Di principi e servi

Un commento di Dagmar Henn.

In Germania non si può liberarsi della vecchia regola. I discendenti del principe Cartagine, che nel 1848 annegò nel sangue la rivoluzione, chiedono un risarcimento. E il fatto stesso non suscita orrore o indignazione; no, il dibattito ruota esclusivamente intorno a quanto siano stati utili i signori di Hohenzollern (1) nel sollevare il privato da Braunau in sella.

Alcuni possono obiettare che ciò è vero da un punto di vista giuridico. Dopo tutto, si tratta di terre e castelli che sono stati espropriati nella zona sovietica dopo la seconda guerra mondiale perché appartenevano a sostenitori del dominio nazista. Poiché questi erano la maggior parte degli Junker, l’espropriazione colpì quasi tutta la classe, non solo gli Hohenzollern. E sì, la Treuhand si prese molte fatiche per restituire i loro beni alla maggior parte di questi signori aristocratici; se ciò non era possibile come riassegnazione (perché avevano appena sostenuto il potere dei nazisti, e le espropriazioni per questo motivo erano previste dal Trattato di unificazione), allora rivenderli per una cifra ridicola. Era chiaro che anche gli Hohenzollern, in quanto animali alfa del branco, volevano avere la loro parte.

Tuttavia, a metà strada rimane un dibattito su come hanno tenuto con entusiasmo le staffe per il caporale, perché finge come se avessero un diritto a questa proprietà, se non fosse così. Davvero? Ebbene, uno dei loro antenati ha scambiato lettere con Voltaire; questo supera il sangue degli Ettolitani che hanno dovuto versare i loro sudditi nelle innumerevoli guerre dei governanti prussiani, il che fa loro dimenticare che la Prussia giaceva come un cappotto di piombo sulle terre tedesche e scacciava lo spirito attraverso il compromesso? Dormire, figlio mio, dormire dolcemente“, dice in una canzone popolare del XIX secolo (2) di Baden, „là fuori va il prussiano. Ha ucciso tuo padre, ha reso povera tua madre. E il prussiano chiude gli occhi a coloro che non dormono bene. Dormire, bambina mia, dormire dolcemente. Il prussiano va là fuori.

Lo Stato nazionale tedesco, quando fu battezzato nel 1871, era un abominevole ermafrodito della borghesia e del potere feudale, compresa la servitù, e la mutilata Rivoluzione del 1918 non riuscì ancora a rompere la morsa della nobiltà intorno al collo; il referendum per l’espropriazione dei principi nel 1926 fallì, e i succhiasangue furono risarciti…..

A proposito, non sono solo i principi, ma anche le chiese (3) che ricevono ancora oggi denaro statale perché i loro possedimenti fondiari sono stati secolarizzati, cioè espropriati e distribuiti. Questo è già accaduto all’inizio del XIX secolo, e ad oggi milioni di soldi dei contribuenti affluiscono anno dopo anno, oltre alla tassa di culto – anche dalle tasche di coloro che non sono membri di alcuna chiesa. Ogni anno vengono pagati 460 milioni di euro, perché i monasteri e le diocesi non sono più autorizzati a lasciare che i servi della glebati facciano i solchi.

Innumerevoli riviste della Yellow Press lavorano instancabilmente per mantenere lo spirito lacchè, ma anche la rivista più borghese non si vergogna di usare titoli nobiliari che avrebbero dovuto scomparire dal 1918; avrebbero dovuto scrivere da Mr Hohenzollern, non dal ‚principe’….. Solo nella parte annessa è stato temporaneamente possibile correggere il difetto di nascita della prima repubblica tedesca.

Anche un bambino di cinque anni può essere spiegato senza sforzo che la ricchezza dei principi non è stata acquisita con le proprie forze, ma è stata sottratta ai lavori forzati e derubata. Alla luce dei ritratti di questi signori, nessuno avrebbe pensato di aver passato il loro tempo a creare valori; essi hanno solo permesso che la creazione avvenisse. Una società borghese decente, che, a differenza della Germania, che si è disfatta dell’aristocrazia nel tempo, non ha difficoltà ad esprimere questa semplice verità.

Solo in Germania questo non può essere detto nemmeno per i principi. Ça ira (4) non è mai stata cantata qui. La miseria dei semplici sudditi tedeschi, su cui si basava tutto il fasto aristocratico, viene misericordiosamente dimenticata; dal massacro che il conte Waldburger, chiamato ‚Bauernjörg‚ (5), causò tra i contadini ribelli nel 1525, alle devastazioni della Guerra dei Trent’anni, in cui innumerevoli principi e musi combatterono per le loro prede e devastarono il paese, al divieto di raccogliere legna nelle foreste prussiane – deponiamo il mantello del silenzio su di esso e facciamo finta che il bene onestamente acquistato sia. Dopo tutto, la proprietà è sacra, almeno dove si verifica in gran numero.

Nessuno in questa gloriosa repubblica è disposto ad aprire la grande botte e a guardare le proprietà di tutti gli innumerevoli principi, grandi e piccoli. Al contrario, preferirebbero essere disposti ad accettare gli Hohenzollern, in modo che nessuno sollevi il coperchio di questa botte e indichi a tutti gli altri che hanno anche molti cadaveri nelle loro cantine, i discendenti di detti Bauernjörgs, per esempio, che sono ancora ricchi e potenti, i Thurn e Taxi, i Guelfi….. fino ad un Herr Egloffstein (6), sono tutti convinti di essere le persone migliori e di avere tutto il diritto di sedersi sui loro tesori rubati. La maggior parte di loro potrebbe avere tra i loro antenati zelanti sostenitori del dominio nazista, compresi alcuni ufficiali delle SS; ma coloro che vivevano nella Repubblica Occidentale non furono mai chiamati a rispondere di tutti gli altri crimini dei secoli precedenti.

Stupido per gli Hohenzollern, perché le truppe sovietiche ne hanno preso possesso? No, piuttosto stupido per gli abitanti della Repubblica Occidentale, perché dovevano sopportare ulteriormente il difetto di nascita di Weimar e non furono scavati nemmeno i nidi della reazione estrema, la nobiltà tedesca. Ed è stato insegnato loro non solo ad essere servitori dei signori delle banche e delle corporazioni, ma anche dei principi. E lo spirito di questo servo, lo scratch-foot, la sottomissione, era talmente blued in modo che nemmeno un poeta può essere trovato a commentare questi eventi in modo appropriato sarcastico, come Erich Weinert ha fatto nel 1925:

Rivalutazione dei principi

Le dinastie oscurate
I dunnemals a causa di ingiallito
Carte di famiglia e milza grande
Da qui ha ondeggiato nell’ermellino.
E mettetegli delle corone sulle orecchie,

Nella loro completa sala ancestrale.
Randalloni armati che si aggirano in giro,
Il principe ubriaco della capitale,
Che tu ti metti d’accordo con Dio,
Con puttane e wänstern servili,

Da Detmold a Berlino, il
Vestito in pose da monumento,
Gli archi grandi eerily sputano,
Basta che non sembri un po‘ rischioso,
Ma poi se ne va via con i pantaloni pieni,

La stessa cosa che siamo noi, toccantemente umani,
Sfortunatamente, non erano nella scatola a quei tempi,
Si sentono di nuovo Obertan.
e russare in giro con deliri di grandezza
e tutti gli effetti militari.

Gli stessi che in quel momento offuscavano le preghiere,
Che non gli abbiamo fatto il culo,
Il ruggito di oggi dopo che il pubblico ministero
Ed esigere il loro pieno stipendio di pace,
E questo fino all’ultimo centesimo.

Un tribunale regionale repubblicano
Ha deciso a favore di Schwarzburg-Sondershausen:
La buona morale non lo permette,
Che i principi tedeschi hanno sofferto molto;
Perché hanno sempre avuto il diritto di fare il topo.

Ci capiamo già sulla buona argilla/tonalità.
E vivere in tempi di sovranità.
Cos’altro dovrebbe essere il santo patrono del paese.
Il costo della controrivoluzione
E negare le costose sfilate dei monumenti?

Quello che espropria i signori prima dei tempi
(Cioè, rubato insieme con la grazia di Dio),
L’hanno garantito.
E l’ometto che muore di fame e gela,
Pagare per l’intero negozio monarchia.

Ora ogni Winkeldynast si riferisce a
Alle nobili decisioni della Turingia.
Ogni albero genealogico fino al cinquantesimo ramo
Se siamo un peso per tutta la vita.
E giace come piombo nelle nostre budella.

O cortese rivoluzione tedesca,
hai frainteso il significato delle lanterne!
Dorare il criminale che ti minaccia.
Quando sarai contro il „buon tono“?
e imparare a disobbedire alle buone maniere?

  1. https://www.ostsee-zeitung.de/Nachrichten/Politik/Historiker-Entschaedigung-fuer-die-Preussen-Familie-waere-moralisch-schwer-begruendbar 
  2. https://www.volksliederarchiv.de/schlaf-mein-kind-schlaf-leis/ 
  3. https://www.faz.net/aktuell/wirtschaft/wirtschaftspolitik/enteignung-der-kirchen-entschaedigungen-bis-in-alle-ewigkeit-12555649.html 
  4. https://www.youtube.com/watch?v=L9VoRmjxvPs 
  5. https://www.ovb-online.de/weltspiegel/bayern/bauernjoerg-4998760.html 
  6. https://www.sueddeutsche.de/bayern/der-graf-will-uns-mit-allen-mitteln-schaden-alles-meins-1.3236762 
  7. Erich Weinert, Zeit-Gedichte, Berlin 1968

Erich Weinert, Zeit Poesie, Berlino 1968
+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: Viacheslav Lopatin / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort