La Fondazione Bill e Melinda Gates

Spericolato e immorale 

Un commento di Rainer Rupp.

Nella persona del senatore degli Stati Uniti Robert F. Kennedy Jr., il falso filantropo Bill Gates ha trovato un avversario competente. Alla televisione tedesca, tuttavia, Gates ha già avuto la possibilità di posizionarsi per un programma di vaccinazione corona, nonostante i segni catastrofici lasciati dalla Fondazione Gates con i suoi programmi di vaccinazione camuffati da aiuti nei paesi in via di sviluppo.

I due eventi si sono sovrapposti. La domenica di Pasqua del 12 aprile, l’ennesimo miliardario Bill Gates, che ama fare il benefattore e filantropo disinteressato, è stato autorizzato a pubblicizzare il suo programma di vaccinazione contro la corona per oltre 9 minuti sul Tagesschau, in modo incontestabile e incontestabile. La sua apparizione su ARD sembra far parte di un’ampia offensiva mediatica e di pubbliche relazioni iniziata negli USA il 2 aprile. Come in altri casi di epidemie, Gates sembra utilizzare donazioni impressionanti e influenza politica per ottenere il prossimo programma di vaccinazione corona per la „Bill and Melinda Gates Foundation“ e i loro amici farmaceutici.

Il 9 aprile, una settimana dopo il lancio delle PR di Gates negli USA, il senatore Robert F. Kennedy jr. – figlio di Robert F. Kennedy e nipote dell’ex presidente John F. Kennedy – nella sua funzione di presidente dell’associazione di beneficenza per l’infanzia „Children’s Health Defense“, ha pubblicato un’emozionante dichiarazione sui metodi disumani della presunta Fondazione Gates, di cui sono vittime soprattutto i bambini dei paesi in via di sviluppo, dove in regioni remote, lontane dal controllo pubblico, i nuovi vaccini vengono testati sui giovani come se fossero cavie.

Questo link conduce al testo del senatore Kennedy sul sito web della Difesa della salute dei bambini. Il testo del Senatore spesso si riferisce solo a contesti in parole chiave. Per rendere queste correlazioni comprensibili a tutti i lettori, l’autore ha aggiunto delle spiegazioni nel testo e, laddove è sembrato opportuno, le ha integrate con ulteriori ricerche. Kennedy inizia la sua spiegazione come segue:

„Per Bill Gates, i vaccini sono parte della sua filantropia strategica (cioè parte delle sue attività intese come carità individuale, Note RR) che alimentano i suoi numerosi investimenti e aziende legate ai vaccini, incluse le sue ambizioni di Microsoft di controllare un programma globale di identificazione biometrica dei vaccini, che gli dà un controllo dittatoriale sulla politica sanitaria globale. L’ossessione di Gates per i vaccini sembra essere alimentata dalla sua convinzione di „salvare il mondo con la tecnologia“.

A sostegno di questa affermazione, il senatore Kennedy cita come esempio il comportamento altamente discutibile di Gates durante l’importante campagna di vaccinazione antipolio dal 2000 al 2017. Quando è stato lanciato il programma di vaccinazione contro la polio da 1,2 miliardi di dollari per l’India, Gates ha fatto una donazione colossale per portare il programma sotto il suo personale controllo. Kennedy lo descrive così:

„Gates ha promesso 450 milioni di dollari al programma di eradicazione della polio da 1,2 miliardi di dollari, prendendo il controllo del National Technical Advisory Group on Immunization (NTAGI) dell’India, che ha imposto fino a 50 dosi di vaccino antipolio attraverso programmi di immunizzazione sovrapposti per i bambini prima dei 5 anni.

Ma queste dosi pesanti avevano ovviamente gravi effetti collaterali indesiderati, causando un nuovo tipo di nuova epidemia tra i bambini, con sintomi di paralisi simili alla polio, ma senza essere polio. Più avanti nel testo di Kennedy c’è scritto:

„I medici indiani attribuiscono alla campagna di immunizzazione di Gates la colpa di una devastante epidemia di paralisi acuta flaccida (NPAFP) senza poliomielite, che ha paralizzato un totale di 490.000 bambini oltre il tasso previsto tra il 2000 e il 2017. Nel 2017, il governo indiano ha ritirato il programma di immunizzazione di Gates e ha chiesto a Gates di lasciare l’India con la sua politica di immunizzazione. Dopo di che, i tassi di NPAFP sono scesi bruscamente“.

„Nel 2017, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ammesso con riluttanza che l’esplosione globale di nuovi casi di polio è in gran parte dovuta al ceppo del vaccino antipolio derivante dall’aumento dei programmi di immunizzazione“, ha detto Kennedy. Ad esempio, i ceppi mutati del vaccino antipolio hanno causato più paralisi dopo un certo periodo di tempo rispetto al virus „selvaggio“ della polio.

Per spiegare questo collegamento, la vaccinazione consiste nell’iniettare nel corpo umano un ceppo morto o veramente debole di un virus, che stimola la creazione di anticorpi contro il virus in questione e, se effettivamente infettato dal virus virulento, permette all’organismo di reagire rapidamente e di combatterlo. Se, tuttavia, il ceppo del virus nel vaccino ha subito cambiamenti pericolosi senza essere notato, le conseguenze sono terribili. Questo è stato anche dimostrato da uno studio scientifico peer-reviewed del 2018 come causa delle conseguenze catastrofiche del programma anti-polio guidato da Gates in India.

Poi Kennedy fa riferimento all’accusa, poco nota al grande pubblico, che „le epidemie più terrificanti in Congo, Afghanistan e Filippine sono tutte legate ai vaccini“. Infatti, nel 2018, circa il 70% dei casi di polio nel mondo erano causati da ceppi di vaccino“.

Questa accusa acquista sostanza se si segue il portale Internet „Zero Hedge“, specializzato in notizie finanziarie, secondo il quale il „Center for Disease Control“ (CDC) statunitense è sospettato di avere „un forte interesse finanziario a provare vaccini non completamente testati“ in ampi studi sul campo nei paesi in via di sviluppo, insieme ai grandi attori dell’industria farmaceutica. Il CDC, finanziato pubblicamente e privatamente – tra cui la Bill and Melinda Gates Foundation – gestisce i suoi vaccini in molti paesi del mondo, soprattutto in Africa.

Secondo Zero Hedge, solo l'“Organizzazione Mondiale della Sanità“ (OMS) è „ancora più sotto il controllo di Big Pharma“ che CDC, che in questo contesto cita Robert F. Kennedy Jr. dicendo che questa „organizzazione (l’OMS) è corrotta al di là del significato della parola. È un burattino dell’industria farmaceutica“.

Infatti, la „Bill & Melinda Gates Foundation“ ha risposto alla pandemia di corona molto più rapidamente di quanto non abbiano fatto, ad esempio, i governi e le autorità tedesche o americane in considerazione del lucrativo mercato dei vaccini e dei servizi informatici associati alla lotta contro la pandemia.

Già il 5 febbraio 2020, le decine di miliardi di dollari della „Bill & Melinda Gates Foundation“ hanno annunciato in un comunicato stampa che avrebbe reso immediatamente disponibili fino a 100 milioni di dollari per la lotta globale contro il nuovo virus corona (2019-nCoV) dell’OMS e del Centro statunitense per il controllo delle malattie per proteggere le popolazioni vulnerabili dei Paesi dell’Africa e del Sudest asiatico, principalmente attraverso „lo sviluppo accelerato di vaccini, farmaci e diagnostica“, tutti settori in cui Gates si è distinta anche come investitore.

Gates si è presto reso conto che il coronavirus gli avrebbe offerto un nuovo campo di attività in tutto il mondo per spingere la sua politica di vaccinazione, in particolare nei paesi meno sviluppati dell’Africa e del Sud-Est asiatico, dove vengono poste meno domande. Le sue strette relazioni con l’OMS e il CDC, sostenute da generose donazioni, serviranno nel caso Corona anche come apripista per questi Paesi al più alto livello politico. Con milioni di dollari in donazioni, Gates apre così un mercato di decine di miliardi di dollari per i produttori di vaccini in cui è coinvolto.

Allo stesso tempo, la reputazione internazionale di Bill e Melinda Gates come filantropi, come benefattori disinteressati per l’umanità con l’immagine di Madre Teresa, sta crescendo. I due devono questo non solo all’intelligente strategia di pubbliche relazioni della loro „Bill and Melinda Gates Foundation“, ma anche ai giornalisti acritici dei media mainstream, come recentemente il giornalista di qualità Ingo Zamperoni nell’autoproclamato medium di qualità ARD.

Kennedy accusa inoltre Bill Gates di aver fatto vaccinare violentemente migliaia di bambini contro la meningite durante la campagna di vaccinazione MenAfriVac nell’Africa subsahariana nel 2012 (con il consenso delle autorità nazionali). Molti di loro sono poi caduti vittima di una paralisi permanente.

Con questo, Kennedy fa riferimento a un episodio delle campagne di vaccinazione di Gates, praticamente sconosciuto e poco studiato in Occidente. Naturalmente, non paga lui stesso le vaccinazioni, ma di solito sono finanziate da organizzazioni internazionali o chiese, ecc. Sulla campagna di vaccinazione MenAfriVac potete trovare ad esempio nel laleva-webportal specializzato in notizie mediche le seguenti notizie da gennaio 2013:

„Il 20 dicembre 2012, una tragedia di vaccinazione ha colpito il piccolo villaggio di Gouro nel nord del Ciad, in Africa. Secondo il quotidiano La Voix, su cinquecento bambini che hanno ricevuto il nuovo vaccino contro la meningite MenAfriVac, almeno 40 tra i 7 e i 18 anni sono paralizzati. Questi bambini soffrivano anche di allucinazioni e crampi. Da questo primo rapporto, la vera portata di questa tragedia è venuta alla luce quando i genitori di questi bambini vaccinati hanno riportato un numero ancora maggiore di lesioni. Le autorità della zona sono scioccate. Nella loro rabbia e frustrazione per la negligenza del governo, dimostrando che i cittadini hanno dato fuoco a un veicolo dell’amministrazione sanitaria“.

Qui viene spontaneo pensare a quale possa essere la ragione della decisa resistenza che molti genitori africani oppongono alle campagne di vaccinazione lanciate da aziende e organizzazioni occidentali. Questo sembra essere dovuto alle cattive esperienze che hanno avuto con tali campagne di presunta beneficenza, in cui loro e i loro figli sono stati usati come cavie per testare i nuovi preparati delle aziende farmaceutiche occidentali in villaggi remoti e lontani dagli occhi del pubblico mondiale. E la „Bill and Melinda Gates Foundation“ sembra avere le dita in ogni torta.

Di conseguenza, il 25 luglio 2013, il quotidiano sudafricano „Times Live“ ha letto l’accusa contro i benefattori occidentali: „Noi (africani) siamo le cavie dell’industria farmaceutica.

Una buona panoramica degli orribili crimini che stanno accadendo nei Paesi africani lontano dall’attenzione dell’opinione pubblica mondiale in nome della protezione della salute caritatevole si trova in uno studio scientifico del 2017 dal titolo: „Accountability of international NGOs: Human rights violations in health care in developing countries and the effectiveness of current measures“ di Sharmeen Ahmed, della Golden Gate University School of Law, USA. Soprattutto la Fondazione Bill e Melinda Gates non viene fuori bene nel rapporto.

Anche l’ex capo economista di Nelson Mandela, il professor Patrick Bond, dell’Università di Witwatersrand, Johannesburg, Sudafrica, ha analizzato da vicino le macchinazioni di Gates in un articolo della rivista critica inglese „CounterPunch“ nel 2016. Soprattutto ha criticato il „focus della Fondazione Gates sui Paesi poveri e sottosviluppati“. La popolazione locale lì „non vedrebbe le attività di Gates come un esempio di carità, ma come uno spregevole sfruttamento umano“. Il Prof. Bond ha descritto le pratiche indecorose di Gates, in cui si facevano operazioni di pittura caritatevole, come „spietate e immorali“.

Se si leggono gli altri esempi elencati da Kennedy nella sua dichiarazione sulle attività della Gates Foundation, la loro caratterizzazione come „spietata e immorale“ è ancora troppo blanda e riservata.

Secondo Kennedy, nel 2010 la Gates Foundation ha finanziato la Fase 3 di una serie di test di un vaccino sperimentale contro la malaria di Glaxo Smith Kline (GSK), che ha ucciso 151 neonati africani e ha lasciato 1.048 dei 5.949 bambini con gravi effetti collaterali come paralisi, convulsioni e convulsioni febbrili.

Kennedy accusa anche la Gates Foundation di aver testato i vaccini sperimentali per l’HPV sviluppati da Glaxo Smith Kline (GSK) e Merck su 23.000 giovani ragazze in remote province indiane nel 2010. Circa 1.200 ragazze hanno sofferto di gravi effetti collaterali, tra cui disturbi autoimmuni e della fertilità. Sette sono morti. Le indagini del governo indiano hanno rivelato che i „ricercatori“ finanziati da Gates hanno commesso violazioni etiche pervasive, tra cui pressioni sulle ragazze vulnerabili dei villaggi, molestie ai genitori, falsificazione di moduli di consenso e negazione delle cure mediche alle ragazze malate. Il caso è ora all’esame della Corte Suprema del paese.

Il 21 novembre 2014, la giornalista investigativa Susan Wills ha scritto un articolo intitolato „12 motivi per arrabbiarsi per l’ultimo progetto della Fondazione Gates per sterilizzare le donne“, in cui descrive l’approccio della Fondazione Gates alla ricerca sui vaccini nei Paesi in via di sviluppo:

Nel caso in questione, nelle remote regioni indiane del Gujarat e dell’Andhra Pradesh, 23.000 ragazze tribali di età compresa tra i 10 e i 14 anni, alle quali sono stati somministrati i vaccini sviluppati da GSK e Merck presumibilmente per proteggerle dal cancro al collo dell’utero che potrebbero svilupparsi in età avanzata, non c’è stato „nessun follow-up o assistenza medica per le oltre 1.200 vittime con gravi effetti collaterali“, secondo la ricerca del giornalista Wills. Ulteriori ricerche hanno portato alla luce violazioni pervasive delle norme etiche da parte della squadra di vaccinazione di Gates: le semplici e inesperte ragazze tribali sono state reclutate con la forza per i test di vaccinazione usando ogni tipo di trucco e pressione. I loro genitori sono stati costretti a firmare moduli di consenso che sono stati presentati loro, ma che non hanno potuto leggere, e che hanno fatto false dichiarazioni sulla sicurezza e l’efficacia dei farmaci. In molti casi, anche le firme sono state semplicemente falsificate.

Una commissione parlamentare indiana ha in seguito notato „che la campagna di vaccinazione finanziata da Gates era in realtà una sperimentazione clinica su larga scala condotta per conto delle aziende farmaceutiche e mascherata da „studio osservazionale“ per minare i requisiti normativi. La commissione ha ritenuto che questi test „violassero tutte le leggi e i regolamenti stabiliti dal governo per i test clinici“ e costituissero una „chiara violazione dei diritti umani e un caso di abuso di minori“.

La Fondazione Gates non ha fatto alcuno sforzo per rispondere a queste accuse del Parlamento indiano. Nella sua newsletter annuale, invece, si chiedeva di intensificare ulteriormente la ricerca e lo sviluppo in materia di salute nei Paesi poveri e, come vertice dell’ipocrisia, la lettera riaffermava anche la convinzione della Fondazione Gates „nel valore di ogni vita umana“.

Tornando alla dichiarazione di Kennedy, egli continua che „uno studio scientifico (peer review) del 2017 (Morgenson et al. 2017) ha dimostrato che il popolare vaccino DTP dell’OMS uccide più bambini africani delle malattie che previene. Le ragazze vaccinate con DTP hanno subito un tasso di mortalità 10 volte superiore a quello dei bambini che non avevano ancora ricevuto il vaccino. L’OMS ha rifiutato di ricordare il vaccino mortale che impone ogni anno a decine di milioni di bambini africani“.

Va ricordato che nel 2010, in occasione del cosiddetto World Economic Summit di Davos, Bill Gates ha promesso all’OMS un totale di 10 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni per „aiutare nella ricerca, nello sviluppo e nella fornitura di vaccini per il mondo“, secondo un comunicato stampa della Gates Foundation.

Questo enorme impegno di donazioni ha naturalmente garantito e consolidato l’influenza decisiva della Gates Foundation sulla politica dell’OMS. A Davos, Bill Gates ha personalmente chiarito dove il viaggio avrebbe portato: „Dobbiamo fare di questo decennio il Decennio dei vaccini! Perché i vaccini salvano e migliorano già milioni di vite nei paesi in via di sviluppo. L’innovazione permetterà di salvare più bambini che mai“. Come i politici astuti, Gates coltiva costantemente la sua immagine di Madre Teresa dichiarando intenzioni altruistiche e caritatevoli e distoglie abilmente l’attenzione dalle conseguenze spesso catastrofiche e mortali delle sue dure e filantropiche pratiche commerciali.

Curiosamente, un mese dopo Davos, Bill Gates ha promosso con passione le sue idee sulla vaccinazione universale nei paesi in via di sviluppo in un discorso al famoso forum TED, ma questa volta con la promessa che questa politica avrebbe ridotto la rapida crescita della popolazione nella regione.

Verso la fine della sua dichiarazione, Kennedy sottolinea che „i sostenitori di un sistema sanitario pubblico in tutto il mondo accusano Bill Gates di aver allontanato l’agenda dell’OMS da progetti che hanno dimostrato di contenere malattie infettive: vale a dire acqua pulita, servizi igienici, nutrizione e sviluppo economico. Così, vengono mosse accuse a Gates di aver dirottato anche le risorse dell’OMS per servire la sua filosofia personale secondo cui la buona salute viene solo da una siringa“.

Gates ha usato la sua filantropia non solo per controllare l’OMS, l’UNICEF, GAVI e PATH, ma anche per finanziare un’azienda farmaceutica privata che produce vaccini, e attualmente ha donato altri 50 milioni di dollari a 12 aziende farmaceutiche per accelerare lo sviluppo di un vaccino contro il coronavirus. Ma di particolare preoccupazione per il senatore Kennedy, che ha perso due dei suoi figli minorenni in un inspiegabile incidente in canoa pochi giorni fa, è che Bill Gates, in un’offensiva mediatica internazionale, è „fiducioso che la crisi di Covid 19 gli permetterà ora di imporre i suoi programmi di vaccinazione dittatoriale ai bambini americani“, ha detto Kennedy.

Anche in Germania, l’opportunità per Bill Gates sembra essere buona. Ciò è supportato dal fatto che il 12 aprile 2020 gli è stato permesso di divagare e di pubblicizzare i suoi piani di vaccinazione contro la corona per oltre 9 minuti nel notiziario dell’autoproclamato medio tedesco di qualità ARD. Il tutto è stato accompagnato da commoventi inserti video sul meraviglioso lavoro della Fondazione Gates. Gates è stato intervistato dal „giornalista di qualità“ di ARD Ingo Zamperoni, assolutamente incapace di fare anche una sola domanda critica. Di fronte alle tracce disastrose che Gates ha lasciato nei paesi in via di sviluppo, questa storia d’amore dell’organo di propaganda di stato ARD con il finto filantropo e l’ennesimo miliardario è spaventosa.

Per concludere, vorrei riflettere su come le cose dovrebbero continuare nel nostro Paese. La decisione della „Conferenza dei centralini telefonici del Cancelliere con i capi di governo degli Stati federali del 15 aprile 2020“ sulle restrizioni della vita pubblica per contenere l’epidemia COVID19 ne è un’importante indicazione. Qui potete leggere quanto segue al punto 17:

„17. non è possibile ottenere l’immunità tempestiva della popolazione contro la SARS-CoV-2 senza un vaccino senza sovraccaricare il sistema sanitario e il rischio di molti decessi. Pertanto, lo sviluppo del vaccino è di fondamentale importanza. Il governo federale sostiene le aziende tedesche e le organizzazioni internazionali nel promuovere lo sviluppo di vaccini il più rapidamente possibile. Un vaccino è la chiave per il ritorno alla normale vita quotidiana. Non appena è disponibile un vaccino, devono essere disponibili quanto prima dosi di vaccino sufficienti per l’intera popolazione.

In combinazione con l’iniziativa di propaganda globale di Bill Gates per la vaccinazione di pubbliche relazioni, per la quale l’oligarca americano, stimato in 108 miliardi di dollari, è stato – come già detto – autorizzato a fare pubblicità gratuita per quasi 10 minuti nello show di qualità di ARD in prima serata, si può supporre chi il Cancelliere aveva in mente quando si è trattato di usare la vaccinazione come „la chiave per un ritorno alla normale vita quotidiana“. . per avere abbastanza dosi di vaccino per l’intera popolazione il più rapidamente possibile“ e a chi dovrebbe essere affidato il compito di assicurare che la somministrazione delle dosi sia controllata senza soluzione di continuità con Big Data e ingegneria biometrica in modo che nessun cittadino fugga. Corrispondenti progetti pilota biometrici, per coincidenza sponsorizzati anche dalla Fondazione Gates, esistono già da tempo nell’ambito del programma ID4Africa, anche in Ghana, dove interi gruppi di popolazione sono già registrati biometricamente.

Il coraggioso nuovo mondo invia i suoi saluti.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Riferimento immagine: VDB Photos/  shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort