La Germania deve assumersi di nuovo maggiori responsabilità!

Che fine ha fatto „La terra tedesca non deve più essere fonte di guerra“?

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

Tutto è iniziato con il riarmo della Bundeswehr. Mio padre, che era stato ferito sette volte durante la guerra, mi aveva avvertito: „Questo è un nuovo inizio. Vi chiederete cosa ne sarà di essa. E‘ sempre lo stesso“. Che ne e‘ stato?

Annegret Kramp-Karrenbauer, è stato scritto nei media (1) vuole distribuire la Bundeswehr più all’estero. La Germania deve anche „prendere l’iniziativa da sola“. E, quindi, oltre all’articolo, naturalmente dobbiamo difendere i nostri interessi con i militari in tutto il mondo e mantenere aperte le rotte commerciali. In altre parole: se uno Stato dovesse mai chiudere una via commerciale che attraversa il suo territorio, la Germania dovrà purtroppo intraprendere un’altra guerra di aggressione, come alcuni hanno fatto dopo la riunificazione e la distruzione della Jugoslavia (3). Oppure un paese come la Siria semplicemente non vuole vedere che un oleodotto può essere anche una via commerciale, basta „convincere“ il paese. E com’è possibile che praticamente nessuno vi si opponga seriamente, cosa è successo al movimento per la pace?

L’establishment politico transatlantico ha riconosciuto decenni fa che la politica di aggressione espansiva a cui partecipa anche la Germania, ad esempio sostenendo le guerre di aggressione degli Stati Uniti contro Ramstein, la più grande base militare statunitense all’estero, deve procedere sistematicamente per prevenire l’opposizione sotto forma di movimento sociale per la pace. Perché, secondo gli strateghi, il problema non è l’avversario, solitamente molto più debole militarmente, ma la „quinta colonna“ del movimento pacifista nel proprio entroterra.

E così la società è stata sistematicamente preparata ad assumersi di nuovo „più responsabilità“ nel mondo. Nei discorsi coordinati del Segretario generale della NATO, dell’allora Presidente federale, del Cancelliere federale e dei ministri, il popolo è stato ripetutamente detto che la Germania doveva imparare di nuovo a fare sacrifici. E se un tempo era l’Afghanistan, l’Hindu Kush, dove doveva essere difesa la Germania, ora è l’Africa, la zona del Sahel, o più precisamente il Mali, ai tempi dell’AKK. Dove è sorta una crisi che non sarebbe mai diventata un „pericolo per la Germania“ senza il bombardamento e la distruzione dell’unità di Stato libico da parte della NATO (2). Le ex acclamazioni per l’annientamento del paese arabo più ricco ora prendono questo atto come un motivo per bombardare ancora di più, per portare avanti ancora di più gli interventi militari.

Ma torniamo all’inizio della fine del movimento per la pace. Decisivo per l’inizio dell’uccisione del movimento pacifista è stato il sostegno dei precedenti movimenti contro la guerra del partito Bündnis90/Die Grünen. La loro decisione aveva messo in dubbio milioni di persone e molti non hanno ancora scoperto da soli ciò che era successo allora (4). Il partito aveva finalmente cambiato fronte, con i Verdi che chiedevano di partecipare alla guerra in Afghanistan. Tale partecipazione non era stata richiesta dagli Stati Uniti, ma espressamente richiesta dai Verdi (5). E ancora molti non hanno capito che l’ex partito delle scarpe da ginnastica contro la guerra si è trasformato da tempo in un partito di guerra transatlantico, il che contribuisce ancora alla paralisi del movimento pacifista.

Dividere e governare per dividere il movimento per la pace

Uno strumento importante per la distruzione di un movimento pacifista in pieno sviluppo, dopo che l’effetto dei Verdi, mentre i tranquillanti contro le attività pacifiste erano diminuiti, è stata la loro divisione. Lì c’era il diritto, poi gli esoteristi, i crackpots, gli amici dittatoriali, con i quali ai „veri di sinistra“ non era permesso di organizzare nulla insieme. E sulla destra, si è suscitata un’avversione contro un movimento pacifista che sosteneva „dittature comuniste“ come il Venezuela o Cuba e contro le sanzioni e la guerra contro di loro. E così questo movimento morì quasi più velocemente di quanto si fosse formato, sprofondando in un’insignificanza per quanto riguarda la percezione pubblica.

Un esempio drastico è il tweet di un affermato giornalista e regista tedesco che fornisce i media dell’istituzione. Mario Sisto scrive il 6 novembre 2019:

„Pertanto: Blocco @_donalphonso! Bloccate tutti i suoi claquere e fanboy! Blocca chiunque abbia un tweet di im gradito e ancora di più per un retweet! Segui i suoi seguaci! Tutto questo lo priva della sua portata. Dato che Twitter non fa niente qui, dobbiamo proteggerci!“.

E ’solo una coincidenza che va contro un cosiddetto „diritto“, che in realtà è solo un conservatore e grazie all’eredità di cittadini benestanti con opinioni corrispondenti. E‘ proprio così che colpisce la sinistra che si oppone alla creazione di denaro da parte delle banche, o persone che si battono per i diritti umani in Israele. La separazione, il blocco, l’impedimento alla diffusione dei pensieri di altre persone, sono i tipici strumenti di „divide et impera“ che vengono volentieri utilizzati dagli indottrinati ignari a tutti i livelli della società.

L’apice di questa politica è stato certamente raggiunto il 17 maggio 2019, quando i deputati europei hanno calunniato il movimento per i diritti umani BDS (Boicottaggio, Disinvestimenti, Sanzioni), che si impegna a favore dei diritti dei palestinesi in Israele e nei territori occupati, in quanto antisemiti. Con l’obiettivo dichiarato di negare così agli attivisti palestinesi in Germania apparizioni pubbliche in cui vengono presentati i crimini commessi da Israele (11).

Il ruolo della rivoluzione digitale

Da non sottovalutare è anche il ruolo dei media digitali, che vengono sapientemente utilizzati dall’istituzione per togliere il pubblico da un movimento. C’è, ad esempio, l’infiltrazione del presunto database di conoscenza completamente neutrale „Wikipedia“. Ad oggi, la maggior parte delle persone non sa che Wikipedia è stata a lungo una piattaforma diffamatoria per le questioni politiche. Non così pronunciate come piattaforme simili, come Wikimannia.org, ma sufficientemente efficaci per ritrarre persone che sono coinvolte nel movimento pacifista e che si sono guadagnate una certa portata, come Daniele Ganser o Willy Wimmer, in modo tale che le persone che non conoscono i due si allontanino e rifiutino di ascoltarli.

Un altro modo per indebolire il movimento per la pace attraverso i media digitali è quello di „permettere il dissenso“ attraverso forum e social network. Poiché di solito non raggiungono quasi mai un livello tale da cambiare l’opinione pubblica, le attività sono limitate. Chi si entusiasma e si esprime qui, chi passa molto tempo a cercare e dimostrare, non scende in strada, e la società non si accorge nemmeno che nella società c’è dissenso. E il principio di conformità di Asch sta già funzionando. Nessuno in strada contraddice la pressione dei coetanei, motivo per cui nessuno osa opporsi alla pressione dei coetanei. E così i dissidenti, anche se lentamente diventano sempre più numerosi, rimangono nella loro bolla, e la crescita è troppo lenta per portare davvero un cambiamento.

Naturalmente, anche gli algoritmi dei motori di ricerca dominanti, in particolare Google, giocano un ruolo importante. E‘ noto da tempo che sono programmati secondo criteri politici. E naturalmente lo stesso vale per gli strani algoritmi di Twitter e Facebook, che dimostrano che si sta lavorando intensamente sull'“intelligenza artificiale“, che dovrebbe influenzare le società (6). E, naturalmente, i „giusti“ si lamentano dell’influenza di sinistra (7), mentre il mainstream parla ripetutamente di presunta „influenza elettorale russa“ (8).

E naturalmente ci sono interventi manuali che sono spesso chiamati censura. Ad esempio, il blocco dei media palestinesi nei social network a novembre. Ciò che ovviamente è da ricondurre al fatto che troppe segnalazioni di violazioni dei diritti umani da parte di Israele sono state troppo diffuse (9). Ma 59 siti di notizie e siti di social media, tra cui siti popolari come Wattan TV, Shehab News Agency, Quds News Network, Arab48 (10), sono stati bloccati anche dall’Autorità Palestinese, considerata dalla critica come il braccio esteso della potenza occupante Israele.

Nel frattempo, Twitter cerca di educare i suoi utenti emettendo avvertimenti nella prima fase (a causa del rifiuto della propaganda LGBTQ), nella seconda fase di emissione del cartellino giallo (a causa di indicazioni di unità naziste in Ucraina), e con un terzo e ultimo passo, il blocco finale dell’account Twitter. In questo caso, quello di Ollie Richardson (12).

E‘ giunto il momento

E‘ giunto il momento di far decollare finalmente un nuovo movimento per la pace. Mentre il ministro della Difesa chiede più operazioni in Africa e il mai eletto leader dell’UE, von der Leyen, dimostra una certa forza militare, l’Europa deve imparare il linguaggio del potere“ (13). E cerca anche di presentare di nuovo l’Unione europea come Europa, sebbene sia la parte più piccola del continente europeo. Quando il presidente della Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera dichiara che il 2% del PIL (pari a circa il 20-25% della spesa pubblica) è solo l’inizio. E se si parla già del 4% del PIL (cioè fino al 50% della spesa pubblica), perché questo sarebbe stato legittimo sotto Willy Brand, allora il campanello d’allarme dovrebbe finalmente suonare abbastanza forte per tutti i tedeschi (14).

Il movimento per la pace è impegnato a dividersi e quindi a distinguersi l’uno dall’altro, e la protesta si svolge prevalentemente su Internet, dove agisce in una bolla che non ha quasi nessun effetto esterno attraverso le politiche intelligenti dell’establishment e il comportamento dello stesso movimento per la pace. Nel frattempo, le decisioni del governo federale, come il sostegno alla militarizzazione dello spazio, ignorano in gran parte i comuni cittadini.

Si potrebbe ottenere un cambiamento se il movimento pacifista diventasse tale:

a) rompere i vincoli ideologici e impegnarsi nell’obiettivo fondamentale della prevenzione della guerra. Si deve finalmente capire che le sanzioni rappresentano anche la guerra. Le sanzioni uccidono più tranquillamente, senza bombe, ma uccidono e riguardano in particolare la popolazione civile. E in questa lotta contro la guerra, questo o quel paese non deve essere escluso selettivamente. Quindi, se i „giusti“ pensano che la violenza contro il Venezuela sotto forma di sanzioni mortali andrebbe bene, ma contro Israele non ci devono essere sanzioni, perché il paese sta facendo la guerra solo per autodifesa, questo deve essere respinto proprio come l’altro caso. Se „di sinistra“ sostengono che la violenza sotto forma di sanzioni o anche la guerra contro Bolsonaro, che viene chiamato fascista dai media, sarebbe OK, ma non contro il Presidente di Cuba, Miguel Diaz-Canel. Solo quando il movimento pacifista sarà in grado di rinunciare alle ideologie potrà esercitare la sua influenza.

b) Il contenimento da parte dei pacifisti estremi è necessario per non irritare il „centro pragmatico“ della popolazione con richieste massime come l’abolizione totale della Bundeswehr, il completo disarmo della Germania. Queste richieste massime portano a uno scuotimento della testa e continuano. Ma se si elencano i crimini della NATO e si chiedono dimissioni, la possibilità di penetrare attraverso l’indottrinamento è molto maggiore. I pacifisti totali dovrebbero tenere presente che possono portare avanti le loro idee solo se è stato fatto un primo passo.

c) Lo stesso vale per i movimenti di pace a sfondo cristiano. Purtroppo la pace non è mai stata pregata, ma sempre combattuta con grandi sacrifici. Dovrebbero quindi ridurre il loro profilo e pregare tranquillamente per la pace, senza chiedere agli altri di pregare con loro. Non si tratta solo di non scoraggiare gli atei. Ma alla fine ci sono sempre più religiosi non cristiani che vogliono impegnarsi in movimenti di pace, ma senza cadere in un movimento a maggioranza cristiana.

d) I media alternativi, indipendentemente dall’ideologia a cui tendono, dovrebbero coordinarsi per tematizzare seriamente e sincrono certe cose che dimostrano che siamo sulla strada che non vogliamo, ma che scaturisce dall’idea imperialista che si deve, se necessario, „contenere“ militarmente un aspirante concorrente. Solo quando i media alternativi cominceranno ad agire in modo coordinato avranno la possibilità di essere percepiti di fronte al rumore dei mass media.

e) Quando i movimenti pacifisti rifiutano il servizio militare di base, ciò è comprensibile, ma irragionevole alla luce dell’attuale situazione mondiale. Solo una società in grado di costruire un sufficiente potenziale deterrente contro il ricatto militare è in grado di attuare una politica pacifica. Inoltre è impedito che uno stato è formato nello stato e soldati professionisti, che guadagnano promozioni, ordini e denaro con le guerre, non ricevono alcuna influenza determinante. Naturalmente, l’addestramento al servizio militare di base deve essere cambiato radicalmente. La lotta con un’arma giocherà in un concetto puramente orientato alla difesa solo un ruolo subordinato.

f) Dobbiamo opporci alla „libertà delle rotte commerciali“ con un concetto che non si basa sulla forza militare e sulla guerra, ma sull’accettazione di interessi, anche se più costosi, sulla tolleranza di altri modelli sociali, sul partenariato e sul bilanciamento degli interessi.

Prospettive

Quando il consenso dei partiti ha impedito che la promessa della Legge fondamentale, secondo cui al popolo tedesco sarebbe stato consentito di avere una propria costituzione dopo la riunificazione, ciò era dovuto in gran parte al fatto che il cartello di partito aveva investito molto tempo e sforzi per minare la Legge fondamentale e sottomettere lo Stato. Libri e serie di articoli sono stati scritti su di esso senza che cambiasse nulla. C’è quindi da temere che anche un movimento pacifista venga calunniato e distrutto nello spirito del maccartismo, se non è più possibile ignorarlo. Perché i mass media, la politica, l’economia e la cosiddetta società civile consolidata sono stati a lungo parte di una nuova aristocrazia.

L’establishment sta ora dimostrando una velocità mozzafiato nel facilitare la guerra. Ogni giorno si è di nuovo sconvolti. Il 7 novembre, il nuovo ministro di guerra AKK ha parlato di nuovo:

„Tuttavia, vedo anche che la Commissione per la revisione dei diritti di partecipazione del Parlamento ha sviluppato nel corso della passata legislatura alcune idee che non hanno ancora avuto un effetto sufficiente. Penso alla semplificazione e all’accelerazione della procedura di formazione del parere parlamentare. (15)

Traduco questo: fischio sulla Legge fondamentale, sullo spirito che la guerra non deve più emanare dalla Germania. Parliamo di interrogare la gente del paese che paga il prezzo con il denaro e la vita per le nostre guerre. Parliamo di dare al Parlamento un quarto d’ora per leggere centinaia di pagine prima di accettare la guerra (16). Rendiamo ancora più veloce per andare in guerra. …

Ragazzi, non abbiamo più tempo per la correttezza politica o i confini ideologici. Mentre continuiamo a rimproverare e gemere nelle nostre bolle di destra, l’establishment si prepara a „contenere“ le potenze emergenti come la Cina e la Russia. E quali mezzi di contenimento si possono vedere in Iraq, Libia, Siria, Yemen, Afghanistan. Noi, il popolo, siamo di nuovo quelli che devono voltare la testa per le fantasie di potere dei potenti, per la loro avidità. Invece di adeguarsi ad un mondo multipolare in cui le grandi potenze si rispettano e osservano regole concordate, i poteri che non vogliono sottomettersi all’impero dovrebbero essere „contenuti“. Invece di un mondo in cui le relazioni economiche si basano su una situazione win-win, gli interessi economici delle potenti corporazioni dell’Occidente dovrebbero determinare l’economia.

Se questo è quello che volete, allora continuate a votare per i partiti „di sostegno statale“, ma non stupitevi se pagate il prezzo, non quelli che ci hanno portato lì, e quando saremo dalla parte dei perdenti per la terza volta.

Fonti:
(1) https://www.sueddeutsche.de/politik/bundeswehr-kramp-karrenbauer-auslandseinsaetze-1.4670696 

(2) https://jomenschenfreund.blogspot.com/2015/11/bundeswehr-in-mali-resultat-des-nato.html 

(3) https://www.rubikon.news/artikel/die-kriegsmacht  

(4) Ausführlich beschrieben in https://www.kopp-verlag.de/a/deutschlands-angriffskriege-3 

(5) http://www.uweness.eu/oef-als-persilschein.html#_ftnref3 

(6) https://www.politik-kommunikation.de/ressorts/artikel/wie-algorithmen-die-politik-veraendern-1247577150 

(7) https://www.deutschland-kurier.org/linkslastige-suchmaschine-wie-google-die-waehler-beeinflusst/ 

(8) https://www.zeit.de/digital/2017-10/us-wahlkampf-russland-google-beeinflussung-fake-news 

(9) https://imemc.org/article/gaza-leadership-slams-twitter-and-facebook-for-yielding-to-israels-dictates/ 

(10) https://twitter.com/MinHijara/status/1190639704506601472 

(11) https://www.alitheia-verlag.de/Politik/Die-vergessenen-Lehren-von-Auschwitz-Jochen-Mitschka::18.html 

(12) https://twitter.com/O_Rich_/status/1192782688777842693 

(13) https://www.spiegel.de/politik/ausland/ursula-von-der-leyen-erste-grundsatzrede-als-kommissionspraesidentin-a-1295677.html 

(14) https://twitter.com/fritzfelgentreu/status/1192704802406436864 

(15) https://www.bmvg.de/de/aktuelles/rede-der-ministerin-an-der-universitaet-der-bundeswehr-muenchen-146670 

(16) https://youtu.be/T5jCOEJx1eU (Marco Bülow über Entscheidung zum Kriegseinsatz im Eilverfahren)

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Sergiy Palamarchuk /shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort