Siringhe per miliardi | Di Hermann Ploppa

Le aziende farmaceutiche stanno spingendo attraverso i loro interessi di profitto multimiliardari con l’aiuto di politici e scienziati compiacenti.

Un commento di Hermann Ploppa.

Ciò che sta accadendo in questo momento può essere descritto in poche parole: In passato i vaccini erano per le persone, oggi sono per i vaccini.

Questo diventa chiaro quando un editore della ZDF-Heute griglie di vaccinazione del professor Stephan Becker davanti a un pubblico di milioni di persone con domande pungenti (1). Becker è direttore dell’Istituto di virologia di Marburg. Quando una terribile pandemia si presenta con un tasso di mortalità estremamente elevato, come nel caso dell’Ebola, Becker sviluppa a tal fine metodi scientifici che riducono a pochi mesi il tempo di approvazione di un nuovo vaccino, che di solito richiede molti anni. Questa cosiddetta approvazione di emergenza è sicuramente utile in caso di epidemie improvvise, estremamente spesso mortali, secondo il motto: „Si può sempre trovare qualcosa di meglio della morte. Quindi accettiamo gli effetti collaterali invece di morire inutilmente.

Il Professor Becker ha ora in programma di utilizzare questa approvazione accelerata time-lapse per i nuovi vaccini anti-corona sviluppati da BioNTech e Pfizer. Tuttavia, l’editore di ZDF non lo capisce. La SARS-CoV-2 porta solo a un numero trascurabile di decessi, a differenza dell’Ebola: „Naturalmente non c’è abbastanza tempo per testare in dettaglio gli effetti e i potenziali effetti collaterali. Quanto ti preoccupa?“ La risposta di Becker: „… ora naturalmente è importante: se molte persone vengono vaccinate, piuttosto che 40.000 (2), piuttosto milioni o miliardi di persone che finalmente vacciniamo, che il profilo degli effetti collaterali sia poi osservato molto attentamente“ (2).

In altre parole: rischi ed effetti collaterali non sono stati ancora esaurientemente studiati in alcun modo prima che il nuovo vaccino corona si scateni sull’umanità.

I sette miliardi di persone nel mondo sono ora cavie per le aziende di vaccinazione. Imparare dal lavoro, per così dire. La ragione addotta è che i tassi di mortalità della SARS-CoV-2 sono sensazionali e non sono in alcun modo provati.

Non c’è dubbio che il professor Becker non era affatto preparato a far sì che un editore dei media mainstream si occupasse effettivamente della questione e non fosse solo un sottomesso di parole chiave per i professori altamente istruiti. E vogliamo assaporare questo grande momento di vero giornalismo e registrare anche i suoni imbarazzanti del professore, cosa che di solito non facciamo perché sono anche infinitamente rivelatori. L’editore della ZDF:

„Ora mi sono imbattuto in una parola che hai appena detto, cioè ‚per quanto ne sappiamo‘. I comunicati stampa delle aziende sono naturalmente incoraggianti. Quanto di tutto questo è effettivamente documentato“?

Rispondi al professor Becker:

„Gulp … Sì, questo è esattamente quello che a noi scienziati manca ancora un po‘ al momento. L’esatta … uh … l’esatta conoscenza dello studio e l’esatta … uh … cosa ne è venuto fuori esattamente, e … uh … le autorità di regolamentazione ovviamente otterranno che … noi scienziati non lo abbiamo ancora. Ma spero che ci sarà nel prossimo futuro.

Quid quid? Il Professore, che ha la capacità di creare „piattaforme di vaccinazione“ che accorciano le licenze ed è un attivo propagandista delle vaccinazioni a livello nazionale, non ha ancora i dati scientifici sul tavolo per il prodotto che sta promuovendo? Dov’è andata a finire la scienza? Come è diventata possibile una tale perversione della vaccinazione?

Robert Koch: La vaccinazione come male necessario

Per poterlo capire almeno all’inizio, torniamo al passato. Nel XIX secolo, molte persone morivano ancora di epidemie. La mortalità infantile era estremamente elevata. Chiunque avesse anche solo una piccola ferita potrebbe morire miseramente di tetano. La teoria del miasma prevalente fino ad allora diceva che le malattie sarebbero nate dai vapori del suolo. Robert Koch è riuscito a isolare e a descrivere con precisione i batteri al di fuori dei corpi. Il suo allievo Emil von Behring ha poi introdotto la vaccinazione con il siero.

Le dosi più piccole dell’agente patogeno sono state iniettate nel corpo e gli esseri umani hanno accumulato anticorpi. La qualità della vita è migliorata notevolmente anche per le classi sociali più basse. Nel 1892, ad Amburgo infuriava un’epidemia di colera, in cui morirono non meno di 8.605 cittadini di Amburgo.

Con un concetto di igiene completo, Robert Koch ha contribuito a mettere i pericolosi batteri al loro posto. Le vaccinazioni profilattiche, abbinate a notevoli miglioramenti delle infrastrutture comunali, hanno garantito la sicurezza.

Lo Stato ha preso la palla al balzo di Koch e ha creato l’Istituto prussiano per le malattie infettive, un’autorità che ha coordinato la lotta contro le epidemie e sviluppato strategie contro di esse in stretta collaborazione con la ricerca delle università. Le aziende farmaceutiche erano ancora piccole e maneggevoli e producevano solo i vaccini che lo stato e la scienza richiedevano. I vaccini erano un male necessario per proteggere efficacemente le persone dalla tubercolosi, dal tifo, dal vaiolo o dalla poliomielite. Nient’altro.

Lo Stato si ritira come designer. Le aziende farmaceutiche mutano nel polpo in rapida crescita

Ma purtroppo questo appartiene al passato. Perché a un certo punto lo Stato e con esso la scienza indipendente sono diventati sempre più poveri. La legge d’azione è stata trasmessa alle aziende farmaceutiche. La pianificazione e il coordinamento della prevenzione delle malattie sono ora controllati da società globali orientate al profitto. Non appena il principio del profitto guida l’azione, il bene comune ha abdicato. Perché le aziende private devono continuare a crescere alla Deubel komm raus, altrimenti si perderanno nella concorrenza spietata. Crescita per il suo stesso bene.

Possiamo studiare un esempio particolarmente lampante negli USA in un altro settore: Quando le prigioni erano gestite dallo Stato all’inizio degli anni ’70, c’erano 200.000 detenuti all’interno delle loro mura. Oggi le prigioni sono state privatizzate – e attualmente ci sono oltre 2,3 milioni di persone nelle carceri degli Stati Uniti. Per riempire le carceri a scopo di lucro sono stati inventati nuovi reati, soprattutto nel settore della criminalità legata alla droga (3).

Processi analoghi sono in atto nell’industria farmaceutica. L’industria farmaceutica è mutata da tempo in una piovra che permea l’intera società. Nei circoli di esperti si usa il termine „cluster“: le membrane cellulari della ricerca e dell’insegnamento universitario indipendente sono lacerate tanto quanto le membrane delle autorità e dei governi indipendenti del governo locale, statale e federale.

È tutto un conglomerato che sta divorando i suoi cittadini e il suo paesaggio. L’uomo è la merce che viene venduta ad un buon prezzo. La scienza è l’ancella sottomessa delle società a scopo di lucro. Esempio: quando si è cercato un collega per il professor Becker di Marburg, il bando di gara diceva

„Il successo nell’acquisizione di fondi di terzi sottoposti a peer-reviewed è importante tanto quanto le eccellenti pubblicazioni internazionali. Inoltre, ci aspettiamo una partecipazione attiva alle attività nazionali e internazionali che promuovono ulteriormente il profilo del dipartimento e rafforzano la rete nazionale e internazionale dell’Università delle Filippine“ (4).

Un professore dovrebbe guadagnarsi il suo posto di lavoro accontentando l’industria farmaceutica.

E, come sempre, si applica alla vendita: Se non c’è una domanda, bisogna „risvegliare“ quella domanda. In altre parole, attraverso una gigantesca pubblicità pubblicitaria. Non è diverso nell’industria farmaceutica. Le principali epidemie sono contenute. Il fatto che nel Terzo Mondo stiano ricomparendo epidemie già contenute è dovuto principalmente ai regolamenti del Fondo Monetario Internazionale. Il FMI ha imposto un massiccio taglio alle strutture sociali e all’assistenza sanitaria. Il modo migliore per contenere le malattie è quello di prendere precauzioni sociali. Robert Koch lo sapeva già.

Ecco come si sono espanse le aziende farmaceutiche. Gonfiato come un palloncino. Lo scoppio può essere evitato solo aprendo artificialmente e violentemente nuovi mercati. La domanda o la necessità non hanno più un ruolo. GlaxoSmithKline ha un fatturato di 6,652 miliardi di dollari USA nel 2017. E la produzione del gigante farmaceutico britannico è prevista per il 2024 a 10,742 miliardi di dollari (5). Nello stesso periodo, Merck dovrebbe crescere da 6,546 miliardi di dollari a 9,398 miliardi di dollari. Tassi di crescita simili di circa il 40% sono previsti per Sanofi e Pfizer nella divisione vaccini. La crescita mirata non deve essere inibita ad ogni costo per il mondo, altrimenti il palloncino scoppierà.

Ci sono due cambiamenti strutturali che possono spiegare in una certa misura le azioni dei colossi farmaceutici e quindi anche illustrare gravi problemi per la comunità solidale degli assicurati. Una è la cosiddetta individualizzazione. Lo sappiamo dal mercato del mobile.

Grazie alla digitalizzazione avanzata, non dobbiamo più acquistare un armadio specifico con dimensioni fisse. No, ora andiamo noi stessi al computer del mercato del mobile e assembliamo un armadio proprio come ci serve. Le segatrici computerizzate dei fornitori hanno tagliato l’armadio a misura proprio come l’abbiamo inserito nel computer.

Questo tipo di assemblaggio ha trovato la sua strada in molti settori, tra cui l’industria farmaceutica. In particolare, la gamma di prodotti è diventata enormemente specializzata nello sviluppo di terapie antitumorali, tra cui spicca in particolare BioNTech. Tali sviluppi sono estremamente costosi. Per quanto questi sviluppi speciali siano vantaggiosi per gli esseri umani che soffrono delle cosiddette „malattie degli orfani“, cioè malattie che colpiscono solo un numero limitato di persone: Le assicurazioni sanitarie pubbliche si stanno inginocchiando. Questo perché i portapillole personalizzati costano fino a due milioni di euro ciascuno.

Questo è il rapporto del servizio scientifico della compagnia di assicurazione sanitaria pubblica AOK:

„I costi dei farmaci protetti da brevetto hanno raggiunto di nuovo un picco nel 2019 con 21,0 miliardi di euro. Ciò significa che quasi la metà dei costi dei farmaci SHI, pari a 43,9 miliardi di euro, è rappresentata da questi farmaci, che allo stesso tempo coprono solo il 6,5 per cento del trattamento“ (6).

Questo ci porta alla prossima caratteristica strutturale del settore farmaceutico: i brevetti. Per sviluppare un nuovo farmaco per la commerciabilità, le aziende farmaceutiche hanno bisogno di dieci o dodici anni, compresi i test su volontari umani. Poi c’è la procedura di approvazione, che dura in media dai dodici ai sedici mesi. È pienamente giustificato che i produttori recuperino poi i loro elevati costi per un periodo di vent’anni durante il quale sono autorizzati a commercializzare il prodotto in esclusiva. Tuttavia, il rapporto costi-benefici, che si riflette nel prezzo del nuovo farmaco, deve essere rigorosamente controllato da un’agenzia governativa indipendente. Non è certo che sia sempre così.

Dopo vent’anni al massimo, la legge sui brevetti sarà scaduta. Ora altre aziende possono copiare questa formula e venderla loro stesse. Queste repliche sono chiamate generiche. Per l’ex titolare del brevetto, ciò significa naturalmente un enorme calo del prezzo del suo prodotto. Ciò significa che le aziende farmaceutiche pianificano costantemente come le perdite di profitto future possano essere compensate non solo dallo sviluppo tempestivo di nuovi farmaci brevettati, ma anche – vedi le proiezioni future di cui sopra – come possono essere fermate.

Qui ci sono in gioco un sacco di soldi. Niente può e deve essere lasciato al caso. I colossi farmaceutici sono attori globali. Agiscono come cartelli. Parlano di mercati e linee di prodotti. Un esempio nel microcosmo: Marburg Behringwerke apparteneva al gruppo Hoechst. Questa struttura è stata smantellata nel 1997. I frammenti sono stati assegnati a diversi gruppi. Era una giungla quasi impenetrabile, non solo per l’ufficio delle imposte.

Di polpi e di persone: Jens Spahn e i suoi autisti

A questa trasparenza volutamente offuscata corrisponde una fusione di politica, scienza, affari, autorità e media – i cluster sopra menzionati. Il nostro Ministro Federale della Sanità è un importante collegamento (7). Era un lobbista per l’industria farmaceutica e già nel 2016, in un libro che ha co-edito, „App vom Arzt: Bessere Gesundheit durch digitale Medizin“ (Doctor’s App: Better Health through Digital Medicine), ha preparato il terreno per la Corona Warning App che ora è stata evocata da un cappello.

Nel 2009, insieme all’ex presidente del PLR e ministro federale della sanità Philipp Rösler, Spahn incuriosì l’allora direttore dell’Istituto per la qualità e l’efficienza nell’assistenza sanitaria, Peter Sawicki, che riuscì a dimostrare all’industria farmaceutica che i prezzi dei loro prodotti brevettati erano eccessivi. Sawicki se n’è dovuto andare. E‘ stato sostituito da un uomo dell’industria farmaceutica.

Spahn è stato scelto presto come leader politico da gruppi d’élite discreti. Nel 2017 Spahn è stata invitata alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in contemporanea al World Economic Summit di Davos, e come unico politico tedesco all’esclusiva Conferenza Bilderberg. Il Papa del World Economic Summit e organizzatore del Bilderberger Klaus Schwab ha scelto Spahn come Young Global Leader nel 2017, e da allora l’impiegato della cassa di risparmio di Ahaus ha una sede permanente nel Politburo del World Economic Forum, l’Europe Policy Group. Jens Spahn è quindi la cerniera personalizzata tra la politica e l’industria farmaceutica.

Tutto cresce insieme in questa uniformità globalizzata. E si ha l’impressione che i metodi e gli obiettivi dei più diversi settori possano essere trasferiti al grande complesso delle biotecnologie e dei prodotti farmaceutici. Ad esempio, il Gruppo Bayer possiede la Monsanto, una grande azienda agroindustriale. La Monsanto persegue una politica nei confronti degli agricoltori molto simile ai metodi degli spacciatori (8): il cliente dell’eroina viene inizialmente venduto a prezzi di dumping. Poi il drogato si ritrova in una fatale dipendenza dal suo spacciatore per il resto della sua vita.

I contadini comprano i semi da Monsanto. A lungo termine, però, non possono più prendere i semi dal loro raccolto per la prossima stagione. Devono comprare di nuovo i semi dalla Monsanto a un prezzo eccessivo. Ma la Bayer è anche un produttore di prodotti farmaceutici. È possibile che i metodi di marketing redditizio del settore agroindustriale siano migrati verso il settore farmaceutico?

Cosa sta succedendo nella scena delle vaccinazioni? In tutto il mondo, in Cina, in Russia, a Cuba, nell’UE o negli USA – ovunque i governanti sono d’accordo: la vaccinazione contro la SARS-CoV-2 è necessaria! Stranamente, tutti questi blocchi di potere ignorano il fatto che è ovvio per qualsiasi profano che l’eccesso di mortalità non è realmente rilevabile in lungo e in largo, e che il virus può essere pericoloso solo per pochissime persone. E quasi ovunque, la gente viene gradualmente introdotta a un assalto al proprio corpo da quello che Roland Barthes chiama il „metodo del siero“.

La prima piccola dose consisteva in una temporanea privazione della libertà con il primo blocco. Poi l’isolamento è stato allentato. In cambio, l’aggressione fisica si è avvicinata a noi attraverso il dovere della maschera. Poi, ancora più vicini al nostro corpo, c’erano i test PCR.

Questi test sono abbastanza dolorosi nella maggior parte dei casi – e dal punto di vista medico sono assolutamente inutili. Un grande business corrotto e un atto di dressage allo stesso tempo (9).

Poi finalmente il passo finale verso la vaccinazione. Un crescendo che è logico di per sé. E si possono anche comprendere chiaramente queste invasioni nel loro folle pacchetto complessivo come una misura adeguata per minare specificamente il potenziale di immunità naturale degli esseri umani.

Nel regime talebano della Merkel, tutto ciò che crea gioia e una sana fiducia in se stessi è proibito: cantare, ballare, suonare, festeggiare insieme. L’accesso alle importanti vitamine D3 e B12 deve essere reso più difficile. Elementi importanti anche per promuovere l’immunità dell’organismo. In Baviera la polizia è a caccia di bambini e giovani che giocano a fare i bambini e i giovani (10). Inoltre, il divieto di praticanti alternativi è all’ordine del giorno del governo federale in tutta serietà (11). Come è noto, la medicina alternativa si basa proprio sul rafforzamento del sistema immunitario dell’organismo.

Un’ipotesi che può essere derivata logicamente da quanto sopra per poter assegnare una qualche razionalità all’attuale follia della corona: Le difese naturali dell’organismo devono essere indebolite e a lungo termine sostituite da una vaccinazione di massa, da effettuarsi possibilmente ogni anno. Una macchina infinita per stampare soldi.

Ciò che la vaccinazione minacciata dovrebbe essere pro e contro, i loro propagandisti Spahn e Karl Lauterbach non ci hanno potuto spiegare in modo definitivo. È possibile che la febbre da vaccinazione di tutte le potenze mondiali antagoniste esprima anche una necessità geostrategica? Perché i blocchi militari che sono nemici l’uno dell’altro perseguono all’unanimità la vaccinazione della propria popolazione con esattamente lo stesso zelo con cui, d’altra parte, promuovono la tecnologia 5G? Solo una domanda che dovrebbe essere esaminata più da vicino.

Conseguenze di vaccinazioni troppo affrettate: narcolessia e morte precoce.

Torniamo ancora una volta all’obbligo dell’industria farmaceutica di generare proattivamente una nuova domanda a qualsiasi costo per il mondo. Prendiamo il vaccino Gardasil, per esempio: negli anni 2000, i giovani si sono improvvisamente convinti da tutte le parti che dovevano assolutamente essere vaccinati contro il cancro al collo dell’utero. Nel 2007 sono state vendute 2,2 milioni di dosi di vaccino a ragazze tra i 12 e i 17 anni, per le quali le compagnie di assicurazione sanitaria hanno dovuto contribuire con 80 milioni di euro del fondo di solidarietà.

La professoressa Martina Dören della Charité e molti altri esperti ritenevano all’epoca questa procedura assolutamente inutile (12). Inoltre, tre ragazze provenienti dalla Germania e dall’Austria sono morte subito dopo la somministrazione del vaccino Gardasil. Ricordiamo tutti la frenesia mediatica per l’influenza suina e aviaria e il MERS.

All’epoca la vaccinazione contro l’influenza suina era ancora volontaria. Coloro che sono stati vaccinati a volte si sono pentiti amaramente della loro volontarietà, come riporta la rivista medica:

„Nell’agosto 2010 ci sono state segnalazioni di narcolessia in bambini e adolescenti vaccinati in Svezia e successivamente in Finlandia, Norvegia e Irlanda. All’inizio c’erano solo casi isolati. Secondo gli ultimi dati della banca dati EudraVigilance dell’Agenzia europea per i medicinali, entro gennaio 2015 erano noti più di 1.300 casi, alcuni dei quali provenienti dalla Germania“ (13).

All’epoca gli Stati dell’UE acquistarono enormi quantità di vaccini contro queste epidemie, che poi dovettero essere inceneriti nel termovalorizzatore di Magdeburgo, e con essi il denaro dei contribuenti – 18 miliardi di dollari USA. (14) Per inciso, il margine di profitto nell’industria farmaceutica è impressionante, come afferma l’AOK:

„I margini di profitto delle aziende con il più alto fatturato hanno raggiunto una media del 24,7% a livello mondiale nel 2019, collocandole in cima alla classifica del settore“ (15).

E ora una nuova variante della campagna per l’influenza suina con maggiore efficacia. Abbiamo imparato dagli errori del passato – e abbiamo tessuto il tessuto delle menzogne e delle campagne di paura ancora più finemente. Il governo tedesco si affida alla società BioNTech, con sede a Magonza, come proprio asso nella corsa globale ai vaccini di cui nessuno ha bisogno. Per puro caso, BioNTech ha ricevuto un’iniezione di liquidità di 50 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti a seguito delle pressioni tedesche (16).

Anche prima di questo, 375 milioni di euro erano stati dirottati dal piatto dei contribuenti alla BioNTech (17). L’azienda di Magonza sta lasciando la commercializzazione mondiale del proprio vaccino corona al gigante farmaceutico americano Pfizer. Entrambi insieme hanno richiesto la suddetta approvazione d’emergenza sia negli Stati Uniti che in Europa. E non c’è dubbio che riceveranno l’approvazione d’emergenza. Dopo tutto, l’UE ha già effettuato un acquisto vincolante di 200 milioni di dosi di vaccino da BioNTech e Pfizer, con un’opzione per altri 100 milioni di dosi!

E chi crede che le aziende farmaceutiche dovranno pagare per i danni causati dalle procedure di vaccinazione per immaturità si sbaglia. Un portavoce dell’Unione Europea, ad esempio, ha chiarito che le aziende farmaceutiche non possono essere obbligate a pagare. Dopotutto, le case farmaceutiche si sono sacrificate disinteressatamente per venire in soccorso della popolazione, che sta morendo di epidemie, con vaccinazioni istantanee con procedura rapida (18).

Quindi è bello che ci siano anche persone che possono essere felici ora. Almeno in borsa i tappi di champagne stanno spuntando.

Il 9 novembre 2020, Pfizer e BioNTech hanno annunciato di avere ora in offerta un vaccino che offre una protezione del 90% contro Covid-19. Questa notizia da sola vale il suo peso in oro, secondo la rivista di Amburgo Spiegel:

„Molto forti sono anche le fluttuazioni delle quote dei produttori di vaccini. Pfizer: temporaneamente più 12 per cento. BioNTech: anche più 26 per cento. Entro le 13.15, l’azienda biotecnologica di Magonza vale circa 23 miliardi di euro – più di gruppi come Beiersdorf o Deutsche Bank“ (19).

I profitti rimangono alle società, le perdite sono socializzate.

+++

Fonti e note
(1) https://www.youtube.com/watch?v=dJjJ_WFh8JM
(2) Das ist nicht ganz korrekt von Professor Becker dargestellt. Es sind 40.000 Personen getestet worden. Wobei die eine Hälfte, also 20.000 Personen, tatsächlich den neuen Impfstoff verabreicht bekamen; die anderen 20.000 Personen erhielten jedoch ein Placebo. Bis dato sind real auf Verträglichkeit des neuen Impfstoffes lediglich 20.000 Personen getestet worden.
(3) Telepolis, Hermann Ploppa: Im Strudel der Gefängnisindustrie, 27. Dezember 2007
https://www.heise.de/tp/features/Im-Strudel-der-Gefaengnisindustrie-3416637.html
(4) Ausschreibung w-2-Professur Marburg
https://www.g-f-v.org/node/797
(5) https://de.statista.com/statistik/daten/studie/312572/umfrage/top-10-pharmaunternehmen-nach-umsatz-im-segment-impfstoffe/
(6) https://www.lifepr.de/inaktiv/wido-wissenschaftliches-institut-der-aok-berlin/Patentarzneimittel-Hohe-Gewinnspannen-der-Pharmaunternehmen-bei-geringem-Beitrag-zur-Versorgung/boxid/807488
(7) Telepolis, Hermann Ploppa: Ausgemerkelt — Jens is waiting, 21. Februar 2018
https://www.heise.de/tp/features/Ausgemerkelt-Jens-is-waiting-3975098.html
(8) Greenpeace, Monsantos Machtstrategien & Unternehmensaufkäufe.
https://www.greenpeace.de/themen/landwirtschaft/gentechnik/monsantos-machtstrategien-unternehmensaufkaeufe-ein-report
(9) Rubikon, Hermann Ploppa, Revolution von oben, 7. November 2020
https://www.rubikon.news/artikel/revolution-von-oben
(10) https://www.corodok.de/kinder-corona-regeln/
(11) https://daserste.ndr.de/panorama/aktuell/Bundesregierung-zieht-Abschaffung-des-Heilpraktiker-Berufs-in-Betracht,heilpraktiker126.html
(11) https://www.deutsche-apotheker-zeitung.de/daz-az/2008/daz-8-2008/umstrittene-impfung-gegen-gebaermutterhalskrebs
(13) https://www.aerzteblatt.de/nachrichten/63356/Grippeimpfung-Wie-Pandemrix-eine-Narkolepsie-ausloest
(14) Karina Reiss/Sucharit Bhakdi: Corona Fehlalarm? Zahlen, Daten und Hintergründe. Berlin 2020; S.123
(15) siehe Anmerkung 6
(16) https://www.eib.org/de/press/all/2019-365-eib-provides-funding-of-eur-50-million-to-biontech-as-part-of-the-investment-plan-for-europe
(17) https://www.bundesregierung.de/breg-de/themen/themenseite-forschung/corona-impfstoff-1787044
(18) https://www.berliner-zeitung.de/wirtschaft-verantwortung/corona-impfung-wer-zahlt-fuer-moegliche-schaeden-li.101215
(19) Der Spiegel, Biontech-Impfstoff: Hoffnung für Milliarden, 9.11.2020
https://www.spiegel.de/wirtschaft/biontech-und-corona-hoffnung-fuer-milliarden-a-d36e003f-39fc-484f-97eb-c5824d930b84

In questo contesto sono consigliati i libri „Die Macher hinter den Kulissen“ e „Hitlers amerikanische Lehrer“ di Hermann Ploppa.

+++

Nota sull’articolo: Il testo attuale è apparso per la prima volta su „Rubikon – Magazin für die kritische Masse„, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 28.11.2020 su Rubikon – Magazin für die Kritische Masse

+++

Fonte dell’immagine: iHumnoi / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort