Il vertice dell’ipocrisia

Un commento di Rainer Rupp.

„Rompere i tabù“, „Argine“, „Oltraggio“.

In vista dell’accordo segreto sull’elezione del ministro presidente nel parlamento statale della Turingia il 5 febbraio tra la CDU nazional-conservatrice, il neoliberale FDP e il neoliberale nazionalista AfD, l’indignazione morale dell’autodichiarato „politicamente decoroso“ non ha trovato fine. Non importava che, nonostante la grande e celebrata indignazione delle élite politiche consolidate e l’incessante frenesia mediatica, l’elezione del primo ministro avvenisse nel rigoroso rispetto delle regole democratiche. La prova migliore è che nessuno dei critici ha criticato i risultati delle elezioni per il mancato rispetto delle regole democratiche.

Tuttavia, le elezioni regionali in Turingia sono state dipinte dalle élite del partito bigotto di Berlino e dalle loro corone mediatiche come un colpo di Stato, una sorta di colpo di stato dell’AfD contro la nostra sacra „democrazia liberale“. Eppure, negli ultimi 15 anni, la signora Merkel e i suoi collaboratori hanno trasformato da tempo il nostro Paese in una democrazia „guidata dal mercato“, neoliberale-globalizzata, alla quale gli elettori non hanno „alcuna alternativa“. In relazione alla crisi finanziaria greca, l’allora ministro federale delle finanze, il Dr. Schäuble, lo aveva spiegato in modo inequivocabile al popolo greco.

All’epoca, il partito di sinistra, critico dell’UE, Syriza, aveva ricevuto il maggior numero di voti alle elezioni per aver posto fine alla brutale politica di tagli alle pensioni e al welfare. In risposta, Schäuble aveva avvertito i greci che potevano „votare quello che volevano“, ma la TROIKA dell’UE, della BCE e del FMI, sostenuta da Berlino, avrebbe garantito che la stessa politica sarebbe continuata. Questa dichiarazione del nobile democratico Schäuble è stata poi condannata dal politico di sinistra Gregor Gysi in un discorso al Bundestag (1) come „un attacco alla democrazia e alle elezioni democratiche“.

Forse Gysi dovrebbe anche essere ricordato il suo discorso di allora riguardo all’eccitazione della sinistra per l’elezione del ministro presidente in Turingia. Ma – questa è l’obiezione oltraggiata – questa volta è qualcosa di completamente diverso, perché è l’AfD che ne trae profitto. Aha, quindi le regole democratiche del gioco non si applicano ai partiti che sono popolari tra le parti del popolo, ma non piacciono ai nobili democratici autoproclamatisi democratici. Ma poi, a giustificazione dell’approccio antidemocratico, c’è la ben nota argomentazione killer che l’AfD non è affatto un partito democratico e che i suoi membri e i suoi elettori sono nazisti e razzisti tinti di lana.

Questo è semplicemente rivendicato dai membri della CDU/CSU, SPD, FDP, Verdi e membri del Partito della Sinistra e dai media, giorno dopo giorno. Non esiste una base giuridica per questo. Forse uno sguardo ai criteri che la Corte costituzionale federale ha elaborato all’epoca in relazione alla causa di divieto della NPD come anticostituzionale porterà più chiarezza.

Se l’AfD fosse davvero – come sostenuto – incostituzionale, dovrebbe essere un partito „diretto verso l’eliminazione dell’ordine di base liberaldemocratico esistente“ sulla base dei criteri della Corte costituzionale federale, e intende sostituire „l’ordine costituzionale esistente con uno Stato nazionale autoritario orientato verso la ‚comunità nazionale‘ etnicamente definita“. Inoltre, il loro concetto politico dovrebbe violare la „dignità umana“ ed essere „incompatibile con il principio della democrazia“. (Dalla decisione della Corte costituzionale federale del 17.01.2017).

Il secondo Senato della Corte costituzionale federale aveva all’epoca „respinto all’unanimità la mozione ammissibile del Bundesrat per dichiarare l’incostituzionalità della NPD … come infondata“. Tra le ragioni addotte per il rifiuto vi sono le seguenti

a) la NPD non ha senso.
b) „che c’è (attualmente) una mancanza di prove concrete di peso“, „che fa sembrare possibile che le loro azioni portino al successo.
e

c) che gli organi direttivi della NPD erano così pesantemente inframmezzati da agenti della Verfassungsschutz che non era più possibile distinguere esattamente quali azioni e posizioni politiche della NPD provenissero realmente dalla NPD e non dalla Verfassungsschutz. Pertanto, il Verfassungsschutz, che di fatto controllava la NPD ed era responsabile delle sue azioni, avrebbe dovuto essere effettivamente vietato.
Se l’alternativa per la Germania rappresenta davvero il grande pericolo per la nostra democrazia, come sostenuto da tutte le parti, allora la domanda è giustificata: perché non c’è una nuova mozione di divieto davanti alla Corte costituzionale federale? Analogamente al giudizio della NPD, questo può avere varie ragioni:

Poiché l’AfD, a differenza della NPD, è tutt’altro che insignificante in termini di dimensioni e di azione politica, questo punto non è applicabile.
È quindi, come per la NPD, dovuto alla mancanza di prove sufficienti e concrete di peso?
Oppure l’esempio della NPD vale anche per l’AfD, ovvero che l’infiltrazione del suo personale dirigente da parte di agenti dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione è talmente forte che una richiesta di divieto dell’AfD non ha alcuna possibilità fin dall’inizio e quindi non ne viene fatta alcuna.
Tuttavia, finché l’AfD non è vietato, esso appartiene al sistema dei partiti della democrazia civile come qualsiasi altro partito. E ricordate: la democrazia è quando il cittadino e l’elettore è il sovrano del paese e non l’élite del partito. Democrazia significa anche che le élite dei partiti devono accettare i risultati elettorali che non gradiscono.

In quale parte dello spettro politico si collocherebbe, ad esempio, un sistema in cui il capo del governo è in visita di Stato in Africa del sud e da lì dichiara invalidi i risultati elettorali in una provincia del proprio paese, per cui tutti i funzionari subordinati in patria attuano immediatamente la volontà del capo del governo dettata da lontano? Questa è democrazia? E a peggiorare le cose, questo esempio di dominio autoritario viene poi rallegrato dai media apparentemente liberi e indipendenti.

Immaginate se il „cattivo“ russo Putin e non il nostro sacrosanto cancelliere Merkel avessero fatto una cosa del genere.

Il professor Mausfeld ha commentato nelle pagine di riflessione (2) che l’attuale indignazione per lo „scoppio della diga in Turingia è „in gran parte avanzata“. Continuava:

„La lotta dei centri politici di potere contro la destra era ed è in verità sempre una lotta contro la sinistra. È vergognoso quanto frettolosamente ampie sezioni della sinistra cadano nell’esca delle parole che sono state stese e quanto a braccetto con Merkel e Seehofer mostrino la loro determinazione nella lotta contro la destra – qualsiasi persona veramente di sinistra dovrebbe sentirlo come un insulto quando i potenti lo chiamano a combattere contro la destra! Con questa strategia, il centro neoliberale è riuscito a mettere la sinistra nella paura permanente di apparire aperta alla destra e l’ha privata di importanti questioni fondamentali.

Senza riflettere, molti, troppi sinistrorsi si sono lasciati trasportare dal flusso di indignazione ancora in corso. Sono stati subito pronti ad andare alle barricate e a scagliare le pietre politiche volute dall’establishment neoliberale. Purtroppo, la maggior parte di loro è fermamente convinta di essere dalla parte del bene. E tutto è stato fatto per rafforzarli in questa convinzione.

Anche l’organizzazione sindacale ombrello DGB ha offerto comodi autobus in numerose località dell’Assia per viaggi di andata e ritorno gratuiti (3) a Erfurt per la scandalosa manifestazione contro gli estremisti di destra. Inoltre, gli autobus dall’Assia a Erfurt sono stati finanziati anche dall’Istituto Fritz Bauer, dalla Fondazione Bernd Reisig, da Aufstehen gegen Rassismus Rhein-Main, medico internazionale, attac Frankfurt, Demokult e.V. dell’alleanza „Unteilbar“ e altri.

Con la manifestazione sotto lo slogan „Nichtmituns – Nessun patto con i fascisti – mai“ il Gut-Wessis voleva ovviamente riportare gli elettori di destra della Turingia sulla via delle „virtù democratiche“. Le arroganti frasi vuote che hanno usato, tuttavia, non erano adatte a questo scopo, soprattutto perché hanno trasformato ogni elettore AfD in un nazista con cui non si parla e a cui non si è interessati: ecco alcune citazioni delle chiamate di sinistra:

„All’interno del FDP e della CDU c’è la volontà di cooperare con l’AfD. Siamo profondamente indignati. La conseguenza per tutti i democratici deve essere: Non ci deve essere alcuna cooperazione con l’AfD – né a livello federale, né a livello statale, né a livello locale! Chi fa accordi con i fascisti ha tutta la società solidale contro se stesso! Esprimeremo la nostra protesta a voce alta.

Molti dei sinistrorsi vociferanti amano definirsi tolleranti. Tuttavia, questo si esprime in modo molto unilaterale. La sinistra extraparlamentare sembra così totalmente concentrata sulla lotta contro i presunti fascisti dell’AfD che non è più in grado di protestare in modo significativo contro lo sfruttamento neoliberale e la politica estera aggressiva del governo tedesco e della cancelliera Merkel.

Sicuramente ci sono persone nell’AfD fino ai vertici della dirigenza, che si pavoneggiano con idee fasciste o nazionaliste. Ma tali persone sono state in gran numero per molti decenni ai vertici dei partiti statali, presumibilmente così democratici della Repubblica Federale, soprattutto nella CDU/CSU e nel FDP. I veri fascisti, tinti in profondità nella lana, con sangue vero sulle mani, salirono alle posizioni più alte del partito e dello stato. All’epoca, nessuno nel mainstream che sostiene lo Stato avrebbe scritto: „Chiunque faccia accordi con i fascisti ha l’intera società solidale contro di lui! In realtà è stato il contrario.

Fino agli anni Ottanta, l’intera „società solidale“ della Repubblica Federale ha fatto ottimi patti con i vecchi nazisti. Penso spontaneamente al „giudice nazista“ Hans Filbinger, che è arrivato fino al primo ministro del Baden-Württemberg nella CDU – nonostante il suo passato nazista, che è conosciuto in ambienti più vicini, comprese le condanne a morte che ha pronunciato. È stato il drammaturgo Rolf Hochhuth che per primo ha esposto pubblicamente Filbinger come „terribile avvocato“ nel 1978.

Ma c’era anche l’ex presidente della CDU Heinrich Lübke, che aveva lavorato come architetto e capocantiere nel campo di concentramento di Mittelbau-Dora. Lo storico Jens-Christian Wagner lo ha dimostrato esattamente nel 2001 nel libro „Produktion des Todes – Das KZ Mittelbau-Dora“. Il termine deriva dal presidente federale e dall’ex direttore del campo di concentramento Lübke.

Karl Carstens è stato un altro nazista della prima ora che è arrivato al presidente federale dopo la guerra. Nel 1933 è stato membro del Distaccamento Tempesta nazista SA e poi nel NSDAP fino al 1945. In seguito, la „società solidale“ dei vecchi nazisti aveva fatto del CDU prima presidente del Bundestag tedesco e poi, dal 1976 al 1979, presidente federale.

Alla fine del testo è allegato un link all’elenco degli ex membri del NSDAP (4) che per decenni dopo il 1945 sono stati politicamente attivi nella Repubblica Federale Tedesca nelle alte cariche e nelle più alte cariche:

Questo elenco mostra come gli atteggiamenti estremisti di destra o di destra sono stati e sono saldamente ancorati ai partiti del cosiddetto „mezzo“ fin dall’inizio della Repubblica Federale. Ma anche i politici di vertice della SPD e dei Verdi non hanno problemi a collaborare con i fascisti, come per esempio con i veri criminali fascisti in Ucraina. Lì i democratici modello tedeschi, tra cui il presidente federale Steinmeier (SPD), si sono mostrati anche nelle foto dell’ambasciata tedesca a Kiev, in intima armonia con i brutali nazisti e razzisti ucraini. Hanno acciottolato milioni dei nostri soldi delle tasse a loro favore come sostegno per le loro brutali campagne di guerra contro i loro concittadini dissidenti dell’Ucraina orientale.

L’inclusione del loro partito nella cosiddetta „maggioranza democratica“ in Turingia, con la partecipazione della CDU, di cui si discute ora dal lato della sinistra, ignora con negligenza il ruolo pericoloso che questi partiti „di centro“ hanno svolto nella Repubblica Federale. Solo attraverso di loro le grandi imprese sono state in grado di imporre l’ideologia corrosiva del neoliberalismo a tutti i livelli della società e dell’economia. Nella persona di Friedrich Merz (CDU), questa interdipendenza è riapparsa solo di recente, scrive Andreas Wehr (5), co-fondatore del Marx-Engels-Zentrum Berlin.

Anche in politica estera, „i partiti dell’Unione sono i più risoluti difensori della NATO e del riarmo di massa“, dice Wehr. „Essi sostengono l’espansione delle missioni della Bundeswehr in tutto il mondo, e nella loro posizione aggressiva nei confronti della Russia e della Cina non saranno superati da nessuno. Dopo tutto, continuano a controllare i servizi segreti e la Bundeswehr. Stanno portando avanti l’espansione dell’UE come progetto antidemocratico. Queste forze sono ancora molto più forti di tutti i 33.000 membri organizzati nell’AfD“, ritiene Wehr.

Questo è qualcosa che ogni attivista dovrebbe tenere a mente quando i potenti lo invitano a combattere contro la destra! La minaccia di gran lunga più grande per la nostra società per la democrazia e la pace viene dal „centro“ neoliberale e non dall’AfD, che viene trasformato in un burattino da questo centro.

Fonti:

  1. https://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/2015/07/01/sehr-starke-rede-zur-griechen-tragoede-gysi-entzaubert-die-selbstgefaellige-kanzlerin
  2. https://www.nachdenkseiten.de/?p=58488
  3. https://frankfurt-rhein-main.dgb.de/termine/++co++a999a896-4c9f-11ea-82ec-52540088cada
  4. https://de.wikipedia.org/wiki/Liste_ehemaliger_NSDAP-Mitglieder,_die_nach_Mai_1945_politisch_t%C3%A4tig_waren
  5. https://www.andreas-wehr.eu/die-linke-thueringens-bestandteil-einer-demokratischen-mehrheit.html

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort