Preselezioni negli USA

Un commento di Florian Kirner.

La lotta per la prossima presidenza americana non sarà decisa prima di novembre 2020. Ma, come è noto, gli Stati Uniti si permettono un casting di proporzioni epiche. E così le elezioni primarie già tre mesi prima dell’inizio delle elezioni primarie, in gennaio in Iowa, dominano sempre più la copertura mediatica.

In altre parole, le elezioni democratiche primarie stanno facendo lo stesso. Con i repubblicani, non c’è molto da riferire in termini di elezioni primarie. Per loro, l’attuale Donald Trump sarà di nuovo in corsa.

Più affollato è il campo dei candidati tra i Democratici. I primi dibattiti televisivi hanno dovuto essere addirittura divisi in due. Dieci candidati hanno compilato ciascuno un programma prima che il campo fosse in qualche misura sgombero ed è stato possibile accogliere i dodici candidati, che si sono poi qualificati per il dibattito, in un unico formato.

Tra loro ci sono alcuni vecchi conoscenti.

Prima c’è Joe Biden. E‘ stato il vicepresidente di Barack Obama e ha subito preso il comando delle elezioni grazie alla sua fama nazionale e a un enorme fuoco d’artificio di sostegno da parte dei media liberali.

L’argomento principale di Biden è la sua presunta „idoneità“ superiore. Ha le migliori possibilità di vincere contro Trump il prossimo autunno, dicono i Biden a proposito di Biden. Tuttavia, vi sono notevoli dubbi al riguardo. Una controargomentazione sarebbe lo stesso Joe Biden. È noto per i suoi errori retorici, i suoi dibattiti sembrano erratici e incoerenti.

Dopo tutto, la realizzazione politica della vita di Joseph Biden dal Delaware è molto coerente. Questo stato è una roccaforte dell’industria delle carte di credito. Le carte di credito di Chase Manhattan Bank and Discover sono emesse in Delaware, l’attività negli Stati Uniti di Barclaycard è qui di stanza, e anche la Bank of America e Citi mantengono qui le principali operazioni di carte di credito. Una buona metà del business delle carte di credito statunitensi passa attraverso il Delaware, che ospita solo lo 0,3% della popolazione statunitense.

E così è stato Joe Biden del Delaware che ha combattuto tenacemente per un cambiamento di legge che ha reso molto più difficile per i cittadini proteggersi dal fallimento. Georg W. Bush ha poi attuato il piano di Biden nel 2005 – in tempo per contribuire al fallimento di decine di migliaia di americani nella crisi finanziaria globale del 2007, dopo che l’indebitamento privato era cresciuto enormemente, non da ultimo a causa delle carte di credito.

Biden aveva già avuto successo sotto Bill Clinton con una „Riforma della Giustizia Penale“ che ampliò l’industria carceraria privata e imprigionò su larga scala i neri americani per crimini ridicoli.

Biden è anche una banca sicura….. in termini di politica estera. Non una guerra che non ha sostenuto. La sua approvazione della guerra in Iraq nel 2003 è particolarmente pesante, perché Biden era presidente della commissione di politica estera del Senato all’epoca.

Un altro senatore ha votato contro la guerra in Iraq in quel momento e sta attualmente lottando anche per la nomina a candidato presidenziale democratico. E‘ Bernie Sanders, che, tra l’altro, non è ancora membro dei Democratici, ma indipendente.

Bernie Sanders aveva già reso la vita difficile per Hillary Clinton e Furore nell’ultimo turno preliminare. Ora è di nuovo in competizione e il suo messaggio è rimasto lo stesso. Chiede una rivoluzione politica contro l’oligarchia dei multimiliardari, l’assistenza sanitaria per tutti, l’abolizione delle tasse scolastiche e la fine della corruzione a Washington.

Tuttavia, le condizioni quadro sono cambiate. La sconfitta di Hillary Clinton contro Trump e le scandalose circostanze che circondano la sua candidatura hanno scosso la credibilità dell’establishment del partito democratico. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti stanno vivendo un significativo aumento delle lotte di classe. Un’ondata di scioperi degli insegnanti sta attraversando il paese. La forza lavoro di Walmart, Amazon e Disney ha ottenuto aumenti salariali significativi – con il sostegno di Bernie Sanders al Senato che gioca un ruolo cruciale.

Nel complesso, il discorso dell’elettorato democratico si è spostato a sinistra. Questo ha a che fare con le crescenti lotte di classe e lo spettacolare tentativo di Bernie Sander di quattro anni fa. Ma anche con tutta una serie di giovani che nel frattempo hanno sfidato l’establishment del partito.

Come Alessandria Occasio-Cortez. Ha lavorato nove mesi fa come cameriera in un fatiscente bar di New York, senza assicurazione sanitaria e pagata miseramente. Nel 2016, tuttavia, è entrata nel mondo dell’attivismo come volontaria nella campagna Sanders. Ha poi sfidato un membro del Congresso sulla macchina Clinton alle elezioni primarie, ha vinto e successivamente ha vinto le elezioni. Ora è la più giovane membro del Congresso che si sia mai seduta al Congresso.

Alexandria Occasio-Cortez è una stella cadente dell’America politica, dotata di un’enorme portata digitale. Sostiene Bernie Sanders nelle attuali primarie e lo ha annunciato proprio quando Sanders, 78 anni, è stato ricoverato in ospedale dopo un attacco di cuore e la sua campagna era in gravi difficoltà.

Ma questa volta Sanders ha anche una feroce competizione sulla sua ala sinistra. Elisabeth Warren è un’altra senatrice progressista in gara. Warren si è fatta un nome come sostenitrice di controlli legali più severi a Wall Street. L’ex professore di Harvard ha costruito un potente team di campagna elettorale. Come Sanders, si è impegnata a non accettare donazioni dai cosiddetti Super PAC. Queste sono costruzioni legali speciali per guidare i milioni di aziende nella campagna elettorale.

Warren è stato in grado di raccogliere 24,6 milioni di dollari nell’ultimo trimestre solo sulla base di piccoli donatori. Prima c’era solo Sanders, che si è inventato un incredibile 25,3 milioni. Joe Biden, che non sta facendo la cosa giusta con piccole donazioni, era molto indietro con 15,7 milioni di dollari. Da allora ha annunciato un’inversione di tendenza e ora vuole puntare di nuovo sui super PAC.

In generale, il piombo di Biden si sta sbriciolando lentamente, ma costantemente, mentre Warren e Sanders si alternano al secondo posto nelle urne. È molto evidente che in questo primario soffia un vento più progressivo rispetto al 2016.

Bernie Sanders sta portando avanti il campo con i suoi piani radicali. „Medicare per tutti“ è il suo slogan, che dichiara l’accesso a una ragionevole assistenza sanitaria un diritto umano. Warren si è unito a noi. Biden cerca di sostenere le riforme sanitarie inutile sotto Obama. Per quanto riguarda le tasse scolastiche, Sanders chiede la cancellazione completa dei debiti.

Sanders ha anche presentato un piano globale per la ristrutturazione ecologica dell’economia statunitense, che celebra una festa di fracking sotto Donald Trump. Sanders, la stella dei giovani comunque, chiede offensivamente la legalizzazione della marijuana e vuole che tutte le voci della polizia siano cancellate a questo proposito. Vuole porre fine all’applicazione della legge sullo spionaggio contro gli informatori.

Sanders ha anche presentato un piano per permettere ai lavoratori di condividere la proprietà dell’azienda. La lingua di Bernie Sanders è oltraggiosa per la politica ufficiale degli Stati Uniti. Parla della „classe operaia“ e del „potere operaio“. Chiede un movimento di massa dal basso per spezzare il potere degli oligarchi. I lavoratori in sciopero sono i VIP del suo movimento.

Elisabeth Warren è anche una combattente. Dà l’impressione di essere come Bernie Sanders, solo pochi anni più giovane e femminile. Tuttavia, ha anche incontrato di recente Hillary Clinton, che già nel 2016 la stava trattenendo. Molti credono che Bernie Sanders avrebbe potuto vincere le primarie se Warren si fosse dichiarato pubblicamente per lui prima delle elezioni del Massachusetts, che poi si sono avvicinate a Clinton.

Warren è ora un rappresentante assolutamente credibile di una politica antimonopolistica. I suoi piani comprendono una politica fiscale più equa, una migliore tutela dei consumatori e un allontanamento dalla politica commerciale neoliberale. Ma dice anche di essere una capitalista per le ossa e dietro le quinte intende per l’establishment del partito democratico che non ha nulla da temere perché non sta progettando un’acquisizione ostile del partito.

Sanders, d’altra parte, dice senza mezzi termini che intende rilevare i democratici e trasformarli in un partito della classe operaia, e che è un socialista.

Inoltre, c’è la politica estera. Warren non ha ancora attirato l’attenzione per il suo atteggiamento critico nei confronti dell’eterna guerra degli Stati Uniti. Anche gli ultimi tre bilanci delle armi esageratamente gonfiati del governo Trump hanno ricevuto l’approvazione senatoriale di Warren. Non ci sono segnali che indichino che intende perseguire un’agenda politica di pace.

Sanders ha rifiutato il bilancio del Pentagono tre volte sotto Trump. Perlustra il complesso militare-industriale in ogni singolo discorso, critica la politica di occupazione israeliana e il razzismo del governo di Netanyahu, così come il clientelismo degli Stati Uniti con l’Arabia Saudita. Sanders non è al di sopra di ogni critica in politica estera, ma è un critico credibile della politica di guerra imperialista per decenni.

Solo Tulsi Gabbard, che ha fatto delle critiche alle guerre di intervento degli Stati Uniti il punto principale della sua candidatura, è ancora più credibile su questa questione. Come ufficiale della Guardia Nazionale, Gabbard stessa è stata due volte in Iraq. E ‚molto indietro nella corsa per la nomina, ma è l’odio della macchina Clinton di lei che recentemente le ha dato una nuova spinta.

Nel 2016 Gabbard, furioso per le manovre elettorali contro Sanders, si dimette dall’esecutivo del partito democratico per unirsi alla campagna elettorale di Sanders. Una Hillary Clinton non dimentica una cosa del genere. E dopo che Gabbard era stato trascinato attraverso il fango nella stampa legata al clinton per mesi, Hillary ha personalmente espresso il sospetto che Tulsi Gabbard fosse un agente dei russi. Questa folle accusa spinse Gabbard a contrattaccare Hillary, chiamandola „Queen of War Drivers“ – e si scoprì che un confronto aperto con il capo della Casa di Clinton ebbe un effetto benefico sui sondaggi.

Mentre le elezioni primarie sembrano attualmente una battaglia a tre tra Joe Biden, Bernie Sanders ed Elisabeth Warren, ci sono altri candidati che giocano un ruolo importante, almeno in termini di contenuti. Oltre a Gabbard, ci sarebbe stato Andrew Yang. La candidatura di questo imprenditore della Silicon Valley non sarebbe degna di menzione se un reddito di base incondizionato non fosse l’unico punto di vendita della sua campagna. Per la prima volta, milioni di americani hanno sentito parlare di questa idea grazie a Yang. E sembra che stia sviluppando una certa popolarità.

Marianne Williamson ora non ha speranze. Ma l’autrice di bestseller, imprenditrice, insegnante spirituale e attivista era almeno all’inizio arrivata sul palcoscenico dei grandi dibattiti e, con le sue osservazioni sul ritorno dell’amore alla politica, ha introdotto prospettive completamente extraterrestri nel discorso ubriaco della politica statunitense.

Questo valeva anche per Jay Inslee, il governatore dello Stato di Washington. Ha già concluso la sua campagna elettorale, ma ha brillantemente raggiunto il suo obiettivo dichiarato di integrare la protezione dell’ambiente e la politica climatica nella campagna elettorale.

Naturalmente ci sono altri rappresentanti del centro classico della politica democratica su strada dal Bill Clinton nel campo rimanente oltre a Joe Biden. E naturalmente c’è un altro rappresentante in questo round che cerca di mettersi in scena come un nuovo Kennedy e giovane riformatore.

Questa volta l’uomo che occupa questa inevitabile posizione è Pete Butte Buttegieg. E‘ il sindaco della città di South Bend in Indiana. E‘ un veterano della guerra in Afghanistan. E dall’inizio della sua campagna, ha raccolto incredibili quantità di contributi per la campagna. Più recentemente, ha raccolto di nuovo quasi 20 milioni di dollari. Ora il segreto è stato svelato: Mark Zuckerberg, il magnate dietro Facebook e Whatsapp, supporta la candidatura di Buttegieg. Il suo responsabile della campagna è un ex dipendente della Goldman Sachs. I media amano e celebrano il sindaco Pete. In breve: il solito. Nei sondaggi, il presunto nuovo Kennedy non ha ancora superato i risultati a una cifra.

Alcune persone della Goldman Sachs hanno trovato alloggio anche nell’amministrazione Trump. E questo rende le elezioni primarie democratiche, in cui domina il tema della disuguaglianza sociale e si usano parole come classe operaia e potere operaio, piuttosto eccitanti. Per molti elettori Trump sono delusi che, contrariamente alle sue promesse, non ha fatto nulla anche per gli americani più poveri. Trump ha invece attuato una riforma fiscale che alleggerisce massicciamente l’1% più ricco.

D’altro canto, l’economia è in piena espansione e continua ad essere inondata di denaro a basso costo, ma la questione è quanto tempo. Le masse della popolazione non apprezzano molto questo boom.

Secondo i sondaggi attuali, le possibilità di Trump di essere rieletto non sono cattive. Anche se è in ritardo in termini di popolarità a livello nazionale, Trump sta attualmente facendo bene nei decisivi „stati campo di battaglia“ come Florida, Pennsylvania, Ohio e Michigan. E negli Stati Uniti non è la maggioranza dei voti assoluti a decidere, ma la maggioranza dei delegati elettorali inviati dai rispettivi Stati federali.

Se i Democratici mandano un clone Clinton come Pete Butte Buttegieg o un veterano dell’establishment come Joe Biden nella gara contro Trump, probabilmente possono dimenticarlo subito. Anche la professoressa Elisabeth Warren avrà probabilmente difficoltà a mobilitare le masse di deputati. Finora solo Bernie Sanders, che con 26.000 partecipanti ha organizzato anche il più grande raduno di questa elezione primaria fino ad oggi, ha ottenuto punti tra di loro.

Ma la corsa è ancora lunga e se i Democratici hanno una cosa in comune, è la manipolazione delle proprie primarie. Questo porta regolarmente a candidati disastrosi come John Kerry o Hillary Clinton 2016, con i quali si perde in modo affidabile l’elezione. Ma a quanto pare è ancora meglio che lasciare che qualcuno al timone che minaccia di rompere il potere dei lobbisti e la dittatura degli oligarchi.

Come ho detto, ci vorranno altri tre mesi prima che si svolgano le prime elezioni primarie in Iowa. Ma anche ora è chiaro che solo una cosa può portare a un risultato ragionevole in queste elezioni. E questo si trova al di fuori di questo circo spesso molto sciocco pre-elettorale. Sarebbe un ulteriore aumento delle lotte di classe negli Stati Uniti.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Suggerimento per l’immagine: Dori Chronicles/ Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort