Gli estremisti della Corona | Di Jens Bernert

In un’intervista, il portavoce della Polizia Critica, la Corte costituzionale federale tedesca, ha parlato di pensatori laterali, estremisti di destra e delle azioni dei politici e delle autorità.

Un punto di vista di Jens Bernert.

Su e giù per il Paese, la politica e l’opinione pubblica ritraggono gli oppositori delle violazioni dei diritti fondamentali nel contesto della crisi di Corona come nazisti, direttamente o indirettamente attraverso il „Reichsbürger-Trick“ (trucco del cittadino del Reich), spesso con la messa in scena di bandiere del Reich alle manifestazioni (1-3). In realtà, la situazione è piuttosto inversa: mentre i manifestanti cercano di opporsi al fascismo in abiti nuovi, le autorità controllate dall’alto usano metodi fascistoidi e di polizia statale contro persone di tutto lo spettro della popolazione che rifiutano la „Nuova Normalità“ in quanto contraria ai diritti umani e alla costituzione.

Il portavoce federale dell’associazione „Critical Policemen – Federal Working Group of Critical Policemen and Policewomen“ ha commentato in un video le „manifestazioni anti-corona“ o le manifestazioni dei pensatori non convenzionali sui diritti fondamentali a Berlino e Lipsia (4, 5). In questo contesto, ha parlato anche della calunnia contro i manifestanti e delle azioni non statali nel settore della polizia.

video: „Il portavoce federale degli agenti di polizia critici commenta lo spiegamento della polizia a Berlino e Lipsia“, Youtube (5).

Il portavoce dei portavoce della Polizia Critica si è espresso nell’intervista, tra le altre cose, come segue:

„Nelle avventurose accuse contro il movimento dei pensatori laterali, presumibilmente minato dagli estremisti di destra, controllato dagli estremisti di destra (…) Questo è assurdo. Nel frattempo, mi sono fatto un’idea in sette città. Tutti in Occidente.

Questa è la popolazione media. Sociologicamente così sano, la destra e la sinistra possono solo sognarselo.

È sempre il caso che gli scrocconi cercano di far quadrare i conti. È stato il caso del movimento antinucleare, il movimento per la pace. E‘ lo stesso ovunque. Anche nella storia del clima con Greta e, e, e, e, e (…) Questo non può essere un criterio.

Questo balbettio impotente ora anche di recente da parte dei presidenti di vari uffici statali per la tutela della costituzione, che bisogna osservare in particolare i pensatori laterali a causa dell’influenza estremista di destra, esprime ancora una volta l’impotenza della politica. Perché i responsabili di Berlino hanno capito da tempo di aver condotto questo Paese in un vicolo cieco con la loro incasinata gestione della crisi nel caso Corona.

Sappiamo che ci sono stati interventi in varie parti della Repubblica Federale da parte della polizia con metodi di servizio segreto. Sono così seri e terrificanti.

Non è solo questo incidente ad Amburgo con quattro giovani poliziotte protettrici, che erano motivate come investigatrici sotto copertura, eccessivamente motivate a insinuarsi nella fiducia a sinistra con le leggende. Poi tre di loro con storie d’amore lesbiche, che sono quindi appositamente ginnastica attraverso i letti, in modo che possano disegnare meglio le informazioni. Si tratta di un unico disastro per uno Stato di diritto sano, democratico e pluralistico, che dovrebbe rappresentare la Repubblica Federale Tedesca.

Tali incidenti – le attività scoperte degli investigatori sotto copertura – si stanno verificando anche a Heidelberg. Io stesso sono stato in grado di esporre due investigatori sotto copertura nei miei movimenti in questo campo del pensiero laterale. Non solo io, ma sono stato coinvolto. Un informatore che era in movimento nei loro gruppi – tutti loro sono stati finora neutralizzati, almeno per i gruppi in cui si sono fatti notare, ma naturalmente saranno reintegrati. Si deve presumere che nella parte orientale della Repubblica Federale Tedesca praticamente ogni iniziativa sia stata infiltrata.

Così l’ammonizione dalla bocca dei presidenti degli uffici per la tutela della costituzione è più diretta al proprio popolo e a se stessi. Quello che stanno facendo è altamente dannoso, estremista, anticostituzionale – dai ranghi dei protettori costituzionali.

E lo dico come qualcuno che una volta era il portavoce della politica interna di un gruppo parlamentare dei Verdi nel Bundestag, e che quindi aveva la massima competenza possibile in questo settore all’interno del gruppo.

Misure politiche abbastanza normali

Ancora una volta, le accuse naziste contro i manifestanti contro le misure anti-corona sembrano particolarmente grottesche anche perché la politica e le autorità tedesche sono da tempo coinvolte nella cooperazione con i classici nazisti non solo attraverso i V-persone, cioè hanno molto sporco sulle mani a questo proposito, mentre i cittadini comuni che protestano non possono mostrare queste cose nei loro CV (6). Uno degli esempi più eclatanti è lo scandalo degli omicidi dell’NSU con il coinvolgimento delle autorità, e qui in particolare gli eventi in Assia, in quanto sono visibilmente esposti a tutti e sono particolarmente eclatanti.

Nel Frankfurter Neue Presse, l’articolo „NSU murder series. Verfassungsschützer Temme: Niente visto, niente sentito“ sullo scandalo della NSU (7):

„L’ex protezionista costituzionale Andreas Temme si trovava in un internet café di Kassel quando il suo proprietario è stato vittima della serie di omicidi della NSU. Ma l’uomo non vuole aver visto o sentito nulla al riguardo. Questo è quanto afferma nel suo secondo interrogatorio a Wiesbaden. (…) Al contrario, ha appreso dell’omicidio il giovedì solo la domenica attraverso la lettura di un giornale locale. Tuttavia, secondo i testimoni, Temme conosceva l’arma con cui è stato commesso il crimine appena un giorno dopo. E questo non era sul giornale, come l’ha accusato la rappresentante della SPD Nancy Faeser.

Junge Welt scrive su „Il caso Temme“ (8):

„Il Tribunale regionale superiore (OLG) di Monaco di Baviera, secondo la sua decisione del 12 luglio 2016, ritiene credibile che Andreas Temme, che all’epoca era un testimone e sedeva nella stanza accanto, non abbia sentito alcun colpo – un uomo che passa il suo tempo libero nel club di tiro a segno. Sembra plausibile che Temme, un costituzionalista dell’Assia, che ha lasciato il caffè poco dopo l’attentato, abbia detto di aver superato tre volte il moribondo alla ricerca del giovane proprietario senza vederlo disteso dietro un tavolo. È credibile che il leader del V-man alto circa 1,90 metri non abbia visto né gli schizzi di sangue sul tavolo alto 73 centimetri sul quale ha messo una moneta per il computer, né l’halit Yozgat che giaceva dietro di esso“.

La rivista Telepolis intitolata „Verfassungsschutz vuole chiudere il rapporto NSU per 120 anni“ (9):

„120 anni – per questo periodo l’Ufficio di Stato per la tutela della Costituzione (LfV) dell’Assia ha bloccato un rapporto interno, che potrebbe anche occuparsi dell’omicidio NSU di Kassel e del possibile coinvolgimento del suo dipendente Andreas Temme. Da un lato, questo fa sorgere il sospetto: ciò che dovrebbe essere tenuto segreto per così tanto tempo deve essere esplosivo. D’altra parte, questo assurdo embargo può essere inteso come un messaggio per il pubblico e per coloro che vogliono continuare a educare: „Non otterrete nulla di più da noi. Arrenditi! Si tratta di una brusca rottura di un’autorità di sicurezza con il principio di legalità nello stato costituzionale della RFT, espressione della disperata lotta difensiva contro gli sforzi in corso per ripulire il complesso di omicidi dell’NSU.

Ma è andata „meglio“. Il Frankfurter Rundschau ha riferito nell’articolo „Bouffier conosceva Temme?“ che Temme è stato promosso a ufficiale giudiziario e trasferito al consiglio regionale di Kassel del successivo assassinato Walter Lübcke (10):

„Si dice che l’allora ministro degli Interni e l’odierno primo ministro Volker Bouffier (CDU) abbia partecipato almeno una volta ad un „gruppo di lavoro del CDU per la tutela della costituzione“, che anche il controverso ex protettore della costituzione Andreas Temme ha visitato a volte. (…)

Andreas Temme è stato temporaneamente sospettato di aver commesso il reato fino alla cessazione delle indagini contro di lui nel gennaio 2007. Non è tornato all’Ufficio per la tutela della Costituzione, ma è stato trasferito al Consiglio regionale di Kassel e „promosso al rango di magistrato“, come scrive l’Iniziativa. (…)

Elenca le incongruenze associate ad Andreas Temme. Secondo le conclusioni della commissione d’inchiesta dell’NSU, non c’è stato „nessun vero procedimento disciplinare contro di lui“.

Più tardi il giornale „Frankfurter Rundschau“ ha riportato: „Il caso di omicidio di Lübcke“. Il protettore costituzionale Temme è stato coinvolto con Stephan E.“ (11):

„L’ex protettore costituzionale dell’Assia, Temme, aveva affari ufficiali con il presunto assassino di Lübcke.“

In Junge Welt l’intervista al Prof. Funke con il titolo „Bouffier avrebbe dovuto dimettersi“ afferma l’omicidio di Lübcke e ha bloccato i file della NSU: L’esperto esige conseguenze politiche. Intervista con Hajo Funke“ sullo scandalo delle autorità politiche della NSU (12):

Junge Welt: Il primo ministro dell’Assia Volker Bouffier ha promesso „chiarimenti senza riserve“ la scorsa settimana dopo l’arresto del neo-nazista Stephan Ernst come principale sospettato dell’omicidio del presidente del distretto di Kassel, Walter Lübcke. Questa affermazione di Bouffier le sembra credibile dal suo punto di vista?

Funke: Un chiarimento senza riserve significherebbe fornire al procuratore generale federale tutti i dossier necessari dell’Assia. Ma stiamo sperimentando da giorni che questo non sta accadendo. L’Ufficio di Stato dell’Assia per la tutela della Costituzione ha accettato di fornire solo il fascicolo di Stephan Ernst. Ma i fascicoli dell’indagine di follow-up dell’Ufficio di Stato per la tutela della Costituzione sulla NSU devono ancora essere tenuti sotto chiave per 120 anni. Anche la Procura federale non li ha ancora ricevuti. Bouffier dovrebbe dimettersi se continua a ostacolare le indagini, come nel caso dell’omicidio di Halit Yozgat nel 2006″.

Non dovrebbe quindi sorprendere che anche la Corte di giustizia europea decida che le procure tedesche non sono autorizzate a emettere un mandato d’arresto europeo perché, secondo la sentenza, non sono indipendenti dalle istruzioni dei ministri della giustizia. Tribuna Legale Online: „CGCE sul mandato d’arresto europeo: I pubblici ministeri tedeschi non sono abbastanza indipendenti“ (13):

„I pubblici ministeri tedeschi non offrono sufficienti garanzie di indipendenza nei confronti dell’esecutivo per essere autorizzati ad emettere un mandato d’arresto europeo (CGCE). Ciò è stato deciso dalla Grande Camera della Corte di giustizia europea (CGCE) lunedì scorso (sentenza del 27 maggio 2019, causa C-508/18). (…)

Per gli uffici del pubblico ministero in Germania non è legalmente escluso che in singoli casi un’istruzione di un ministro della giustizia possa influenzare il loro lavoro, hanno detto lunedì i giudici in Lussemburgo. Il punto di partenza della decisione della Corte di giustizia europea è una formulazione dell’articolo 6, paragrafo 1, della corrispondente decisione quadro dell’UE sul mandato d’arresto (2002/584/GAI), secondo cui il mandato d’arresto può essere emesso solo da una „autorità giudiziaria“ di uno Stato membro. Questa autorità deve essere in grado di lavorare „in modo indipendente“.

La manifestazione di Hanau del 22 agosto 2020 – dopo Black Lives Matter e tra le due grandi manifestazioni di Berlino – in memoria delle vittime dell’attentato di Hanau del febbraio 2020 e delle altre vittime degli attacchi estremisti di destra, tra cui „Kassel“, è stata vietata dalle autorità per motivi di „corona“ (14). L'“Iniziativa 19 febbraio Hanau“ ha scritto nella sua richiesta di sostegno in vista della prevista manifestazione (15)

„Le persone in lutto, i feriti e i sopravvissuti chiedono

– una dignitosa commemorazione e ricordo nello spazio pubblico, da loro creata
– Giustizia e risarcimento
– il chiarimento completo del crimine e la responsabilità delle autorità statali per il tentativo di assassinio
– conseguenze politiche urgenti e necessarie sia in Assia che a livello nazionale. (…)

Le domande centrali dei parenti sulle azioni della polizia e di altre istituzioni statali prima, durante e dopo la notte del crimine rimangono senza risposta e anche sei mesi dopo non ci sono conseguenze politiche. (…)

Né ad Hanau, né ad Halle, né a Kassel, i singoli colpevoli sono stati autori sul posto di lavoro, ma assassini che si sentono incoraggiati e confermati dall’incitamento razzista.
Gli osservatori della Polizia Critica su „Storming the Reichstag“ (Assalto al Reichstag)

Quindi le élite di potere hanno certamente un cuore per i nazisti. Anche il senatore degli Interni di Berlino Geisel, che come è noto cerca ripetutamente di proibire o in qualche modo impedire in qualche modo le manifestazioni della Legge fondamentale della crisi della Corona, non è fondamentalmente contrario alle manifestazioni naziste – a causa dell'“importanza della libertà di riunione“ (16):

„Nelle scorse settimane era stato chiesto a più parti di vietare la manifestazione neonazista. Tuttavia, l’amministrazione degli interni del Senato di Berlino aveva respinto questa proposta e aveva sottolineato l’importanza della libertà di riunione“.

Il 29 agosto si è svolta a Berlino la grande manifestazione contro le misure della Corona e le violazioni dei diritti fondamentali: „Berlino invita l’Europa – Festival per la pace e la libertà“. Ci sono state anche proteste da parte di altri gruppi. Un „assalto al Reichstag“ da parte di un massimo di qualche centinaio di persone ha fornito le immagini politicamente desiderate, con migliaia di persone che hanno partecipato alle dimostrazioni e ai raduni veri e propri di quel giorno. Gli esperti dell’Associazione degli agenti di polizia giudiziaria, che erano sul posto a Berlino con quattro osservatori, hanno spiegato in un comunicato stampa ciò che molto probabilmente c’è dietro l'“assalto del Reichstag“ (17). Ecco un estratto:

„Tentato assalto al Reichstag

Tuttavia, la polizia di Berlino – non la polizia del Bundestag – ha davvero strappato il numero fino a poco prima delle 20:00. Il confronto (di polizia) sul terreno del Bundestag tedesco è molto impegnativo.

L’ingresso occidentale con un prato davanti e i padiglioni per i visitatori – un insieme spaventoso e imbarazzante per l’importanza e l’architettura dell’edificio del Reichstag per circa 10 anni grazie a false valutazioni di sicurezza dello Stato.

La polizia del Bundestag, un tempo polizia di Lammert, ora polizia di Schäuble, viene deliberatamente ritirata dal ramo esecutivo dei governi statali e federali, ma naturalmente non può mantenere la sicurezza esterna con i suoi 200 agenti di polizia anche in situazioni di polizia come quella di ieri, se centinaia di cittadini istigati e pazzi vogliono forzare l’ingresso in violazione delle forme e dei termini.

Questa è responsabilità del capo delle operazioni, cioè della polizia di Berlino. Dal momento che almeno una sezione operativa sarà stata allestita per il Reichstag, l’onore di assicurare il Reichstag contro i disturbi esterni potrebbe essere stato concesso ieri per l’ultima volta a questo capo sezione. Lo speriamo! Ma non si sa mai con la polizia di Berlino.

Ma c’è un’altra possibile spiegazione. La sezione „Sicurezza esterna del Bundestag tedesco“ è affidata a un esperto capo della polizia. Non si tratta di un tratto qualsiasi del percorso o di qualcosa di simile per la pratica. – Se così doveva essere, quasi tutto parla del fatto che questo ufficiale ha deliberatamente lasciato che la mafia – non c’erano nemmeno diverse centinaia di estremisti di destra(!) – si spingesse così lontano per guadagnare più punti con il senatore e il suo presidente.

Presto sapremo la verità: O il capo della polizia avrà problemi interni e non troppo pochi, oppure – forse dopo un periodo di vergogna – non solo continuerà la sua carriera senza controllo, ma la accelererà addirittura.

Questi sono i metodi abituali nelle forze di polizia, ma anche in altre autorità.

Non c’è molto altro da scrivere. Il sottoscritto stesso ha sentito in parte il singhiozzo dell’oratore di questa assemblea di destra di fronte all’ingresso occidentale dell’edificio del Reichstag. Era o è un pessimo oratore, farfugliando, esprimendosi in modo impuro, ma chiaramente emettendo cose stupide e incitando: ‚La polizia vuole proteggere questo governo‘, e ́Wir deve fare qualcosa adesso. Ora la gente, o ́Ruft tutti su Twitter ecc…

Gli agenti sotto copertura pagati dal governo hanno controllato la „Tempesta“?

Era quindi riconoscibile anche alle menti non allenate che qui si cercava almeno di dinamizzare uno scenario di pericolo e di minaccia in uno scenario di disturbo tangibile o più nel senso delle leggi di polizia. Purtroppo, anche questo è riuscito. Tuttavia, ciò è stato decisivo a causa delle prestazioni negative del capo della sezione di polizia (vedi sopra).

Naturalmente, la responsabilità è in primo luogo dei partecipanti a questa azione kamikaze; ma seguita da vicino da questa sezione di polizia e forse anche dai leader dei V-Man! Come già per la NSU e altri casi. Perché – non dimentichiamolo – chi non ci dice che anche questo agitatore di altoparlanti era o è sul libro paga di un servizio o di una forza di polizia?

E con questo esprimiamo le nostre più sentite congratulazioni in modo tecnicamente ironico o cinico per il fatto che la prognosi del senatore dell’Interno potrebbe essere confermata da un lavoro di polizia maldestro (o dal lasciar andare le lunghe file calcolate?). La politica federale ha prontamente fornito il marcato sostegno: „Grande che la polizia abbia protetto il Reichstag“ (Seehofer come BMI). E molti pettegolezzi…

Una foglia di fico necessaria dopo che i divieti sono stati battuti „intorno alle orecchie“ del senatore dell’Interno dai tribunali amministrativi. Buon per il signor Geisel e i suoi magliatori del divieto. Ma questo non cambia affatto il fatto che le persone che, a parte questo piccolo gruppo di randagi, si sono allontanate la sera e hanno trasformato una manifestazione sul prato davanti al Bundestag tedesco nel Reichstag in una tempesta ridicola, i partecipanti alle dimostrazioni e agli incontri veri e propri si sono trovati davvero bene, rilassati e di buon umore.

Le autorità chiederanno senza successo – anche a noi poliziotti critici – di rivelare quanti informatori e quante altre categorie di informatori erano presenti agli incontri.

Questa richiesta è particolarmente importante per il teatro di Stato (seconda tragedia) davanti all’ambasciata russa, ma anche per il numero speciale sul Reichstag. Non c’è bisogno di essere un vero esperto di polizia per capire che a causa dell’origine del gruppo di persone riunite di tutte le manifestazioni di ieri a mezzogiorno, pomeriggio e sera da parte delle varie forze di polizia di stato e della polizia federale, ma soprattutto anche delle decine di persone della LfV, le decine di persone della LfV erano sul posto a Berlino.

Non c’è altro modo. Soprattutto tra gli estremisti di destra, ma anche tra la NPD, l’AfD (totalmente infettati da V), gli informatori hanno dovuto andare con loro per non attirare l’attenzione nelle loro aree di intervento. E proprio questo wisp-club davanti all’edificio del Reichstag la sera, da cui doveva essere girata la „Tempesta della Bastiglia“, doveva essere frequentato da vari informatori. Vogliamo sapere:

Prima di tutto, quale ruolo?
2. con quali azioni?
3. da quali autorità?

Ancora una volta: questo ordine di interdizione di Berlino è stato tanto imbarazzante e superfluo quanto questa violazione serale della pace contro il Reichstag, sede di due organi costituzionali, all’interno della chiamata di un terzo organo costituzionale (Cancelliere federale) e di due stazioni della S-Bahn del quarto organo costituzionale (Presidente federale)!

Il tutto non solo ha l’aspetto di una stupida opera teatrale (statale), ma purtroppo potrebbe essere un’altra di questa serie. E molti ci cascano, rispettivamente la maggior parte di loro ama partecipare“.

Protestanti inorriditi

Molti cittadini hanno o hanno avuto una certa fiducia di base nella politica e nei media. Anche le persone critiche assumono qui un certo minimo morale. Questa fiducia è amaramente delusa soprattutto ai tempi di Corona. Ne è un esempio la relazione del Prof. Dr. Hans-Werner Vohr, professore di Immunologia e Immunotossicologia e, tra l’altro, redattore di un libro di testo in due volumi sulla tossicologia e dell'“Enciclopedia di Immunotossicologia“, che ha partecipato alla dimostrazione di misure anti-corona a Berlino il 1° agosto 2020 (18):

„Eravamo fermamente convinti che i ‚media di qualità‘ non ci avrebbero mai mentito. Nel corso della crisi di Corona, ci siamo dovuti rendere sempre più conto che i media pubblici manipolano la popolazione non solo omettendo, ma anche diffondendo deliberatamente mezze verità. La grande manifestazione del 1° agosto a Berlino ci ha ora mostrato molto da vicino e quindi anche in modo opprimente e chiaro quanto sia massiccia e spietata non solo la cronaca tendenziosa, ma anche le menzogne raccontate apertamente da questi media. E questo, anche se centinaia di migliaia di partecipanti e spettatori a margine hanno potuto vedere con i propri occhi le vere dimensioni. (…)

Tuttavia, siamo stati colti da incredulo stupore, rabbia e grande vergogna quando abbiamo sentito la notizia dai media pubblici la sera. Come possono mentire così palesemente coloro che occupano posizioni di responsabilità in politica e nei media, quando migliaia di persone sul campo lo sanno meglio? Se ci siamo vergognati di tali rappresentanti del nostro Paese, di mezzi di comunicazione che sono simili come negli Stati totalitari, per un tempo sufficientemente lungo, allora rimane solo una cosa:

Agire legalmente contro questa menzogna e continuare a lottare per la libertà e la pace!

Condizionamento abbastanza normale.

La propaganda è sempre esistita anche nella comunità dei valori occidentali, e più massiccia di quanto la maggior parte della gente si renda conto. Ma negli ultimi anni ha raggiunto una nuova qualità in tutti i settori importanti per le élite di potere. La gente viene anche condizionata come un cane pavloviano e viene addestrata per i critici dei media, i critici di guerra e altri critici delle élite del potere. Recentemente anche su „I critici di Corona“.

Lo scienziato Ivan Pavlov ha condotto esperimenti con i cani da canile all’inizio del XX secolo: Al dono del cibo segue la salivazione, al suono di una campana non segue nulla. Tuttavia, se il suono della campanella viene ripetuto ripetutamente in relazione all’offerta di cibo, i cani reagiscono presto al tono con la sola salivazione. Pawlow ha chiamato questo fenomeno condizionamento. Ha ricevuto il premio Nobel per questa prova di condizionamento classico.

Oggi la popolazione è in linea di principio condizionata allo stesso modo dei cani di Pavlov e, in ultima analisi, è addestrata per opporsi alla propaganda dei governanti. Per esempio, l’affermazione „i nazisti sono critici dei media“ viene ripetuta più e più volte – anche in versioni più innocue e meno appariscenti, per esempio come sostituto di „AfD“ – finché la gente non ha „i critici dei media sono nazisti“ nel cervello quando la campana suona di nuovo, cioè si sente la critica dei media. I termini sono collegati tra loro e anche se ne siete a conoscenza, è difficile affrontarli.

Ciò che funziona con i nazisti e i Co. funziona anche con i „pazzi“. I „teorici della cospirazione“ sono considerati tali nel parere pubblicato. E questi a loro volta, secondo giornalisti e propagandisti di qualità, sono a loro volta coloro che contraddicono le dichiarazioni ufficiali su eventi importanti, forniscono controprove e continuano a scoprire crimini e cospirazioni reali e a fare un vero e proprio lavoro giornalistico. La propaganda ama mescolare i filosofi dell’Illuminismo, che vengono chiamati folli teorici della cospirazione, con una manciata di persone che credono nell’invasione dei Lizardmen o che la terra sia un disco, per poter diffamare meglio i filosofi dell’Illuminismo.

Anche qui viene utilizzato il dressage della popolazione attraverso il condizionamento. Mille volte è diffuso che le persone che si occupano criticamente dei media, della politica e dei loro „attivisti“ nel senso della scienza, dell’illuminazione e della ricerca della verità sono teorici della cospirazione. Quando la campana suona di nuovo, il cittadino „sa“ che il critico „antiufficiale“ non può che essere un pazzo, o almeno si allontana quasi istintivamente.

Spesso si verifica un doppio o multiplo condizionamento, cosicché, ad esempio, il critico propagandistico per i condizionati appare come un „folle teorico della cospirazione nazista“. Poi, come un „normale“ – e ora proprio come un „nuovo-normale“ – uno „per sicurezza“ lascia le dita fuori da tali „teorie pericolose“ – cioè la verità e l’esposizione delle atrocità della classe dirigente. Anche se i fatti parlano ovviamente contro questi ultimi e li smascherano come bugiardi (19).

E, naturalmente, il condizionamento non funziona solo con la critica dei media. Anche tutti i critici della Merkel „sono nazisti e psicopatici pazzi“, tutti i critici dell’UE „sono nazisti e psicopatici pazzi“, tutti i critici di guerra „sono nazisti e psicopatici pazzi“, tutti i critici del sistema finanziario „sono nazisti e psicopatici pazzi“, tutti i critici dello sfruttamento dei paesi in via di sviluppo „sono nazisti e psicopatici pazzi“, tutti i critici della sorveglianza e della censura „sono nazisti e psicopatici pazzi“, tutti i critici della violenza della polizia e dello stato di polizia „sono nazisti e psicopatici pazzi“, tutti i critici delle „misure Corona“ „sono nazisti e psicopatici pazzi“. E così via.

Fonti:
(1) https://www.rubikon.news/artikel/die-nazi-inszenierung
(2) https://www.rubikon.news/artikel/weltweiter-widerstand
(3) https://www.rubikon.news/artikel/wasserwerfer-gegen-burger
(4) https://www.kritische-polizisten.de/
(5) https://www.youtube.com/watch?v=KnEqTC6yCeA
(6) http://blauerbote.com/2020/11/19/politik-und-nazis/
(7) http://www.fnp.de/rhein-main/Verfassungsschuetzer-Temme-Nichts-gesehen-nichts-gehoert;art801,2046682
(8) http://www.jungewelt.de/2016/07-25/012.php
(9) https://www.heise.de/tp/features/Verfassungsschutz-will-NSU-Bericht-fuer-120-Jahre-wegschliessen-3772330.html
(10) https://www.fr.de/rhein-main/nsu-prozess-ere68532/kannte-bouffier-temme-11057378.html
(11) https://www.fr.de/politik/hessen-verfassungsschuetzer-temme-stephan-befasst-13126669.html
(12) https://www.jungewelt.de/loginFailed.php?ref=/artikel/357516.aufkl%C3%A4rungsblockade-bouffier-m%C3%BCsste-zur%C3%BCcktreten.html
(13) https://www.lto.de/recht/justiz/j/eugh-europaeischer-haftbefehl-deutsche-staatsanwaelte-nicht-unabhaengig/
(14) https://www.corodok.de/mit-corona-antifaschistinnen/
(15) https://19feb-hanau.org/2020/08/05/unterstuetzungsaufruf/
(16) https://www.berlin.de/aktuelles/berlin/4969359-958092-neonazimarsch-wegen-rudolf-hess-blockade.html
(17) https://www.kritische-polizisten.de/2020/08/verbot-des-demonstrationsverbots/
(18) https://www.rubikon.news/artikel/trauriger-tiefpunkt
(19) http://blauerbote.com/2020/10/11/die-herrschaft-der-wahnsinnigen/

In questo contesto si consigliano i libri „Elemente und Ursprünge totaler Herrschaft“ di Hannah Arendt e „Die öffentliche Meinung“ di Walter Lippmann.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta su blauerbote.com

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: komokvm / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort