La caduta del muro e la riunificazione

Una storia fantastica di Rüdiger Lenz.

Il 9 novembre 2019 mi trovavo alla Porta di Brandeburgo a Berlino. E‘ successa una cosa cosi‘ strana, devo parlartene. Quel giorno, trent’anni prima, è caduto il muro che attraversava tutta la Germania. Ho visto auto da corsa più piccole, persone che erano in gruppo e dimostranti allegri, ma anche isolati, che hanno parlato dello sfortunato sviluppo di questa cosiddetta riunificazione.

E poi c’era un uomo tutto solo. Se ne stava li‘ a guardarsi intorno. Dato che faceva freddo, portava un bel cappello in testa. Stava molto bene in se stesso ed era vestito con stile. Nel suo volto giaceva qualcosa di amore insondabile, qualcosa che io non percepivo come di questo mondo. Perche‘, non lo so. Poi quest’uomo allargò dolcemente le braccia e cominciò a sorridere. I suoi occhi irradiavano così tanto e così profondamente che non riuscivo ancora a vederlo in nessun essere umano e a sentirlo allo stesso tempo. Ero come elettrificata e ho pensato a me stessa, cosa ti sta succedendo in questo momento? Poi ha cominciato a parlare, proprio così, senza microfono. Quello che ha detto non suonava a distanza, perché mi trovavo a venti metri di distanza da lui. La sua voce suonava nella mia testa, come se avessi messo le cuffie intorno alla testa. Mi sono guardato intorno e ho notato che alcuni stavano facendo la stessa cosa di me e altri non se ne sono accorti. Ma noi stavamo come elettrificati e lo ascoltavamo.

Disse: „Non ci sono muri che tu possa abbattere tranne quelli che si trovano dentro di te. Queste mura non sono la casa di mio padre. Sono quelli che vi hanno reso orfani e persi. Ai senzatetto dell’amore e della bontà da cui siete partiti. Il muro è grande e forte che ti divide e ti ha reso nemico del tuo prossimo. Ecco, il vicino è il braccio di mio padre. Ti ama. Il muro è forte ed è diventato più spesso. Ora sono la terza volta mandato dal mio caro Padre. La prima volta che hai deciso di colpirmi su una croce. E‘ stata la maggioranza a gridare e voi la chiamereste una decisione democratica. La seconda volta il Grande Inquisitore venne da me qualche secolo fa a Siviglia, in Spagna, e mi lasciò andare con le parole che mi avrebbe dovuto bruciare la prossima volta. Puoi sempre mandare qualcun altro, ma se non sei tu che ti manda, non vedrai l’amore di mio padre perché non è in te. Come la luce di mio padre vive attraverso di me, così vive in te. Ma il muro è forte in te. Solo quando cadrete, vi riunirete con mio padre. 

L’uomo ancora stendeva le braccia e sorrideva come se non fosse di questo mondo. Mi sono guardato intorno e sempre più persone lo ascoltavano. Alcuni di loro lo hanno filmato con i loro smartphone o pad e sembravano molto divertiti. Lacrime rotolate sulle guance di una coppia non lontano da me.

Poi mi ha parlato più avanti nella mia testa: „Se ti dicono che tutto è altrove e non significano con te e non dentro di te, ti precedono e ti dicono che sono i saggi e i sapienti. Vi diranno del loro regno e non sarà in voi. Solo quando conoscerete voi stessi sarete conosciuti e saprete che siete i figli viventi del nostro amorevole Padre. Ma se non vi conoscete, vivrete in povertà in ogni cosa, perché allora il muro sarà la vostra povertà. Non dovete vedere in me un profeta, perché il profeta non è accettato nel suo villaggio perché nessun medico può guarire la sua conoscenza. Dovete vedere tutto questo anche in voi stessi, perché ciò che è nel potere del Padre suo è sempre lo stesso del potere del Padre suo. Tu sei profezia, non ce n’è nessuna. Se voi stessi fate pace con i vostri coetanei, allora la roccia scomparirà e il mare sorgerà. Tu sei il mare e puoi far passare le montagne quando vedi il mare in te. Ma il muro è forte e spesso in te. Là fuori non ci sono muri, perché mio padre non li ha mai costruiti. Chi conosce tutta la vita e capisce ogni parola pronunciata, ma non conosce se stesso e non capisce la propria lingua, non conosce la vita e non capisce le parole. Ciò che non è in te ti ucciderà. Ciò che avete in voi stessi vi salverà quando lo avrete portato avanti voi stessi. Colui che passa la giornata senza l’amore di mio Padre la passa nel muro, che diventa così sempre più forte e più spesso. Il tesoro che cercate e che non passa mai è voi stessi, ma cercate tesori e scavate con le cisterne d’oro scintillante per riscaldare i vostri cuori. Ma nessun oro ti porta vicino a questo tesoro e nessun cuore che si riscalda ama da solo. Finché non sarai il muro. Il muro non è caduto e l’unificazione non ha avuto luogo. Colui che si trova al di sopra del mondo, perché capisce che non è fatto di altra vita che della vita del Padre stesso. Lui è la vita e quindi è eterno. Il Padre mio è eterno e chi cade non cade mai più in profondità che nel mondo amoroso di mio Padre, che è eterno. Allora perche‘ questa paura che ha costruito il muro e ha separato tutto in te? Non c’è nessun muro sulla terra che tu possa abbattere se non quelli che hai costruito dentro di te. Se li abbatti, abbatterai immediatamente tutte le pareti.

Ora ho visto i camion della polizia che guidavano in direzione dell’uomo. Poco prima di lui due si sono alzati in piedi e diversi poliziotti sono usciti e hanno formato intorno a quest’uomo un piccolo cerchio, da cui due poliziotti si sono fatti avanti e gli hanno parlato. Ma l’uomo continuava a parlare, come se non vedesse nemmeno i poliziotti di fronte a lui. Poi tre l’hanno preso e l’hanno costretto a salire in macchina. Ma proprio in quel momento è successo. Improvvisamente divenne molto luminoso per una frazione di secondo e un fascio di luce molto stretto e leggero si impossessò dell’uomo. Davanti agli occhi dei poliziotti, scomparve dalla loro presa e si dissolse nel nulla. I poliziotti erano eccitati e tutti hanno perquisito la zona, ma l’uomo era andato via come se fosse stato inghiottito da terra. E poi ho sentito marmi e Ah-calls da passanti e si sono avvicinati l’un l’altro e hanno guardato nei loro smartphone. Si sono scambiati i discorsi girati da quest’uomo. L’ho trovato strano, perché i passanti si guardavano, gesticolavano tra di loro come se fossero tutti storditi. Ma che dire, ho pensato.

Poi sono andato da loro e ho visto cosa li ha stordito. Chiunque abbia registrato il discorso con il proprio smartphone ha registrato un altro discorso. Anche i gesti dell’uomo erano diversi in ogni film. Ho avuto la pelle d’oca ovunque perché ho capito che anch’io ho visto e sentito qualcosa di diverso da tutti noi. Tutti hanno ricevuto un messaggio, un messaggio individuale e mi sono reso conto che quest’uomo parlava a una trentina di persone allo stesso tempo come in un ologramma. Com’e‘ possibile? Mi sono guardato intorno e sono andato dove si trovava l’uomo. Ma di lui non si vedeva nulla e i poliziotti erano tutti ancora impegnati a non capire cosa stesse succedendo.

E poi l’ho sentito dentro di me. Ho sentito quest’uomo parlare in me, ma non si vedeva da nessuna parte. Ha parlato in me e ho sentito le persone che urlavano leggermente accanto a me e ho capito che anche loro sentivano una voce. Anche i poliziotti sono rimasti lì con la bocca socchiusa. Ho sentito la seguente frase: quando cadrà il muro in voi? Non cadrà se aspetti che gli altri lo abbattano. Non diranno tutti da nessuna parte: „Ecco, ecco, lì stanno abbattendo il muro! Guardate, eccolo lì! Non succederà. La casa di mio padre è circondata dal tuo muro e distribuita su tutta la terra e la gente non vede questo muro perché è dentro di loro. Non si possono portare pietre a un cumulo di macerie e poi dire: „Il lavoro è finito. Puoi abbattere il muro solo se ti riunisci all’amore di mio padre. Tu sei questo amore, perche‘ mio padre te l’ha portato dentro di te. Ma tu stesso hai costruito il muro lì intorno. Dite alla gente quello che vi ho detto e dite loro che mio padre è anche loro padre.

Poi la voce è scomparsa in me e in tutti i passanti, compresi i poliziotti, e ci siamo guardati tutti come se un miracolo fosse passato attraverso tutti noi. Ci siamo avvicinati e tutti hanno parlato con tutti. Anche i poliziotti hanno parlato con tutti e noi abbiamo parlato con loro. Questa volta la voce nella mia testa ha detto la stessa cosa a tutti quelli con cui ha parlato. Ero molto eccitato perché tutti erano eccitati. Ne abbiamo parlato per più di un’ora e ho lasciato la Porta di Brandeburgo a Berlino per raggiungere la mia auto e tornare a casa.

Arrivando a casa ho preso il Vangelo di Tommaso dalla mia libreria e l’ho lasciato fino a quando non mi sono addormentato profondamente. Quando mi sono svegliato di nuovo, il sogno era ancora vivo nella mia memoria e me lo ricordavo. Ho sognato il gruppo musicale dei Pink Floyd e il loro album The Wall. Da questa strana esperienza con l’uomo, non ho mai più guardato il loro materiale da solo nei muri. Continuo a pensare al fatto che i muri ci dividono da noi, ci separano l’uno dall’altro, e solo perché ogni singolo mattone significa una persona senza amore. Nessuno sarà in grado di cambiarlo o di abbatterlo, poiché ogni pietra deve trovare una propria connessione con l’altra pietra. Solo allora ritroveremo le tante case di nostro padre in cui ci riuniamo come un’unica famiglia umana.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: halisdonmez / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort