Rispondere al principe Marcus von Anhalt

Un punto di vista di Sean Henschel.

Caro signor von Anhalt,

un’intervista con lei e il signor Gabel è stata pubblicata il 02.02.2020 sul canale YouTube Tim Gabel con il titolo „PODCAST #2: PRINC MARCUS VON ANHALT sul suo video „scandalo“, il tempo come pappone, il Bushido e molto altro ancora“ (1) Parlano del tuo passato di magnaccia, della tua formazione di mastro macellaio, delle tue relazioni amorose con varie prostitute che hanno lavorato per te, dell’abolizione dell’immoralità della prostituzione, dell’ambizione, della disciplina, della sciccheria e del successo, del riconoscimento sociale e dei social media come macchina di marketing. È stata un’intervista molto interessante.

Il video ha avuto oltre 1 milione di visualizzazioni e più di 6000 commenti in un tempo molto breve, tanto che si può parlare di un interesse particolare da parte della comunità di YouTube e di una gamma particolarmente elevata dei contenuti ivi distribuiti. Non si può negare che sappiate come utilizzare le vostre celebrità, indipendentemente dai motivi della loro presenza, per campagne pubblicitarie di ogni tipo e per commercializzare i loro punti di vista e prodotti in modo redditizio.

Visto che anche voi raggiungete molte persone attraverso le vostre celebrità e che anche noti mass media pubblicano le loro storie, si potrebbero anche definire „scandali“, senza alcun indugio, accetto volentieri il vostro invito pubblico a commentare alcuni punti delle vostre dichiarazioni. In questo video affrontate questioni importanti e descrivete la vostra opinione privata.

Permettetemi di riprendere alcune delle vostre affermazioni per poi presentare una prospettiva diversa. Le affermazioni selezionate, mi sembra, sono più popolari nella società di quanto alcuni vorrebbero ammettere. Questo commento è fatto a condizione che venga trattata solo l’intervista del 02.02.2020 di cui sopra.

Il video sostiene che la prostituzione non è più immorale secondo la legge:

Citazione da Anhalt: „La prostituzione non è più immorale secondo la legge, quindi è moralmente accettabile come supermercato o come praticante alternativo o come massaggiatore o parrucchiere (…) secondo la legge (…) Non ci sono problemi morali perché non siamo più immorali. Il tema „problemi morali“ deve essere eliminato dopo questo cambiamento della legge“.

In considerazione dell’attuale situazione giuridica con l‘ entrata in vigore della legge sulla prostituzione (legge che regola i rapporti giuridici delle prostitute – Legge sulla prostituzione) nel 2002, un contratto tra la prostituta e il cliente (contratto di prostituzione) per l’esecuzione di un atto sessuale non è più immorale ai sensi del § 138 BGB (Codice Civile tedesco) e stabilisce un diritto legalmente effettivo se l’atto sessuale è stato eseguito.

Prima dell’entrata in vigore della legge sulla prostituzione, un contratto di lavoro che aveva per oggetto l’esecuzione di un atto sessuale in cambio di un pagamento era, secondo l’opinione generale, immorale e quindi nullo ai sensi del § 138, comma 1, BGB. Questo aveva la conseguenza di diritto civile che se il cliente non pagava dopo l’atto sessuale, la prostituta veniva lasciata a mani vuote. Nessuna delle parti ha potuto far valere le proprie pretese in tribunale. Sulla base del § 817 frase 2 BGB è stata esclusa l’inversione dell’operazione in base alla legge sull’arricchimento senza causa. La Corte di giustizia europea aveva già chiarito in precedenza che la prostituzione faceva parte della vita economica europea e quindi le conferiva legittimità economica. Tuttavia, ciò non ha avuto alcuna influenza sulla giurisdizione tedesca.

La legge sulla prostituzione è stata approvata per migliorare la situazione del diritto civile delle prostitute e per rendere più facile, o almeno possibile, far valere le richieste di risarcimento. Nella motivazione della legge si legge

„Con la presente bozza il legislatore vuole migliorare la posizione giuridica delle prostitute – non quella dei clienti, degli operatori di bordelli e di altri.

Migliorando la posizione giuridica delle prostitute, si vuole eliminare la base dei fenomeni criminali che spesso predominano in questo settore, che devono essere attribuiti anche alla criminalità organizzata.

A tal fine, la legge stabilisce chiaramente che le prostitute hanno diritto alla remunerazione concordata se hanno prestato le loro prestazioni. L’accordo non viola il buon costume. Si esclude pertanto l’applicazione del § 138 (1) BGB al presente contratto.
Scegliendo la via di un contratto unilateralmente vincolante, si chiarisce che il legislatore si occupa delle rivendicazioni legali delle prostitute, ma non delle rivendicazioni legali a favore dei clienti e degli operatori di bordelli contro le prostitute“.

Ipotizzare l’eliminazione dei problemi morali sulla base di una nuova situazione giuridica pone problemi simili a quelli dei positivisti del diritto, che fanno dipendere l’efficacia di una norma giuridica dall’impostazione positiva (il diritto artificiale, ad esempio, emanato dal legislatore). Chiunque faccia dipendere l’efficacia di una norma giuridica senza eccezioni dalla formulazione positiva dovrebbe di conseguenza chiamare le leggi razziali di Norimberga legge effettiva. Chi vuole eliminare i problemi morali mediante modifiche della legge non è lontano da uno stato arbitrario, se non si tiene conto dei principi di proporzionalità e di giustizia.

Come viene trattato il rapporto tra legge e morale nell’attuale sistema giuridico può essere visto nella regolamentazione dell’aborto. La Corte costituzionale federale lo ha spiegato come segue:

„La Legge fondamentale obbliga lo Stato a proteggere la vita umana, compresa quella del nascituro (…) L’ordinamento giuridico deve garantire i presupposti giuridici per il suo sviluppo nel senso del diritto alla vita del nascituro (…) L’aborto deve essere considerato un’ingiustizia fondamentale per tutta la durata della gravidanza e deve quindi essere vietato per legge (conferma del BVerfGE 39, 1 [44]).

Mentre la Corte costituzionale federale trae un diritto alla vita dalla Legge fondamentale e rappresenta un concetto morale pro-vita, il legislatore ha comunque emanato il § 218a StGB, che regola l’impunità dell’aborto a determinate condizioni. In questo caso, il § 218a StGB non promuove l’idea di base derivata dalla costituzione ed è stato emanato per considerazioni pragmatiche. Prima che le donne incinte si rechino in Oriente per abortire, viene creato un quadro di legalità per limitare l’annullamento delle misure penali adottate. L’esistenza del §218a StGB come diritto positivo porta qui all’eliminazione dei problemi morali associati all’aborto? Troviamo problemi simili con il rapporto sessuale tra parenti, che è punibile ai sensi del § 173, sottosezione 1, frasi 1 e 2, StGB. Ma sarebbe moralmente sbagliato avere rapporti sessuali con i propri fratelli solo perché una legge lo vieta?

L’argomento della legge e della morale non è così semplice e le singole frasi e conclusioni possono portare a conseguenze di vasta portata per un esame più approfondito. Naturalmente ci possono essere delle analogie tra un sistema giuridico e i concetti morali dei cittadini dello Stato. Tuttavia, questo non deve essere necessariamente il caso, e dipende anche da quali concetti morali vengono utilizzati i cittadini. In questo contesto, si è discusso molto tra i filosofi del diritto se esista un legame necessario tra diritto e morale. D’altra parte, si può vedere che i concetti morali influenzano la legislazione e, al contrario, che la legislazione ha un’influenza duratura sui concetti morali nella società.

Il reato morale riguarda la violazione del senso del decoro di tutti coloro che pensano in modo economico e giusto, tenendo conto del sistema di valori della Legge fondamentale. Ma chi sono le persone a buon mercato e che pensano solo a se stesse?

Citazione da Anhalt: „Nell’ambiente a luci rosse c’è anche un sistema e se la donna è con te e tu costruisci qualcosa con lei e spendi soldi per la casa, l’auto, ecc. Vestiti e vacanze e tralala e poi se ne va all’improvviso, allora non funziona così, ha anche un contratto di lavoro con noi e deve rispettarlo e se vuole scioglierlo, ci sono ovviamente degli accordi a cui bisogna attenersi. È abbastanza normale“.

Il contratto di prostituzione, che sia considerato un contratto di lavoro o un contratto di servizio, rimane un contratto unilateralmente vincolante. Il contratto di prostituzione non prevede l’obbligo di compiere un atto sessuale. Gli „accordi“ a cui si dovrebbe aderire non possono quindi essere di natura sessuale senza lasciare il regno della legalità. Gli accordi non sono uguali agli accordi. Anche una promessa è un contratto, ma non stabilisce un obbligo esecutivo o esecutivo di contrarre matrimonio (§1297 BGB). In caso di recesso, tuttavia, possono essere avanzate richieste di risarcimento danni. (§1298 BGB).

Citazione da Anhalt: „Ma io dico, e non è una bugia, che probabilmente sono più brava con i soldi del 99% di tutte le donne del mondo.

È abbastanza possibile scoprire che in singoli casi un uomo è più bravo a gestire il denaro rispetto a una donna, e viceversa. Per scoprire chi è più bravo a gestire il denaro, si dovrebbero prima utilizzare criteri di valutazione oggettivi (tasso di risparmio, comportamento dei consumatori, educazione finanziaria, ecc. La misura in cui il genere dovrebbe essere decisivo per la competenza finanziaria è quanto meno priva di qualsiasi base biologica. L’alfabetizzazione finanziaria è qualcosa che può essere appresa in modo mirato e viene insegnata anche attraverso l’istruzione, che varia molto dal background socio-economico. Questo diventa chiaro, ad esempio, quando si confrontano famiglie con un background imprenditoriale e famiglie con un rapporto di lavoro predominante e si parla di risparmio, di investimenti o di tasse.

Citazione da Anhalt: „Sono un esempio, piccolo stupido macellaio, sono così ricco oggi che i soldi praticamente mi cadono dal culo. E funziona e non ho un diploma di scuola superiore e non ho studiato e comunque ce l’ho fatta. Se posso farlo io, lo può fare quasi chiunque abbia un cervello“.

Ciò che è interessante qui è cosa si intende con il termine „creazione“. Ovviamente, „creare“ equivale a fare un sacco di soldi. In questo contesto si chiarisce che non è necessario un diploma di scuola superiore (anche se un esame di maestro artigiano può essere considerato un titolo di studio elevato) e non è necessaria una carriera accademica. Coloro che estendono il principio dell’economia a tutti i settori della vita e a tutti gli obiettivi della vita giungeranno alla conclusione che un diploma di scuola superiore è utile, ma non è affatto necessario.

La fruibilità economica di un’azione, in questo caso un diploma o un corso di studi, trascura per la prima volta i vantaggi e le opportunità concrete che offre. Ad esempio, se si è in possesso di un diploma di maturità o di un titolo di studio simile, è più facile scegliere un corso di studi e si ha la possibilità di esercitare professioni che non sarebbero possibili senza gli studi, come quella di medico, insegnante, giudice, ecc. Questo può essere messo in discussione e la possibilità di imparare autodidatticamente, ma per il momento rimane tale.

Un diploma di laurea offre l’opportunità di conoscere aree estese, indipendentemente dal fatto che alla fine lo si trovi utile o meno. Si tratta, superficialmente, di fornire diversi modi di apprendere diversi campi di attività. L’apprendimento dovrebbe soddisfare la curiosità umana nel concetto originale e non essere subordinato esclusivamente ai dettami dell’economia.

Citazione da Anhalt: „Il prerequisito fondamentale è la diligenza, l’ambizione e la disciplina. Questo è l’essenziale e il fine ultimo. Senza diligenza, ambizione e disciplina non si arriva da nessuna parte. Non nello sport, non nelle relazioni e non negli affari. Così non arriverai da nessuna parte“.

Sì, niente viene dal nulla! Diligenza, ambizione e disciplina sono caratteristiche oggettive che possono essere riconosciute come condizioni di base positive per un „qualcosa“ orientato al futuro. Ma non bisogna dimenticare che queste virtù hanno senso solo in relazione all’obiettivo da raggiungere e che questo obiettivo non si distacca mai dalle idee morali ed etiche. Una persona può lavorare con diligenza, ambizione e disciplina per correre una maratona, ma può anche costruire bombe a gas velenoso.

Citazione da Anhalt: „Non hai mai abbastanza soldi!

Questo dimostra le difficoltà che si incontrano quando lo scopo più alto della vita è l’espansione dei mezzi economici. Se si considera la ricchezza come qualcosa di relativo, che ha senso solo rispetto agli altri, non c’è mai un punto di soddisfazione. La corsa al milione successivo permette di acquisire nuovi beni e di adottare nuove abitudini di consumo, ma anche il milione successivo non cambia il fatto che non è affatto adatto a soddisfare realmente le esigenze di base di ogni individuo.

Questo problema è chiaramente evidente nei social network come Facebook, Instagram e Tinder, dove le strutture di riconoscimento sono in fase di economia e allo stesso tempo funzionano come parte integrante della propria autostima. Segue una gara di like, commenti e partite. Il risultato è una soddisfazione a breve termine, seguita subito dopo dall’ulteriore caccia a nuove affermazioni, che sembra non finire mai.

Infine, il detto „Ognuno è l’artefice della propria fortuna“, spesso utilizzato in questo contesto, contiene un modo di pensare neoliberale nascosto che trascura completamente la discriminazione strutturale e subordina le persone a un mondo economico e sociale darwiniano. Chi non ha soldi non ha successo ed è lui stesso da biasimare!

Naturalmente non è stato possibile approfondire tutti i punti e gli argomenti presentati nel video. La conversazione solleva molte domande a cui vale la pena di pensare per un periodo di tempo più lungo. Una società liberale vive della discussione e della libera articolazione di opinioni diverse. È certamente vero che la ricchezza permette una certa libertà, cioè la libertà di esprimere liberamente la propria opinione senza timore di rappresaglie significative.

È improbabile che sia possibile concordare con tutte le opinioni di una persona, né è necessariamente auspicabile. Se si considera un’altra persona come un essere razionale, non c’è modo di attribuire un significato alle sue parole. Chi non considera nemmeno ciò che dice la sua controparte esclude la possibilità di una discussione fruttuosa. Chi non è disposto a considerare le opinioni della controparte e rifiuta la legittimità del contenuto fin dall’inizio, nega la ragione della controparte.

Questo porta rapidamente a un sentimento di disprezzo, che può causare direttamente la rabbia e l’odio e quindi distruggere rapidamente le basi per un cambiamento positivo.

Fonti:

  1. https://www.youtube.com/watch?v=gXzeltMAxC8
  2. https://www.gesetze-im-internet.de/prostg/__1.html
  3. https://www.gesetze-im-internet.de/prostschg/BJNR237210016.html
  4. https://de.wikipedia.org/wiki/Nürnberger_Gesetze
  5. http://www.servat.unibe.ch/dfr/bv088203.html
  6. http://www.servat.unibe.ch/dfr/bv039001.html#044
  7. https://dejure.org/gesetze/StGB/218.html
  8. https://dejure.org/gesetze/StGB/218a.html
  9. http://dip21.bundestag.de/dip21/btd/14/059/1405958.pdf
  10. https://www.gesetze-im-internet.de/bgb/__1297.html
  11. https://www.gesetze-im-internet.de/bgb/__1298.html
  12. https://www.bundesverfassungsgericht.de/SharedDocs/Entscheidungen/DE/2008/02/rs20080226_2bvr039207.html
  13. https://dejure.org/gesetze/StGB/173.html

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort