsi, il che non sarebbe stato un bene per la narrazione degli organizzatori del Corona Panic.

Quando il dottor Füllmich ha spiegato che il New York Times era forse uno dei migliori giornali al mondo, la signora Popper ha riso e ha spiegato che quando il NYT ha riferito che era venerdì, ha guardato per la prima volta il calendario. Poi è passata alla vera domanda. Il documento aveva scritto che gli esperti avrebbero sempre più spesso sostenuto che la migliore possibilità di contrarre un’epidemia sarebbe stata quella di utilizzare un gran numero di procedure di test meno accurate. Ha riso all’affermazione secondo cui l’uso di un gran numero di test imprecisi potrebbe rivelare qualcosa su una pandemia. Sarebbe il teatro dell’assurdo. Si poteva solo sperare che ora alcune delle persone che ci credevano all’inizio si sarebbero lentamente svegliate.

Il dottor Füllmich ha poi aggiunto che probabilmente apparteneva al gruppo che aveva la tendenza a credere al NYT, ma con la relazione aveva allora pensato che non avrebbe visto la logica, ma ora probabilmente apparteneva al gruppo che la signora Popper ci ha detto che sarebbe diventato sempre di più.

La signora Popper ha poi riferito come il feedback sul suo lavoro educativo sia cambiato negli ultimi mesi, passando da un rifiuto predominante come teorica della cospirazione, ora a rifiuti molto isolati, ma migliaia di approvazioni e ringraziamenti.

Ha insegnato in 32 paesi, ha riferito, ma solo tre studenti avevano deciso di abbandonare a causa del suo atteggiamento verso Corona. Quando si ottengono le informazioni, ci si rende conto di cosa sta succedendo. E quei tre si erano già ritirati in aprile. Da allora, nemmeno una delle molte migliaia di persone che provengono dalla rete.

Allora gli organizzatori del Panico di Corona avrebbero commesso un altro errore. Hanno coinvolto i ragazzi. Avrebbero istituito un ordine incredibilmente draconiano nelle scuole, che avrebbe portato molti genitori a ritirare i loro figli dalla scuola e a farli studiare a casa. Ha detto che quando si inizia a fare del male ai figli delle persone, si ottiene una risposta diversa rispetto a quando si attacca direttamente le persone.

La signora Popper ha dichiarato che se lo Stato dovesse essere mantenuto, ci potrebbe essere disobbedienza civile, o addirittura una guerra civile, dato che ci sono molte milizie private. Inoltre, gli stessi gruppi che erano dietro il panico di Corona si erano „alienati“ dalla polizia. Ecco perché la maggior parte degli sceriffi del loro stato ha dichiarato pubblicamente di non voler avere nulla a che fare con l’applicazione della legge, ha detto.

Tutta la coercizione poteva essere mantenuta, ha detto, solo perché la gente si sarebbe volontariamente sottomessa ad essa. Una volta finito, si è sentita, così come le misure.

Un sondaggio condotto negli Stati Uniti all’epoca dell’intervista aveva mostrato che il 30% della popolazione era contrario alle misure, il 20% era tutto compreso e la metà sarebbe stata indecisa.

Quando le fu chiesto se la dottoressa Popper sapeva cosa stava realmente accadendo a New York perché aveva spaventato tanto i tedeschi oltre a Bergamo, diede la seguente risposta. Ha iniziato con la descrizione di un caso di un’infermiera che aveva lavorato in uno degli ospedali ovviamente sovraffollati. Aveva prodotto segretamente dei video che documentavano cose che non sarebbero dovute accadere. Per esempio, le persone infette sono state lasciate in una stanza con persone non infette.

Parte del problema era che il governatore aveva ordinato di rimandare nei rifugi le persone ancora contagiose. Il che, ovviamente, mette a rischio le persone più vulnerabili. Si calcola che almeno duemila persone siano morte solo per questo.

Ma il governatore di New York aveva dichiarato che in alcune zone di New York c’erano ospedali talmente sovraffollati che la gente doveva essere curata nei parcheggi. Ma lei stessa avrebbe avuto la testimonianza di testimoni oculari, di persone che vivevano nel quartiere di tali ospedali, che hanno dichiarato che questo non sarebbe mai successo nelle tende che vi erano state allestite.

Inoltre, il Presidente avrebbe inviato una nave ospedale con mille letti, e quei letti non erano mai stati utilizzati. Solo 79 persone sono state trattate sulla nave. „Pensereste che prima di curare le persone in una tenda, le mandereste su una nave ospedale ben attrezzata“.

Gli ospedali erano stati chiusi in tutta la città. „E penseresti che prima di curare la gente in un parcheggio, apriresti nelle vicinanze ospedali [dismessi] attrezzati“.

Hanno costruito ospedali temporanei in tutta la città, ha riferito il Dr. Popper, e secondo un documento di ricerca molto ben documentato, ma la maggior parte dei letti non sono stati nemmeno utilizzati. Quindi non riesce a spiegare perché le persone abbiano dovuto usare le cure critiche in un parcheggio quando c’era spazio regolare in ospedale ovunque. E così facendo, hanno fatto chiudere gli ospedali e tutto il resto da evitare, tranne che occuparsi di pazienti covidi.

Poi è tornata al fatto che le immagini dell’Italia in Germania sono state usate per creare il panico. C’era un rapporto negli Stati Uniti che avrebbe dovuto mostrare l’Arizona in estate, dimostrando quanto tutto sarebbe stato orribile. Stupidamente, gli alberi non avevano foglie. Non si sapeva ancora esattamente da dove venissero le immagini, ma certamente non dall’Arizona.

Alla domanda su cosa fosse successo all’infermiera critica che aveva documentato i maltrattamenti e le diagnosi errate dell’ospedale, il Dr. Popper non è stato in grado di fornire alcuna informazione. In realtà, un libro con maggiori dettagli avrebbe dovuto essere pubblicato da lei, ma questo non sarebbe successo finora, e probabilmente è „scomparsa dalla scena pubblica“. Ma sarebbe difficile essere menzionati dai media nella sua posizione. Anche il Dr. Popper si sentirebbe così. I mass media rimangono semplicemente in silenzio. Fingono che la critica non esista affatto, a meno che non sia facile delegittimare.

Il dottor Füllmich ha fatto notare che anche i premi Nobel che sono stati critici non vengono citati dai mass media. Il Dr. Popper ha sottolineato che tutto è fatto per evitare qualsiasi dichiarazione che si discosti dal racconto ufficiale. Anche i film di Hollywood verrebbero soppressi, come il film „Pandemic“. Il che in quel caso ha causato proprio il contrario, perché ora tutti erano curiosi di sapere perché il film sarebbe stato vietato. Così che alla fine il film è stato cliccato un miliardo di volte.

Poi ha riferito che un gruppo di medici, uno dei quali faceva parte della sua rete, aveva marciato verso l’edificio della Corte Suprema, dove aveva tenuto una conferenza stampa. Avrebbero dato loro una lezione sull’idrossiclorochina, che è un farmaco a basso costo noto da 65 anni con tutti gli effetti e gli effetti collaterali, e che potrebbe essere usato per trattare il Covid-19 in determinate circostanze.

Diciassette milioni di persone hanno guardato quel video. Poi è stato cancellato. Ma poi il film è stato ricaricato così tante volte, in così tanti siti web diversi, che non è stato possibile sopprimerlo. E a causa della cancellazione, la gente era diventata di nuovo curiosa di sapere cosa gli veniva nascosto.

Il Dr. Wodarg ha poi chiesto se negli USA, come presumibilmente in Cina, i test PCR sono stati utilizzati anche per conservare e valutare i campioni di DNA per sequenziare i genomi delle persone. Tutte le aziende da lui studiate che hanno offerto i test PCR offriranno anche test genetici. Non ci sarebbe trasparenza, ai suoi occhi, su ciò che accadrebbe ai dati. L’industria farmaceutica avrebbe un interesse straordinario a raccogliere tali dati per poterli valutare.

Il Dr. Popper pensava che l’ipotesi fosse fondata. Negli Stati Uniti, c’è una legge che stabilisce che ognuno ha il diritto di tenere per sé tutte le informazioni sulla propria salute. Il permesso o il rifiuto di utilizzare tali informazioni verrebbe annotato e documentato con molta attenzione dalla loro rete, ad esempio, perché ci possono essere gravi conseguenze legali per l’utilizzo di tali dati senza autorizzazione.

Pertanto, tutte queste persone che ora bussano alle porte e che non sono professionisti del settore medico sarebbero a rischio. Perché dove vanno a finire le informazioni che gli vengono date? Fondamentalmente, questa azione da parte dello Stato sarebbe una grave violazione della legge federale in materia. E gli avvocati stanno già lavorando alle cause. Uno di questi giovani avvocati avrebbe dedicato tutta la sua vita alla battaglia legale che inizierà dopo Covid-19. Migliaia di cause legali sono attualmente in fase di sviluppo negli Stati Uniti, ha detto. La dott.ssa Popper ha poi espresso anche la sua opinione che le petizioni, molte delle quali sono ora in fase di organizzazione, non farebbero altro che sprecare energie.

Ha espresso il timore che il tasso di suicidio e le sofferenze delle persone nelle case, che sarebbero state pignorate e sarebbero morte di solitudine, non potessero finire con le petizioni. Pertanto la pressione deve essere aumentata dalle pubbliche relazioni e dai procedimenti legali. Al momento, ha detto, il messaggio dovrebbe essere anche: se non volete che il vostro genoma venga maltrattato, per qualsiasi scopo, non fatevi testare. Negli Stati Uniti i datori di lavoro chiedono sempre più spesso di essere sottoposti a test, ma questo sarebbe illegale.

Bisogna concentrarsi sul lavoro con le organizzazioni che si concentrano sull’abbattimento delle restrizioni, ha detto. Perché queste restrizioni, le misure della Corona, causerebbero una morte di massa.

La signora Popper ha dichiarato che ci sarebbero già stati molti milioni di morti in tutto il mondo a causa delle misure di Corona, più di quanti sarebbero mai potuti morire a causa di Covid. Anche negli Stati Uniti, le prime contee stanno arrivando a cifre che mostrano che ci sarebbe un rapido aumento dei decessi per overdose e suicidi, per esempio, e più morti per questo solo fatto che per Corona. Anche i responsabili delle misure ammetterebbero che ci sono stati più suicidi tra i giovani.

Alla domanda, la dott.ssa Popper ha dichiarato di aver trascorso più di 15 ore in conferenze con gli avvocati per cercare di capire come procedere. Personalmente non crede che la strada giusta da percorrere sia quella che la Dr. Füllmich vuole percorrere, cioè attraverso la responsabilità di prodotto del test PCR. Ma sì, si avrebbe una pandemia solo perché il test esisterebbe. Senza il test, non ci sarebbe nessuna pandemia. Dovrebbe dimostrare che il test è irrilevante per dire che c’è un’infezione, quindi non ci sarebbe nessuna pandemia e le misure non sarebbero giustificate.

Il problema sarebbe quello di dimostrare che chi ha spinto i test lo ha fatto per motivazione criminale, cioè nella piena consapevolezza dell’errore. L’ignoranza non sarebbe un crimine negli Stati Uniti. Se si vive in una grotta per 60 anni senza contatti con il mondo esterno, poi si esce e si uccide qualcuno, non si viene puniti perché non si sapeva che era illegale ucciderlo.

Sentiva che le autorità avevano abusato della loro autorità. Ha detto che ci si deve concentrare sulla definizione di ciò che è un’emergenza sanitaria. Chi decide, e come si può prendere una decisione in merito senza che ci sia un vero problema per il sistema sanitario. Poi si dovrebbe definire come capire quali sarebbero le azioni appropriate.

Cosa succederebbe se tra qualche anno qualcuno al posto di Fauci vedesse che i decessi per incidenti d’auto sono in aumento, e allora si decidesse di non permettere più la guida di automobili. Non sarebbe per niente inverosimile, considerando la situazione attuale. La questione è se si debba permettere che ciò avvenga. In caso affermativo, per quanto tempo quella persona potrebbe dichiarare lo stato di emergenza? Che tipo di decisione può prendere una persona che non è mai stata eletta?

Anteprima

Nel prossimo riassunto, la testimonianza del Dr. Popper si concluderà e sarà poi affiancata da un imprenditore nepalese che ha riferito sulle condizioni del suo Paese. Da seguire anche informazioni sull’Argentina e l’Italia.

Fonti

  1. https://www.bitchute.com/video/6Z3ziTYZOmya/

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Commissione d’inchiesta della Corona

+++

KenFM si sforza di presentare un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i post degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista del comitato di redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su altri modi per sostenerci qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort