Gli allarmisti. I media stanno alimentando i timori per il coronavirus

Un punto di vista di Wolfgang Wodarg.

L’hype corona non si basa su alcun pericolo medico straordinario. Tuttavia, causa un notevole danno alla nostra libertà e ai nostri diritti personali a causa di misure di quarantena frivole e ingiustificate e di norme di divieto.

Le immagini dei media sono spaventose e il traffico nelle città cinesi è regolato dal termometro clinico. Il carnevale di Venezia è stato annullato dopo che un anziano paziente dell’ospedale in punto di morte è risultato positivo.

Quando anche una manciata di persone nell’Italia settentrionale è risultata positiva, l’Austria ha immediatamente chiuso temporaneamente il Brennero. A causa di un sospetto caso di coronavirus, oltre 1.000 persone non possono lasciare il loro hotel a Tenerife.

Sulla nave da crociera Diamond Princess, 3.700 passeggeri non hanno potuto sbarcare. All’inizio di febbraio, 126 persone sono state portate da Wuhan in Germania in aereo e sono rimaste in quarantena in perfetta salute per più di due settimane. I virus della Corona sono stati rilevati in due delle persone sane.

Scenari horror simili si sono ripetuti più volte negli ultimi due decenni. Ma la „pandemia di influenza suina“ dell’OMS è stata in realtà una delle più miti ondate influenzali della storia e non sono solo gli uccelli migratori ad aspettare ancora oggi l’influenza aviaria.

Attualmente non stiamo misurando l’incidenza delle malattie coronavirus, ma l’attività degli specialisti che le cercano. Tutte le istituzioni che ora ci avvertono della necessità della prudenza ci hanno più volte deluso. Troppo spesso sono corrotti istituzionalmente da interessi secondari dell’economia e/o della politica.

Chi non vuole inseguire frivoli messaggi di panico, ma preferisce valutare il rischio di una diffusione responsabile dell’infezione, deve utilizzare una solida metodologia epidemiologica.

Questo include guardare il „normale“, la linea di base, prima di poter parlare di qualcosa di speciale. In realtà, quasi nessuno ha prestato attenzione ai coronavirus. Ad esempio, nei rapporti dell’Istituto Robert Koch (RKI) sono menzionati solo marginalmente perché nel 2002 c’è stata la SARS in Cina e perché dal 2012 in Arabia (MERS) sono state osservate alcune trasmissioni da dromedari all’uomo.

Non c’è nulla riguardo a una presenza regolarmente ricorrente di virus corona in cani, gatti e maiali o anche nell’uomo, anche in Germania. Tuttavia, gli ospedali pediatrici di solito sanno molto bene che una parte non trascurabile della polmonite virale, spesso grave, è regolarmente causata anche da virus corona in Germania.

Considerato che, come è noto, il 7-15 per cento delle malattie respiratorie acute (ARE) sono causate da virus corona in ogni „ondata influenzale“, i numeri dei casi che ora vengono continuamente sommati sono ancora completamente all’interno del normale range.

Circa una persona su mille muore durante le ondate di infezioni invernali. L’applicazione selettiva dei metodi di rilevazione – per esempio, solo nelle cliniche e negli ambulatori medici – può facilmente portare questo tasso ad altezze allarmanti, perché chi ha bisogno di aiuto lì di solito sta peggio di chi è convalescente a casa.

Dall’inizio dell’anno, l’attenzione del pubblico, della scienza e delle autorità sanitarie è improvvisamente cambiata completamente. Alcuni medici di Wuhan (12 milioni di abitanti) sono riusciti ad attirare l’attenzione di tutto il mondo con meno di 50 casi inizialmente e alcuni che sono morti nella loro clinica, in cui avevano identificato i virus corona come l’agente patogeno.

Le mappe colorate che ora ci vengono mostrate su carta o su schermi sono impressionanti, ma di solito hanno meno a che fare con la malattia che con l’attività di capaci virologi e folle di giornalisti sensazionalisti.

Ovunque siano stati effettuati tali test – il 13 febbraio 2020 erano disponibili quasi 9.000 test alla settimana in 38 laboratori in tutta Europa – finora sono stati quasi sempre trovati presto e ogni caso diventa un evento mediatico autosufficiente.

Il solo fatto che la scoperta di un’infezione da coronavirus comporti una ricerca particolarmente intensa nel suo ambiente spiega già molti cluster regionali. I rapporti dell’orrore di Wuhan erano qualcosa che i virologi di tutto il mondo stanno aspettando. I ceppi del virus nei frigoriferi sono stati immediatamente scansionati e confrontati febbrilmente con i nuovi arrivati di Wuhan.

Un laboratorio del Charité ha vinto la gara all’OMS e ha potuto commercializzare i suoi test interni in tutto il mondo a più riprese al solito prezzo. Tuttavia, è meglio non essere testati per i virus corona per 200 euro. Anche se si ha solo una leggera infezione „simil-influenzale“, c’è un rischio del 7-15 per cento di rilevare virus corona, secondo diversi anni di studi prospettici in Scozia (dal 2005 al 2013).

Un’individuazione di coronavirus avrebbe gravi conseguenze per la vita quotidiana delle persone indagate e per l’ambiente circostante, come si può vedere da tutti i media senza una lunga ricerca.

Tuttavia, il ritrovamento in sé non ha alcun significato clinico. È solo uno dei tanti nomi per le malattie respiratorie acute (ARE), che mettono temporaneamente fuori combattimento dal 20 al 40 per cento di tutte le persone nel nostro paese più o meno ogni inverno.

Secondo un buon studio scozzese, i patogeni più comuni che causano malattie respiratorie acute sono: 1. rinovirus, 2. virus A dell’influenza, 3. virus B dell’influenza, 4. virus RS e 5. coronavirus. L’ordine è leggermente cambiato di anno in anno.

Anche con i virus che competono per le nostre cellule delle mucose, apparentemente il quorum cambia, come lo sappiamo dal nostro intestino con i microrganismi e dal Bundestag con i partiti.

Quindi, se ora ci sarà un numero crescente di infezioni da coronavirus „provate“ in Cina o in Italia:

Qualcuno può dire con quale frequenza sono state effettuate tali indagini negli inverni precedenti, con chi, in quale occasione e con quali risultati? Se si afferma che qualcosa sta diventando più grande, si deve sicuramente fare riferimento a qualcosa che è stato osservato in precedenza.

Si può essere abbastanza sbalorditi quando, come un esperto osservatore di malattie, si osserva il tumulto attuale, il panico e la sofferenza che si sta causando. Sarà certamente lo stesso per molti dei responsabili, che probabilmente oggi rischierebbero il loro lavoro, come fecero allora con l'“influenza suina“, se si opponessero al mainstream.

Ogni inverno abbiamo un’epidemia di virus con migliaia di morti e milioni di persone infette anche in Germania. E sempre i coronavirus hanno la loro parte.

Così, se il governo tedesco vuole fare qualcosa di buono, può farlo proprio come gli epidemiologi di Glasgow e far sì che le menti brillanti dell’RKI osservino prospetticamente (sic!) e vedano come il virom della popolazione tedesca cambia di anno in anno in inverno.

La politica deve anche garantire che l’affidabile lavoro scientifico nell’Istituto Robert Koch, nell’Istituto Paul Ehrlich e in altri uffici diventi di nuovo più facile.

Lavorare in modo scientifico non significa parlare con i politici o con la comunità imprenditoriale secondo i loro desideri. La scienza è affidabile quando utilizza metodi trasparenti per mettere in discussione le presunte conoscenze in modo professionale e coerente in ogni momento.

Anche se questo a volte richiede molto tempo, può salvarci da molte costose aberrazioni sanitarie, che i cani da guardia contro l’influenza vogliono farci credere.

E per l’individuo:

Chiunque sia sospeso dalla quarantena solo a causa di un test PCR coronavirus positivo e subisca perdite finanziarie può avere diritto a un risarcimento ai sensi dell’articolo 56 della legge sul controllo delle infezioni. Ma bisogna anche difendersi da una prigionia senza senso.

Riguardo all’autore:

Wolfgang Wodarg MD, nato nel 1947, è internista e pneumologo, specialista in igiene e medicina ambientale, nonché in sanità pubblica e medicina sociale. Dopo il suo lavoro clinico come internista, è stato, tra l’altro, per 13 anni, funzionario della sanità pubblica nello Schleswig-Holstein, allo stesso tempo docente presso le università e le scuole universitarie professionali e presidente del comitato di esperti per la tutela dell’ambiente in materia di salute presso la Schleswig-Holstein Medical Association; nel 1991 ha ricevuto una borsa di studio per la Johns Hopkins University /Baltimore/USA (epidemiologia) Come membro del Bundestag tedesco dal 1994 al 2009, è stato promotore e relatore della commissione di Enquête „Etica e diritto della medicina moderna“.

+++

Nota sull’articolo di Rubikon: questo testo è stato pubblicato per la prima volta su „Rubikon – Magazin für die kritische Masse

La pandemia di Corona. A causa dell’isteria mediatica e politica di massa sull’argomento, Rubikon dedica un numero speciale al romanzo corona virus, che sarà pubblicato il 14 marzo 2020.

+++

Grazie agli autori per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: ArTono / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort