Coriandoli di numeri: il desolato database delle previsioni corona

Un commento di Mathias Bröckers.

È passato molto tempo da quando ho imparato a conoscere le statistiche e il significato dei campioni e dei sondaggi come studente di sociologia, ma ho ricordato le basi. Soprattutto, che i campioni sono significativi solo se sono presi da una sezione trasversale rappresentativa del gruppo su cui deve essere fatta una dichiarazione. Se solo i proprietari di automobili maschili in campagna o solo le cicliste delle grandi città vengono interrogati sulla questione dei limiti di velocità sulle autostrade, questi campioni dicono poco sull’atteggiamento della popolazione nel suo complesso – non sono rappresentativi. Per questo motivo è alquanto assurdo fare delle proiezioni sulla base di un tale campione per sapere quale sarà il risultato del referendum sul limite di velocità il giorno delle elezioni.

Ma abbiamo dovuto convivere con queste sciocchezze per mesi, ovvero con calcoli elevati ed esponenziali dei tassi di infezione, di infezione e di letalità di “Covid-19”, che non hanno alcuna base rappresentativa. Perché se esamino solo le persone che entrano in ospedale con sintomi, non posso ottenere alcuna informazione sulla diffusione del virus in tutta la popolazione. Ciò richiederebbe il test regolare di una sezione trasversale rappresentativa della popolazione, ad esempio 5000 persone sane, per l’infezione e la presenza di anticorpi. Questo è l’unico modo per fare proiezioni valide sulla diffusione del virus e per conoscere la sua pericolosità.

Finora sono state effettuate solo due proiezioni rappresentative a metà strada. Il primo è in Islanda, dove fino a mercoledì scorso sono stati effettuati 6143 test, ovvero è stato sottoposto a screening poco meno del 5% della popolazione. Cinquantadue persone sono risultate positive, metà delle quali non aveva sintomi e l’altra metà aveva il raffreddore.

Il professore di Stanford John Ioannidis, che ha esaminato i dati di quasi 3000 passeggeri della nave da crociera “Diamond Princess” in quarantena al largo di Yokohama, la maggior parte dei quali erano anziani, è giunto a una conclusione simile. Dopo una correzione dell’età dei dati, il tasso di letalità generale di Covid 19 è risultato essere compreso tra lo 0,025% e lo 0,625% – nell’intervallo di un raffreddore o di un’influenza grave.  Dei 700 passeggeri che sono risultati positivi, quasi la metà è rimasta senza sintomi, anche gli 80-89enni non hanno mostrato alcun sintomo (48%), i 70-79enni (60%).  Il Prof. Ioannidis chiede quindi campioni rappresentativi di persone sane, perché: “Non sappiamo se ci sbagliamo tre o 300 volte sulle infezioni.

Fino a poco tempo fa, l’Istituto Robert Koch pubblicava anche solo il numero di casi di persone infette, ma non il numero di test effettuati. Questo ha creato la falsa impressione di una rapida diffusione del virus e il panico che ha portato il governo ad adottare misure drastiche per limitare i diritti fondamentali. In realtà, tuttavia, il numero di casi è triplicato nel mese di marzo, dato che nello stesso periodo sono stati effettuati circa tre volte il numero di test. Come ha dimostrato il signor Schreyer, l’aumento effettivo è stato solo dell’1%: nella settimana civile 11, il 6% dei test è risultato positivo, e nella settimana civile 12, 7%. Un “aumento estremo”, come riportato ovunque a metà marzo, sembra diverso. E non devono temere che il loro amico Hein bussi alla porta di chi è risultato positivo:

“Secondo i dati attuali dell’RKI (27,3.) la percentuale di deceduti tra coloro che sono risultati positivi è dello 0,6%. Secondo il boss RKI Wieler, la loro età media (!) è di 81 anni. Da ciò è difficile dedurre un rischio estremo per l’intera popolazione – soprattutto perché non è ancora del tutto chiaro se la morte nella maggior parte di questi casi sia effettivamente causata dal materiale del DNA virale rilevato o da altre malattie precedenti.

Che sulla base di tale ignoranza – con 50.000 infezioni confermate attualmente, in Germania sono infettati 150.000 o già 15 milioni di persone? – Il fatto che non si possano fare previsioni affidabili e misure adeguate è immediatamente evidente per i non matematici e i non virologi. Per quanto possa essere utile per fermare la diffusione del virus nella prima fase con quarantene e blocchi di contatto, è imperativo eliminare la nebbia di questa ignoranza con campioni rappresentativi nella seconda fase. Solo in questo modo è possibile valutare il pericolo del virus e la proporzionalità delle misure. I coriandoli giornalieri di cifre con i rapporti dell’orrore – giovedì 1000 morti corona in Italia! – sono solo di uso limitato e sono un puro allarmismo se non si afferma al tempo stesso che, da un punto di vista puramente statistico, in Italia muoiono ogni giorno 2000 persone. Dal momento che ormai tutti sono segnalati come morte per corona dove si trova il virus, il numero delle vittime deve essere sempre visto con grande cautela. A peggiorare le cose, l’Italia è di gran lunga il leader europeo in termini di decessi da germi ospedalieri. Il fatto che i pazienti positivi alla corona siano stati infettati da un germe multiresistente durante il trattamento ospedaliero e ne siano morti (in media 10.000 all’anno in Italia) dovrebbe essere incluso in ogni estrapolazione delle vittime italiane della corona, oltre che in altre due pericolose “posizioni di vertice”: la regione della Lombardia con il più alto inquinamento atmosferico in Europa e con una resistenza agli antibiotici molto elevata. Anche se gli antibiotici non sono disponibili in Italia senza prescrizione medica, sono molto generosamente prescritti, consumati in ogni piccola cosa e poi semplicemente non funzionano più quando sono infettati da un germe ospedaliero. Tutti questi fattori dovrebbero essere presi in considerazione se, sulla base degli sviluppi in Italia, si dovessero fare previsioni utili sull’andamento dell’epidemia in altri Paesi. Ma questo non accade; i media, invece, forniscono ogni giorno solo nuove cifre dell’orrore su montagne di cadaveri – che non dicono nulla, né sulla diffusione del virus né sulla sua pericolosità.

Pertanto, l’unica cosa che si può chiedere ai governi e ai gruppi di gestione delle crisi è che essi forniscano immediatamente cifre significative a sostegno delle loro misure dittatoriali di protezione contro il contagio. Non si può e non si deve permettere che le più severe restrizioni dei diritti fondamentali dalla fondazione della Repubblica Federale Tedesca continuino a essere attuate sulla base di materiale di dati fuorvianti. Per inciso, ciò varrebbe anche se lo stato di emergenza dovesse essere aggravato, perché il nuovo virus corona dovrebbe effettivamente rivelarsi pericoloso come i peggiori scenari con molti milioni di morti previsti. Ed è tanto più vero se le ormai numerose critiche a queste previsioni, che non si basano su dati puliti, hanno ragione: come il rinomato microbiologo professor Sucharit Bhakdi nella sua lettera aperta alla cancelliera Merkel, chiedono chiarimenti e correzioni del desolato database. Ed è importante che tutti i media e i giornalisti, che sono soprattutto in questi tempi di crisi, non siano soldati di propaganda e copino annunci ufficiali, ma mettano in discussione criticamente le dichiarazioni e le azioni della classe dirigente.

+++

Mathias Bröckers ha recentemente pubblicato con Westendverlag “Don’t Kill The Messenger – Freedom for Julian Assange”. Blog su broeckers.com

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Migren art / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort