Il virus Wuhan?

Un commento di Dirk Pohlmann.

L’8 maggio 2015, in coincidenza con il 70° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale in Europa, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato una raccomandazione per la designazione delle malattie infettive.

Le autorità e i media dovrebbero evitare di dare il nome di una nuova malattia al presunto luogo o alla nazione del focolaio, come è stato fatto per l'“influenza spagnola“, o all’organismo portatore, come è stato fatto per l'“influenza suina“ o „influenza aviaria“, o a gruppi professionali, come nel caso della „legionellosi“, o al nome dello scopritore, come nel caso della „malattia di Chagas“.

Il nome ufficiale è determinato in ultima analisi dall’OMS, che evita l’attribuzione delle specie descritte.

L’OMS lo giustifica così: „Questo può sembrare banale ad alcune persone, ma il nome è importante per chi ne è colpito. Abbiamo scoperto che alcuni nomi di malattie hanno avuto effetti negativi su alcuni gruppi religiosi o etnici, hanno creato ostacoli ingiustificati alla libertà di movimento o al commercio e hanno portato a inutili massacri di massa di animali domestici. Il nome può avere un profondo impatto sulla vita e sull’esistenza delle persone“.

Questo potrebbe forse essere spiegato a Donald Trump, che parla del virus cinese, o a Mike Pompeo, che lo chiama il virus Wuhan, dal fatto che Trump probabilmente lo troverebbe almeno „molto, molto triste“ se l’influenza spagnola del 1917, che uccise tra i 25 e i 50 milioni di persone, secondo le stime, cioè causò più morti della prima guerra mondiale, venisse definita „epidemia americana“. Perché si presume che l’influenza spagnola abbia avuto origine negli Stati Uniti. Il suo nome deriva solo dal fatto che le prime segnalazioni della malattia sono state pubblicate in Spagna, e la sua esistenza lì, a differenza degli altri paesi in cui si è manifestata, non è stata soggetta alla censura di guerra.

Trump ha detto in una recente conferenza stampa che ha chiamato la malattia perché è nata in Cina. Questa affermazione è falsa, forse doppiamente falsa.

In primo luogo, non è chiaro se la malattia sia realmente apparsa per la prima volta a Wuhan e vi abbia avuto origine. I medici di medicina generale del Nord Italia riferiscono che una polmonite precedentemente sconosciuta con gli stessi sintomi del COVID 19 si è già manifestata nel Nord Italia nel novembre 2019, ben prima dello scoppio ufficiale della malattia il 21 febbraio. Quindi forse gli alti numeri di casi in Italia sono il risultato di una diffusione non rilevata della malattia nel nord Italia prima dei primi test.

Ci possono essere stati casi anche negli Stati Uniti in precedenza. In effetti, l’argomentazione del Dr. Wolfgang Wodarg, che ora è stato ufficialmente malignato a causa della sua diversa analisi, non può essere respinta: il COVID 19 viene registrato solo dove viene testato, ma non se ne conosce né l’origine, né i numeri dei casi, né il tasso di mortalità.

Il fatto che il numero di casi della malattia stia ora esplodendo negli USA e che il COVID 19 potrebbe diventare una malattia mortale per i poveri di quel paese è forse dovuto al fatto che gli USA avevano solo 10.000 test e che questi sono stati utilizzati in modo molto restrittivo. Il tasso di mortalità negli Stati Uniti potrebbe essere peggiore che in Cina e in Italia.

Chiamare la malattia un virus cinese o un virus di Wuhan è anche un errore deliberato del presidente degli Stati Uniti per un secondo motivo. Vuole classificarlo come straniero, come un malvagio intruso proveniente dall’esterno verso la buona America, così come gli immigrati clandestini messicani sono intrusi di cui gli imprenditori statunitensi hanno urgente bisogno come manodopera a bassissimo costo in agricoltura per lo sfruttamento, ma che vengono denunciati come parassiti sociali. Un muro dovrebbe proteggere gli Stati Uniti dal male o il male dall’estero. Ecco perché qualcuno negli Stati Uniti sta progettando di costruire un muro. Solo che non funziona ancora.

Se il virus fosse di origine cinese, si integrerebbe perfettamente nell’attuale schema delle teorie di cospirazione negli Stati Uniti che sono attualmente consentite dallo Stato. Mentre i democratici fiutano dietro a tutto il male la cospirazione mondiale russa di Vladimir Putin, i repubblicani credono piuttosto nel pericolo giallo, nei protocolli dei Saggi di Pechino, la cui scoperta deve essere imminente, senza dubbio. Fatto sta che il Prof. Michael Butter, il più grande americano di tutti i tempi, bello, il più grande esperto, abbiamo i più grandi esperti, come direbbe Trump, è finora sfuggito alla sua estenuante ricerca di argomenti di ricerca. Com’è possibile?

Ma torniamo dalla stronzata dilagante al virus. …e alla belligeranza. Chiunque cerchi dichiarazioni sull’inevitabilità dell’imminente guerra tra la potenza economica discendente degli Stati Uniti e la crescente potenza economica cinese sarà travolto da uno tsunami di tali dichiarazioni su Internet. Basta cercare su Google e lasciarsi trasportare dalle onde, che Elmar Theveßen su ZDF, ad esempio, contribuisce a rafforzare. È preoccupato per gli effetti della politica di Donald Trump sulla forza di combattimento della NATO. A suo avviso, Trump sta diminuendo la capacità di combattimento della NATO contro la Russia, e questo in un momento in cui la guerra degli Stati Uniti con la Cina è inevitabile. Come gli ha spiegato l’ormai in pensione generale Hodges.

Fox News, probabilmente la stazione più stupida del mondo nonostante la concorrenza di Thevessen, aveva preparato il terreno per il senatore repubblicano statunitense Tom Cotton, che sosteneva che il virus proveniva da un laboratorio cinese di armi biologiche a Wuhan. Trump e Pompeo alludono a questa epocale infezione da notizie false con la parola China Virus o Wuhan Virus, su questa tastiera suonano.

Il fatto che nel luglio 2019 ci fosse stato apparentemente un rilascio di un agente patogeno nel più grande laboratorio di armi biologiche del mondo, bello, abbiamo i più grandi laboratori di armi biologiche del mondo, Fort Detrick nello stato americano del Maryland, e che il laboratorio sia stato chiuso in agosto, ulteriori dettagli sono stati negati dall’autorità sanitaria statunitense CDC con riferimento alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha dato ai servizi segreti cinesi e al governo cinese un’altra idea. Vale a dire che il virus di Wuhan potrebbe in realtà essere un virus di Fort Detrick. Da allora hanno richiesto un rilascio dei dati e una discussione scientifica sulle origini della malattia.

Soprattutto perché ci sono state persone negli Stati Uniti tra le prime ad ammalarsi, che evidentemente non erano in Cina e non avevano contatti con persone che si trovavano in Cina, o addirittura nella provincia di Hubei, dove si trova Wuhan. Inoltre, tra i primi 40 cinesi sofferenti a Wuhan, c’erano diverse persone che non avevano alcun legame con il mercato della fauna selvatica, dove si dice che il virus si sia diffuso per la prima volta nell’uomo. Tra questi pazienti non imparentati c’era la prima persona infetta conosciuta a Wuhan. Questo è strano.

Il mercato è un mercato cosiddetto „umido“. Bagnato si riferisce al sangue. In Cina è comune acquistare pesci vivi, ma anche animali selvatici come serpenti e pipistrelli, che vengono macellati al mercato.

Finora sono stati trovati due virus precursori molto simili al virus della SARS Cov-2 che scatena il COVID 19. Un virus si verifica in una specie di pipistrello, l’altro in una specie di pangolino. Il pangolino è anche conosciuto come pangolino. Il virus causale è probabilmente una chimera, una miscela di entrambi i virus. Ma in quale animale ospite ha avuto luogo questa unione? O era una mutazione negli esseri umani? Questo non è ancora chiaro, e la ricerca del primo malato, il cosiddetto „paziente zero“, dovrebbe ora essere estesa all’Italia e agli Stati Uniti.

In ogni caso, i pipistrelli sono venduti nel famigerato mercato di Wuhan, ma molto probabilmente non i pangolini, perché la loro vendita non solo è vietata, ma sono quasi estinti in Cina.

È molto probabile che sia le ipotesi americane che quelle cinesi sull’origine del nuovo coronavirus da un laboratorio di armi biologiche siano sbagliate, come dimostra una nuova pubblicazione su Nature.

Ma Xi Jin Ping e vari funzionari cinesi hanno fatto la stessa dichiarazione dopo gli attacchi dagli Stati Uniti, e anche questo è una realtà – e non è uno sviluppo positivo. Soprattutto perché gli USA sotto Trump non sono interessati a buoni rapporti con i loro rivali di potere, come una volta sotto Ronald Reagan, che aveva manovrato il mondo quasi fino alla terza guerra mondiale durante la manovra di Able Archer. In parole povere, ma di fatto corrette, gli Stati Uniti cercano, per quanto possibile, di disputare con la Cina.

Trump gioca anche con i suggerimenti nelle sue dichiarazioni che questo è il suo modo di contenere la Cina. In una conferenza stampa sul virus corona ha detto: „Ricordate, gli Stati Uniti sono la più grande economia del mondo, di gran lunga la più grande. La Cina avrebbe dovuto superarci, quest’anno, e lo fa da cinque anni. Nel 2019 dovrebbe finalmente accadere, ma non ci sono nemmeno vicini, e non lo raggiungeranno, finché qualcuno di intelligente si siederà su quel sedile, non accadrà, non lo raggiungeranno“. E‘ molto difficile non voler vedere una connessione con il virus qui, perché Trump sta facendo queste dichiarazioni in una conferenza stampa sul virus corona. Ma sono sicuro che Spiegel e ARD possono farlo.

Questo sullo sfondo del fatto che dal 2001 gli Stati Uniti non hanno più aderito alla Convenzione sulle armi biologiche, che hanno firmato nel 1972. Spendono centinaia di milioni ogni anno per la ricerca sulle armi biologiche e nel 2005 hanno pubblicato che sono riusciti a riprodurre esattamente il virus dell’influenza spagnola. A cosa serve questa ricerca e qual è lo scopo della sua pubblicazione?

I cinesi sono anche consapevoli del fatto che dal 2018 l’influenza suina è in circolazione in Cina, uccidendo oltre 300 milioni di animali. Alcuni degli agenti patogeni sono stati rilasciati dai droni sopra i porcili. Presumibilmente da parte di criminali, che hanno poi acquistato i maiali macellati d’urgenza e rivenduto la loro carne sotto falsa dichiarazione. Ma in alcuni casi gli attacchi dei droni sono avvenuti in luoghi diversi allo stesso tempo.

Le autorità cinesi non vogliono davvero credere a un accumulo di coincidenze, visti gli effetti catastrofici di una normale influenza nel 2019, l’influenza suina e la COVID 19, scoppiata poco prima del Capodanno cinese, tra tutte le cose.

E‘ anche molto disordinato. Il Capodanno cinese assomiglia al Natale occidentale. La famiglia si riunisce, tutta la Cina è in piedi grazie ad essa e ci sono molte „feste di Natale“ di aziende e autorità. Quindi il nuovo anno è il momento ideale per iniziare un’infezione. Gli effetti di queste epidemie, non solo COVID 19, sono immensi come sostiene Trump. La produzione economica della Cina è crollata del 40%.

Due settimane prima dello scoppio del COVID 19, dal 18 al 27 novembre si sono svolte a Wuhan le Olimpiadi militari, con 172 atleti e 369 partecipanti dagli USA. I cinesi si sono stupiti che questa forte squadra statunitense, una delle più grandi delegazioni ai Giochi, che per il resto ha un numero di atleti di punta, non abbia vinto quasi nessuna medaglia nel 2019, classificandosi al 35° posto nella classifica delle medaglie dietro a Tunisia e Namibia. I cinesi si chiedono quale fosse il compito della squadra statunitense a Wuhan.

Due settimane dopo le Olimpiadi militari, che sono il periodo di incubazione di COVID 19, la prima infezione nota si è verificata a Wuhan.

Lo stesso giorno dell’inizio dei giochi, negli Stati Uniti si è svolta un’esercitazione per simulare una pandemia di virus corona. Organizzata dal Johns Hopkins Center for Health and Safety, l’esercitazione ha coinvolto anche la Bill and Melinda Gates Foundation ed ex vice CIA e vice consigliere per la sicurezza nazionale di Barack Obama, Avril Haines.

L’evento 201 ha simulato gli effetti di una pandemia con un virus corona fittizio chiamato 2019-nCoV, che per inciso è diventato l’esatto nome originale del nuovo virus che ha causato il COVID 19 prima di essere rinominato dall’OMS SARS CoV 2. Come già detto, la denominazione non ha lo scopo di creare associazioni con paesi o persone specifiche. L’OMS segue le proprie linee guida.

La simulazione Event 201 ha ipotizzato 65 milioni di morti e ha affrontato gli effetti di un arresto dell’economia globale causato dalla pandemia. Così le autorità statunitensi stanno vivendo un deja vu. Come nel 911, quando l’esercitazione e l’evento reale si sono addirittura confusi e molte persone non sapevano se si trattava dell’esercitazione o dell’attacco terroristico vero e proprio. E come per il 911, è stato dichiarato il piano di contingenza, noto come Contiunitiy of Government, ed è stato istituito un governo parallelo per mantenere il funzionamento dello Stato. Questo può anche essere visto come un atto di abilitazione. È consigliabile ciò che è reso possibile da essa. È già nota la possibilità di incarcerare le persone a tempo indeterminato senza alcuna accusa. A cosa serve per combattere una pandemia?

Tutti questi strani fatti hanno sollevato molti interrogativi in Cina, non solo negli ambienti ufficiali, ma soprattutto lì. Tra le altre cose, c’è grande interesse nel trovare una risposta scientifica alle possibili origini della malattia al di fuori di Wuhan.

La pubblicazione su Nature, che è una chiara indicazione contro la tesi sulle armi biologiche, sarà sufficiente ad eliminare questi pensieri? Questo è un argomento aperto al dubbio.

E gli sviluppi in corso porteranno i governi, i militari e i servizi segreti a pensare al possibile utilizzo di nuove armi biologiche, che avranno un grande impatto ma che sono diverse da qualsiasi arma biologica precedente.

Non mirano a massimizzare il tasso di mortalità, ma a danneggiare l’economia, si potrebbero chiamare armi biologiche dirompenti, dove non è chiaro se vengono usate e chi c’è dietro. Uno strumento efficace quanto un attacco terroristico, ma in cui le domande o le indagini sulla realtà e sulla paternità sono trattate come una teoria della cospirazione. E anche di questo ci si è occupati. La situazione delle notizie dei media mainstream non è offuscata da alcun dubbio.

La storia recente pullula di eventi che vengono trattati in questo modo, nonostante una situazione di fatto stranamente poco chiara, dall’abbattimento dell’MH17 agli attacchi con armi chimiche a Douma, al caso Scripal.

E, un’ultima goccia di amarezza: anche i media alternativi dovrebbero sforzarsi di fornire una copertura critica, e questo non significa vedere forze oscure all’opera ovunque e per tutto il tempo.

Perché qualunque siano le cause di questa pandemia, è una di esse. Deve essere combattuto. Non è un falso. Possiamo vedere gli effetti che può avere in Italia e presto probabilmente anche negli USA. Dobbiamo solo fare attenzione che le misure per combatterla non causino più danni della pandemia stessa.

Il compito è quello di usare il proprio intelletto, utilizzando tutte le informazioni vere disponibili. Vale per tutti i media. Non è un compito facile. Farebbe bene sia ai media tradizionali che a quelli alternativi cercare di più, raccogliere molti fatti prima di giudicare. Forse è anche troppo presto per giudicare.

Non sappiamo tutti esattamente cosa sta succedendo, perché, cosa è giusto. Corona è per molti versi la prima volta.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Keitma / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort