Germania, patria unificata?

Un commento di Bernhard Loyen.

La dinamica degli eventi, la discussione a livello nazionale dopo i risultati finali delle elezioni statali in Turingia non potrebbe riflettere in modo più brillante quanto profondamente si manifestino ancora le spaccature mentali tra la Germania occidentale e la Germania orientale.

All’inizio di novembre di quest’anno, i mesi di retrospettiva e di anniversario del passato tedesco-tedesco sono iniziati fino al gran finale di ottobre 2020, il 30° anniversario della cosiddetta riunificazione tedesca. Germania, patria unificata?

Queste tre parole si trovano nel primo verso dell’inno nazionale della RDT. La frase completa recita:

Risorto dalle rovine.
E si rivolse al futuro,
Lascia che ti serviamo bene,
Germania, patria unita.

Il fatto che il governo della RDT, cioè la parte orientale della Germania, non si sia opposto alla riunificazione dopo la separazione definitiva nel 1948 (attraverso la fondazione definitiva della Repubblica Federale Tedesca nel maggio 1949, a differenza della fondazione statale della RDT nell’ottobre dello stesso anno) dimostra il fatto piuttosto sconosciuto che la bandiera della RDT è rimasta identica a quella della Repubblica Federale dal 1949 al 1959. Una bandiera nero-rosso-oro (1). L’aggiunta di martello e bussola, circondati da una corona di mais, avvenne nell’ottobre 1959, per distinguerla definitivamente dalla bandiera della Repubblica Federale Tedesca. Tuttavia, l’inno non è stato ancora eseguito, fino al 1990 suonava solo strumentale.

Si deve ricordare che nell’autunno/inverno 1951 la SED ha chiesto negoziati tedesco-tedesco per libere elezioni con lo slogan „I tedeschi a tavola“. Konrad Adenauer, tuttavia, ha respinto i negoziati tedesco-tedesco perché considerava la RDT come un regime non legittimo di ingiustizia e quindi considerava solo il governo federale come avente il diritto di rappresentare tutti i tedeschi.

Nei libri di storia, la frase di Adenauer, che dovrebbe essere presa in considerazione anche per quanto riguarda le retrospettive future, è stata registrata con piacere in relazione al termine Stalin-Note 1952. Citazione:

„Meglio della metà della Germania nel suo complesso che della metà della Germania nel suo complesso.“(2)

La Germania è rimasta divisa. Seguirono quattro decenni di separazione di tedeschi, cittadini, famiglie e amici. Nel modo in cui vorrebbero vederla. Da allora, plasmato da due diversi modelli di società e di stato. Il motivo per cui la RDT è stata sciolta nell’ottobre 1990 non può essere spiegato qui e ora. Perché i cosiddetti anni di svolta sono più che decisivi anche per lo stato d’animo attuale, i rispettivi punti di vista, non possono essere spiegati a sufficienza né qui né oggi.

Consideriamo quindi piuttosto lo status quo dell’anno precedente all’anniversario dell’unità tedesca. Due giorni prima del trentesimo anniversario dell’apertura del Muro.

I media della Germania occidentale, i cittadini della Germania occidentale sono inorriditi. La Germania dell’Est ha votato tre volte quest’anno e questo con risultati che sembrano sconvolgere molte persone nelle regioni della Germania Ovest. Se si guarda all’analisi dei media, la Germania dell’Est sta per ricadere nei capitoli più oscuri della storia tedesca. Quale capitolo?

Diamo un’occhiata alla discussione sugli elettori della Turingia, che rappresentano gli Ossi, per motivi di attualità. Il risultato è così interessante sotto questo aspetto (3), dal momento che i partiti occidentali classici sono stati semplicemente messi fuori ufficio, smantellati senza eccezioni. Ciò non è del tutto vero, poiché l’AFD è anche un partito occidentale puro, compreso il candidato principale, ma in quanto tale è percepito solo in misura limitata. Da qui i vecchi partiti della Germania occidentale.

Il partito DIE LINKE è il vincitore, ma statisticamente è riuscito a mantenere il risultato del 2014, con un discreto guadagno. Il vincitore assoluto è l’AFD. Veniamo all’analisi degli shock dominata dalla Germania occidentale e definita. È possibile scegliere tra il 4° Reich e il DDR ricaricato.

C’era ed è il concetto di Jammerossis. Il termine è valido ancora oggi per i maschi tedeschi dell’Est. E‘ inteso come insulto e denigrazione e viene utilizzato di conseguenza. Perdente, perdente, perdente. Uno che non va d’accordo nel sistema dei vincitori, dove sono richiesti uomini toughe, casuali e orientati all’obiettivo. Dalle elezioni in Turingia noto ora sorprendentemente sempre più Jammerwessis. La mancanza di comprensione si mescola anche nel trentesimo anno di apertura del muro, accompagnata da un’ignoranza epocale delle sensibilità dell’anima e dello stato d’animo della Germania orientale.

La formula del folle Ossis, che fu rapidamente costruita da personale cinematografico, radiofonico e mediatico, nonché da ampi settori della scena politica della Germania occidentale, fu rapidamente trovata. I vecchi riflessi sono stati riattivati. Ora deve solo essere inciso sui tedeschi occidentali traumatizzati e scusati interessati come al solito negli ultimi decenni. Esempi. Cominciamo con moderazione.

La Germania mi sembra un paese in cui le tesi rapide sono spesso presentate sulla base delle osservazioni attuali. Questo è quello che penso in questo momento, soprattutto quando guardo alle discussioni su un „muro nella testa“ o una „divisione progressiva“ del nostro paese, dice un tedesco dell’Ovest, in questo caso il veterano della CDU di Berlino Ovest Eberhard Diepgen, nella Berliner Zeitung di fine ottobre (4). Chi è quello, molti si chiederanno? L’uomo ha un trauma reversibile. Poco prima dell’apertura del muro di Berlino, ha perso la sua elezione alla Camera dei Rappresentanti del Senato Rosso-Verde sotto la guida di Walter Momper-SPD. Cioè, è scomparso dalle immagini dei libri di storia. La vendetta contro i politici della RDT, non la SPD, fu quindi rinviata all’anno 2000, quando Diepgen (come senatore di giustizia) fece trasferire personalmente il successore di Honecker, Egon Krenz (condannato nel 1999 a sei anni e mezzo di carcere (5)), nella prigione di Plötzensee. La Bild Zeitung era contenta all’epoca, citazione: perché questo giornale scrisse con piacere che Krenz era imprigionato nel „Plötze“ insieme ad assassini, omicidi e molestatori di bambini, ma si trovava ancora al loro seguito nella gerarchia dei prigionieri (6). Mentalita‘ di vittoria.

L’altro ieri, il sindaco di Berlino, Walter Momper (SPD), è stato permesso di guardare indietro nella FAZ. Il suo commento sullo stato della nazione, citazione: Walter Momper sulla caduta del muro di Berlino: „Non c’è motivo per i tedeschi dell’Est di lamentarsi“ (7).

(Nota dell’autore: ieri, 6 novembre, il sottotitolo della presentazione online era: „Non c’è motivo per i tedeschi dell’Est di gemere“. Il 07.11. è stato cambiato in: „Avevo paura di un bagno di sangue in mezzo alla città“. Inoltre è da oggi dietro una barriera salariale)

Riferendosi ai giorni storici del novembre dell’89, ricorda, citazione: Domanda: Quanto era grande la sua paura di un’escalation? Molto grande, perché siamo stati direttamente colpiti al confine di Berlino. In quei giorni avevo costantemente paura delle sparatorie, di un vero bagno di sangue in mezzo alla città. Nella mia amministrazione, pensavamo ogni giorno a quello che potevamo fare per diminuire la tensione, ma non potevamo fare niente. La polizia di Berlino Ovest non è stata autorizzata a sparare oltre la linea bianca, che era il confine vero e proprio, e si sarebbe intensificata immediatamente. I libri di storia possono almeno confermare oggi che, durante l’intero periodo di sconvolgimento e riunificazione, nessun cittadino della RDT è stato ucciso da armi da fuoco (ad eccezione di Chris Gueffroy, che è stato ucciso nel febbraio 1989 durante un tentativo di fuga).

Tuttavia, suona meglio drammaturgicamente, cioè il pericolo di omicidio e omicidio colposo. Nell’intervista Momper parla in modo molto interessante degli eventi del 9 novembre. Tuttavia, la valutazione del presente diventa informativa. Lasciatelo parlare per se stesso, cito:

Domanda: 30 anni dopo la caduta del muro, ora siamo „un popolo solo“? Momper: A mio avviso Oriente e Occidente sono ancora molto diversi a 30 anni dalla caduta del Muro, ma le esperienze di vita sono troppo diverse per questo e anche i tagli fatti dalla caduta del Muro. Ma questo vale soprattutto per l’auto-percezione, soprattutto in Oriente. Molti ancora piangono per le cose lì. Ma gran parte di esso è ridicolo……

Domanda: Lei dice che i tedeschi dell’Est si lamentano troppo? Mamma: Già ogni anno prima del 3 ottobre i tedeschi dell’Est tornano e dicono che ci sentiamo trattati male. O dicono che nessun giudice federale viene dall’est. Ma questo non è un trucco, i giudici federali sono avvocati più anziani con una lunga carriera, non si può arrivare così velocemente. O avremmo dovuto installare le vecchie squadre del SED? Inoltre, dopo tutto, abbiamo un cancelliere della Germania dell’Est – cosa vogliono di più i tedeschi dell’Est? Non c’è motivo per i tedeschi dell’Est di lamentarsi.

Beh, sembra una mediazione, la costruzione di ponti o piuttosto…..edificante, arrogante? Forse una parola amichevole alla fine dell’intervista, poco prima dell’anniversario? Citazione: Domanda: Il sentimento di paternalismo da parte dell’Occidente che molti tedeschi dell’Est hanno ancora non è giustificato? Mamma: Non credo proprio, ma molti tedeschi dell’Est non lasciano che questa sensazione venga tolta.

Si può attualmente aumentare questo distacco, oltre agli 89 Hashtags a la FuckOstNazis e ai formicolanti tweet permanenti come quelli dell’SPD Stegner sull’argomento: AFD offre la tolleranza CDU e FDP di un governo di minoranza, citazione: „Questo corrisponde grosso modo al gesto amichevole di consegnare capsule di cianuro a qualcuno (8).

Nella percezione della Germania occidentale, si può trasformare il risultato elettorale di 180 gradi dalla cosiddetta destra al cosiddetto margine sinistro. Citazione: La vittoria della sinistra in Turingia dimostra che 40 anni di dittatura sono in gran parte dimenticati. Chi l’avrebbe potuto immaginare in quel momento! Il partito la cui dittatura è stata rovesciata 30 anni fa è diventato la forza politica più forte in Turingia la scorsa settimana in libere elezioni. Esattamente 343.736 elettori hanno fatto la loro croce con il partito, che dal 1989 si è ribattezzato quattro volte e ora si chiama Die Linke.

L’autore di queste righe è Hubertus Knabe. Negli anni del cambiamento, che affonda le sue radici a Brema negli anni ’80, ha intrapreso una carriera ripida. Nel 1978, Knabe fondò un comitato per la liberazione del dissidente della RDT Rudolf Bahro. Dopo un tentativo di contrabbando letteratura politica vietata nella RDT, gli è stato vietato l’ingresso nel paese. Knabe si è vendicato dello stato della RDT e dei suoi corrispondenti compagni lavorando nel dipartimento di ricerca del Commissario federale per i documenti della Stasi dal 1992 al 2000, lavorando così per il mutato hater della RDT Joachim Gauck. Dal dicembre 2000 Knabe è stato direttore scientifico del Memoriale di Berlino-Hohenschönhausen nell’ex carcere centrale della Sicurezza di Stato.

Durante questo periodo ha affinato la sua retorica riguardo a confronti provocatori, formulati con discrezione, provocatori. Nel 2000 ha creato l’indicibile confronto tra l’ex carcere di Berlino e il campo di concentramento di Dachau, citazione: „Cioè, se si può paragonare, il Dachau del comunismo (9). Knabe poteva e poteva e poteva farlo. Come promemoria, durante i dodici anni di dominio nazista, più di 200.000 persone provenienti da tutta Europa sono state imprigionate nel campo di concentramento di Dachau. Quasi 42.000 di loro sono morti e lui è rimasto nel suo lavoro fino al 2018.

Knabe permette ora ai lettori del mondo di iniziare i loro nervi, perché noterebbe l’allarmante rinascita del socialismo in Germania (10). Concretizza mentali e blocchi che chiede, citazione: Come è possibile che 40 anni di dittatura socialista siano in gran parte scomparsi dalla memoria? E perché questa dittatura è poco associata al partito che un tempo la gestiva? Infine: i tedeschi hanno imparato abbastanza dalla storia della RDT per non cadere di nuovo nella dolce utopia del socialismo?

Oberlehrer Knabe conclude: „Il fatto che il regime della SED stia lentamente cadendo nell’oblio è prima di tutto una normale reazione umana. Un’intera generazione è ora cresciuta di nuovo che la RDT non ha più sperimentato. Ma mentre il nazionalsocialismo, che risale a molto più lontano, è ampiamente bandito, la dittatura della SED è spesso vista come neutrale o addirittura positiva – se si sa anche cosa significano le lettere D-D-D-R. E‘ sorprendente, tuttavia, che il mondo non abbia messo il termine DDR tra virgolette nell’articolo alla vecchia maniera di Springer.

In sintesi, poco prima dell’anniversario dell’apertura del Muro, appare un paese ancora diviso. La pagina di satira Postillion scherzava dopo le elezioni in Turingia: i tedeschi occidentali si stanno gradualmente rendendo conto di cosa si intendeva per „muro di protezione antifascista“ (11). Divertente, vero?

L’Atlante della Felicità 2019 significa qualcosa per te? Le frasi che seguono, a differenza del Postillion, non vogliono essere satiriche. Citazione dal Tagesspiegel: „Alta soddisfazione in Oriente e Occidente. Secondo uno studio, in Germania le persone sono prevalentemente soddisfatte della loro vita. Ciò vale anche per l’Est, in particolare per la Turingia e la Sassonia (12). Il Süddeutsche è stato in grado di dire ai suoi lettori, citazione: „La Germania sta diventando più felice….La felicità degli abitanti della Germania orientale sta raggiungendo anche un massimo di 7,0 punti, scrivono gli autori….dall’Università di Friburgo. Hanno creato l’Atlante della felicità per conto della Deutsche Post. I valori dell’Est sono ancora 0,17 punti dietro a quelli dell’Ovest. L’anno scorso era di 0,19 punti (13).

E ZEIT ne ha fatto questa follia (14), citazione: „Secondo la cosiddetta „Glücksatlas“, la soddisfazione di vita delle persone in Germania è particolarmente alta quest’anno. „Il mantenimento di una buona situazione occupazionale e l’andamento positivo dei redditi familiari, nonché una solida solidità della popolazione contro le cattive notizie meteorologiche dei media contribuiscono al valore massimo di soddisfazione“, ha detto Bernd Raffelhüschen, responsabile dello studio presso l’Università di Friburgo.

Il fatto che tali informazioni trovino la loro strada riflette la surrealtà del tempo in cui viviamo. Le decisioni elettorali dei cittadini responsabili, riferite a partiti democraticamente legittimati, sono negate, sono negate, sono negate a tutti gli effetti. Non si notano quasi mai le percezioni dei tedeschi dell’Est con le biografie della RDT. Katharina Witt è stata recentemente invitata a uno spettacolo degli anni ’80 su ZDF. La gente chiacchierava e ascoltava musica dell’epoca, ma solo da parte delle FRG. E‘ citato: Noi, cresciuti nella RDT, siamo „ignorati e dimenticati“(15).

In questo modo, il muro mentale continuerà ad essere preservato, e nuove trincee saranno fresate nella coscienza. Questo è quello che sembra Deutschlandfunk, citazione: Trattare con il razzismo. Odio? Sì, ma è la cosa giusta! L’odio che qui è in gioco non è un’emozione, non un semplice sentimento di inimicizia e non il desiderio di distruggere. Essa esprime una determinazione senza compromessi: difendere l’individuo e la libertà contro la tradizione e la coercizione (16).

Nel 2019, una decisione senza compromessi non significa attaccare l’avversario politico con contenuti, ma screditare all’unisono gli elettori di un partito come i nazisti. Difendere l’individuo e la libertà nel 2019 significa che se l’84,8% degli elettori non ha votato per l’AFD (17), vivono ancora in Turingia marrone. Libertà contro la tradizione e la coercizione significa due giorni prima dell’anniversario dell’apertura del muro, le persone che scelgono una festa il cui contenuto si legge: Contro la guerra, contro l’ulteriore smantellamento sociale, per più unione che unione come ingratitudine, dimenticanza e presumibilmente dittatoriale. Si può solo riassumere di conseguenza:

2019 – Germania, patria unita? Lontano da questo!

Fonti:

  1. https://de.wikipedia.org/wiki/Flagge_der_Deutschen_Demokratischen_Republik
  2. https://www.kas.de/web/geschichte-der-cdu/kalender/kalender-detail/-/content/stalin-schlaegt-den-drei-westmaechten-vor-verhandlungen-ueber-einen-friedensvertrag-mit-einer-gesamtdeutschen-regierung-aufzunehmen-stalin-note-.
  3. https://interaktiv.tagesspiegel.de/lab/landtagswahl-thueringen-2019/
  4. https://www.berliner-zeitung.de/berlin/mauerfall-in-berlin-und-friedliche-revolution/meinungsfreiheit-eine-stadt-ein-land-viele-meinungen/politiker-eberhard-diepgen-die-erinnerungskultur-macht-uns-zu-einem-land-33359712
  5. https://www.spiegel.de/politik/deutschland/urteil-egon-krenz-muss-ins-gefaengnis-a-51437.html
  6. https://www.neues-deutschland.de/artikel/844605.ena-krenz-wirft-diepgen-willkuer-vor.html
  7. https://www.faz.net/aktuell/politik/inland/walter-momper-zum-mauerfall-und-der-wiedervereinigung-16462995.html?printPagedArticle=true#pageIndex_2
  8. https://twitter.com/Ralf_Stegner/status/1192066915067408387
  9. Berliner Zeitung vom 01.12.2000
  10. https://www.welt.de/debatte/kommentare/plus202916134/Erbe-der-DDR-Der-Sozialismus-erfreut-sich-einer-stillen-Renaissance.html?wtrid=socialmedia.socialflow….socialflow_twitter
  11. https://www.der-postillon.com/2019/10/antifaschistischer-schutzwall.html
  12. https://www.tagesspiegel.de/politik/gluecksatlas-2019-die-gluecklichsten-ostdeutschen-wohnen-in-thueringen/25192898.html
  13. https://www.sueddeutsche.de/panorama/gluecksatlas-deutschland-1.4668388
  14. https://www.zeit.de/gesellschaft/zeitgeschehen/2019-11/gluecksatlas-2019-lebenszufriedenheit-deutsche-west-ost
  15. https://twitter.com/DLFNachrichten/status/1188090904726441985
  16. https://www.deutschlandfunkkultur.de/umgang-mit-rassismus-hassen-ja-aber-das-richtige.1005.de.html?dram:article_id=462197
  17. https://www.welt.de/politik/deutschland/article201978616/Landtagswahl-Thueringen-Das-ehrliche-Ergebnis-inklusive-Nichtwaehler.html

+++
Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Suggerimento per l’immagine: Martin Nagel/ otturatore

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort