Hong Kong – Pura follia occidentale pura

Il punto di vista di Peter König.

L’impunità con cui gli Stati Uniti attaccano Hong Kong è folle. Allo stesso tempo, o anche più folle è la copertura di ciò che sta succedendo a Hong Kong da parte dei media occidentali. Non una parola su come l’incredibile voto „pro-democrazia“ si è verificato nelle elezioni del consiglio distrettuale, che sono state piuttosto insignificanti. Dei 18 consigli di contea, 452 su 479 seggi (71%) sono stati assegnati a candidati „pro-democrazia“.

Un voto così estremo contro Pechino poteva essere ottenuto solo attraverso una massiccia propaganda occidentale ad un costo di milioni di dollari, basata su algoritmi sviluppati secondo i principi di Cambridge Analytica, che (apparentemente) oggi non esiste più. E questo è stato il caso con il 70% degli elettori idonei che andavano alle urne.

Nessuno di questi risultati praticamente irrealistici è stato analizzato e riportato dall’Occidente. In realtà, la stragrande maggioranza di Hong Kong è malata e stanca della violenza di ispirazione occidentale, ma molto orgogliosa di essere cittadini cinesi. I propagandisti dicevano loro che la scelta dei candidati alla „democrazia“ era la via della pace. E la pace è ciò che tutti vogliono. Dopo tutto, integrati in Cina nel 1997, hanno goduto di molta più libertà che nel colonialismo britannico, dove non hanno avuto nemmeno il permesso di votare per i loro consigli distrettuali.

L’assurdità non si ferma qui. Il Congresso degli Stati Uniti ha recentemente approvato una legge che consentirebbe agli Stati Uniti di monitorare la „democrazia“ e i diritti umani a Hong Kong, il cosiddetto Human Rights and Democracy Act, con la riserva che le sanzioni sarebbero state imposte se Pechino avesse violato le regole imposte dagli Stati Uniti. Riesci ad immaginarlo? Qualcuno può immaginare questa arroganza onnicomprensiva?

Il Congresso degli Stati Uniti sta approvando leggi per controllare un altro territorio straniero? E l’Occidente se ne va con lui. Potrebbe anche accadere presto in Europa che gli Stati Uniti prescrivano ciò che le nazioni sovrane sono autorizzate a fare e ciò che non lo è. E‘ già successo.

Gli Stati Uniti proibiscono all’Europa con chi vogliono fare affari – cioè l’Iran, altrimenti saranno puniti. Nessun commento. E‘ solo il nuovo normale. Nel caso di Hong Kong, Pechino ha protestato, chiamando due volte l’ambasciatore americano per discutere la questione – senza successo.

Diventa ancora più ridicolo. La signora Michelle Bachelet, Alto Commissario della Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani a Ginevra, ha pubblicato un articolo nell’edizione di sabato del South China Morning Post in cui si chiede un’indagine completa, indipendente e imparziale sul comportamento della polizia in relazione alle proteste per il rafforzamento della fiducia. L’affermazione di per sé è già di per sé condivisibile, in quanto non affronta in alcun modo la violenza ispirata dall’esterno dei manifestanti che utilizzano, ad esempio, un campus universitario per costruire bombe Molotov e altri dispositivi incendiari.

Il governo cinese ha immediatamente rimproverato l’articolo in cui accusava la signora Bachelet di fomentare ulteriori „violenze radicali“.

In un comunicato della domenica, Chen Yaou, portavoce della missione permanente della Cina alle Nazioni Unite, ha lanciato un attacco devastante contro il cosiddetto „cattivo articolo“ di Michelle Bachelet. Chen ha sottolineato che la Cina „si è fortemente opposta“ all’articolo di Bachelet, dicendo di aver interferito negli affari interni della Cina e che avrebbe solo incoraggiato i dimostranti ad usare una forza più radicale. Aggiunge il sig. Chen:

„I manifestanti hanno cercato di creare il caos nella RAS di Hong Kong, paralizzare il governo della RAS di Hong Kong e prendere il potere amministrativo della RAS di Hong Kong per prevalere sul principio „un paese, due sistemi“.

Cheng ha anche detto che il suo governo sostiene pienamente Hong Kong Chief Executive Carrie Lam.

Nonostante la schiacciante votazione a favore della democrazia del 24 novembre 2019, le proteste continuano. Migliaia di persone sono scese in strada sabato pomeriggio e si sono radunate davanti al Consolato degli Stati Uniti nel mezzo per „esprimere la loro gratitudine“ per aver approvato l’Hong Kong Human Rights and Democracy Act.

Hanno sventolato le bandiere degli Stati Uniti, hanno cantato il vessillo dello Star-Spangled e hanno chiesto maggiore sostegno. Si impegnano a non lasciar andare finché non saranno state soddisfatte tutte le loro richieste.

In sostanza, vogliono la completa indipendenza da Pechino e diventare una colonia americana. Dovrebbero guardare a Puerto Rico, cosa significa essere una colonia americana, cosa Washington ha in stock per le sue colonie. Oppure dare un’occhiata più da vicino alla loro storia, dovrebbero guardare alla loro storia coloniale britannica – e ricordare il loro stato di oppressione, i diritti quasi nulli di cui godevano allora.

Cosa significa tutto questo per Hong Kong? Al momento del passaggio del Regno Unito alla Cina nel 1997, Hong Kong rappresentava circa il 18% del PIL cinese. Anche prima dell’inizio delle proteste, circa sei mesi fa, la percentuale era scesa ad appena il 3 per cento. Negli ultimi mesi i risultati economici di Hong Kong hanno continuato a diminuire, poiché le principali istituzioni finanziarie cercano la stabilità e lasciano Hong Kong alla ricerca di luoghi più sicuri, Singapore e persino Shanghai, che sta rapidamente diventando il centro finanziario dell’Est.

Il vero scopo dello status speciale cinquantennale di Hong Kong negoziato dal Regno Unito (e dagli Stati Uniti) con Pechino era quello di mantenere in vita questo paradiso finanziario orientale non regolamentato per le transazioni finanziarie occidentali, spesso illegali ed evadibili dal punto di vista fiscale, di cui i banchieri e finanzieri occidentali – britannici e statunitensi – erano i principali beneficiari e profittatori. Queste proteste violente di ispirazione statunitense hanno lo scopo di destabilizzare il governo di Pechino – che è ovviamente un gioco di flauto – quando in realtà si sta lentamente suicidando. Washington e Londra disattivano la capacità di riciclaggio di denaro sporco di Hong Kong.

E se il livello di criminalità intollerante e di violenza contro la maggior parte dei cittadini di Hong Kong a causa di questo sconvolgimento della RAS, ispirato e finanziato dall’esterno, Pechino potrebbe porvi fine in meno di 24 ore. Così semplice. L’Occidente non poteva che sguazzare, ma non dire nulla, perché ha il pieno diritto di Pechino, il diritto di ristabilire la legge e l’ordine nei suoi territori.

Ebbene, guardiamo di nuovo all’arroganza degli Stati Uniti nell’approvare leggi per controllare un territorio straniero. Qualcuno potrebbe immaginare il contrario logico? La Cina sta approvando leggi per vietare qualsiasi interferenza straniera nel suo territorio con la minaccia di sanzioni. Questi potrebbero includere il divieto totale di importazione di alcune merci statunitensi, come i prodotti agricoli, o l’arresto di importanti esportazioni verso gli Stati Uniti (iPhone, computer, altri prodotti statunitensi fabbricati in Cina), il divieto di ingresso in Cina per alcuni cittadini statunitensi – o, Dio non voglia, la costruzione di una base militare in Venezuela e/o Messico; il Messico è il più recente paese latino-americano ad essere molestato dagli Stati Uniti per il governo di sinistra.

Solo quando la faccia uguale alla pari può forse, forse solo forse, forse, si può raggiungere una coesistenza armoniosa e pacifica. Questo vale sia politicamente che economicamente – e nell’economia la Cina è il leader non detto con una moneta forte e stabile, sostenuta dai suoi risultati economici e dall’oro, rispetto ad un’intera economia non solo statunitense ma anche occidentale basata sulla moneta Fiat.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte immagine: AndriiKoval / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort