La caduta del muro di Berlino 9 novembre ’89 – Guardare indietro

Un commento di Hermann Ploppa.

Quando sono tornato a casa il 9 novembre 1989, mezz’ora prima di mezzanotte, da una serata conviviale nel mio pub abituale, ho riacceso la radio, una radio Hessian noodle, solo per lasciarmi cospargere con i suoni di Phil Collins prima di andare a letto. Ma c’è stata una trasmissione in diretta: „Non posso ancora crederci! Il muro è aperto, e noi guidiamo qui con la nostra Trabi sopra il Kurfürstendamm! Come, scusi? Uno scherzo come la guerra dei mondi di Orson Welles? Non avrei mai creduto all’Hessischer Rundfunk. Il confronto con altre stazioni radio ha portato ovunque gli stessi suoni originali: i felici berlinesi dell’Est che attraversano il centro di Berlino Ovest. Una sensazione davvero sensazionale. Ci aspettavamo tutti che il Muro sarebbe esistito ancora quando siamo morti.

Ma devo dire chiaramente: anche allora non mi fidavo così tanto della pace. Come poteva la DDR malata sopravvivere a un confine aperto con il suo fratello tedesco ben nutrito? Questa disuguaglianza doveva essere colta quasi fisionomicamente sotto forma delle enormi masse di carne del Cancelliere Kohl e della magrezza terrificante del capo del governo della RDT Lothar de Maiziere, che sembrava inserirsi almeno due volte nel ventre di Kohl. Non potrebbe andare bene.

E poi l’intera caduta del muro di Berlino sarebbe stata una svista. Il funzionario della SED, Günter Schabowski, non era a conoscenza della domanda di un giornalista e avrebbe poi interpretato un ordine dall’alto in modo tale che le frontiere fossero immediatamente aperte. E‘ stato irrilevante, perché per la mattina seguente, secondo le istruzioni del Politburo, i cittadini della RDT dovrebbero poter lasciare liberamente il paese. Si trattava di emigranti della RDT che dovevano presentare un visto. E ora le masse hanno superato la polizia di frontiera completamente scioccata, e l’emigrazione si è trasformata in un viaggio turistico a Berlino Ovest.

Ebbene, questa è ancora una volta una bella fiaba di mille e una notte di sonno. In realtà, la dirigenza dell’Unione Sovietica protezionista del DDR aveva da tempo venduto ad ovest lo stato tedesco dei lavoratori e dei contadini. I sovietici semplicemente non avevano altra scelta. Per l’URSS era già in bancarotta nei primi anni Ottanta. Il governo americano guidato da Ronald Reagan aveva spietatamente accelerato il declino strutturale dell’Unione Sovietica. Da un lato, dopo la caduta di Krusciov nel 1964, l’Unione Sovietica era regredita da una nazione industriale sviluppata a fornitore di materie prime ed era ora, come un paese del terzo mondo, quasi al cento per cento dipendente dai proventi da esportazione delle sue materie prime fossili, petrolio e gas naturale. Un paese di questo tipo può essere facilmente portato alla rovina dall’abbassamento forzato dei prezzi delle materie prime. Ed è esattamente quello che ha fatto l’intelligente capo della CIA e mente del presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan, William Casey (1). Ha viaggiato attraverso i paesi esportatori di petrolio dell’Oriente e ha convinto i principi dell’Arabia Saudita a scaricare a lungo il loro petrolio sul mercato mondiale a prezzi di dumping assoluto. L’Unione Sovietica ha dovuto abbassare il prezzo del petrolio fino all’autodistruzione assoluta.

Inoltre, c’è stata la nuova spirale di armi che ha posto unilateralmente gli Stati Uniti sulla sua strada e alla quale i sovietici non potevano più rispondere. Nel 1985 Gorbaciov entrò finalmente nel governo dell’Unione Sovietica come un uomo in grado di comprendere realisticamente la situazione. Gorbaciov non ha agito in modo diverso ora che un amministratore di insolvenza nella libera economia: ha cercato di ridurre la sua impresa sovietica Unione Sovietica sana e di salvare con la parte riorganizzabile fusoliera ciò che poteva ancora essere salvato. Gli Stati satellite del Patto di Varsavia avevano da tempo ricevuto solo sostegno finanziario e materiale dall’Unione Sovietica. Gorbaciov ora ha rilasciato questi stati nella loro libertà. Meno galante mettere: ha detto loro ora, vedere come si gestirà da soli in futuro! Trova nuovi sponsor in Occidente! Da noi non ottieni niente di più.

La RDT ne aveva già sofferto dolorosamente all’inizio degli anni ’80, anche senza Gorbaciov, quando i sovietici non fornivano più loro petrolio greggio. L’economia della RDT ha dovuto estrarre sempre più petrolio dalla lignite domestica con l’aiuto del processo di idrogenazione del carbone, che è stato sviluppato negli anni ’20 e da allora non è stato ulteriormente sviluppato. È iniziata una nuova ondata di inquinamento ambientale e di consumo.

Il ritiro sovietico dell’amore colpì duramente i comunisti della Germania dell’Est in un momento in cui i problemi interni erano abbastanza corrosivi. Ai cittadini della RDT è stato detto in ogni momento che sono stati trattati solo in maniera inferiore rispetto ai tedeschi occidentali. Durante le loro vacanze sul Mar Nero, i camerieri bulgari o rumeni reindirizzarono i ben nutriti tedeschi dell’Ovest, che pagavano in „Valuta“, cioè il duro marchio D, mentre l’Ostmark non era particolarmente ricercato. Così anche i tedeschi dell’Est furono inviati duramente qui nella fratellanza socialista. Ma anche nella stessa RDT, la subordinazione della propria popolazione all’Occidente era palpabile. Quello che quasi nessuno sa fino ad oggi: la RDT non produceva assolutamente rottami metallici e forniva beni di alta qualità, tecnicamente maturi e sofisticati (2). Tuttavia, quasi nessuno nella RDT è riuscito a vederli, figuriamoci afferrarli. Elettrodomestici, tessuti e mobili di produzione socialista sono andati immediatamente in Occidente. Grandi aziende di vendita per corrispondenza come Quelle e Neckermann o negozi di mobili come IKEA hanno fornito merci di qualità provenienti dall’Est.

Le scarpe Salamander sono state prodotte non solo a Kornwestheim, ma anche nella RDT. In questo modo, i cittadini tedeschi, anche quelli delle classi sociali più basse, potevano permettersi beni a forte domanda, cosa che altrimenti non sarebbe stata possibile senza la propria borsa dei salari senza scaricare le consegne dalla RDT. Così la RDT socialista ha migliorato la sorte delle classi lavoratrici – ma non a casa, ma nella RFT capitalista. Le migliori qualità sono andate ai paesi capitalisti stranieri – il comitato è stato dato alla propria popolazione e ai fratelli e sorelle provenienti da paesi socialisti stranieri. Coloro che volevano acquistare qualità in Oriente dovevano recarsi nei negozi di gastronomia o nei negozi di alta qualità. Lì ha dovuto sfogliare 3.200 marchi di Ostmark per la macchina da scrivere „Erika electronic S3006“, che tu ci creda o no; mentre lo stesso modello era disponibile presso Quelle con il nome „Privileg electronic 1400“ per pochi marchi di fabbrica. Inoltre, i prodotti tessili che avevano prodotto un’eccedenza nella RDT sono stati venduti all’Occidente per pochi centesimi invece di essere distribuiti alla popolazione locale. Il governo della RDT ha spesso sovvenzionato l’esportazione di beni che sono andati in Occidente al di sotto del prezzo di produzione. Tutti questi effetti non erano adatti a convincere la popolazione della „superiorità del socialismo“. Negli anni ’70, la RDT svolgeva esattamente la funzione che i paesi del Terzo Mondo svolgono oggi: mantenere artificialmente alto il tenore di vita nei paesi industrializzati con salari bassi senza aumenti salariali significativi, con tutte le conseguenze negative per la popolazione e l’ambiente locale.

La RDT potrebbe essere crollata già all’inizio degli anni ’80 – se non fosse stato per il famigerato gobbler comunista Franz Josef Strauß della CSU bavarese che, con un affare da un miliardo di dollari nel 1983, ha salvato la nomenklatura intorno a Erich Honecker dal giuramento di rivelazione (3). Naturalmente, questo non era affatto un atto di umanità, come Strauß più tardi voleva vendere. Ha semplicemente aiutato il suo caro amico, il grossista di carne Josef März, ad uscire dai guai. Con la sua azienda Marox aveva raggiunto una grande ricchezza da quando ha acquistato bestiame dalla RDT a prezzi molto bassi e poi ha fatto trasformare queste creature in conserve di carne nei macelli tedeschi. Così marzo ha danneggiato non da ultimo gli agricoltori tedeschi che non riuscivano a tenere il passo con il dumping della RDT e sono falliti. Josef März ha mantenuto ancora una volta strette relazioni con il famigerato procuratore di valuta estera della RDT Alexander Schalck-Golodkowski. A nome del Politburo di Honecker, ha semplicemente calpestato tutto ciò che nella RDT poteva essere convertito nelle valute della Germania occidentale, non importa come. Nella fase finale, Schalck-Golodkowski ha persino arrestato cittadini innocenti della RDT con la scortesia della Stasi, poi ha strappato oggetti di valore a coloro che sono stati arrestati e li ha venduti in Occidente in cambio di valuta estera.

Il fatto che Franz Josef Strauß di tutti i cittadini ha concesso alla RDT una sospensione prolungata con l’acquisizione di un prestito di un miliardo di marchi tedeschi sotto la guida della Bayerische Landesbank lo ha danneggiato politicamente, ma il leone di Baviera è stato succintamente ricompensato con commissioni. Si è sviluppato uno stretto legame tra la CSU in Baviera e la SED a Berlino Est. Ora la stampa tedesca è stata lieta di riferire che Franz Josef Strauß e Schalck-Golodkowski avevano rivelato sensibili segreti di stato in un’ora avanzata durante la Zechgelagen. Potrebbe essere. D’altra parte, tuttavia, Schalck-Golodkowski probabilmente ha anche trasmesso alle autorità tedesche i delicati segreti di Stato del governo della RDT.

Quando nell’estate del 1989 la DDR morì dissanguata da gigantesche onde di fuga, anche nella SED iniziò un ripensamento. In un primo momento, Erich Honecker, presumibilmente sigillato definitivamente dalle scomode verità dalle sue cartelle di corte, è stato rimosso dall’incarico a metà ottobre. Il suo successore, Egon Krenz, dispose la creazione di un memorandum che avrebbe rivelato tutte le debolezze della RDT senza vernice e senza sosta, in modo che la terapia potesse finalmente iniziare. Il 30 ottobre 1989 è stato presentato al Politburo il cosiddetto „Schürer Paper“ (4). Nel documento si afferma che la RDT era inutilmente indebitata e che in termini di produttività la RDT era in ritardo rispetto alla RDT. Dopo tutto, gli autori vogliono evitare a tutti i costi i prestiti del Fondo monetario internazionale per non cadere nella servitù del debito. I loro suggerimenti terapeutici: una politica di austerità nello stile del primo ministro inglese Maggie Thatcher con retorica socialista. L’obiettivo finale è quello di mantenere la sovranità della RDT. Vogliono anche pompare paesi come la Francia, l’Austria o il Giappone nella RDT in modo da poter costruire la restante RDT come contrappeso al temuto rafforzamento della RDT. Allo stesso tempo, tuttavia, si prevede di ottenere nuovi prestiti dalla RFT. Questo è possibile solo se questo articolo di Schürer rimane top secret. I destinatari della carta devono distruggere tale carta il 31 dicembre 1989. Anche Alexander Schalck-Golodkowski ha lavorato al documento. Quando poi, nel gennaio 1990, gli emissari del governo della RDT hanno fatto un’audizione di banchieri della Germania occidentale e membri del governo per un prestito, sono stati insultati e hanno fatto riferimento al documento Schürer, in realtà altamente segreto. E in considerazione del livello di indebitamento di 49 miliardi di marchi tedeschi menzionato nel giornale Schürer, non si sognano di investire un altro pfennig tedesco in questa nave che affonda. Chi ha fornito ai decisori della Germania occidentale la carta Schürer altamente esplosiva?

L’affermazione che la RDT era indebitata a 49 miliardi di marchi è stato il martello mortale per tutte le aspirazioni della RDT alla sovranità nazionale a lungo termine. A causa di queste cifre da martello, anche i sostenitori della continuazione dell’esistenza della RDT hanno perso tutto il coraggio. Nell’autunno del 1989 nella RDT esisteva ancora una netta maggioranza di due terzi per il mantenimento di uno Stato proprio. La dichiarazione „Per il nostro paese“ (5) ha trovato un sostegno di massa. Ma non appena la frontiera fu aperta, molti agenti influenti della RFT si riversarono nella RDT, che si unirono ai manifestanti e chiesero la „riunificazione“, sventolando bandiere tedesche senza martelli e bussole e cantando „Helmut, Helmut!

Sul piano internazionale, l’annessione della RDT da parte della Repubblica federale di Germania era stata decisa da tempo. Il 4 novembre, cinque giorni prima della caduta del muro di Berlino, in un giornale provinciale (7) si potrebbe leggere quanto segue: „Il presidente francese Francois Mitterand si aspetta che entrambi gli stati tedeschi si riuniscano rapidamente e non ha paura di questo sviluppo. Lo ha detto ieri al termine delle consultazioni franco-tedesche di Bonn. Sarà veloce, molto veloce, molto veloce, ma forse non così veloce come alcuni vorrebbero“, ha detto Mitterand. Alla piacevole serata barbecue nel Caucaso sovietico, Gorbaciov ha offerto apertamente il cancelliere Kohl e il ministro degli Esteri Genscher la RDT in cambio di prestiti della Germania occidentale (8). Ma prima che si formasse una nuova alleanza tutto-tedesco-sovietica, il presidente russo Boris Eltsin, che era sotto l’influenza degli Stati Uniti, disarmò ancora una volta Gorbaciov e sciolse l’Unione Sovietica senza ulteriori indugi.

I debiti inesigibili di 49 miliardi di marchi, di cui parla la famosa carta Schürer, si sono rivelati del tutto infondati. In realtà, come anche la West German Bundesbank ha dichiarato nel 1999 (9 ) ad un intervallo di sicurezza di dieci anni, i debiti della RDT ammontavano a ordini di grandezza che erano ancora rimborsabili. Ma con questa chimera di debiti irrecuperabili, il governo federale ha giustificato l’annessione totale della RDT. E invece degli auspicati „paesaggi rigogliosi“ promessi dal cantastorie di Oggersheim Helmut Kohl, tutto ciò che ostacolava l’economia tedesca fu appiattito. Oggi, come ai tempi di Quelles e Neckermann, la Germania orientale è purtroppo ancora una volta il banco di lavoro esteso della Germania occidentale.

Fonti:
(1) Hermann Ploppa: Der Griff nach Eurasien – Die Hintergründe des ewigen Krieges gegen Russland. Marburg 2019 S.273ff

(2) https://www.mdr.de/zeitreise/quelle-und-ddr-produkte-100.html 

(3) https://www.spiegel.de/spiegel/print/d-13488927.html

(4) http://www.chronik-der-mauer.de/material/178898/sed-politbuerovorlage-analyse-der-oekonomischen-lage-der-ddr-mit-schlussfolgerungen-30-oktober-1989http://www.chronik-der-mauer.de/material/178898/sed-politbuerovorlage-analyse-der-oekonomischen-lage-der-ddr-mit-schlussfolgerungen-30-oktober-1989

(5) https://web.archive.org/web/20131012065100/http:/www.hdg.de/lemo/html/dokumente/DieDeutscheEinheit_aufrufFuerUnserLand/index.html

(6) Otto Köhler: Die Grosse Enteignung – Wie die Treuhand eine Volkswirtschaft ruinierte. Berlin 2011. S.171ff

(7) https://www.op-marburg.de/Marburg/Der-Mauerfall-1989-Was-hat-er-bewirkt

(8) https://www.spiegel.de/spiegel/print/d-13507185.html

(9) https://www.spiegel.de/spiegel/print/d-13507185.html

Lettura consigliata: Vladimiro Giacché: L’Anschluss – unificazione tedesca e il futuro dell’Europa. Amburgo 2015

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: © B.Leyon

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort