Il costo delle guerre dopo l’11 settembre: 6,4 trilioni di dollari – 3,4 milioni di morti

Un commento di Hermann Ploppa.

Il 13 novembre di quest’anno si è svolto un grande momento di verità nel bel mezzo dell’establishment di Washington. Il senatore democratico Jack Reed del più piccolo stato americano delle Isole Rhode Islands aveva invitato due esperti della Brown University di Providence, la sua città natale. Neta Crawford e Catherine Lutz sono co-direttrici del progetto Cost of War alla Brown University. Hanno affrontato l’establishment di Washington con il fatto che dall’11 settembre 2001 sono state uccise, secondo le stime, 801.000 persone nelle guerre contro il terrore. (1)

Gli autori hanno chiarito che sono state contate solo le vittime di guerra direttamente coinvolte in atti di guerra. Il numero di morti in guerra sarebbe di gran lunga superiore se si aggiungessero quelle persone che non hanno ricevuto cure mediche adeguate a causa della distruzione delle infrastrutture civili causata dalla guerra. Neta Crawford stima il costo delle guerre combattute dopo l’11 settembre 2001 a un totale di 6,4 trilioni di dollari (americani: trilioni). (2)

Di questi, 5,4 trilioni sono rappresentati da operazioni militari in un totale di non meno di 80 paesi che dal 2001 hanno attirato gli Stati Uniti nelle loro guerre. Un altro trilione dovrà essere raccolto entro il 2059 per rifornire i veterani di guerra statunitensi. Gli autori attribuiscono importanza all’affermazione che queste guerre non sono state imposte agli Stati Uniti, ma sono state istigate arbitrariamente („per scelta“).

E i responsabili di queste guerre, tanto superflue quanto letteralmente disastrose, sono straordinariamente abili nel nascondere questi costi agli occhi della popolazione. Per l’anno fiscale 2018, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti aveva detto alle persone al di fuori del paese che l’onere fiscale delle guerre straniere contro il terrorismo in tutto il mondo era esattamente di 7.623 dollari per ogni cittadino statunitense in quell’anno. E‘ gia‘ abbastanza palese. Ogni anno per le guerre in paesi la cui posizione esatta quasi nessun cittadino americano può nominare, per non parlare delle esatte ragioni per cui i soldati americani devono agire con le armi per spendere tanto quanto per un’auto della classe media usata, è già abbastanza difficile da mediare. Questo è uno dei motivi per cui la distanza dei cittadini dal loro governo federale a Washington è in continuo aumento. Ma, secondo la Crawford, il Pentagono indica solo i costi diretti per le operazioni di emergenza all’estero. Ma i costi reali, come Crawford dimostra meticolosamente, sono distribuiti tra tutti i tipi di ministeri, in particolare: Il Dipartimento di Sicurezza Interna, il Dipartimento di Stato e, da non dimenticare, il Dipartimento dei Veterani, che è molto importante negli Stati Uniti. Se si aggiungono tutti questi elementi, ogni anno si riunisce un’auto nuova di media cilindrata per ogni cittadino americano.

Dall’11 settembre 2001, la guerra tra gli Stati Uniti e il resto del mondo ha assunto una qualità radicalmente nuova. Le prime guerre americane erano finanziate da aumenti delle tasse e dall’emissione di obbligazioni di guerra. Gli aumenti fiscali sono estremamente impopolari tra i cittadini statunitensi. Questa è una delle ragioni principali dell’ascesa di movimenti populisti di destra come il Tea Party, i cui sostenitori preferirebbero abolire del tutto lo Stato e sparare direttamente sulla luna all’establishment di Washington. Forse George Bush II. avrebbe fallito molto rapidamente se avesse imposto nuovi oneri fiscali ai cittadini americani per le guerre insensate e rovinose del mondo intero. Questo è il motivo per cui Bush e i suoi suggeritori Rumsfeld e Cheney hanno fatto ricorso ai mezzi del debito pubblico estremo. Si possono dire molte cose non così belle sul predecessore di Bush, Bill Clinton. Ma non solo aveva liberato il bilancio americano dal debito. Quando consegnò l’ufficio a Bush, il bilancio dello stato mostrò un grosso vantaggio. Il debito pubblico artificiale e disinibito ha un fascino irresistibile per la scena finanziaria. Perché ora lo stato USA insieme ai suoi cittadini è sprofondato nell’interesse profondo dell’osso schiavitù delle banche private. E ne vale la pena. Come spiega Crawford, il servizio del debito della sola macchina da guerra statunitense ha contribuito con 925 miliardi di dollari ai costi totali della guerra globale al terrorismo dal 2001. E, continua l’autore, anche se gli Stati Uniti dovessero ritirarsi dalla guerra globale al terrore durante la notte, non sarebbero in grado di uscire dal numero per generazioni in termini di costi. Il servizio del debito per gli interessi e gli interessi composti sarà mantenuto. E anche la cura per i soldati americani mutilati e gravemente traumatizzati – fino alla loro morte.

Questo ci porta ai costi fisici e psicologici del GWOT, come gli americani chiamano la Guerra Globale al Terrore nella loro breve furia. E sulle conseguenze infrastrutturali. La Brown University di Providence, una delle più antiche e venerabili università degli Stati Uniti, stima il numero di morti a 801.000 persone, solo in combattimento diretto. E stimano, ripeto, che il numero di morti causate dalla distruzione delle infrastrutture è „molto più elevato“. Questo è arrivato anche nell’orbita politica di Washington. Quel 13 novembre di verità non verniciate, Neta Crawford è intervenuta anche nel pomeriggio davanti al Congressional Progressive Caucus, un gruppo di parlamentari di entrambe le case del Partito Democratico, i cui membri diffamano lo strumento di propaganda del Pentagono Wikipedia come „antisemita“. (3) Il professore del Rhode Island ha presentato un articolo sulla distruzione ambientale causata dal GWOT. (4)

I membri del Congresso progressisti hanno cercato a lungo di portare in politica la giustizia sociale, la politica di pace e la considerazione delle minoranze. Il giornale online The Hill appartiene anche all’ambiente dei riflessivi. La collina allude al Campidoglio, la collina su cui sorge l’edificio del Congresso di Washington Capitol. In particolare, vogliono influenzare i membri del Parlamento e i loro collaboratori. E così uno straordinario, per gli standard americani, insolitamente sensibile, articolo sulle sofferenze delle vittime mondiali del GWOT apparso su The Hill lo stesso 13 novembre: „Calcola i costi della guerra: è tempo (finalmente) di assumersi le proprie responsabilità“. (5)

Qui si riportano in dettaglio le gigantesche conseguenze che la guerra ha sulla popolazione degli Stati Uniti: „Milioni di persone sono colpite in tutti gli Stati Uniti, il danno collettivo è difficilmente più rappresentabile“. Un quinto di tutti i veterani di guerra del dopo 11 settembre soffrono di disordini post-traumatici – espressi in cifre: 400.000 pietosi cittadini americani. Inoltre, il tasso di suicidi tra i veterani è aumentato enormemente. Oggi, il numero di IG che muoiono più per suicidio che per combattimento. I rimpatriati di guerra hanno maggiori probabilità di usare la violenza contro i loro familiari rispetto ad altri cittadini, e sono più inclini a commettere crimini e molti di loro finiscono per strada senza tetto. (6)

Ma i disordini tra la gente nei paesi rovinati dal mostro GWOT sono ancora maggiori. Anna Badkhen ne parla in modo molto vivo ed empatico già nel secondo organo centrale del Council on Foreign Relations (7), the Foreign Politics (8), già nel 2012. Badhken riferisce di un rapporto investigativo per conto del governo degli Stati Uniti. Secondo il rapporto, il 42% degli afghani era già diventato evidente con disordini post-traumatici nel 2002, cioè quando gli Stati Uniti avevano appena „iniziato“ la guerra al terrore. E più di due terzi degli afghani soffre di una grave depressione. Tra il 30% e il 70% della popolazione dei paesi in cui il Complesso Industriale Militare sta combattendo la sua guerra al terrore „porta le cicatrici del disturbo post-traumatico e della depressione“. Dall’11 settembre, si è radicalizzata una tendenza che era già visibile prima. Durante la prima guerra mondiale la guerra era ancora combattuta in zone speciali, ad esempio nelle trincee della Francia settentrionale. La popolazione civile è stata in gran parte risparmiata dai combattimenti. Già nella seconda guerra mondiale la popolazione civile era molto più fortemente coinvolta nei combattimenti con i bombardamenti. „Ma dopo quasi 50 anni di guerra fredda e 10 anni di guerra contro il terrore, la guerra che stiamo conducendo è diventata più personale. I campi di battaglia dei terroristi non hanno prima linea. Le brutte guerre confessionali portano i vicini a confrontarsi con i vicini. Le vittime di campagne di genocidio spesso conoscono il loro tormentatore per nome. Si ritiene che nelle guerre recenti almeno nove vittime su dieci siano civili“. Non esiste nemmeno un „Piano Marshall“ secondo il quale le città, i villaggi e i campi distrutti in terra potrebbero essere ricostruiti. Per gli afghani mentalmente rovinati, ad esempio, nel 2012 c’erano solo 200 letti di destra in più rispetto a quelli di destra negli istituti psichiatrici.

E il giornale The Hill dice al deputato: non solo che un iracheno su cinque soffre di gravi disturbi mentali. La situazione è ancora peggiore per i giovani, il 56 per cento dei quali soffre di disturbi post-traumatici. E 12,5 milioni e mezzo di persone provenienti da Iraq, Afghanistan, Pakistan e Yemen sono in fuga dal massacro di guerra nella loro patria. La Collina: „Non abbiamo l’obbligo di far fronte alla nostra responsabilità individuale e collettiva per la distruzione causata dal nostro governo? Sono stati i soldi dei nostri contribuenti e il nostro silenzioso consenso a rendere possibili queste guerre. Mentre gli Stati Uniti non sono ovviamente l’unico attore responsabile dei danni causati dalle guerre dopo l’11 settembre, i leader degli Stati Uniti hanno la responsabilità principale di aver scatenato guerre catastrofiche, che non erano comunque inevitabili, ma il risultato di decisioni consapevoli“.

Approfondimenti urgenti da parte degli Stati Uniti d’America. È dubbio, come sempre, che queste voci della ragione abbiano qualche possibilità di invertire la tendenza a Washington prima che si verifichi la grande implosione.

L’autore Hermann Ploppa ha appena pubblicato il suo ultimo libro „Der Griff nach Eurasien – Die Hintergründe des Ewigen Krieges gegen Russland“ („Reach to Eurasia – The Backgrounds of the Eternal War against Russia“), che può essere ordinato direttamente dall’autore: liepsenverlag@gmail.com.

Fonti:

  1.  https://watson.brown.edu/costsofwar/files/cow/imce/papers/2019/Direct%20War%20Deaths%20COW%20Estimate%20November%2013%202019%20FINAL.pdf
  2. https://watson.brown.edu/costsofwar/files/cow/imce/papers/2019/US%20Budgetary%20Costs%20of%20Wars%20November%202019.pdf
  3. https://de.wikipedia.org/wiki/Keith_Ellison
  4. https://watson.brown.edu/costsofwar/files/cow/imce/papers/Pentagon%20Fuel%20Use%2C%20Climate%20Change%20and%20the%20Costs%20of%20War%20Revised%20November%202019%20Crawford.pdf
  5. https://thehill.com/opinion/national-security/470128-reckoning-with-the-costs-of-war-its-time-to-take-responsibility
  6. https://www.youtube.com/watch?v=o9zRQijCN5w
  7. https://www.heise.de/tp/features/Der-Klub-der-Weisen-Maenner-3419681.html
  8. https://foreignpolicy.com/2012/08/13/ptsdland/

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Suggerimento fotografico: Sean Locke Fotografia / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

BitCoin Adresse: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort