La storia della lotta per il potere al Cremlino

Un commento di Rainer Rupp.

Nel sedicesimo discorso di Vladimir Putin alla nazione, il presidente russo non si è preoccupato solo dei cambiamenti costituzionali da lui proposti, che ora vengono speculati dai media occidentali come il nuovo colpo di stato di Putin per mantenere la sua presa sul potere oltre il 2024, ma anche di importanti aspetti della politica interna e sociale russa. Quest’ultimo mira, tra l’altro, a sancire per legge un sensibile miglioramento del tenore di vita della popolazione russa. Tra l’altro, il presidente ha proposto „di adempiere agli obblighi sociali dello Stato in ogni situazione in tutto il paese e di ancorare nella costituzione una regola secondo cui, ad esempio, il salario minimo non deve essere inferiore al livello di sussistenza della popolazione attiva“. (1)

Con l’ampio programma sociale presentato per gli ampi strati della popolazione, la leadership russa si distingue chiaramente dalle „élite“ neoliberali della cosiddetta „società dei valori“ occidentale, in cui domina la mentalità del „vincitore-tutto“ e, di conseguenza, gli ampi strati sociali si impoveriscono sempre più. Ancora una volta, Putin ha inviato un segnale visibile da ben oltre i confini del Paese che la leadership politica russa si preoccupa di migliorare il tenore di vita e la sicurezza dell’intera popolazione.

Così facendo, Putin ha sottolineato che le famiglie con bambini, così come gli asili e le scuole ricevono un sostegno speciale (2). In futuro, ad esempio, in tutte le scuole saranno disponibili pasti caldi gratuiti. Le famiglie con molti figli dovrebbero pagare solo una parte del mutuo quando acquistano una casa o un appartamento, l’altra parte deve essere pagata dallo Stato, non con prestiti a basso costo ma rimborsabili, ma come rimborso speciale, che equivale a un dono di denaro.

Questo pacchetto comprende anche un notevole aumento del sostegno finanziario per le famiglie numerose, paragonabile all’assegno tedesco per l’infanzia. L’aumento avrà effetto retroattivo dal 1° gennaio 2020. Fa anche parte del pacchetto sociale di Putin, con il quale il presidente vuole riportare in territorio positivo la crescita demografica della nazione.

Allo stesso tempo, gli aumenti di stipendio mirano a rendere di nuovo più attraente la professione di insegnante, poiché Putin ha attribuito all’istruzione una priorità particolarmente elevata.

Putin ha anche annunciato cambiamenti di vasta portata nell’assistenza medica, che dovrebbero soprattutto portare a un miglioramento duraturo della situazione delle persone che vivono in aree scarsamente popolate nella vastità della Russia. A tal fine, le università statali nelle regioni periferiche devono essere rafforzate. Questi dovrebbero offrire programmi speciali di sostegno per attirare gli studenti. Per poi scoraggiare in seguito gli accademici istruiti a migrare nelle grandi città e a rimanervi, il presidente Putin si è ovviamente ispirato a un concetto che da decenni si è affermato in Bielorussia (Bielorussia) e a Cuba.

A Cuba e in Bielorussia, le condizioni di studio particolarmente favorevoli per gli studenti di medicina si combinano con l’obbligo di lavorare come „medico di famiglia“ in campagna per i primi anni dopo aver terminato gli studi, al fine di fornire, ove possibile, un’assistenza medica completa. Per rendere questo concetto ancora più allettante per i giovani medici rurali, essi dispongono di appartamenti e ambulatori gratuiti e ricevono uno stipendio dignitoso.

Il continuo miglioramento della situazione sociale delle grandi masse è in atto in Russia non solo da ieri. Nemmeno le severe sanzioni occidentali potrebbero fermare questo sviluppo in modo permanente. La politica sociale e societaria russa è quindi in netto contrasto con quella dei Paesi occidentali della NATO. Sebbene questi paesi abbiano più risorse finanziarie pro capite della Russia per definire una politica sociale socialmente accettabile, le „élite al potere“ dell’Occidente di valore fanno esattamente il contrario.

Da quasi tre decenni ormai, i nostri governi hanno sistematicamente sfruttato in modo eccessivo le conquiste sociali di un tempo per le quali i nostri padri e i nostri nonni avevano spesso combattuto a rischio della loro vita o della loro salute. A nome dei loro padroni, gli oligarchi delle corporazioni finanziarie e industriali, i governi di tutti i paesi occidentali – non importa in quali coalizioni politiche – sono riusciti, con l’aiuto delle cosiddette „riforme“ e di altre leggi antisociali, sottratte alle masse lavoratrici e date ai ricchi.

Lord Blankfein, allora capo della Goldman Sachs, probabilmente il gruppo finanziario più potente del mondo, aveva detto in un discorso tenuto a Londra nel 2009 che, come tutti gli altri banchieri, „fa l’opera di Dio“. („Stiamo facendo l’opera di Dio“(3). Il salmo 127 della Bibbia si adatta a questo, naturalmente: „Il Signore dà il suo nel sonno“. E questo anche se la causa dell’economia dell’Occidente, che ancora oggi languisce, sta nelle irresponsabili attività di scommesse dei casinò finanziari occidentali, che sono state successivamente salvate con i nostri soldi delle tasse.

E cosa ha a che fare tutto questo con il discorso sulla nazione di Putin? Tantissimo!

Putin ha ereditato la leadership di un Paese che 20 anni fa, sotto il presidente Eltsin, era stato spinto al fallimento e al caos con l’aiuto attivo dei consiglieri occidentali. Con la sua squadra di governo patriottico, Putin è poi riuscito a sradicare in gran parte il virus occidentale neoliberale in Russia e a stabilizzare il suo paese. Così facendo, naturalmente, si è imbattuto nell’ira dell’Occidente. E la rabbia dell’Occidente nei confronti di Putin è aumentata solo dopo che Putin ha dimostrato che la Russia – bypassando le ricette occidentali avvelenate – è stata in grado di raggiungere con successo i suoi obiettivi: crescita economica, sicurezza sociale e modesta prosperità per la popolazione, prestigio internazionale e sufficiente forza militare per dissuadere l’Occidente dalle avventure militari.

E cosa hanno realizzato i governi del valore dell’Occidente nei loro paesi nello stesso periodo?

Oggi, più della metà della popolazione è in condizioni peggiori rispetto a 20 anni fa. Un’ampia parte della popolazione non sta meglio di 20 anni fa. Ciò non è dovuto solo al calo dei salari reali di ampie fasce della popolazione. Inoltre, anche il potere d’acquisto è diminuito, perché oggi le persone devono pagare per innumerevoli beni e servizi che una volta erano gratuiti, un problema che colpisce in particolare i lavoratori a basso reddito. Ampie parti dello Stato sociale sono state smantellate, in parte con l’aiuto dell’UE.

Allo stesso tempo, il settore pubblico, la comunità delle città e dei comuni, si è impoverito a un livello intollerabile. Le società occidentali sono divise, la vecchia sicurezza del lavoro e la fiducia della gente nel futuro sono scomparse e le preoccupazioni e la paura hanno preso il loro posto. E così via.

In sintesi, questo significa che le nostre élite di governo occidentali, in quanto vassalli degli Stati Uniti, hanno distrutto con successo le nostre società negli ultimi 20 anni. Solo una piccolissima parte della già ricchissima aristocrazia del denaro ha beneficiato all’infinito di questo sviluppo malato.

Non sorprende quindi che i media occidentali non menzionino nemmeno i piani di Putin per migliorare il tenore di vita della popolazione russa. Questo getterebbe una cattiva luce sull’Occidente dei valori, che sta riducendo gli standard sociali. Come se fossero giunti a un accordo, l’attenzione dei giornalisti occidentali si concentra quindi esclusivamente sulla parte del discorso di Putin che riguarda le modifiche costituzionali proposte. Dopo tutto, ogni bambino sa che se tali proposte provengono da Putin, allora possono essere solo piani subdoli e antidemocratici per mantenere l’ex agente del KGB al potere. E, naturalmente, tutte le prostitute che vogliono continuare a guadagnarsi da vivere nell’Occidente dei valori aderiscono a queste linee guida.

Attualmente la Federazione Russa è ancora una repubblica in cui il presidente, come la Francia e gli Stati Uniti, è dotato di un potere particolarmente grande. Una forte leadership unificata era particolarmente importante dopo il caotico periodo di Eltsin per stabilizzare il cosiddetto „Oriente selvaggio“. A quel tempo, gli aiutanti della democrazia occidentale erano liberi di agire e governare in Russia a loro piacimento, e ancora oggi lodano l’assenza di legge di quel tempo come l’alto periodo di democrazia della Russia.

Come parte della forte posizione del presidente, Putin, come i presidenti francese e statunitense, ha potuto nominare il governo, cioè il primo ministro e i suoi ministri, per cui nel caso della Russia queste cariche non sono occupate da soldati di partito, ma, di norma, da esperti non di partito e con esperienza nelle rispettive materie. Il Parlamento, cioè la Duma, può solo approvare il governo. La situazione cambierà su suggerimento di Putin, perché il Presidente vuole rinunciare a parte del suo potere.

Nel suo discorso, Putin ha affermato che il paese e la società si sono ormai stabilizzati a tal punto da poter compiere il prossimo passo verso una più ampia democratizzazione. Tuttavia, Putin ha aggiunto che un Paese grande e diversificato come la Russia, con più di 130 etnie e tutte le religioni del mondo, difficilmente può essere governato come una repubblica puramente parlamentare e quindi una repubblica presidenziale con un presidente con un grande potere

…deve rimanere come un presidente pienamente equipaggiato. Tuttavia, Putin conta su una maggiore separazione dei poteri.

Secondo la proposta di Putin, in futuro il Parlamento dovrebbe eleggere il capo del governo, che poi nomina i suoi ministri. Il presidente avrebbe quindi il diritto di licenziare il capo del governo solo se non adempie ai suoi doveri. Tuttavia, in futuro, il presidente dovrebbe continuare a fissare le linee guida e gli obiettivi del governo, in modo simile all’autorità del cancelliere sugli altri ministeri in Germania. Inoltre, Putin ha annunciato la necessità di indire un referendum sull’elaborata riforma costituzionale. La nuova costituzione entrerà in vigore solo dopo l’approvazione del popolo.

A questo punto va ricordato che i nostri leader tedeschi, che amano presentarsi al mondo intero come democratici modello, dopo l’annessione della RDT alla RFT, hanno negato con tutte le loro forze al popolo tedesco il diritto alla propria costituzione e al voto.

Inoltre, secondo l’agenzia di stampa Sputnik, il presidente russo aveva proposto

  • che la Corte costituzionale riesamini la costituzionalità di tutti i progetti di legge adottati prima che il Capo dello Stato li firmi;
  • per rendere più severi i criteri per i candidati alla presidenza. Avrebbero dovuto risiedere permanentemente in Russia da almeno 25 anni e non avrebbero dovuto avere la cittadinanza straniera o permessi di soggiorno né al momento della nomina né mai prima; (Nota: questo per evitare i cosiddetti sottomarini a controllo straniero)
  • stabilire nella Costituzione il primato della propria costituzione su tutti gli accordi internazionali Di conseguenza, sul territorio della Federazione Russa i requisiti delle autorità, dei trattati e degli accordi internazionali sarebbero validi solo se conformi alla Costituzione russa; (Nota: ciò includerebbe, ad esempio, le decisioni della Corte di giustizia europea russofoba).
  • e infine, ma non meno importante, la riserva „in successione“ dovrebbe essere eliminata dalla disposizione costituzionale – che „la stessa persona non può ricoprire la carica di presidente per più di due mandati consecutivi“.

I media occidentali, in particolare, si sono buttati a capofitto su quest’ultima proposta e hanno subito speculato su una lotta di potere al Cremlino. Queste speculazioni sono state alimentate dalle inaspettate dimissioni del primo ministro russo Dmitry Medvedev e di tutti i ministri del suo governo, avvenute subito dopo il discorso di Putin. Queste dimissioni sono state però apparentemente concordate in anticipo per fare spazio alle riforme senza indugio. Né Medvedev fu inviato in „Siberia“, ma ricevette un nuovo incarico influente nella politica estera e di sicurezza russa.

Ciononostante, il 15 gennaio, l'“Heute-Journal“ della ZDF ha riferito in modo lugubre sui „giochi di potere di Mosca – il governo della Russia si dimette“ sulla „situazione attuale“ in Russia. E il presentatore dell'“Heute Journal“ Christian Sievers non ha potuto trattenersi e ha sparato all’uccello con una battuta di Putin:

„Ho ancora una vecchia barzelletta russa“, cominciò Christian Sievers. „Putin e Medvedev vanno insieme al ristorante. Il cameriere chiede a Putin: „Cosa vorresti mangiare? Putin: „Una braciola“. Il cameriere chiede: „E il contorno? Putin dice: „Il contorno ha anche le braciole di maiale. „Il presentatore della ZDF ha aggiunto: „Le battute dicono molto sulla realtà“.

Altri media occidentali hanno speculato sulla stessa linea, perché se il malvagio Putin fa qualcosa, per definizione non ne può uscire nulla di buono. Un altro esempio è stato fornito dal mezzo di qualità „Deutschlandfunk“. Con il titolo „Putin coglie di sorpresa l’élite di Mosca“ (4), un Thielko Grieß ha spiegato che con la riforma costituzionale Putin „persegue l’obiettivo di assicurarsi una posizione di potere per sé“. Gli abitanti del paese erano solo spettatori in questo processo.

Come Putin, il cui mandato di presidente non terminerà prima del 2024, cioè tra poco meno di 5 anni, e che ora vuole già consegnare i propri poteri al parlamento, alla carica di primo ministro e alla corte costituzionale, vuole „assicurarsi una posizione di potere per sé“ con queste riforme costituzionali, il chiacchierone del Deutschlandfunk non ha spiegato ai suoi ascoltatori. Ma questo tipo di reportage da parte dei media occidentali è tipico quando si tratta di, no contro la Russia.

È interessante notare che, tra tutti i luoghi, il sito web di Stratfor, il servizio di analisi e intelligence statunitense, fornisce una spiegazione coerente delle modifiche costituzionali proposte da Putin. Ecco un riassunto molto abbreviato (5):

Secondo Stratfor, Putin ha mosso i primi veri passi verso la creazione di un sistema politico che spera possa mantenere la rotta del Paese anche dopo il suo mandato. Dopo 20 anni di Putin come presidente, poi come primo ministro e poi di nuovo come presidente, „questi cambiamenti riflettono la maturazione del sistema politico russo in una struttura più resistente, meno dominata dalla personalità, in grado di preservare la sua eredità politica dopo la sua partenza“.

Dopo le dimissioni di Medvedev, Putin può nominare un team ministeriale incaricato di attuare i cambiamenti costituzionali annunciati, continua Stratfor. Tuttavia, gli sviluppi sono solo l’inizio di una transizione a più lungo termine per la Russia. Affinché Putin possa formare un sistema che lo faccia durare più a lungo, sono necessari molti altri passi per garantire che prima del 2024 l’eredità sociale e patriottica di Putin viva in parlamento e domini la politica russa, chiunque sia attualmente in carica come presidente.

Stratfor potrebbe aver colpito il chiodo sulla testa.

Fonti:

  1. https://de.sputniknews.com/politik/20200115326340834-russische-regierung-einfach-erklaert-wie-sie-frueher-war-und-was-sich-jetzt-aendern-soll/?utm_referrer=https%253A%252F%252Fzen.yandex.com&dbr=1
  2. https://www.anti-spiegel.ru/2020/die-kernaussagen-von-putins-rede-an-die-nation/
  3. https://dealbook.nytimes.com/2009/11/09/goldman-chief-says-he-is-just-doing-gods-work/
  4. https://www.deutschlandfunk.de/regierungsruecktritt-in-russland-putin-ueberrumpelt.720.de.html?dram:article_id=467971
  5. https://worldview.stratfor.com/article/russian-prime-minister-medvedev-resignation-putin-major-constitutional-reforms

+++
Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: / persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort