Finalmente la politica di migrazione dalla testa ai piedi!

Il dibattito sull’immigrazione in Europa è condotto da forze di destra e di sinistra in modo moralizzante, emotivo e disinformato. La politica migratoria si concentra sugli effetti dell’immigrazione irregolare senza considerare le sue cause. I principali interessati non hanno nulla da dire nel dibattito; al contrario, vivono in uno sfruttamento permanente attraverso i cartelli del contrabbando e della tratta di esseri umani, attraverso l’economia del paese ospitante e attraverso le richieste dei familiari lasciati indietro.

Un punto di vista da H. Sunjic.

Il dibattito sulle migrazioni in Europa si è arenato per anni. Ogni nuova nave profughi che non può attraccare, ogni tragico rovesciamento di barche non adatte al mare porta agli stessi discorsi e allo stesso tiro alla fune, senza che il problema in quanto tale si avvicini ad una soluzione. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la questione migratoria è quasi esclusivamente emotiva e moralizzata. Qualche anno fa, la destra ha scoperto quanto i rifugiati e i migranti siano adatti come nemici esterni per mobilitare le proprie file, alimentare le paure e delegittimare gli oppositori politici. Le „soluzioni“ offerte sono semplici e ideologicamente compatibili: maggiori spese militari e di polizia, maggiore sorveglianza dell’intera popolazione, rinascita delle ideologie nazionaliste e autoritarie, danni all’integrazione europea.

In cambio, le forze democratiche nei campi di sinistra e verdi, ma anche i partiti cristiano-sociali e liberali e le ONG cadono in un discorso altrettanto emozionante. Il punto è attaccare l’avversario politico e denunciare i suoi deficit morali. I migranti e i rifugiati rimangono comparse nel grande, sempre lo stesso scambio di colpi. Non esiste un’etica razionale del discorso, quindi la discussione non porta a nuove soluzioni.

Sarebbe tuttavia giunto il momento, soprattutto ora che l’isteria del 2015/16 si sta lentamente calmando e la pressione del gran numero di arrivi si è attenuata, di trovare una discussione basata sui fatti sulla migrazione in Europa. L’Austria – sotto il governo Kurz, un sostenitore della politica europea per i rifugiati e la migrazione – ha avuto l’opportunità di impegnarsi in modo costruttivo dopo il cambio di governo. Sarebbe una buona cosa per questo paese a causa della sua storia di paese di accoglienza dei rifugiati e di intermediario neutrale.

Rifugiati o migranti?

Prima devi svelare i termini. Il volo e la migrazione non sono la stessa cosa e non devono essere costantemente messi insieme. Il sistema giuridico internazionale distingue tra le due forme di migrazione per una buona ragione. I rifugiati corrono il rischio di essere perseguitati nel loro paese per motivi di razza, religione, nazionalità, convinzione politica o appartenenza a un gruppo sociale indesiderabile (ad esempio, come sindacalisti, attivisti ambientali, vittime di matrimoni forzati, persone LGBTI, ecc.) Queste persone fuggono perché sono in pericolo di vita e hanno bisogno di protezione in un paese diverso dall’asilo. A proposito, „rifugiato“ non è una parolaccia e non c’è motivo di sostituirla con il vago termine „fuggito“.

I migranti (spesso chiamati in modo dispregiativo anche rifugiati economici) si trovano in un altro tipo di situazione. Non vedono alcuna possibilità di preservare se stessi e le loro famiglie e di cercare lavoro altrove. La differenza decisiva è che a casa non ci sono pericoli per la vita e gli arti.

Ciò ha conseguenze politiche e giuridiche diverse per i paesi ospitanti. I rifugiati non devono in nessun caso essere rimandati nel paese di persecuzione, a meno che non siano criminali di guerra. Questo aspetto è strettamente disciplinato dall’obbligo di non respingimento previsto dalla Convenzione di Ginevra sui rifugiati. Nel caso dei migranti, invece, si applicano le norme nazionali che consentono al paese ospitante di decidere, per motivi economici, a chi aprire il proprio mercato del lavoro per quanto tempo.

Nel discorso sulle migrazioni, entrambe le parti mescolano questi due concetti. Si brontola che qualsiasi forma di migrazione deve essere fermata e solleva preoccupazioni in materia di sicurezza, ragioni economiche e differenze culturali. Gli altri rispondono spesso in modo altrettanto indifferenziato, parlano di „frontiere aperte“ e affermano che chi lascia il proprio paese d’origine ha buone ragioni e deve essere accolto in Europa. Questo è irrealistico e controproducente.

Se il capitano di Sea Watch , Carola Rackete, chiede che non si faccia più distinzione tra migranti, rifugiati e rifugiati climatici, e che l’Europa debba accogliere tutti coloro che partono, questa è un’escalation e una provocazione rivolta alla politica europea. Non fornisce una soluzione realistica. Tuttavia, il dibattito sull’opportunità di salvare le persone in difficoltà in mare o di etichettare i soccorritori come criminali è quasi inconcepibile.

Emigrazione: prima la mancanza, poi lo sfruttamento

L’autrice ha intervistato migliaia di rifugiati e migranti negli ultimi anni, prima della loro partenza, sulla loro strada e dopo il loro arrivo in Europa e ha analizzato la comunicazione tra i trafficanti e i loro clienti sui social network. Emerge la seguente immagine:

All’inizio dei grandi movimenti migratori c’è o una mancanza di sicurezza e di diritti umani (poi le persone diventano rifugiati) o una mancanza di mezzi di sussistenza (poi diventano migranti). Dopo la loro partenza, entrambi i gruppi diventano egualmente vittime di uno sfruttamento permanente, prima da parte dei trafficanti e dei trafficanti di esseri umani, che fanno affari per un miliardo di dollari, poi come manodopera a basso costo nel paese di arrivo, e infine dalle loro stesse famiglie, che per anni hanno presentato richieste esagerate di sostegno finanziario.

L’emigrazione di massa ha un impatto profondo sui paesi di origine. In molti paesi, le rimesse degli emigranti rappresentano una quota significativa del prodotto interno lordo. A livello di famiglia destinataria, l’assistenza finanziaria può essere utile, ma, dal punto di vista sistemico, le rimesse dei migranti nei loro paesi d’origine contribuiscono a prolungare i problemi.

I governi corrotti possono gioire due volte. In primo luogo, i giovanissimi che non vogliono accettare le condizioni stanno emigrando. Invece di ribellarsi a casa, sono lontani. Inoltre, inviano denaro per finanziare l’istruzione, l’assistenza sanitaria e le pensioni dei loro parenti, senza che lo Stato debba investire in misure di assistenza sociale.

Sono gli stessi emigranti che pagano il prezzo più alto, letteralmente e figurativamente. La grande maggioranza degli intervistati provenienti dall’Africa, dal Medio Oriente e dall’Afghanistan, anche quelli che vivono in Europa da anni come rifugiati riconosciuti, sono profondamente insoddisfatti del loro destino. Si sentono sfruttati, discriminati e traditi per i loro anni migliori.

La politica migratoria inizia dalla parte sbagliata

La politica migratoria in Europa presenta due carenze principali:

In primo luogo, la lotta contro l’immigrazione irregolare deve essere olistica piuttosto che intervenire alla fine del processo migratorio. Non esistono soluzioni semplici. Abbiamo bisogno di strategie che tengano conto sia della situazione nei paesi d’origine che della responsabilità politica dei paesi industrializzati. Tuttavia, il discorso è caratterizzato dalla miopia geografica e temporale ed è condotto da entrambe le parti in una prospettiva puramente europea. Solo quando i potenziali rifugiati e migranti si avvicinano ai confini dell’Europa vengono percepiti dai politici e utilizzati per i propri scopi.

In secondo luogo, la politica migratoria ignora completamente il punto di vista delle persone coinvolte. Il parlamentarismo moderno in Europa è di solito partecipativo. Tutti gli interessati vengono ascoltati prima di prendere decisioni. Solo nel dibattito sull’immigrazione non è mai stato così. Le decisioni vengono prese sopra la testa della gente. I migranti hanno proposte più pratiche, più vicine alla realtà e meno costose delle misure elaborate negli uffici ministeriali, come dimostra un recente studio.

Tesi 1: La chiusura delle frontiere come mezzo centrale di gestione della migrazione non riduce la pressione migratoria, ma la aumenta.

Non è realistico e costoso voler sigillare migliaia di chilometri di frontiere marittime e terrestri. Coloro che ne traggono profitto sono l’industria della sicurezza e l’industria dei rimorchiatori, i cui profitti sono in aumento.

L’unica differenza è che il problema viene spostato verso Stati economicamente e politicamente molto più instabili dell’Unione europea. Lì il numero di persone che sono partite per l’Europa e ora sono disperatamente bloccate in un paese dove non hanno mai voluto andare sono i massaggi. L’Africa settentrionale, i Balcani e la Turchia dovrebbero quindi affrontare un problema che l’Unione europea nel suo insieme non è stata in grado di risolvere per anni.

Tesi 2: Più i migranti sono vicini all’Europa, più rischi assumono per raggiungere la loro destinazione.

E‘ ipocrita per i politici dire che vogliono chiudere le vie verso l’Europa per salvare vite umane. Le persone che sono arrivate sulle rive del Mediterraneo sono come maratoneti vicini al traguardo, hanno dato il massimo. Sono indebitati da molti anni. Hanno sofferto la paura, la fame e la sete. Molti sono stati torturati e abusati sessualmente, hanno dovuto pagare riscatti a vari gruppi armati, sono stati forse anche schiavizzati per periodi di tempo più lunghi. Sono tutti testimoni di morti e omicidi. Quasi tutti i migranti che sono arrivati attraverso il Nord Africa hanno riferito di aver visto più persone morire nel Sahara e dalle bande libiche che annegare in mare.

La famiglia in casa ha fatto grandi sacrifici e si aspetta un compenso. Queste persone hanno solo due opzioni: arrivare in Europa o morire.

Le informazioni sui pericoli dell’immigrazione irregolare devono quindi iniziare molto prima che nel Mediterraneo. E‘ meglio farlo nel paese d’origine, prima che le vittime della propaganda dei contrabbandieri e dei trafficanti si sedano.

Tesi 3: L’Europa ha bisogno di due sistemi diversi per gestire la migrazione economica e i rifugiati.

Il sistema europeo di asilo è così sovraccarico perché non solo i rifugiati, ma anche i migranti economici cercano di legalizzare il loro soggiorno attraverso l’asilo. Questo perché, a differenza del Nord America o dell’Australia, in Europa non ci sono quasi nessuna opportunità di immigrazione per i migranti economici.

Il sistema di asilo è stato concepito per proteggere coloro che fuggono dalla guerra e dalle persecuzioni e si sta erodendo a causa di questa errata applicazione. Il sistema di asilo può essere alleggerito molto rapidamente rimuovendo l’immigrazione di manodopera e regolandolo separatamente.

L’Europa ha bisogno di programmi intelligenti di migrazione circolare, una sorta di politica 2.0. A differenza dei lavoratori ospiti degli anni ’70 e ’80, questa non dovrebbe essere orientata esclusivamente alle esigenze dell’economia europea in termini di manodopera, ma dovrebbe anche tener conto delle esigenze dei migranti stessi. Spesso vogliono posti di lavoro dove possono guadagnare e risparmiare per alcuni anni e l’acquisizione di qualifiche che li aiuteranno a costruirsi una vita in patria. Ciò dovrebbe essere integrato da un’assistenza di follow-up nel paese d’origine, da programmi di tutoraggio e microcrediti. In questo modo si invertirebbe la fuga di cervelli dai paesi d’origine e si innalzerebbe il livello generale di qualificazione. Questo ridurrebbe anche la pressione migratoria invece di aumentarla attraverso l’effetto esemplare degli emigranti.

Tesi 4: E‘ più economico per l’Europa e più sicuro per tutti fornire un’adeguata assistenza ai rifugiati nei paesi di primo asilo.

La guerra in Siria è scoppiata nel 2011. Solo quattro anni dopo i rifugiati siriani sono arrivati in Europa in gran numero. Ciò era prevedibile, perché i paesi di primo asilo erano lasciati soli con i loro problemi. I paesi donatori hanno fornito all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR solo il 30% (!) dei fondi che sarebbero stati necessari per fornire alla popolazione di Giordania, Libano e Turchia un’assistenza adeguata a metà strada. C’era aiuto solo per i più deboli. Coloro che ancora potevano venire in Europa.

La politica europea non ha imparato nulla da questo. Qualche mese fa l’autore ha intervistato curdi siriani nei campi profughi di Sulaymaniya, nel nord dell’Iraq. Gli aiuti umanitari sono stati massicciamente ridotti perché le organizzazioni umanitarie non disponevano di risorse finanziarie sufficienti. Alla domanda sui loro piani per il futuro, molti rifugiati hanno detto che stavano pensando di migrare in Europa. Ci sarebbero abbastanza offerte di trafficanti.

Tesi 5: Procedure di asilo migliori e più rapide e un rapido rimpatrio delle persone non bisognose di protezione sono più umane e possono frenare l’immigrazione irregolare.

La qualità e la quantità delle autorità competenti in materia di asilo devono essere migliorate. Le procedure di asilo richiedono troppo tempo. I richiedenti asilo in Europa spesso vivono per anni in una sorta di vuoto. Non sanno se integrare o temono il rimpatrio. Ciò crea problemi per la società di accoglienza e per le persone interessate ed è più costoso di procedure di asilo efficienti.

Le persone bisognose di protezione dovrebbero ottenere rapidamente l’asilo per potersi integrare. Coloro che non hanno bisogno di protezione dovrebbero essere rimandati indietro rapidamente. In questo modo si invierebbe un segnale agli altri migranti nei paesi d’origine che l’immigrazione irregolare potrebbe non dare i suoi frutti.

Tesi 6: Dobbiamo finalmente porre fine ai cartelli di contrabbando e alle reti di trafficanti di esseri umani.

Nella mezza estate del 2019 si può essere trainati dalla Turchia all’Europa di Schengen con 5.500 euro, in Gran Bretagna costa 8.000 euro. L’offerta è valida dal 1 luglio al 1 agosto. Per il prezzo scontato di 3.500 euro si viene dalla Romania all’Italia. Ancora più economico è il viaggio dalla Bielorussia alla Polonia, che è disponibile per 1.000 per gli adulti e 800 euro per i bambini. I visti Schengen sono venduti a 2.000 euro, spese di viaggio escluse. Sono disponibili anche passaporti rubati. Tutto può essere trovato in chiaro su Facebook e Instagram. Ci sono cartelli criminali internazionali al lavoro che danno a persone disperate false speranze di spremere l’ultimo dei loro soldi.

La maggior parte dei rimorchiatori sono pagati elettronicamente. Questo può essere rintracciato. Si applica la vecchia regola della polizia: Seguite i soldi! Chi vuole fermare il traffico deve partire dai flussi di denaro e dalle strutture dei cartelli e non solo arrestare i piccoli scagnozzi che guidano i camion.

Tesi 7: L’Europa deve continuare ad accogliere i rifugiati, altrimenti perderà la sua identità.

La migrazione deve e deve essere gestita, ma non c’è motivo di isteria. L’Europa non è „sommersa“. Solo pochi dei principali paesi di accoglienza hanno fino a 5.200 richiedenti asilo per milione di abitanti, la maggior parte dei quali molto, molto meno. In confronto, la Giordania ha accolto quasi 180.000 rifugiati per milione di abitanti.

L’Europa è la culla dei diritti umani e il continente che ha sempre offerto protezione alle persone perseguitate per motivi umanitari. Fa parte del suo DNA politico. Alcuni oggi sostengono che l’unico modo per proteggere e preservare il carattere dell’Europa è circondare il continente con filo spinato e respingere le persone in pericolo di vita. E‘ proprio il contrario: il cuore dell’Europa, i suoi valori e le sue tradizioni vengono così distrutti e sostituiti da un sistema incompatibile con la democrazia e l’umanità.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta sul numero attuale della rivista INTERNATIONAL.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte immagine: Achilleas Chiras / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort