La psicologia delle masse

Nella crisi di Corona, la politica e i media giocano sulla tastiera della paura – i loro metodi ricordano quelli della propaganda di guerra.

Un commento di Hans Springstein.

Nota sull’articolo di Rubikon: Il seguente testo è apparso per la prima volta su „Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

„Stiamo vivendo un grande esperimento sociale per vedere come la gente ascolta le istruzioni dall’alto“, mi ha chiesto recentemente un giornalista straniero. Le ho detto che non lo sapevo, ma che me lo ero già chiesto. Mi ha ricordato le domande che ho scritto di recente. Alla ricerca di risposte, ho sfogliato libri che esistono su questioni di psicologia di massa e di comunicazione di massa, e sulla propaganda e la manipolazione. In esse ho trovato molte descrizioni modello dei processi che si stanno svolgendo o sono stati avviati nella crisi di Corona. Solo la causa sembra essere nuova: il virus Sars-Cov 2 e la malattia Covid-19, che si pensa abbia scatenato, ma i meccanismi politici e sociali della crisi che si è venuta a creare non lo sono.

Molto non ha bisogno di essere detto o riformulato. Basta ricordare che è già stato pensato, detto, scritto e mostrato. Deve essere strappato dall’oblio e dalla marea di informazioni.

Alcuni dei risultati si riferiscono in particolare alla propaganda di guerra, ma si applicano anche al di là di questo. Possono aiutare a capire cosa sta succedendo al momento – e nel frattempo è già stata dichiarata una „guerra contro il virus“.

Di conseguenza, seguono alcune citazioni. Non si tratta di „recitazione“, ma di mostrare quali sono i modelli con cui abbiamo a che fare anche nella „crisi di Corona“. Possono aiutarci a riconoscere meglio questi stessi schemi e i meccanismi utilizzati.

Il potere della paura

Il ricercatore sulla percezione e la cognizione Rainer Mausfeld ha descritto come la paura sia generata dalla generazione propagandistica di una presunta minaccia:

(„Lo scopo di nascondere i propri obiettivi e le proprie intenzioni è servito dalla generazione della paura attraverso la dichiarazione propagandistica di un grande pericolo X, che la popolazione deve contrastare risolutamente attraverso una „lotta contro X“. Un simile monito propagandistico accompagna gli apparati statali con „la promessa, attualmente dominante, di protezione contro il terrorismo e il male di ogni tipo“. X può essere praticamente qualsiasi cosa che possa in qualche modo essere usata in modo efficace per generare paura. Quindi X può stare per „comunismo“, per i migranti, „parassiti sociali“, terrorismo, notizie false e disinformazione, populismo di destra, islamismo o qualsiasi altra cosa. Attraverso la proclamazione propagandistica di una „lotta contro X“, diversi obiettivi voluti dai centri di potere possono essere raggiunti contemporaneamente nelle „democrazie capitaliste“: Da un lato, si produce la materia prima „paura“ utilizzabile a fini di potere, inoltre, l’attenzione può essere efficacemente indirizzata verso obiettivi diversivi e, infine, con il pretesto di una lotta contro X, si possono smantellare le strutture democratiche e si possono istituire strutture autoritarie a tutti i livelli dell’esecutivo e del legislativo“ (1).

Il governo nell’ombra

Edward Bernays, nipote di Sigmund Freud, è considerato il „padre delle pubbliche relazioni“. Nel suo classico del 1928 „Propaganda“, ha descritto come funziona esattamente questo – oggi sotto la nuova etichetta „Public Relations“ -. Secondo Bernays, ciò comprende anche quanto segue:

„La manipolazione deliberata e mirata del comportamento e degli atteggiamenti delle masse è una parte essenziale delle società democratiche. Le organizzazioni che lavorano in segreto controllano i processi sociali. Sono i veri e propri governi del nostro paese.

Siamo governati da persone di cui non abbiamo mai sentito il nome. Influenzano le nostre opinioni, i nostri gusti, i nostri pensieri. Ma non c’è da stupirsi, questo stato di cose è solo una logica conseguenza della struttura della nostra democrazia: se molte persone devono vivere insieme il più agevolmente possibile in una società, processi di guida di questo tipo sono inevitabili.

I governanti invisibili di solito non si conoscono neanche per nome. I membri del governo ombra ci governano grazie alle loro innate qualità di leadership, alla loro capacità di dare il tanto necessario impulso alla società e alle posizioni chiave che occupano nella società. Che ci piaccia o no, il fatto è che in quasi tutti gli aspetti della vita quotidiana, che si tratti di affari o di politica, del nostro comportamento sociale o dei nostri atteggiamenti etici, dipendiamo da un …. gruppo relativamente piccolo di persone che comprendono i processi mentali e le dinamiche sociali delle masse. Essi guidano l’opinione pubblica, rafforzano le vecchie forze sociali e prendono in considerazione nuovi modi per tenere insieme e guidare il mondo“ (2).

Bernays ha fornito consulenza ai governi degli Stati Uniti e all’industria del tabacco, che un tempo era potente quanto lo è oggi l’industria farmaceutica. Nel suo libro ha scritto anche

„La ricerca sistematica sulla psicologia delle masse ha dimostrato quanto efficacemente la società possa essere governata quando i governanti nascosti riescono a raggiungere gli individui nella loro appartenenza al gruppo e a manipolarne le motivazioni. Trotter e Le Bon hanno gettato le basi scientifiche per questo. Graham Wallas, Walter Lippmann e altri hanno scoperto in ulteriori ricerche che la coscienza di gruppo si differenzia sostanzialmente nelle sue caratteristiche psicologiche da quelle dell’individuo. Le azioni dell’individuo nel gruppo sono determinate da sentimenti e motivazioni che non possono essere spiegate con gli approcci della psicologia individuale. Ma se sappiamo cosa e come viene mossa la psicologia di massa – non dovrebbe essere possibile dirigerla e controllarla senza farci notare secondo la nostra volontà?

Come ha dimostrato l’uso della propaganda negli ultimi tempi, ciò è in realtà possibile in una certa misura ed entro certi limiti. Tuttavia, la psicologia delle masse è ben lungi dall’essere una scienza esatta, e il segreto di ciò che guida il comportamento umano è ben lungi dall’essere decifrato nei dettagli. Ma teoria e pratica possono ora essere conciliate almeno nella misura in cui possiamo, in certe situazioni, determinare cambiamenti abbastanza prevedibili nell’opinione pubblica attraverso l’applicazione di certe tecniche; in modo simile al modo in cui un automobilista usa il pedale dell’acceleratore per controllare la velocità di un’auto“ (3).

Il controllo delle opinioni

Uno dei classici sulle questioni dell’opinione pubblica e della manipolazione è Walter Lippmann, citato da Bernays. Nel 1922 pubblicò il libro „Die öffentliche Meinung. Come viene creato e manipolato“. Lo scienziato dei media Michael Meyen ha detto:

„Lippmann dice come siamo controllati. È più rilevante che mai“.

Il giornalista statunitense ha attinto in particolare alle esperienze della prima guerra mondiale e ha sottolineato soprattutto l’effetto delle immagini. Dal libro di Lippmann, appena pubblicato in tedesco nel 2018, anche alcune citazioni riassuntive:

„Abbiamo imparato a chiamare questa propaganda. Un gruppo di persone che può negare al pubblico il libero accesso agli eventi organizza le notizie per i propri scopi. (…)

Senza una certa forma di censura, la propaganda in senso stretto non è possibile. Per poter fare propaganda, deve essere eretta una certa barriera tra il pubblico e l’evento. L’accesso all’ambiente reale deve essere limitato prima che qualcuno possa creare uno pseudoambiente che considera saggio o desiderabile. Infatti, mentre le persone che hanno accesso immediato possono fraintendere ciò che vedono, nessun altro può determinare come dovrebbero fraintendere, a meno che qualcuno non possa determinare dove dovrebbero guardare e cosa dovrebbero vedere. La censura militare è la forma più semplice di questa barriera, ma non la più importante, perché si sa che esiste e quindi si può essere d’accordo o in disaccordo in qualche modo. (…)

Mentre la censura e la segretezza intercettano molte informazioni alla fonte, un numero molto più elevato di fatti non raggiunge affatto il pubblico, o solo molto lentamente. (…)

Innanzitutto, la notizia… non è lo specchio delle condizioni sociali, ma il resoconto di aspetti che si sono imposti. (…)

Decidere quali fatti e quali impressioni riferire richiede una capacità distintiva di distinguere. Ogni gruppo organizzato è quindi costantemente convinto che non si può lasciare al reporter il compito di risolvere i fatti, sia che si voglia ottenere o impedire la pubblicità. È quindi più sicuro assumere un agente di stampa che si collochi tra il gruppo in questione e i giornali. (…)

Tuttavia, poiché i fatti della maggior parte delle principali notizie non sono facili da presentare e, soprattutto, non sono affatto ovvi, ma sono soggetti a selezione e ad opinioni soggettive, è naturale che si voglia fare una propria selezione di fatti per la pubblicazione. Questo è esattamente ciò che fa l’Uomo della Pubblicità. E quindi risparmia certamente al giornalista un sacco di problemi, dandogli un quadro chiaro della situazione che l’uomo del giornale potrebbe altrimenti non essere in grado di capire. Ne consegue, tuttavia, che l’Uomo della Pubblicità prepara l’immagine pubblica per il reporter. È censore e propagandista allo stesso tempo ed è responsabile solo nei confronti dei suoi capifamiglia. Egli è responsabile di tutta la verità, tuttavia, solo nella misura in cui essa coincide con gli interessi dei suoi datori di lavoro“ (4).

I metodi di manipolazione

Lo scienziato culturale Douglas Rushkoff è uno dei più recenti esperti in materia e ha descritto „Come siamo costantemente manipolati“ nel libro „L’attacco alla psiche“. Soprattutto, mostra come funziona la pubblicità e quali metodi vengono utilizzati per farlo.

Ma questo può essere applicato anche alla sfera politica, come ha dimostrato decenni prima l’ex direttore pubblicitario Bernays. Rushkoff, nelle sue stesse parole, ha „esaminato attentamente come esperti di marketing, politici, leader religiosi e forze manipolatrici di ogni tipo influenzano le nostre decisioni nella vita di tutti i giorni“:

„I cambiamenti fulminei che abbiamo subito negli ultimi decenni – dal miracolo economico del dopoguerra all’era spaziale all’era informatica – hanno dato ai nostri manipolatori ampie possibilità di aggiornare e migliorare i loro arsenali. Anche se una nuova tecnologia come Internet ci offre l’opportunità di utilizzare per noi il nuovo panorama mediatico in nome della comunità o della nostra responsabilità di cittadini, sta rapidamente diventando una risorsa gradita agli esperti di marketing diretto, ai ricercatori di mercato e agli inserzionisti tradizionali.

La cosa peggiore è che l’accelerazione della corsa agli armamenti tra noi e i nostri manipolatori sta minando le fondamenta della società democratica. (…)

Non è una cospirazione contro di noi, ma semplicemente una scienza che ci è sfuggita di mano. (…)

Troppo spesso le decisioni che prendiamo come individui o come società sono dirette da persone che non hanno necessariamente a cuore il nostro benessere. Per influenzarci, limitano la nostra capacità di esprimere giudizi razionali appellandoci a strati di problemi più profondi, irrisolti e non correlati.

Le persone intelligenti nell’influenzarci possono mettere da parte il nostro giudizio critico e costringerci ad agire come vogliono, comprendendo i processi inconsci con cui decidiamo cosa compriamo, dove andiamo a mangiare, chi rispettiamo e come ci sentiamo. Ci tolgono la nostra capacità decisionale razionale, morale o emotiva. Reagiamo automaticamente, inconsciamente e spesso come se volessimo disincentivarci. Meno siamo soddisfatti delle nostre decisioni, più siamo facili da manipolare. (…)

Quasi tutte le dolci tecniche coercitive che ho studiato si avvalgono dell’uno o dell’altro sano comportamento psicologico o sociale. (…)

Viviamo nei tempi finali della propaganda e quindi in una cultura dove si esercita tanta autorità – programmiamo tanto! – che sta già cominciando a mostrare sintomi patologici.

Quelli di noi che sono stati spinti alla sottomissione da una leggera coercizione ci considerano tutti impotenti, passivi e depressivi; spesso si abbandonano alla meditazione. Coloro che si sono dedicati alla resistenza alle autorità stanno diventando sempre più sospettosi e critici. Noi crediamo che „loro“ esistano davvero e si siano alleati contro di noi. Sono diventati nostri nemici.

Ma non lo sono. Come una delle persone che sono state pagate per escogitare nuove strategie di manipolazione, posso assicurarvi: sono semplicemente noi“ (5).

Albrecht Müller, pubblicista e redattore di NachDenkSeiten, ha parlato più volte dei meccanismi di formazione dell’opinione e di manipolazione, scoprendoli e mettendo in guardia dalle loro conseguenze. L’ex influente politico della SPD sa di cosa sta parlando, poiché egli stesso ha usato questi metodi più volte, come ammette. E questo è il titolo del suo ultimo libro:

„Credi a poco – Metti in dubbio tutto – Pensa per te stesso. Come vedere attraverso le manipolazioni“. Nel suo libro Müller elenca i metodi di manipolazione e fornisce esempi.

Questi includono:

– regole linguistiche;

– uso di termini di valutazione;

– raccontando storie abbreviate;

– occultamento;

– che si ripete;

– esagerazione;

– inviare un messaggio attraverso diversi canali;

– un’opinione in un forum pubblico è condivisa da molti;

– „effetto altalena“: per far apparire male l’altro lato, per farti apparire meglio;

– fare opinioni con i sondaggi;

– dire B e significare A;

– numerose insinuazioni trasformano le mezze verità in verità; opinioni di esperti;

– che collega i nomi con i termini di giudizio;

– uso mirato dell’emozione;

– usare e mettere in scena i conflitti.

All’inizio, nota ciò che vale anche per la crisi di Corona:

„Se una grande maggioranza non pensa più da sola, allora l’opinione pubblica è controllabile e con essa le decisioni politiche che ne derivano. I vincitori sono coloro che tengono in mano il volante per farsi un’opinione. (…) Nessuna delle principali decisioni degli ultimi anni e decenni è stata presa senza l’influenza di una propaganda massiccia. … La propaganda è sempre stata decisiva e ha anche determinato cosa e come qualcosa accade. Per questo non si può parlare di una democrazia viva. È alla sua fine quando non sono i cosiddetti sovrani, ma gli opinion leader a determinare la linea di condotta“ (6).

L’Arsenale di Propaganda

La storica belga Anne Morelli ha descritto nel 2004 in un libro „I principi della propaganda di guerra“. Uno sguardo ad esso mostra anche i paralleli con gli eventi e i processi della „crisi Corona“.

Morelli ha riassunto ciò che il politico e attivista per la pace britannico Lord Arthur Ponsonby ha descritto nel suo libro „Falsehood in Wartime“, pubblicato nel 1928. In essa mostrava, anche sulla base dell’esperienza della prima guerra mondiale, gli elementi strutturali di menzogne e falsificazioni con cui le guerre sono giustificate.

Lo storico ha riassunto questi principi descritti da Ponsonby in dieci punti:

1. Primo: Non vogliamo la guerra.

2. Due: il campo nemico è l’unico responsabile della guerra.

3. Il nemico ha caratteristiche demoniache.

4. Quattro: Combattiamo per una buona causa, non per fini egoistici.

5. Cinque: il nemico commette deliberatamente delle atrocità. Quando commettiamo degli errori, sono accidentali.

6. Il nemico usa armi illegali.

7. Le nostre perdite sono piccole, ma quelle del nemico sono enormi.

8. La nostra causa è sostenuta da artisti e intellettuali

9. La nostra missione è sacra.

10. Chiunque dubiti della nostra segnalazione è un traditore

I paralleli con la proclamata „Guerra al Virus Corona“ sono facili da vedere. La differenza più importante è che qui il nemico non è un soggetto umano. Ma i metodi di propaganda e di manipolazione usati nella lotta contro di lui non differiscono quasi per niente. Trovo particolarmente degno di nota quello che Morelli ha scritto sul decimo punto:

„Chiunque dubiti della nostra denuncia è un traditore“.

Essa afferma, tra l’altro, che

„In qualsiasi guerra, le persone che si formano un’opinione solo dopo aver ascoltato le argomentazioni di entrambi i campi o che mettono in dubbio la presentazione ufficiale dei fatti sono immediatamente considerate complici del nemico“.

Secondo lo storico, i media sono coinvolti molto attivamente in questo processo perché sono „così dipendenti dai leader politici“ che „in un momento così delicato, è impossibile per loro rimanere pluralisti“. Ha aggiunto:

„Certo, non una sola costituzione europea contiene un passaggio che abolisce il diritto alla libertà di espressione in tempo di guerra, ma in realtà è proprio questo il caso. Secondo una visione diffusa, in tempo di guerra, si dovrebbe astenersi da qualsiasi opposizione al proprio governo. Il sostegno alla santa unione è un dovere. In tempo di guerra, tuttavia, dove gli errori commessi dal governo possono avere conseguenze particolarmente fatali, il diritto alla libertà di espressione dovrebbe essere garantito per evitare che il governo commetta errori. Per non essere considerati traditori, bisogna astenersi da qualsiasi tipo di opposizione? (7).

I benefici della paura

Ma la contraddizione, per la quale Morelli, tra gli altri, ha supplicato, richiede coraggio, perché comporta il pericolo di disciplinare ed escludere gli avversari.

Da tempo questo non si fa più con la forza bruta, anche se esistono ancora alcuni esempi in tutto il mondo. In società come la Repubblica Federale Tedesca, la punizione e l’esclusione hanno da tempo funzionato allo stesso modo attraverso mezzi sociali, come la comunicazione pubblica determinata dai mass media, cioè l’opinione pubblica. Ciò che qui si rivela è ciò che la ricercatrice d’opinione Elisabeth Noelle-Neumann ha compilato nella „Teoria della Spirale del Silenzio“ (http://noelle-neumann.de/wissenschaftliches-werk/schweigespirale/).

Tralasciando le sue impressioni dell’epoca del fascismo, sono degne di nota anche le sue scoperte in relazione all’attuale „crisi di Corona“:

„Il potere dell’opinione pubblica sul singolo membro della comunità consiste nella paura dell’isolamento che è innata in ogni essere umano e che lo spinge a sforzarsi costantemente di essere benestante in una comunità e di evitare il pericolo di essere respinto, di essere cacciato. In questo modo, il processo dell’opinione pubblica assicura un costante sforzo di consenso da parte dei governanti e dei singoli membri della società. (…)

In pubblico, gli individui dovrebbero parlare e comportarsi in modo tale da non violare i valori della comunità. Altrimenti è minacciato dall’isolamento, dall’allontanarsi dagli altri e dall’essere evitato. (…)

Nelle questioni razionali c’è poco pericolo di isolamento. … La politica è moralizzata per conquistare l’opinione pubblica, per imporre il pericolo dell’isolamento alle opinioni dissenzienti.

Noelle-Neumann ha richiamato l’attenzione sull’importanza fondamentale della parola e del silenzio nel processo dell’opinione pubblica, che è particolarmente evidente nell’attualità. In situazioni di tensione, le persone osserverebbero da vicino quali opinioni e comportamenti sono in aumento e quali in diminuzione:

„Chi si accorge che le sue opinioni si stanno diffondendo si sente rafforzato da questo ed esprime le sue opinioni con spensieratezza, parla senza paura dell’isolamento. Chi si accorge che la propria opinione sta perdendo terreno si sente insicuro e cade in silenzio. Come risultato di queste reazioni, le opinioni dei primi, perché espresse in pubblico in modo forte e fiducioso, appaiono più forti di quanto non siano in realtà e attirano ulteriori sostenitori; le opinioni dell’altro campo appaiono ancora più deboli di quanto non siano in realtà a causa del silenzio dei loro seguaci. Questo, a sua volta, fa sì che gli altri rimangano in silenzio o cambino idea fino a quando, in un processo di „spirale di silenzio“, un’opinione domina l’intero pubblico e il contro-pensiero è quasi scomparso.

Il sondaggista ha sottolineato che i vari media svolgono „un ruolo importante nel processo dell’opinione pubblica“. Lo modellerebbero con le loro posizioni sulla moralità politica, così come „il monitoraggio ambientale costantemente impiegato dell’individuo, come la maggior parte della gente pensa“ (8).

Altri scienziati della comunicazione hanno a lungo sostenuto che l’opinione pubblica riflette „l’opinione pubblicata“. Questi meccanismi sono noti da tempo e vengono utilizzati attivamente ogni volta che è possibile.

Ciò è garantito anche dal comprovato stretto rapporto tra l’establishment politico al potere e i media, che non richiede censura. Per questo, è sufficiente la sensazione dei principali rappresentanti dei media di far parte dell’élite.

Anche in questo caso, la paura dell’isolamento è all’opera – questa paura, su grande e piccola scala, porta ancora una volta alla paura profonda in ogni persona, che Rainer Mausfeld descrive. Con questo, voglio concludere il tour attraverso la letteratura specializzata per ora.

Fonti e osservazioni:

(1) Rainer Mausfeld „Paura e potere – tecniche di dominio della generazione della paura nelle democrazie capitaliste“ Westend Verlag 2019, p. 39

(2 ) „Propaganda – L’arte delle relazioni pubbliche“ di Edward Bernay, Orange Press 2009 (originale 1928), pag. 19.

(3 ) „Propaganda – L’arte delle relazioni pubbliche“ di Edward Bernay, Orange Press 2009 (originale 1928), pag. 49.

(4) Walter Lippmann „Public Opinion – How it arises and is manipulated“ Westend Verlag 2018 (originale 1922), Ebook

(5) Douglas Rushkoff „L’attacco alla psiche – Come siamo costantemente manipolati“ Deutsche Verlags-Anstalt 2000, p. 20 e segg.

(6) Albrecht Müller „La fede poco – mettere tutto in discussione – pensare con la propria testa. Come vedere attraverso le manipolazioni“ Westend Verlag 2019,

p. 7f.

(7) Anne Morelli „Die Prinzipien der Kriegspropaganda“ zu Klampen Verlag 2004, pag. 121 e segg. (8) Elisabeth Noelle-Neumann „The theory of the silence spiral as an instrument of media effects research“ in: „Mass communication – theories, methods, findings“ Westdeutscher Verlag 1989, p. 419 f.

+++

Questo articolo è stato pubblicato il 30.03.2020 da Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: solarseven / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort