Corona: la protesta pacifica deve essere ascoltata

L’avvocato di Lipsia Ralf Ludwig prende la via legale e invita i tribunali a revocare la revoca parziale del diritto di riunione.

Un commento di Christiane Borowy.

Lasciatemelo dire subito: in fondo non ho nessuna voglia di scrivere sempre di Corona. Ma il problema è che diventa ogni giorno più necessario che le rivendicazioni dei cittadini legalmente registrati vengano almeno in parte annullate e allo stesso tempo la protesta contro di esse è così fortemente limitata.

Chiunque voglia organizzare un evento in questo momento ha fondamentalmente il problema che il numero di partecipanti sarà severamente limitato e ci sono anche altre severe condizioni. Questi sono legittimati dalla protezione della popolazione dalla pandemia. Tuttavia, anche il diritto al montaggio è fortemente compromesso. Se solo a un numero molto ristretto di persone è permesso di partecipare a una manifestazione, allora la consueta espressione di critica al governo – una manifestazione di massa – non può nemmeno avere luogo. Questo è diventato anche il destino delle manifestazioni di Stoccarda, che sono state sempre più limitate nel loro numero di partecipanti da sempre nuovi regolamenti.

Nonostante tutte le avversità, tuttavia, le proteste contro le misure di Corona sono ancora in corso in molte città tedesche. Oggi, il 30 maggio 2020, oltre alle manifestazioni e alle meditazioni contro le restrizioni della costituzione tedesca giustificate dalla pandemia di Corona, si terrà nella capitale tedesca un incontro di protesta contro la base aerea statunitense Ramstein – si tratta di una stazione di ritrasmissione per le guerre dei droni dell’esercito americano.

La richiesta dell’avvocato Ralf Ludwig di revocare la parziale abolizione del diritto di riunione è assolutamente rilevante per i manifestanti e gli organizzatori di manifestazioni di massa. Ludwig rappresenta gli organizzatori delle suddette manifestazioni a Berlino e Stoccarda e invita le corti amministrative e costituzionali a revocare il parziale divieto del diritto di riunione fissando un limite generale al numero dei partecipanti, in modo da „ripristinare le basi decennali di un’efficace tutela giuridica e il particolare significato del diritto di riunione nella crisi della Corona“, come ha dichiarato qualche giorno fa nel suo comunicato stampa.

L’avvocato sostiene l’iniziativa „Terminates Ramstein Airbase“ a Berlino e l’iniziativa „Querdenken 711“ a Stoccarda. Entrambe le iniziative vogliono attirare l’attenzione sulle loro preoccupazioni in grandi manifestazioni. Particolare attenzione sarà prestata alle notevoli limitazioni dei diritti fondamentali previste dal regolamento Corona degli Stati federali. L’iniziativa berlinese „Cancel Ramstein Airbase“ a Berlino ha deciso di tenere il suo evento il 30 maggio 2020 nonostante le restrizioni. Vedremo se sarà possibile rendere visibile ai politici, nonostante le restrizioni, che c’è un gran numero di persone che non sono d’accordo con le decisioni del governo.

Dopotutto, si tratta di una questione di diritti del cittadino, che ha diritto a „un controllo giudiziario il più efficace possibile“. L’attacco legale di Ludwig contro l’attuale giurisprudenza Corona si basa su due punti.

Il primo punto di attacco giuridico: le precedenti decisioni giudiziarie hanno messo fine all’effettiva protezione giuridica offerta dalle ordinanze della Corona. Anche se limitare il numero di partecipanti alle manifestazioni è in linea di principio giuridicamente possibile, deve esserci un pericolo immediato per le persone e si deve garantire che questo presunto pericolo si realizzi effettivamente. Nella loro argomentazione per le restrizioni, i tribunali fanno riferimento all’Istituto Robert Koch e suppongono che ci sia un rischio di infezione da virus sars-CoV-2 che giustifica queste misure. Tuttavia, il comunicato stampa di Ludwig afferma

„L’Istituto Robert Koch non si attiene ai propri parametri per la valutazione del rischio e continua a diffondere l’opinione che, nonostante un numero di casi notevolmente diminuito e ancora in diminuzione, un basso carico sulle capacità mediche e un decorso di malattie in gran parte lieve, vi è un alto rischio per la popolazione in generale. Questo punto di vista dell’Istituto Robert Koch è stato osteggiato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) dalla fine di aprile. Secondo l’ECDC, la popolazione generale nelle zone a bassa prevalenza (meno di 100 casi ogni 100.000 abitanti) è ora a basso rischio solo per la popolazione generale e a rischio moderato per i gruppi a rischio.

Sia la corte amministrativa che quella costituzionale, tuttavia, non prenderebbero nota di questi fatti, critica Ludwig. Questo, ha detto, affronta la situazione estremamente problematica che il diritto di riunione „al suo centro“ non è più in vigore.

In una parola: non è affatto chiaro cosa dovrebbe cambiare perché la valutazione della situazione di rischio passi da alta a media o bassa e perché il diritto di riunione entri nuovamente in vigore senza restrizioni. Tre volte basso per quanto riguarda i parametri numero di casi, gravità della malattia e capacità mediche, la valutazione dell’Istituto Robert Koch è alta? Da un lato, questo è incomprensibile e anche problematico se porta alla limitazione dei diritti fondamentali sostanziali, e questo ci porta direttamente all’aspetto successivo.

Il secondo punto di attacco legale di Ludwig è che, limitando il numero dei partecipanti, si sta compiendo un nuovo e grave sconfinamento nell’area centrale del diritto di riunione. Ciò potrebbe comportare l’entrata in vigore del cosiddetto diritto di resistenza se non è possibile per i tribunali garantire il rispetto di un diritto fondamentale sostanziale come il diritto di riunione.

Cosa è regolato dal diritto di resistenza? Se tutti i mezzi costituzionali per controllare l’azione dello Stato non funzionassero più, i cittadini potrebbero ricorrere a mezzi per infrangere la legge e ricorrere alla violenza, per esempio resistendo agli agenti di polizia che vogliono portare via i manifestanti. Informazioni più dettagliate sull’articolo sulla resistenza si trovano anche sul sito web del Bundestag. Tuttavia, il diritto di resistenza sarebbe un’eccezione e un’emergenza assoluta, e sarebbe bene che i tribunali non lo lasciassero accadere.

In una conversazione personale ho chiesto a Ralf Ludwig se l’entrata in vigore del diritto di resistenza avrebbe automaticamente significato una guerra civile. Ludwig ha risposto a questa domanda con un clamoroso „no“. Il diritto di resistenza è un „diritto conservatore“, che riguarda il ripristino dell’ordine costituzionale da parte dei cittadini. Ludwig sottolinea che non è una guerra civile rovesciare un sistema non gradito.

Questa differenziazione è interessante per tutti coloro che, nonostante tutte le critiche, ritengono importante operare sul terreno costituzionale. E‘ assolutamente rilevante per le attuali manifestazioni pacifiche. Ma non è piuttosto interessante per chi vuole la violenza. Questi criticano poi le stesse iniziative che sostengono lo stato di diritto e la democrazia come antidemocratiche.

Ma se i tribunali non mostrano alcun modo per tornare all’ordine costituzionale di base, allora essi stessi corrono il rischio di provocare l’applicazione del diritto di resistenza. Ludwig vuole usare il procedimento per sensibilizzare e stimolare il dibattito prima che si arrivi a tanto. Perché non è predeterminato cosa succede quando si applica il diritto di resistenza. Se non è possibile ottenere un risultato conforme ai diritti fondamentali nel quadro dell’ordine esistente, gli avvocati dovrebbero quindi pensarci ed esprimersi nel senso di un discorso che preservi lo stato di diritto, ha detto Ludwig nell’intervista: „Spero di dare agli altri avvocati un linguaggio per dire qualcosa anche su questo“.

Cosa fate se non potete manifestare contro chi vieta le manifestazioni? La potenza e l’intensità delle critiche non possono più essere portate all’esterno, cosa si deve fare allora? Vuole revocare la Corte costituzionale, o ci sono altre possibilità? Sono questioni che molti avvocati potrebbero affrontare – e questo è ciò che Ludwig suggerisce fondamentalmente: un vero e proprio dibattito sulla salvaguardia della libertà e dei diritti fondamentali, condotto in un contesto giuridico e politico-sociale.

Che questo dibattito possa avere successo, almeno in parte, è dimostrato dal fatto che, secondo il comunicato stampa del tribunale e del senato (4), (5) del 28.05.2020, la Corte costituzionale di Berlino ha parzialmente accolto la mozione d’urgenza per la sospensione temporanea di varie disposizioni dell’ordinanza di Berlino sulle misure necessarie per contenere la diffusione del Sars-CoV-2, valida fino al 5.06.2020. Concretamente, ciò significa che è di nuovo possibile qualsiasi tipo di montaggio, a condizione che vengano rispettate le norme igieniche. La mozione generale non è stata accolta, il che significa che il dibattito deve continuare.

Significa anche concretamente per l’evento di oggi (30.05.2020) „Cancella la base aerea di Ramstein“ che può arrivare un numero qualsiasi di partecipanti, se rispettano le regole igieniche.

Fonti:

  1. https://www.bundestag.de/dokumente/textarchiv/2013/47878421_kw50_grundgesetz_20-214054
  2. https://www.bundesverfassungsgericht.de/DE/Verfahren/Wichtige-Verfahrensarten/Einstweiliger-Rechtsschutz/einstweiliger-rechtschutz_node.html
  3. https://www.kuendigtramsteinairbase.de/index-mobil.php?S=News_Detail&lang=DE&D=rVDoaS3JyF9hZDLt
  4. https://www.berlin.de/gerichte/sonstige-gerichte/verfassungsgerichtshof/pressemitteilungen/2020/pressemitteilung.937789.php
  5. https://youtu.be/E1vc0b8s0YY

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine:  Karsten Jung/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort