Il caso di Julian Assange, il caso di Hans e Sophie Scholl

Un commento di Dirk Pohlmann.

Per decenni, giornalisti e politici sono stati impegnati a prevenire retroattivamente il Terzo Reich. Più a lungo è passato, più forte sarà combattuta. Politici e giornalisti parlano, film e testi con determinazione contro un sistema completamente disconosciuto, che nemmeno i pochi sostenitori clandestini esistenti osano elogiare. Di conseguenza, non dicono: Auschwitz era buona! Ma Auschwitz non esisteva. Oppure: non ci sono stati 6 milioni di ebrei uccisi, ma in qualche modo meno. I pochi, miserabili difensori di Hitler iniziano ripetutamente schermaglie che possono solo perdere. Sono dei perdenti. Ma non sono il problema maggiore.

Più a lungo è passato l’impero millenario, meno i sopravvissuti sono ancora coinvolti, più forte è la spinta dei potenti e dei produttori di senso a prendere le distanze da qualcosa a cui non è più impegnato chi è ragionevolmente sano di mente. Il dominio nazista oggi serve alla rituale auto-assicurazione di essere dalla parte giusta. Come definizione generalmente accettata del più grande negativo possibile, ha una funzione di costruzione della comunità, l’evocazione del pericolo del loro ritorno non genera realmente paura, ma piuttosto un senso di appartenenza. I nostri politici sfilano davanti al Mausoleo di Hitler, per così dire, per presentare la loro indignazione ritualizzata, per ottenere la consacrazione della massima distanza possibile, e per assicurare la loro fedeltà alla struttura di potere dominante dell’area maggiore. Questo disgusto ci permette di stare al fianco delle potenze vittoriose della seconda guerra mondiale e della guerra fredda. Se i politici tedeschi celebrano il D-Day in Normandia come una vittoria sul dominio nazista, ma dimenticano i 27 milioni di russi morti che hanno combattuto per la vittoria degli alleati, se piangono sugli ebrei uccisi e ignorano i russi uccisi, allora diventa chiaro al più tardi che non si tratta di una disputa finalizzata alla verità, ma della partecipazione a rituali che simbolicamente significano riconoscimento della pretesa di governo degli USA. In questo contesto, la dissociazione dal dominio nazista può anche essere usata come giustificazione per aumentare il bilancio di guerra.

I governi usano l’energia distruttiva negativa, che la svastica ancora oggi irradia, come plutonio storico, come aiuto alla guida per i loro scopi. I nazisti, che avevano fatto del diritto del più forte, il darwinismo sociale, fondamento della loro ideologia, continuano a vivere nella spietatezza, nella rivendicazione del potere di un impero che ha installato il suo dominio come valore supremo e chiede obbedienza. Questo è un processo dialettico.

Questo nesso diventa particolarmente evidente nei procedimenti giudiziari. A tutti gli imperi piace punire, pomposamente, con la più grande messa in scena possibile. Vogliono distruggere e quindi presentarsi come governatori del bene. La scelta delle parole dei loro giudizi, le circostanze della condanna sostengono che le persone da loro scelte per l’annientamento sono la feccia dell’umanità, che deve essere affrontata con ogni durezza. Così accade che un combattente della resistenza viene chiamato „malfattore“ davanti alla Corte del Popolo, viene umiliato durante l’esecuzione, e poi qualche anno dopo viene onorato come eroe ed uomo esemplare, da cui prendono il nome le strade e gli edifici. Dai nuovi governanti. Roland Freisler, presidente della Corte Popolare di Giustizia, ha suonato al verdetto sulla Rosa Bianca: „Durante la guerra gli accusati chiamavano in volantini per il sabotaggio dell’armatura e per il rovesciamento dello stile di vita nazionalsocialista del nostro popolo, diffondendo idee disfattiste e insultando il leader nel modo più comune e favorendo così il nemico del Reich e minando così la nostra forza militare….. Quindi, per la protezione dei combattenti e del Reich, la Corte Popolare aveva una sola giusta punizione: la punizione: la nostra forza militare…. Per la protezione del popolo combattente e del Reich, la Corte Popolare aveva una sola giusta punizione: la punizione: la punizione del popolo.

Thomas Mann ha detto della Rosa Bianca: „Giovani coraggiosi e meravigliosi. „Non sarai morto invano.“

Non è difficile capire che un buono stato di salute non emette tali condanne a morte, ma al contrario fornisce o crea un luogo per giovani, profondamente idealisti, dove possono lavorare, a beneficio di tutti. Più mite e benevolo regna su di loro, maggiore è il suo valore. Il valore di una società può essere visto nel modo in cui tratta i suoi dissidenti, i critici e i suoi membri più deboli.

Nel fare i conti con l’ingiustizia storica, non si tratta in primo luogo di fare i conti con il passato, una parola strana, un allontanamento dalla colpa; si tratta di affermare che non si è stato un carnefice, ma uno spettatore, in un certo senso una vittima delle circostanze. Non è questa la volontà di dire la verità.

Si tratta di affinare il senso di giustizia – e il coraggio civile. Si tratta di cercare somiglianze di ingiustizia nel presente e di utilizzare le intuizioni acquisite quasi artisticamente nel qui e ora. Quando un insegnante racconta ai suoi studenti di Hans e Sophie Scholl, non dovrebbe riguardare il passato, dovrebbe suscitare in loro il desiderio di capire come la gente come loro penserebbe oggi, cosa farebbero, cosa farebbero, cosa farebbero, cosa sosterrebbero o contro cui lotterebbero, dovrebbe permettere agli studenti di sperimentare intuitivamente la loro mente. Questo potrebbe portare ad un disturbo della pace, ma anche ad un arricchimento.

La grande promessa della democrazia è la capacità di riparare. Ci saranno sempre errori nell’azione statale, dipende da come si tratta, da cosa si fa di loro. La democrazia include la libertà di parola, la libertà di espressione, la consapevolezza che la discussione e il discorso senza la volontà di distruggere sono una cosa meravigliosa, il metodo migliore che le persone hanno sviluppato per consentire il progresso della conoscenza. Questo metodo si basa su una saggia e modesta conoscenza di sé: poiché nessuno sa esattamente cos’è la verità, è meglio quando molti la cercano. E c’è un bel compito per la società democratica descritto dal filosofo Karl Popper: l’abolizione della crudeltà.

Tanto più disgustoso è il modo in cui il cosiddetto libero Occidente libero, che, come realizzazione dello sviluppo storico, si sta muovendo verso un ordine sociale libero, verso la democrazia, che ha addirittura proclamato la fine della storia, si occupa ora di Julian Assange, Chelsea Manning ed Edward Snowden.

Chi non pensa al destino di Hans e Sophie Scholl di fronte al trattamento di questi prigionieri politici, che sostiene che non c’è somiglianza tra loro, perché una procedura si svolge in una dittatura, l’altra in uno Stato di diritto, è un eccellente scagnozzo, un soggetto obbediente, ma non un uomo con cuore e mente.

Ciò che minaccia queste persone, che hanno scoperto i crimini dei potenti, è la vendetta di un sistema che non crede nelle proprie fondamenta, in cui i criminali stessi restano impuniti.

La democrazia protegge la libertà di parola perché è fondamentale per la democrazia, come ha scritto la Corte costituzionale federale in una delle sue sentenze più sagge. Protegge l’individuazione delle lamentele. Protegge i media che ne parlano perché è il loro lavoro. Scoprire le lamentele, il crimine e la corruzione è il costante lavoro di riparazione di un sistema che conosce le sue imperfezioni ma punta alla perfezione.

Se il sistema fosse qualcosa di simile a quello che afferma di essere, sarebbe tutta questione se le infrazioni scoperte da Assange, Manning e Snowden siano state commesse e riferite in modo veritiero. Una vera democrazia si chiederebbe: è vero quello che dicono? E se la risposta è sì, deve proteggere i suoi informatori.

Una vera democrazia darebbe a Julian Assange l’opportunità di sviluppare ulteriormente Wikileaks sotto la sua protezione. Come correttivo, come agenzia di stampa che pubblica costantemente materiale grezzo sulle peggiori infrazioni dello stato. Ha fatto Edward Snowden ministro della sicurezza dell’informazione e ha nominato Chelsea Manning in un’università dove avrebbe insegnato etica pratica.

Non vorrebbe imprigionare e distruggere questi tre eroi.

Ma la realtà è diversa, oscura, la triste prova che i nostri stati sono sulla strada sbagliata.

Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna vogliono fare quello che molti dei loro politici hanno chiesto. https://www.youtube.com/watch?v=ZuQW0US2sJw Vogliono massacrare Julian Assange.

Nils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, ha chiarito che Julian Assange potrebbe morire a causa della tortura psicologica a cui è sottoposto. La tortura psicologica colpisce il corpo, i nervi, porta alla morte attraverso la degenerazione. Mente e corpo non sono separati. Questo sistema politico e le sue corti giocano con la possibilità della morte di Julian Assange. Vogliono distruggerlo.

Il sistema dei maiali che ha inventato Abu Greibh e imprigionato di nuovo Chelsea Manning, da cui Edward Snowden è fuggito a Mosca, che ha supervisionato tutti i suoi sudditi ma ha permesso a Epstein di compiere senza ostacoli i suoi abomini dei servizi segreti e poi probabilmente lo ha eliminato prima che potesse denunciare i suoi amici dell’alta borghesia, ora vuole uccidere anche i suoi dissidenti.

Che cosa è stato e veniva raccontato della malvagia URSS, che cosa hanno fatto con i loro dissidenti nel reparto psichiatrico. Quante lacrime di coccodrillo sono state versate al riguardo.

Questo sistema politico, in cui agisce di petto contro la libertà di stampa, si smascherebbe uno dei fondamenti indispensabili dei valori occidentali. Vuole governare nello stile di una repubblica delle banane, con processi segreti. E‘ una cattiva caricatura di per se stessa. E‘ la peste di cui si fingeva di essere la cura. Questo sistema politico dimostra la sua depravazione con la sua azione spietata contro i dissidenti. Chiunque lo aiuta e lo obbedisce è un volontario aiutante, un soggetto, ma non un democratico.

Questo sistema politico non crede nelle sue fondamenta proclamate a gran voce. Come disse Groucho Marx: „Questi sono i miei principi ferrei e immobili. Ma se non ti piacciono, ne ho anche altri“.

Questo impero ha solo una serie di valori e la potenza è in cima ad esso. La corrente si interrompe a destra. Ciò che gli Stati Uniti pensano del diritto e del diritto e dei trattati internazionali, si sono dimostrati abbastanza spesso negli ultimi anni. Anche il fatto che gli Stati europei non hanno il coraggio di affrontarla è stato dimostrato abbastanza spesso negli ultimi anni.

Chiunque voglia cooperare con questo impero in qualsiasi alleanza, lo accetta come potenza di punta, dimostra di approvare i suoi metodi e i suoi crimini.

Il fatto che nessun rappresentante dei Verdi fosse presente all’udienza sul caso Assange nel Bundestag, organizzato dalla sinistra, nemmeno un assistente scientifico, e SPD, CDU AfD e FDP hanno anche eseguito un NoShow completo, dimostra di chi sono. Dimostra che non c’è nemmeno il consenso democratico, spesso citato, su questa questione fondamentale. Si tratta di una dichiarazione politica di fallimento da parte di parlamentari tedeschi.

Attraverso il loro silenzio, segnalano il loro sostegno clandestino all’intenzione degli Stati Uniti di uccidere Assange. Questo è più importante per loro che difendere il „libero ordine democratico di base“, la popcrazia con cui maltrattano i loro avversari politici fin dagli anni ’70. L’FDGO era solo una frase utile per loro, senza senso, ma molto efficace nel distruggere i mezzi di sussistenza professionale.

Sono una raccolta di ipocriti molto pagati i cui discorsi a buon mercato al prossimo anniversario „Media Opportunity“ insulteranno la memoria di Hans e Sophie Scholl.

Vorrei dare a Hans e Sophie Scholl l’ultima parola. I giovani bravi e meravigliosi:

„Libertà e onore! Per dieci lunghi anni Hitler e i suoi compagni hanno spremuto le due splendide parole tedesche per disgusto, banale, contorto come solo dilettanti possono, che gettano i valori più alti di una nazione davanti alle scrofe. In dieci anni di distruzione di ogni libertà materiale e spirituale, di ogni sostanza morale tra il popolo tedesco, hanno mostrato abbastanza di ciò che si intende per libertà e onore. Anche i tedeschi più stupidi sono stati aperti agli occhi dal terribile bagno di sangue che hanno fatto in tutta Europa in nome della libertà e dell’onore della nazione tedesca, e che stanno facendo di nuovo ogni giorno“.

„La classe operaia deve essere liberata dal suo stato di più bassa schiavitù da un socialismo ragionevole. L’illusione dell’economia autosufficiente deve scomparire in Europa. Ogni popolo, ogni individuo ha diritto ai beni del mondo“.

„Strappate il mantello di indifferenza che avete messo intorno ai vostri cuori! Decidi prima che sia troppo tardi!

„E non solo i tedeschi devono provare compassione, no, molto di più: complicità. Perché attraverso il suo comportamento apatico dà prima di tutto a queste persone oscure l’opportunità di agire in questo modo, soffre di questo „governo“, che ha caricato su di sé una colpa così infinita, sì, è lui stesso da biasimare per il fatto che avrebbe potuto nascere in primo luogo!

Che siano stati giustiziati per tali pensieri giudica il sistema che ha commesso questo crimine. Per il presente significa: Dobbiamo impedire che il sistema in cui viviamo uccida Julian Assange.

In questo senso: Free Julian Assange. Il premio Nobel per la pace Mairead McGuire, la madre che ha contribuito in modo decisivo alla fine del conflitto in Irlanda del Nord, ha nominato Julian Assange, Chelsea Manning ed Edward Snowden per il premio Nobel per la pace. Insieme possiamo assicurarci che lo ottengano.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: 4-life-2-b / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort