K.O. per la pace. Macron contro Trump

Di Uli Gellermann.

Che brutto teatro: Trump fa la robaccia goffa, Macron dà il sottile, solo ieri i media tedeschi erano strettamente atlantici, mentre a volte si indossa un costume europeo chic, l’haute couture della finta democrazia, come se l’Unione Europea fosse una vera alternativa all’emissione di ordini a Washington. E proprio davanti, sulla rampa del palco, Annegret KK suona il beep charge dello show dei candidati: „Siamo in stretto scambio“, ha affermato dopo aver parlato con il suo collega statunitense Mark Esper. Si trattava di sostituire i „Tornado“ dell’Aeronautica Militare Tedesca. E si tratta di sapere se il cacciabombardiere dell’UE debba essere sostituito dagli „Eurofighters“ costruiti da Francia e Germania o piuttosto da aerei americani del tipo „Growler“, una macchina assassina volante prodotta negli Stati Uniti.

Quello che emerge dalla performance mediatica tedesca come la nuova messa in scena delle peregrinazioni di Odysseus tra Scilla e Cariddi, come un’antica tragedia tra lealtà (USA) e tentazione (Francia), è in realtà la solita danza intorno al vitello dell’armatura d’oro: perché i 963 miliardi di dollari di spese per le armature della NATO sono in realtà il centro allettante delle dislocazioni politiche. La compagnia aerea tedesco-francese Airbus doveva fornire al successore dei „Tornados“ l'“Eurofighter“, il „Growler“ viene prodotto da Boing negli USA, e poiché l’America dovrebbe sempre essere „prima“, lo squalo immobiliare alla testa degli USA si getta nella lotta per i miliardi e i media tedeschi fingono di essere critici teatrali e non i protettori dell’industria delle armi.

Il compito più importante del nuovo aereo da combattimento, secondo la definizione degli USA, è il trasporto delle bombe nucleari B61 di stanza in Germania. L’aereo Boing è l’ideale per questo, mentre l’Eurofighter non ha la necessaria „certificazione“. Se il giornale BILD dovesse scrivere apertamente su questo sfondo, il titolo sarebbe: Eurofighter senza il doppio zero da uccidere. Perché alla macchina franco-tedesca manca ancora la licenza per omicidio di massa nucleare. Ma naturalmente nessun mezzo di comunicazione tedesco scrive o trasmette così apertamente. Invece riferiscono di combattimenti di spettacolo nello stile di freestyle catcher, così ipocrita come-verlogen-can.

Negli anni Sessanta, infatti, c’era un’enfasi sull’indipendenza francese con Charles De Gaulle, il generale a capo della Francia, che culminò in una possibile alleanza con la Russia: „Se Francia e Russia tengono insieme, allora sono forti; ma se si separano, allora un paese e l’altro sono a rischio. Per capire questo, l’atlantismo nelle sue misere sembianze dovrebbe cedere il passo all’internazionalità e alla comprensione degli interessi nazionali. Ma questa visione è oscurata dalla tradizionale russofobia della politica estera tedesca, fortemente sostenuta dalla NATO. Il vicecomandante generale della NATO, Sir Adrian Bradshaw, parla di una „minaccia esistenziale“ da parte della Russia.

La lotta tra Macron e Trump per l’egemonia in Germania è la lotta di diverse fazioni del complesso militare-industriale. Sarebbe politicamente saggio se questo piccolo divario tra gli interessi venisse sfruttato a favore di una maggiore libertà di circolazione tedesca. Ma i costruttori di carrelli Kramp di questo mondo possono solo pensare alla neve di ieri: „Macron vuole sostituire la Nato. Vogliamo rafforzarlo“. Ma in questo momento ci sarebbe un piccolo spazio per una politica estera indipendente, se si avesse il coraggio di stabilire almeno un rapporto neutrale con i russi. Quindi, nella lotta per l’indipendenza nazionale c’è solo uno scacco per la pace.

+++

Fonte dell’immagine: Frederic Legrand – COMEO/shutterstock

+++

Questo articolo è stato pubblicato il 02 dicembre 2019 sul blog Rationalgalerie.

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort