La svolta del Narciso | di Céline von Knobelsdorff

Le misure restrittive della corona sono il segno visibile di un sistema politico malato.

Un punto di vista di Céline von Knobelsdorff.

Nel 2017 il libro di saggistica „Intuition for Rationalists“. Mehr Wissen für Mutige“, con cui l’autrice e consulente psicologica Céline von Knobelsdorff ha sottolineato per la prima volta l’importanza della nostra autenticità. Naturalmente, questo è tanto più vero in questi tempi di cambiamenti imprevedibili. Non solo la nostra vita personale e la nostra salute, ma anche la sopravvivenza dei nostri figli e la sopravvivenza della nostra terra dipendono da quanto siamo stati capaci di realizzare l’integrità e la coerenza interiore in noi stessi. Integrità, una forte linea a piombo interna e una bussola di vita chiaramente allineata sono i nostri potenti strumenti per affrontare il narcisismo collettivo che oggi si sta manifestando in misura inimmaginabile. L’autore rivela che comportamenti come il desiderio di controllo illimitato corrispondono al quadro sintomatologico del narcisismo.

A volte i circoli di pensiero si chiudono in se stessi che prima non si sapeva che potevano essere anelli di una catena. Il motivo per cui la storia del „Signore degli Anelli“ mi ha affascinato più e più volte dalla fine dello scorso anno mi viene ora rivelato, in vista degli attuali sconvolgimenti nel nostro Paese – e non solo.

„Un anello per governarli tutti, trovarli tutti, gettarli nelle tenebre e legarli per sempre“.

Certo, ho faticato per qualche giorno a tracciare un parallelo tra i fantastici scenari di J.R.R. Tolkien e gli attuali sconvolgimenti, ma un altro e spaventosamente reale parallelo mi è venuto in mente quando ho considerato il massiccio impatto sulla nostra psiche umana come un comune denominatore:

Tutto ciò che ci sta accadendo in questo momento, e tutto ciò che cerca di mantenere in movimento le ruote del nostro sistema errante – e anche di altri – corrisponde a meccanismi che possono essere sperimentati tra individui narcisisticamente disturbati, gruppi di individui e le loro vittime.

Parlo di narcisisti e sistemi narcisisti nel seguito, perché l’influenza di un individuo o di un gruppo collettivo sulla nostra psiche e sulla nostra vita è altrettanto devastante. Imparare a comprendere il narcisismo è un prerequisito per guidare la sua complessità e i suoi meccanismi in modo fondamentale e permanente verso percorsi gestibili.

Obiettivo: L’anello del potere

Un narcisista ha sempre ragione, in ogni circostanza, con ogni mezzo, indipendentemente dalla perdita.

La bandiera della verità vola sempre nella sua direzione – nessuno ha bisogno di capirla o di comprenderla. Ed è proprio in questo modo che egli lega, in una miscela dinamica di fascino e incredulità, l’attenzione e l’energia (vitale) sia di coloro che già appartengono al suo entourage sia di tutti coloro che potenzialmente potrebbero diventarlo. Conosce le chiavi dei desideri dei suoi omologhi, e li innesca abilmente in un punto comune: esercitare un’influenza.

Egli non condivide (volentieri) il suo potere, e se ha bisogno dell’anello con altri giocatori chiave per ragioni strategiche, essi si ricorderanno sempre che tutti beneficeranno del potere solo se si sottometteranno alla definizione narcisistica di potere. Il narcisismo determina le regole, il contenuto, la procedura.

Azionamento: Controllo completo

Un narcisista cerca di essere onnipresente, sempre e ovunque, è un maniaco del controllo. Gli piace passare molto tempo a sviluppare meccanismi di controllo. Se dovesse percepire, a breve termine o già da tempo, tendenze di perdita di controllo, di resistenza o di smascheramento nella sua sfera d’influenza – e ha antenne speciali per questo – non ha paura di perseguire anche un corso palesemente incoerente – basato sulla menzogna – ancora più stridulamente.

Questo gli permette di integrare ancora di più il vento contrario nella propria rete controllabile, perché alla fine ci si occupa di nuovo di questo, invece di dedicarsi principalmente e decisamente al proprio corso. In ogni caso, un narcisista guadagna tempo per il suo recupero di potere quando i suoi avversari sono coinvolti nei suoi affari e quindi occupati da lui.

Mettere in subbuglio il suo ambiente è un trucco narcisistico molto tipico, per cui vuole raggiungere una certa conformità.

Soprattutto, però, gli serve soprattutto per ridefinire, ampliare e consolidare la sua credibilità costruita e la sua posizione di guida e risolutore dietro gli spettacoli in cui coinvolge il maggior numero possibile di persone.

Strumenti: seguaci e risorse vincolanti

Oltre alle possibili alleanze di potere, un narcisista ha bisogno di altri come il fuoco ha bisogno di legna. Non dà mai alle persone un onesto sentimento di riconoscimento o apprezzamento; in un certo senso, sono il materiale del suo potere. Essere necessari, essere importanti, fare la differenza – sa fin troppo bene cosa può abbagliare l’ego umano, e può gorgheggiare questa canzone in quasi infinite variazioni sul suo flauto per allungare in modo permanente la coda di topo dei suoi spiriti servitori.

Con un naso molto fine, il narcisista cerca quindi persone la cui autostima – simile alla sua – è di per sé instabile, dipende in modo decisivo dall’incoraggiamento dell’ambiente e può essere controllata da esso. Gli piace fornire alle menti pigre tutti i tipi di divertimenti convenienti, così in caso di rivolta sono tra i suoi più fedeli seguaci – perché non lo mettono in discussione.

Caratteristiche: Distruzione della resistenza

Un narcisista persegue solo superficialmente interessi comuni e obiettivi generalmente ricercati. Fingere di farlo serve solo per ottenere un seguito. Egli sarà trasparente sui suoi obiettivi e sulle sue procedure solo nella misura in cui sarà sicuro della motivazione dei suoi compagni di combattimento, senza permettere loro di diventare troppo autonomi. Se c’è la minaccia di uno slancio proprio in questo senso che potrebbe indebolire la sua superiorità, ci si può aspettare una messa in scena sproporzionata e incoerente degli eventi, che le permetta di richiamare di nuovo l’attenzione su di sé. Da questo genera rapidamente nuovi compiti, anche senza un comprensibile senso dello scopo, per spegnere il rubinetto dell’energia alle tendenze indipendenti dello sviluppo nella sua sfera d’influenza.

Se la persona o le persone interessate vogliono segnalare le lamentele, si liberano dal loro ruolo di lacche‘ e si sviluppano ulteriormente – e questo avviene in modo abbastanza affidabile prima o poi – si troveranno di fronte a un’imprevedibile ondata di rimprovero. In questo modo il narcisista educa gli spiriti recalcitranti, non (più) compiacenti.

La tirannia continua fino a quando la ribellione, ogni tentativo di smascherarlo come un’autorità inaffidabile, viene abbandonata, il che equivale alla distruzione del suo libero arbitrio, o fino a quando i sentieri si separano.

E anche una separazione che il narcisista vorrà (vuole) controllare. Si è costretti a riconoscere il mondo del narcisista come l’unico valido, a sottomettersi ad esso, o a costruire il proprio nuovo mondo – sotto il boom delle profezie, naturalmente, che perirà in entrambi i casi.

Il lavoro: Sradicare l’individualità…

Un narcisista si occupa principalmente di mantenere la sua immagine di sé – il contenuto è secondario. Essere condiscendenti o comprensivi, per esempio, nutre in modo significativo l’illusione che si preoccupi per le altre persone. Se mai farà delle concessioni, allora queste non sono altro che frasi vuote che usa per andare avanti, come prima. Un narcisista farà di tutto per rendersi intoccabile, e anche intangibile.

Riesce a imparare molto da e su altri per poter manovrare con le sue manipolazioni in modo ancora più mirato e finemente sintonizzato.

Un narcisista fondamentalmente non vuole far parte di una comunità, non vuole condividere o comunicare, e certamente non vuole riconoscere gli interessi degli altri o integrarli.

Se lo rivendica, anche in questo caso serve solo al suo scopo, per il momento, di far credere alla gente di essere parte attiva del suo mondo. Se ha legato a sé queste persone, ha creato delle dipendenze, poi successivamente gioca il suo potere al massimo, senza considerare le perdite.

Vive presentando la sua indispensabilità in tutte le sue sfaccettature a un „pubblico“ sempre nuovo, compensando la perdita di tutti coloro che sono stati bruciati, che lo hanno esposto o che hanno lasciato la sua influenza nel tempo a causa di buoni istinti. Un narcisista ingoia l’energia delle persone – come un buco nero – diventando sempre più forte, lasciando dietro di sé gusci vuoti, rappresentando solo se stesso.

Difendere i propri valori e i propri obiettivi è una dichiarazione immediata di guerra nel regno del narcisista. Con questo è contro di lui. Essere contro un narcisista significa anche essere consapevolmente flagellati da lui sull’orlo della distruzione mentale, emotiva e a un certo punto anche fisica, oppure rinunciare a questa lotta in un punto decisivo e concentrare le forze rimanenti per costruire il proprio mondo – il più lontano possibile. Questo, tuttavia, richiede alcune procedure strategiche ben preparate e solide per tenere sotto controllo la perdita di energia causata dall’essere trascinati nei teatri di guerra, che il narcisista mette in scena appositamente a questo scopo.

Il riscaldamento può essere uno scenario gradito per i sistemi narcisisti. In questo modo mostrano una nuova concentrazione della loro forza, dimostrano la loro volontà di affrontare la sofferenza per lottare per la giustizia apparente e i valori. Mettono in scena queste guerre con l’intenzione di indebolire il rafforzamento dei singoli sistemi nei loro sforzi per raggiungere l’autosufficienza.

La sua foglia di tiglio: un cuore di ghiaccio

Mentre il Lindenblatt di Siegfried è stato facile da colpire, i punti deboli di un narcisista sono meno evidenti e quindi difficilmente unici e assoluti. Così come il superamento dell’ego troppo forte di decenni fa – in certi circoli di sviluppo della personalità – ha portato alla falsa supposizione che si ottiene questo se si parla male di lui costantemente o lo si bandisce senza ringraziamenti nella cantina del proprio io per diventare persone migliori, così si ottiene un vantaggio su un narcisista solo osservando, comprendendo e facendo leva su di lui e sul suo sistema in modo attento, profondo ed essenzialmente silenzioso. Questo include, prima di tutto, l’esposizione di lui o di lei, senza dargliela vinta.

Ecco alcuni chiari indizi di identificazione e utili indizi comportamentali:

Poiché tutto con il narcisista si basa su sentimenti di inferiorità compensati, una falsa fiducia in se stesso, egli si smaschera – più e più volte – mostrando poca o nessuna vera gioia (di cuore) per i successi degli altri. Al contrario. Umilia gli altri in ogni germoglio di crescita personale e professionale. E ciò che deve evitare a tutti i costi è l’autarchia.

Pertanto, uno dei suoi sforzi principali è quello di trovare sempre nuovi e ben camuffati modi per rendere gli altri dipendenti da lui, per coinvolgerli per sé, anche con il pretesto che sono indispensabili, o per lanciare un incantesimo su di loro. Chiunque abbia guardato la natura di un narcisista direttamente negli occhi, seppur con grande terrore interiore, ha una sola possibilità, quella di batterlo con le proprie armi:

Bisogna tenere per sé la conoscenza delle proprie vere azioni fino a un punto decisivo e camuffare le proprie intenzioni. A questo scopo, è una buona idea far avanzare anche diversi luoghi dell’evento in modo tale che l’attenzione del narcisista cominci a disperdersi. Le insidie più efficaci nel distaccarsi da un sistema narcisistico sono che esso sottovaluta l’intelligenza, l’inventiva, l’integrità e la forza interiore ed emotiva degli altri. Le persone che formano un’unità coesa dentro di sé sono in grado di sopravvivere alle imminenti campagne di vendetta e distruzione di un narcisista come una roccia nel surf.

Chi è ovviamente sottovalutato o addirittura sottovalutato da un narcisista non è quindi protetto dalla sua ostilità. Chi non paria o non è in grado di dimostrare continuamente la sua utilità come valore aggiunto perde il favore di un narcisista, e anche senza una resistenza diretta diventa qualcosa che un narcisista degrada a disonore. Mantenere tale posizione può essere uno strumento molto utile, uno scudo mimetico perfetto sotto il quale si può preparare la potenza di una breccia mirata. La mancanza di empatia del narcisista non gli permette di percepire così rapidamente che dietro la vittima del suo sistema si mobilita un avversario che lo minaccia seriamente.

Un narcisista dall’atteggiamento di una vittima o di un seguace – con il desiderio di evadere – nel suo autopotenziamento, per confermare l’autoglorificazione, per fargli credere che si rimane parte del suo sistema perché non si è in grado di crearne uno proprio, questo spesso aiuta decisamente a guadagnare tempo e forza per se stessi, per preparare esattamente il contrario. È importante portare l’integrazione nel sistema narcisistico più sotto il proprio controllo. Ciò significa, come prima, fare tutto ciò che è necessario per garantire che nessun calo di prestazioni o altri comportamenti appariscenti tradiscano le intenzioni nascoste e allo stesso tempo evitino la pressione per ottenere di più.

A volte lo strumento più essenziale è l’integrità personale. Il non lasciarsi scindere dai propri obiettivi e dai propri valori, il non lasciarsi scindere da un crescente dubbio su se stessi, l’essere un’entità vivente sincera con lati chiari e oscuri, fornisce alle persone la forza mentale, emotiva, psichica e la chiarezza per superare i sistemi narcisistici.

Chiunque sia riuscito a staccarsi da un narcisista lo ha fatto proprio per questo. Allo stesso tempo, la vita liberata si sviluppa in modo duraturo e soddisfacente attraverso l’aumento della consapevolezza, della gratitudine, del sano amor proprio, della compassione, del mantenimento della pace interiore ed esteriore, della conservazione delle libertà individuali e dei loro limiti naturali, e una maggiore consapevolezza delle risorse umane e naturali.

È molto utile essere consapevoli delle possibili debolezze, in modo che l’attacco di un narcisista possa essere pianificato proprio in queste ferite. Si consiglia di non assumere posture difensive massicce, poiché queste non faranno altro che portare a un rinnovato coinvolgimento nelle manovre narcisistiche e, allo stesso tempo, avranno un effetto negativo sull’unità interiore personale. Rimanere in contatto silenzioso con se stessi, anche se la resistenza, la correzione, può indurre a litigare per le parole, questo permette alla stabilità interiore di crescere ulteriormente. Con ogni lotta vinta in questo senso (interna ed esterna) l’insensibilità all’abbagliante o agli attacchi dei sistemi narcisistici si rafforza.

Non è in alcun modo consigliabile rendere il narcisista consapevole della propria separazione, contraddizione o possibile sofferenza, anche se è inteso come aiuto all’auto-aiuto.

Chi crede di poter salvare un narcisista o un tale sistema scoprirà nel modo più doloroso che un tale costrutto non sarà salvato perché l’organismo affetto da narcisismo si aggrappa troppo al suo costrutto di perfezionismo e alle sue capacità superiori, anche se sono solo una facciata.

Legenda: Integrità, chiarezza, coraggio, saggezza

Ora dovrebbe essere chiaro: Chi cerca di strappare la maschera della falsità del sistema narcisistico, comprese le false promesse e gli allestimenti manipolativi, e la espone come un essere disinteressato all’uomo, manipolando la comunità per i propri scopi e al tempo stesso macchiandola di carenze, evoca una tempesta di merda incalcolabile:

Denuncia, costrizione all’azione collettiva narcisistica, polarizzazione, sorveglianza, tradimento, esclusione dalla grande collettività, isolamento, fame di rami economici, chiusura della vita culturale, alienazione dell’interazione sociale, irritazione permanente con conseguenze psicosociali (danno), Causando traumi a lungo termine – che sono difficili da individuare – soprattutto nei bambini, cambiamenti nel comportamento, salute instabile, con conseguente aumento della suscettibilità alla salute e alle malattie mentali, propaganda per soluzioni che siano fedeli al sistema (ad esempio vaccini contro l’RNA, impianti di chip, sviluppo del transumanesimo) …

Tra questi meccanismi manipolativi, che possono persistere per anni a venire, è da presumere che gli ex compagni cambino schieramento perché temono gli orrori che li minacciano anche se non si subordinano a loro stessi, o perché si stancano nei loro sforzi per mantenere l’integrità a un certo punto.

Non ci si separa semplicemente da un narcisista, e non si superano i sistemi narcisisti con l’azionismo trasparente. La sostituzione deve essere pianificata, preparata, fissata e poi realizzata con grande cura e con la conoscenza delle sue peculiarità, dei suoi angoli finemente calibrati e del braccio spesso di ampia portata della sua influenza.

Ciò viene realizzato da persone o gruppi di persone che sono così chiuse e forti di per sé, che sono in grado di procedere con fermezza e agilità. La fin troppo ovvia e trasparente – anche se vuole servire i valori dell’onestà e della trasparenza – non avrà successo se non fa parte della strategia definita.

Confermare temporaneamente il narcisismo collettivo e mantenerlo mirato può essere, ad esempio, una mossa utile per fare un passo avanti decisivo sulla questione reale senza farsi notare. In ogni caso, bisogna essere consapevoli dei molti occhi che i narcisisti usano per controllare il loro sistema. Qualsiasi distrazione sarà da loro notata prima o poi e poi affrontata con i loro metodi.

L’assoluta chiarezza, l’unità e la coerenza sono a volte le chiavi decisive per aprire le porte a un nuovo modo, lontano dagli intrighi narcisistici. Questo sarà quasi certamente messo a dura prova più volte (in modo permanente) e in modo intensivo durante l’intero processo di ablazione. La forza necessaria per questo è immensa e quasi impossibile senza un numero corrispondente di compagni adatti.

Quanto più il gruppo è complesso, tanto più si deve sempre prestare attenzione all’integrità, per garantire che la struttura rimanga stabile al suo interno, anche in caso di guasti o complicazioni impreviste. Il dissenso, sotto qualsiasi aspetto – con se stessi e con gli altri – fa il gioco di un sistema narcisistico. Ogni accenno di dubbio o di diminuzione della convinzione, anche solo a causa di una comprensibile stanchezza, sono segnali ai quali un narcisista è più ricettivo di chiunque altro.

Non sarà possibile estirpare un narcisista – non ai nostri giorni, poiché lo abbiamo allevato come un’ombra oscura per molti decenni, forse anche secoli, nel corso della nostra individualizzazione e dell’egomania, così come i traumi irrisolti – e non risolti – e le loro conseguenze. Il narcisismo dovrà sempre essere concesso un certo raggio d’azione, e quindi limitare la potenza è un obiettivo altamente raccomandato.

Raggiungere questo obiettivo in molti sistemi narcisisticamente permeati e interconnessi sarà compito non solo degli esperti, ma di innumerevoli persone che hanno il coraggio di resistere alle tentazioni di questi sistemi, anche se per lungo tempo sono stati in grado di dare l’impressione di muovere qualcosa nella giusta direzione. A molti di loro è stato permesso di approfittarne, ma molti già prima dell’epidemia hanno riconosciuto che i beneficiari non erano più „spiriti liberi“.

„Un solo anello per schiavizzarli, trovarli tutti, spingerli nelle tenebre e legarli per sempre“.

Il racconto di Tolkien „Il Signore degli Anelli“, pubblicato dopo la fine di un regno del terrore (versione inglese 1954/55, traduzione tedesca 1969/70), dal punto di vista odierno non mi sembra molto più che il loro necrologio, ma piuttosto un ammonimento che la pace può diventare un sonno ipnotico se uno diventa un seguace obbediente e manifesta così false certezze.

Non possiamo né come individui né come comunità metterci a distanza reale dal disastro dell’attuale narcisismo collettivo su larga scala e in rete. Per creare la distanza deve quindi essere creato in modo diverso. La distanza è una leva importante per mantenere la sfida centrale dell’integrità personale.

La demarcazione permette a ciascuno di trovare il proprio ritmo nelle rapide del cambiamento, di trovare il tempo e lo spazio per elaborare e valutare l’immensa marea di informazioni e dichiarazioni, e di soddisfare con prudenza l’interazione mutevole e alienante delle persone. Con l’aiuto di una sana dissociazione, si può prestare attenzione al proprio stato d’animo personale e rimanere concentrati sul proprio benessere, per offrire al mondo esterno un sostegno con riserve di forza stabili o stabilizzate.

Un nuovo mondo …

… può emergere e affermarsi solo quando abbiamo riconosciuto ciò che il narcisismo ha creato in questa forma, ciò che lo fa emergere, ciò che lo alimenta e quali sono i suoi numerosi, forse ancora innocui, afflussi.

Si può vivere con un „narcisismo regolato“ solo quando la nuova fondazione contiene tutto ciò che mantiene il narcisismo piccolo o ne toglie completamente il terreno fertile.
Quando la nuova comunità ha veramente imparato dal modo di trasformarsi in un nuovo mondo,

  • poi, tra l’altro, rinuncerà a un costante eccesso avvelenato dal narcisismo a favore della crescita organica;
  • allora userà le risorse con saggezza, poi i sentimenti avranno più voce in capitolo e il nostro cuore potrà partecipare alle decisioni importanti su un piano di parità con il nostro cervello;
  • allora ci sarà un cambiamento più frequente dalle autostrade all’autostrada della vita, per ampliare la nostra prospettiva e per togliere la velocità dall’ebbrezza della velocità,
  • allora la dedizione alle cause sociali sarà più apprezzata e l’educazione non si misurerà solo in base al QI, poi le persone tenderanno le mani proprio quando qualcosa andrà storto e condivideranno la loro gioia senza paura di essere smascherate o sfruttate;
  • allora usiamo una pausa cosciente e costruttiva per tutti i settori della nostra vita quotidiana per controllare il corso che abbiamo preso, invece di perderci nella caccia al futuro;
  • allora questo mondo riacquisterà naturalmente la propria qualità di vita e noi avremo un’altra possibilità di svolgere con dignità il nostro ruolo di custodi temporanei del giardino terrestre dell’Eden.

Questo era un articolo di Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Nota sul contributo di Rubikon: Il presente testo è stato pubblicato per la prima volta su „Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta il 30.07.2020 da Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Fonte dell’immagine: Prazis Immagini / persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort