La stigmatizzazione delle vittime

Di Franz Ruppert.
„malattie“ mentali?

A questo punto vorrei rivolgere un appello urgente ai miei colleghi della psichiatria. Nella mia esperienza, lo psicotrauma e soprattutto l’intero pacchetto, compreso il trauma sessuale, sono la causa principale dei sintomi che vengono diagnosticati psichiatricamente come gravi „malattie mentali“. Questo è il motivo per cui le vittime e i traumatizzati finiscono talvolta nei reparti chiusi delle cliniche psichiatriche e vengono trattati con la forza.

Con diagnosi come „disturbi d’ansia“, „disturbo ossessivo-compulsivo“, „disturbo di personalità borderline“, „disturbo narcisistico della personalità“, „schizofrenia“, „psicosi“, „disturbo dissociativo dell’identità“, „sociopatia“ o „psicopatia“, ecc. il sistema della psichiatria biologicamente orientata ignora lo sfondo traumatico di tali gruppi di sintomi. Finge che l’evento traumatico è solo una condizione marginale per presunte „malattie mentali“ causate da „geni“ e da un presunto „metabolismo cerebrale disturbato“. I traumi aumentano solo la „vulnerabilità“. Così la psiche degli esseri umani non è presa sul serio! Le vittime di traumi con le loro strategie di sopravvivenza delle vittime disperate e indifese non sono viste in questo modo. Essi non ricevono un aiuto adeguato (1).

A mio parere, la somministrazione di farmaci psicotraumatici è di per sé una strategia di sopravvivenza psicotraumatica dei presunti esperti.

Questo sistema protegge anche gli autori di traumi. Con la sua pratica, mantiene le divisioni interne delle persone colpite, le rafforza ulteriormente e causa loro ulteriori danni fisici attraverso gli effetti dei farmaci. Copre sistematicamente uno scandalo sociale perché nasconde l’intera portata dei traumi sessuali in una società (2).

Si stima che una donna su tre su quattro in Germania subisce violenza sessuale nella sua vita. Il 5-15 per cento di tutti gli uomini sono anche vittime di traumi sessuali. Dal momento che sono in movimento in tutto il mondo con i miei seminari, vedo che il tema dello psicotrauma sessuale è presente in ogni società. E ’stata una pratica comune in molte famiglie per generazioni come accessorio alle guerre e alle guerre civili. E‘ nascosto, negato e spazzato sotto il tappeto ovunque. Le vittime devono rimanere in silenzio, esse stesse sono considerate colpevoli. Non provano alcuna lealtà nelle loro famiglie, nessuna protezione da parte della polizia e solo raramente la soddisfazione della magistratura. Gli autori sono sistematicamente protetti dall’azione penale. Un esempio: „La vita di due terzi delle donne messicane di età superiore ai 15 anni è satura di violenza. In molti casi, l’abuso inizia nell’infanzia“ (3).

Violenza o seduzione?

Un trauma della sessualità può verificarsi quando la propria sessualità è abituata a non essere sola e ad avere l’illusione di essere toccata e amata fisicamente e quindi ad avere il diritto di esistere. Con uno psicotrauma sessuale nell’infanzia, l’iniziativa di contatto sessuale, che spesso può iniziare con carezze, baci, carezze, carezze, anche da parte del bambino, è inizialmente presa da un autore del reato. L’autore del reato soffre di solito di un trauma di identità e di un trauma di amore proprio come la sua vittima.

Poiché la vittima di violenza sessuale di solito deve lottare con queste due forme di traumi, è possibile che egli giochi con l’illusione dell’autore di confondere l’abuso sessuale e la violenza con l’affetto e l’amore.

L’autore del reato si presenta alla vittima come suo salvatore, che lo protegge dalla violenza di altri, come sua madre o suo padre. Cerca di rendere la sessualità forzata appetibile alla sua vittima come amore e lussuria. In realtà, tuttavia, attira la vittima solo nelle sue strategie di sopravvivenza in caso di traumi e richiede la sua soddisfazione sessuale come prezzo del contatto.

Questo è doloroso per la vittima, ma soprattutto profondamente vergognoso, anche se può sentire un po‘ di calore dal contatto con la pelle, eccitazione sessuale e piacevole formicolio. Che uno stupro genitale, orale o anale sia „bello“ e „divertente“ è la pura immaginazione della vittima del trauma, che vorrebbe che la sua vittima la vedesse in questo modo.

Da questo scenario di seduzione, che probabilmente va di pari passo con la maggior parte degli psicotraumi sessuali, si deve distinguere lo scenario di violenza brutale. Qui l’autore del reato vive la sua illusione di distruggere fisicamente e psicologicamente la vittima attraverso l’atto sessuale. Non ci possono essere illusioni nella vittima per essere amati dall’autore del reato.

Il sesso come strategia di sopravvivenza psicotraumatica

A volte mi sembra quasi un’eccezione quando qualcuno che mi chiede supporto terapeutico non deve avere esperienze di traumi sessuali nella sua vita. Questo vale sia per le donne che per gli uomini. L’epidemia e la scala globale di traumatizzazione sessuale solleva la questione di quanto siano realmente normali le forme di sessualità vissute in ogni società:

  • Quanto sono completi, alimentati da illusioni amorose e idee sbagliate sulla sessualità?
  • Fino a che punto sono solo un tentativo di coprire la solitudine?
  • In che misura dovrebbero compensare la mancanza di autostima?
  • Quante volte si tratta solo di un tentativo di alleviare a breve termine lo stress permanente del proprio stile di vita?
  • Quante volte il sesso viene praticato incautamente contro le lesioni fisiche e le infezioni?
  • Come si praticano i rapporti sessuali senza considerare il rischio di gravidanze indesiderate?
  • Quante volte la „vera mascolinità“ o la „femminilità originale“ viene usata come modello di pseudo-identità per evitare di provare i propri traumi infantili?
  • Quanto sono sane le pratiche sessuali nei rispettivi ambienti omosessuali, bi- e transessuali?

La sessualità, che viene praticata come strategia di sopravvivenza psicotraumatica, non si collega con un altro essere umano, ma porta solo ad un ulteriore isolamento personale. Avere rapporti sessuali a volte è anche usato specificamente per fuggire in stati dissociativi.

Sesso per la dissociazione

In uno dei miei seminari, il partecipante ha detto:

„Mi piace il sesso perche‘ mi mette in uno stato dissociativo. Poi mi separo dal mio corpo e vado in uno spazio completamente bianco dove mi sento bene“.

Data l’enorme quantità di traumatizzazione in molte società, non sorprende che la sessualità sia praticata nella dipendenza di massa e usata come una droga in molti luoghi. Viene spesso usato in combinazione con alcool e altre droghe. L’esempio di una donna traumatizzata sessualmente mi ha fatto capire quanto segue:

Legalizzare la sopravvivenza!

La legalizzazione della cannabis è il tentativo sociale di normalizzare un’altra strategia di sopravvivenza psicotraumatica ampiamente usata. Questa donna si era trasferita dal suo paese d’origine, la Romania, nei Paesi Bassi perché poteva consumare cannabis impunemente per intorpidire i suoi sentimenti traumatici.

Il riferimento al consumo di droga serve sia agli autori che alle vittime per potersi scusare in seguito per aver fatto una pausa cinematografica, per non ricordare nulla e per non essere responsabili di quanto accaduto. Anche se non ci possono essere ricordi coscienti e le strategie di sopravvivenza fanno di tutto per non avere ricordi, i ricordi traumatici bruciano nel corpo di un carnefice e nel corpo di una vittima. Gli autori sono anche disgustati nelle loro sane strutture psicologiche per quello che fanno. Essi devono pertanto separarsi ulteriormente da se stessi. In casi estremi, un corpo senza testa fa sesso con una testa senza corpo. Spesso sono gli uomini che praticano sesso sconsiderato e irresponsabile con donne che da tempo hanno perso e abbandonato ogni contatto con il proprio corpo.

In realtà, la maggior parte delle persone sono alla ricerca di amore e di un contatto fisico benefico. La sessualita‘ da sola puo‘ solo farti desiderare. L’amore può svilupparsi solo in una relazione. Questo è il motivo per cui la lussuria non correlata è un lampo nella pentola che si spegne rapidamente.

Deve essere acceso di continuo per generare un po‘ di calore per brevi momenti. Molti si sentono ancora più vuoti dopo un orgasmo senza amore e tatto interpersonale di prima, perché sentono la loro solitudine ancora di più ora. Ma poiché la vicinanza emotiva li spaventa a causa dei loro primi traumatizzazioni, non possono semplicemente passare dal semaforo interno alla relazione.

Continuano a rimanere soli, intorpidiscono il dolore della loro solitudine e cercano la loro salvezza in un aumento delle forme di piacere, come li ho già descritti nella parola chiave „dipendenza dal sesso“. Invece di lussuria, finiscono per provare di nuovo dolore, vergogna e disgusto. Così sono tornati al punto di partenza che in realtà non vogliono ammettere: la loro esperienza primordiale profondamente dolorosa di non essere stati voluti, amati e protetti dalla madre e dal padre.

Partenariati per i traumi sessuali

Se due persone traumatizzate si trovano come partner, è del tutto possibile che nella fase iniziale della loro relazione sperimentino voli sessuali di fantasia e abbiano ogni sorta di varianti di rapporti sessuali intensivi tra loro. Spesso, tuttavia, le donne traumatizzate sessualmente attivano le strategie di sopravvivenza che hanno sviluppato durante l’infanzia per soddisfare e vincolare il partner. Poi appaiono loro come donne da sogno che sono pronte per il sesso in qualsiasi momento e soddisfano tutti i loro desideri. Tuttavia, queste donne fanno sesso in stati completamente dissociati in cui il loro ego sano e la loro volontà sono lontani. Quando hanno un orgasmo, lasciano il corpo mentalmente. Anche se ci sono regolari scoppi di violenza all’interno di un tale partenariato, il sesso serve per continuare la relazione e mantenere l’illusione della connessione.

Molti uomini in tali relazioni non sono con se stessi durante il sesso. Vogliono impressionare con il loro pene e la loro forza fisica. Vogliono dimostrare che possono portare una donna all’orgasmo, in modo che questa donna non può fare a meno di essere sessualmente legata a loro. Sono tanto più frustrati quando il loro partner, dopo qualche tempo, non riesce più ad attivare le parti di sopravvivenza per un rapporto sessuale e spinge invece in primo piano altre parti che trovano il sesso disgustoso e non sopportano la vicinanza fisica di un uomo. Poi non capiscono più il mondo e diventano arrabbiati e aggressivi. Alcuni hanno persino picchiato le loro mogli.

Nuove produzioni

A causa dei processi di scissione psichica, tutte le forme di psicotraumatico corrono un alto rischio di essere rimesse in scena più e più volte. Poiché vengono represse e le strategie di sopravvivenza perdono il loro rapporto con la realtà, i pericoli esistenti non vengono riconosciuti, i rischi sono sopravvalutati o sottovalutati, tutte le misure precauzionali vengono gettate in mare e tutte le avvertenze vengono lanciate al vento. Gli autori evidenti non vengono notati, e gli autori sono visti dove non ce ne sono affatto.

– Questo testo è una copia esclusiva del libro „Liebe, Lust und Trauma“ di Franz Ruppert. –

+++

+++

Nota sull’articolo di Rubikon: il seguente testo è stato pubblicato per la prima volta su „Rubikon – Magazin für die kritische Masse„, nel cui comitato consultivo Daniele Ganser e Rainer Mausfeld sono attivi tra gli altri. Poiché la pubblicazione è avvenuta sotto licenza libera (Creative Commons), KenFM riprende questo testo nella seconda utilizzazione e sottolinea esplicitamente che anche la Rubikon dipende dalle donazioni e ha bisogno di supporto. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Questo articolo è stato pubblicato il 02.11.11.2019 da Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: Morfon Media / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort