La pandemia di Corona: chi è l’OMS?

Un commento di Ernst Wolff.

La leadership della lotta contro il nuovo virus corona è nelle mani dell’Organizzazione Mondiale della Sanità OMS. Annuncia il numero dei contagiati, dei deceduti e dei convalescenti, informa sulla diffusione della malattia e coordina le misure per contenerla.

Chi è questa organizzazione? Chi l’ha fondata? Come ha compiuto la sua missione fino ad ora? Chi lo finanzia?

Ecco una sintesi dei fatti più importanti: 

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è stata fondata nel 1948 come agenzia specializzata delle Nazioni Unite. La sua sede centrale si trova a Ginevra e attualmente conta 194 Stati membri. Dal 2017 è guidata dall’ex ministro della sanità e degli esteri etiope, il dottor Tedros Ghebreyesus.

Il mandato ufficiale dell’OMS è „raggiungere il più alto standard di salute raggiungibile per tutti i popoli“. Ha il diritto di stabilire standard riconosciuti a livello internazionale per il trattamento delle malattie, la gestione delle tossine ambientali e la protezione contro i pericoli nucleari. Fornisce inoltre assistenza tecnica ai Paesi che ne hanno bisogno e sostiene e coordina le risposte internazionali alle emergenze sanitarie.

Le due fonti di finanziamento dell’OMS 

L’OMS ha attualmente un budget di circa 4,4 miliardi di dollari e ha due principali fonti di reddito: In primo luogo, i contributi fissi versati dai governi degli Stati membri, che si basano sulle dimensioni della popolazione e sul livello del loro prodotto nazionale. Il secondo è costituito da contributi volontari di Stati membri, fondazioni, aziende e privati.

I contributi fissi sono utilizzati per coprire le spese generali e le attività del programma. I contributi volontari sono assegnati dai donatori per attività specifiche e sono stanziati.

Nei primi tre decenni della sua esistenza, l’OMS è stata finanziata principalmente da contributi fissi degli Stati membri, di cui gli Stati Uniti sono il principale donatore. Con la deregolamentazione globale e la crescente influenza del neoliberismo, a metà degli anni Settanta è iniziata un’ondata di privatizzazioni che non si è fermata all’OMS. La quota di fondi privati nel suo bilancio è aumentata costantemente nei decenni successivi.

Nel 1993, gli Stati Uniti hanno spinto per il congelamento dei contributi obbligatori. Nel 2017, il presidente americano Trump ha ordinato un taglio di quasi la metà della quota statunitense. Oggi, meno del 20% del budget dell’OMS proviene dai governi dei paesi membri. Oltre l’80% è costituito da contributi volontari e in gran parte stanziati da donatori governativi o privati, principalmente fondazioni e aziende farmaceutiche.

L’importanza degli interessi economici privati

Poco più del 14 per cento del budget totale proviene attualmente dalla Bill and Melinda Gates Foundation. È stato il più grande donatore privato per diversi anni e ha donato 2,5 miliardi di dollari all’OMS dall’inizio del millennio. Solo nel 2016 e nel 2017, l’importo annuale è stato di 629 milioni di dollari – in gran parte destinati alle campagne di vaccinazione.

La Fondazione Gates ha donato un totale di 1,6 miliardi di dollari all’OMS per contribuire a ridurre la poliomielite. Questa lotta ha quasi sradicato la temuta malattia in tutto il mondo. Allo stesso tempo, ha portato profitti molto elevati a varie aziende farmaceutiche, i cui rappresentanti siedono nel consiglio di amministrazione della Gates Foundation, e ha causato un forte aumento dei prezzi delle loro azioni. Di questo, a sua volta, ha beneficiato anche la Fondazione Gates, che detiene blocchi di azioni delle società farmaceutiche GlaxoSmithKline, Novartis, Roche, Sanofi, Gilead e Pfizer, tra le altre.

La Fondazione Gates sostiene di servire la salute globale. Non vede alcuna contraddizione nel detenere blocchi di azioni di compagnie petrolifere o società come Coca-Cola, Pepsi-Cola, Nestlé o le società di alcolici Anheuser-Busch e Pernod. L’OMS nega di avere le mani legate a causa della sua dipendenza finanziaria dalla Gates Foundation quando si tratta di agire contro le attività dannose dell’industria petrolifera o dell’industria delle bevande dolci e dell’alcool.

Quasi quattro anni fa, in seno all’OMS si è verificato un cambiamento strutturale decisivo a favore del settore privato. Fino ad allora, solo le organizzazioni non profit potevano partecipare ai lavori e alle task force dell’OMS, dove vengono prese le decisioni più importanti dell’organizzazione. A seguito di una decisione dell’Assemblea generale dell’OMS del maggio 2016, anche le imprese commerciali possono ora esercitare un’influenza diretta sulle decisioni strategiche di questi organi.

Influenza aviaria e suina

Probabilmente il compito più importante dell’OMS è quello di intervenire nelle pandemie e coordinare gli sforzi globali per contenerle. Le pandemie influenzali sono le più comuni. Tra queste, l’influenza aviaria del 2005 e l’influenza suina del 2009/2010.

Durante l’epidemia di influenza aviaria, il direttore dell’OMS, il tedesco Klaus Stöhr, ha avvertito con urgenza di un’ondata mondiale di infezioni con „fino a sette milioni di morti“. In risposta, i governi hanno acquistato i farmaci antinfluenzali Tamiflu e Relenza per milioni.

Nel 1996, il colosso farmaceutico svizzero Roche ha acquisito la licenza per la produzione di Tamiflu dalla società biotecnologica statunitense Gilead, il cui ex presidente e azionista di maggioranza era l’ex Segretario della Difesa statunitense Donald Rumsfeld. Roche ha guadagnato oltre un miliardo di franchi svizzeri dalla vendita di Tamiflu.

L’influenza aviaria non ha rivendicato i 7 milioni di vite annunciati, ma un totale di 152 vite in tutto il mondo. Klaus Stoehr, che ha avuto un ruolo decisivo nella strategia dell’OMS, ha lasciato l’OMS dopo che la pandemia si era placata per assumere la direzione dell’azienda farmaceutica svizzera Novartis.

Durante l’epidemia di influenza suina del 2009, l’OMS ha nuovamente dichiarato lo stato di emergenza. All’epoca, Marie-Paule Kieny dalla Francia era a capo dell’Unità Vaccino dell’OMS. Fino al 1988 ha lavorato per Transgene SA, un’azienda biotecnologica con partnership strategiche per la produzione di vaccini con l’azienda farmaceutica Roche, e prima di entrare a far parte dell’OMS, era stata attiva nella European Vaccine Initiative sponsorizzata da molte aziende farmaceutiche.

Gli avvertimenti dell’OMS sulle conseguenze dell’influenza suina sono stati di nuovo così drastici che molti governi hanno accumulato scorte di emergenza. La Germania da sola ha ordinato farmaci e vaccini contro l’influenza per un valore di 450 milioni di euro.

Tuttavia, poiché l’effettiva ondata di infezione è stata relativamente lieve e solo 258 morti ogni 226.000 malattie in Germania, meno di una normale epidemia di influenza stagionale, le scorte governative pagate con i soldi delle tasse hanno dovuto essere distrutte a causa della mancanza di domanda.

L’OMS e la Banca Mondiale

Nel 2017 la Banca Mondiale, insieme ai riassicuratori – cioè alle compagnie che assicurano le assicurazioni – ha istituito un fondo di emergenza per le malattie epidemiche che, secondo il suo allora presidente, „salverà milioni di persone“.

Al centro di questo fondo vi sono le cosiddette obbligazioni pandemiche, che vengono acquistate da importanti investitori, casse pensioni, gestori patrimoniali e fondazioni e fruttano loro interessi garantiti dallo Stato fino all’11 per cento.  In caso di pandemia, gli investitori corrono il rischio di perdere parte del loro denaro o tutto il denaro pagato per le obbligazioni.

Lo scopo ufficiale delle obbligazioni pandemiche è quello di aiutare i paesi che hanno bisogno di raccogliere fondi in caso di pandemia. Tuttavia, l’esborso del denaro è soggetto ai criteri stabiliti dall’OMS e stipulati contrattualmente su diverse centinaia di pagine per ogni obbligazione.

Quando il virus Ebola ha imperversato in Congo nel 2018, uccidendo più di duemila persone, è stato il secondo focolaio più grave della malattia in assoluto. Ciononostante, solo una piccola parte del denaro (61 milioni di dollari USA) è stata pagata, in quanto la piccola stampa delle obbligazioni conteneva la seguente clausola La malattia deve attraversare il confine in due Paesi confinanti e mietere almeno 20 vittime entro un certo periodo di tempo. Tuttavia, in Uganda, un Paese confinante con il Congo, all’epoca sono stati individuati solo 3 decessi – dall’OMS.

Inoltre, i 61 milioni di dollari non sono stati pagati fino a tre mesi dopo lo scoppio della pandemia, quindi non hanno più potuto contribuire a prevenire la diffusione della malattia in una fase iniziale.

Uno studio pubblicato dopo la pandemia di Ebola sull’efficacia delle obbligazioni pandemiche ha fornito la prova che, ad oggi, sono stati spesi più soldi per il pagamento degli interessi per gli investitori finanziari che per i paesi colpiti dal virus Ebola.

Hedge fund, l’OMS e il virus Corona

Gli hedge fund sono società finanziarie che possono agire come banche, ma non sono soggette alle loro restrizioni. A seguito della loro approvazione nell’ambito della deregolamentazione, un numero sempre maggiore di banche ha creato i propri hedge fund e quindi ha effettuato proprio quelle operazioni che prima erano loro proibite.

Di conseguenza, gli hedge fund sono diventati sempre più potenti e ora dominano la scena finanziaria globale. Grazie alla loro costante ricerca di rendimenti rapidi e alle immense opportunità di profitto nel settore farmaceutico, il ramo più redditizio dell’industria a livello mondiale, essi detengono anche quote di partecipazione in numerose aziende farmaceutiche e possono influenzare l’OMS attraverso di esse.

Dopo la crisi finanziaria mondiale del 2007/08, le banche centrali hanno tenuto in vita il sistema finanziario globale per 11 anni iniettando sempre più denaro e abbassando i tassi di interesse. Dal 2019, tuttavia, questa strategia non funziona più. Come dimostrano le gravi distorsioni verificatesi sui mercati finanziari nelle ultime quattro settimane, il sistema sta finalmente crollando.

Gli hedge fund hanno subito enormi perdite nel corso di questo crollo e stanno attualmente cercando di compensarle in due modi: In primo luogo, scommettono sul calo dei prezzi e in secondo luogo, a causa del loro potere di mercato, chiedono – e ricevono – salvataggi sempre più grandi (cioè iniezioni di denaro) da parte dei governi e delle banche centrali.

Nessuna di queste misure contribuisce alla ripresa del sistema, ma piuttosto aggrava il crollo e, soprattutto, gli effetti sulla popolazione attiva, minacciata dalla disoccupazione di massa e dalla povertà di massa su una scala mai vista prima. Il comportamento parassitario degli hedge fund ha quindi il potenziale di mettere le masse contro di loro e i loro complici in politica e nei media.

In queste circostanze, non è concepibile che qualcuno qui possa sfruttare il proprio potere e avere un’organizzazione come l’OMS, controllata dai propri interessi ma impegnata per la salute mondiale agli occhi dell’opinione pubblica, creare un’isteria di massa su una scala senza precedenti per distogliere l’attenzione dal proprio saccheggio del sistema che sta crollando e prepararsi a sopprimere l’assalto delle masse con decreti di emergenza emessi dalla polizia e dai militari?

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort