Socialismo genuino invece di poltiglia uniforme!

La più grande manifestazione della storia della RDT non richiedeva unità, ma un socialismo migliore.

Di Andreas Peglau.

Nota sul contributo di Rubikon: il seguente testo è stato pubblicato per la prima volta su „Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è avvenuta sotto licenza libera (Creative Commons), KenFM riprende questo testo nella seconda utilizzazione e sottolinea esplicitamente che anche la Rubikon dipende dalle donazioni e ha bisogno di supporto. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

Mentre ora ancora una volta i tappi di champagne pop mentre commemora il 9 novembre 1989, un altro giorno è ancora dimenticato e represso: Il 4 novembre 1989, quando si svolse un’impressionante manifestazione di massa sulla Alexanderplatz a Berlino. E‘ stato il culmine dello sforzo di stabilire nella Germania orientale qualcosa che è ancora una buona idea: il socialismo democratico.

Incisione radicale

Il 19 gennaio 1989, Erich Honecker, segretario generale della SED e presidente del Consiglio di Stato, fa una dichiarazione:

„Il Muro rimarrà in vigore tra 50 anni, e tra 100 anni, a meno che non vengano rimosse le ragioni esistenti.

Una decisione presa dalla stampa Axel Springer nello stesso mese ha dimostrato che questa valutazione non è stata rimessa in discussione neanche in Occidente: Per decenni, la RDT è stata messa in margherite per negare il loro diritto di esistere. Questa dovrebbe essere la fine.

Tre trimestri di un anno dopo, la situazione è cambiata radicalmente. In estate, decine di migliaia di cittadini della RDT hanno lasciato il loro paese per l’Occidente, soprattutto oltre il confine ungherese che si apre. Gruppi di opposizione come il „Nuovo Forum“ hanno guadagnato enormemente in popolarità, a Lipsia e in altre città sempre più persone hanno chiesto riforme alle „dimostrazioni del lunedì“. Il 7 ottobre i dirigenti della SED hanno cercato di celebrare il 40° anniversario della DDR come se tutto fosse al meglio. La polizia e la sicurezza dello Stato hanno colpito ancora una volta – letteralmente e figurativamente – quando sono state sollevate proteste contro di essa. Il 18 ottobre Erich Honecker è stato mandato in pensione forzata dal Politburo della SED e sostituito da Egon Krenz come segretario generale della SED. Le manifestazioni in tutta la RDT continuarono ad aumentare. Il muro di Berlino ha aperto il 9 novembre ….

Culto discutibile della caduta del muro

I punti di vista ufficialmente usuali di solito danno valore a questo evento in questo modo oggi: I cittadini della RDT ne avevano abbastanza del loro stato per molto tempo e scesero in piazza per vivere finalmente come in Occidente; la „rivoluzione pacifica“ costrinse l’apertura del confine per questo scopo, poi arrivò la riunificazione e con essa la tanto attesa libertà. Fondamentalmente, secondo il tenore sbagliato, la RDT „Wende“ è stata incoronata dalla caduta del muro di Berlino, che era stato concepito fin dall’inizio.

Ma in realtà il 9 novembre ha preannunciato la fine dei tentativi di realizzare una „svolta“ politica all’interno della RDT. L’energia rivoluzionaria che esisteva ormai evaporava, diffondendosi, attraverso il confine aperto e lacerato, nello stato capitalista vicino.

Anziché ribaltare ulteriormente il sistema GDR in difficoltà sotto molti punti di vista, la maggioranza ha presto chiesto di potersi fondere il più agevolmente possibile in un altro sistema, non a volontà di cambiamento. La chiamata antiautoritaria „Noi siamo il popolo“ dei manifestanti del lunedì si è trasformata nella richiesta di appropriazione „Noi siamo un popolo!

Il ritmo di questa svolta ha dimostrato che l’interesse delle masse per il rinnovamento della RDT non poteva essere così profondo come sembrava prima della caduta del muro di Berlino. Gli attivisti politici avevano temporaneamente portato con sé molti altri nel loro impegno – che avrebbero lasciato che i loro cappottini si appendevano di nuovo rapidamente dopo il vento – ora soffiavano dall’Ovest. Tutta una serie di attivisti, tuttavia, ha fatto lo stesso con questi ultimi.

Per il socialismo democratico

La visione che originariamente motivava la RDT „Wende“, tuttavia, non aveva nulla a che fare con una Germania che sarebbe stata presto unita. Per lo più si trattava di qualcosa di completamente diverso: „reale“, „reale“, „socialismo democratico“, l’acquisizione della perestroika e glasnost dall’Unione Sovietica guidata da Mikhail Gorbaciov.

Tra le altre cose, hanno chiesto l’abolizione del governo unico della SED, elezioni democratiche, l’ammissione dei movimenti per i diritti civili, la libertà di riunione e di parola, lo scioglimento del Ministero per la sicurezza dello Stato e la fine della sorveglianza dei servizi segreti, la rivalutazione non verniciata del passato della DDR, compreso lo stalinismo, la rivelazione della miseria economica, l’affrontare i problemi ecologici, la fine della censura della stampa e lo stupore dei media ampiamente unificato, l’introduzione di modelli scolastici non autoritari o l’espansione delle piste ciclabili. In altre parole: una miscela esplosiva e colorata di proposte creative per riformare e migliorare la Repubblica Democratica Tedesca – non per la sua abolizione.

Ci sono numerosi documenti che documentano questa spinta originale. Tra queste, una risoluzione firmata da più di 3.000 musicisti rock, cantautori e artisti dello spettacolo come Gerhard Gundermann, Tamara Danz e Lutz Kerschowski, pubblicata il 18 ottobre 1989.
Lì si diceva:

„Noi (…..) siamo preoccupati per lo stato attuale del nostro paese, per l’esodo di massa di molti dei nostri contemporanei, per la crisi di significato di questa alternativa sociale e per l’intollerabile ignoranza del partito e della leadership statale, che banalizza le contraddizioni esistenti e mantiene una rotta rigida. Non si tratta di „riforme che aboliscono il socialismo“, ma di riforme che continuano a renderlo possibile in questo paese“.

Il 26 novembre Stefan Heym ha letto l’appello „Per il nostro paese“, formulato, tra gli altri, da Christa Wolf:

„O possiamo insistere sull’indipendenza della RDT e cercare, con tutte le nostre forze e in collaborazione con quegli Stati e gruppi di interesse che sono disposti a sviluppare nel nostro paese una società di solidarietà, in cui siano garantite la pace e la giustizia sociale, la libertà individuale, la libertà di movimento per tutti e la conservazione dell’ambiente.

Oppure

Dobbiamo tollerare che, spinti da forti vincoli economici e condizioni irragionevoli, gli ambienti influenti dell’economia e della politica della Repubblica federale di Germania leghino i loro aiuti alla RDT alla vendita dei nostri valori materiali e morali e che prima o poi la Repubblica democratica tedesca venga rilevata dalla Repubblica federale di Germania.

Andiamo per primi. Abbiamo ancora la possibilità di sviluppare un’alternativa socialista alla Repubblica federale in un vicinato uguale a tutti gli Stati europei. Possiamo ancora riflettere sugli ideali antifascisti e umanisti da cui una volta siamo partiti. Chiediamo a tutti i cittadini che condividono la nostra speranza e la nostra preoccupazione di unirsi a questo appello firmando.

Quasi 1.170.000 cittadini della RDT vi hanno messo il loro nome. Ma anche loro non potevano più cambiare il fatto che la leadership della Germania occidentale sotto la guida di Helmut Kohl ha assunto la guida di un processo che Daniela Dahn ha definito nel 2019 come „un’acquisizione ostile su richiesta dell’acquisizione“. O anche come „partenza per Kohlrabien“.

La conseguente diffamazione di tutto ciò che era stato positivo e indipendente nella RDT significava anche che quasi nessuno sapeva o voleva sapere di più sull’evento che era il culmine degli sforzi per raggiungere il socialismo democratico nella Germania orientale.

Dimostrazione di massa unica nel suo genere

Il numero di persone che hanno risposto a un appello dei professionisti del teatro berlinese il 4 novembre 1989 è solitamente stimato in un milione. In ogni caso, è stata la più grande manifestazione spontanea e non governativa mai tenuta nella RDT.

Alle 10 il treno parte da Berlin-Mitte, da Prenzlauer Allee attraverso Karl-Liebknecht-Straße fino al Palast der Republik, poi a Marx-Engels-Platz, infine attraverso Rathausstraße fino ad Alexanderplatz. L’intero centro città è stato esaminato, la sede dei più importanti uffici governativi – Consiglio di Stato, Ministero degli Esteri, Comitato Centrale della SED, Camera del Popolo, Red City Hall ….. – incluso, prima che la manifestazione finale di più di tre ore su Alexanderplatz ha avuto inizio. La televisione della RDT è stata trasmessa in diretta e completamente.

L’evento è stato introdotto dall’attrice Marion van de Kamp:

„Cari colleghi e amici, compagni di pensiero e di soggiorno!
Noi, il personale del Berliner Theater, vi diamo un caloroso benvenuto. La strada è la tribuna del popolo – ovunque sia esclusa dall’altra tribuna. Non c’è manifestazione qui, ma una manifestazione di protesta socialista„.

Su un piccolo podio, attori di spicco, scrittori, scrittori, cantautori, scienziati, un avvocato, due teologi, l’ex capo dello spionaggio straniero, membri del politburo e della base del SED, il Nuovo Forum, l’Iniziativa per la pace e i diritti umani e altri sono apparsi in mezzo a un mare di persone che hanno aggiunto le loro opinioni e richieste con interiezioni emotivamente cariche e con striscioni che si erano fatti: „Contro il socialismo monopolistico – Per il socialismo democratico!“Noi siamo il popolo“, „Nessuna violenza – noi rimaniamo qui“, „Democrazia – nessun caos“, „Gioco comune per bambini sani e handicappati – le barriere sparite“, „Stampa libera per persone libere“, ma anche l’avvertimento contro un nuovo adattamento: „Non lasciatevi usare!

Non c’è dubbio, si è trattato di un grande evento democratico di primo ordine, una pietra miliare non solo per la storia della Germania orientale, ma anche per la storia della Germania nel suo complesso. O come lo scrittore Stefan Heym l’ha messo sul palco di Alexanderplatz:

„In queste ultime settimane abbiamo superato la nostra mancanza di parole e ora stiamo imparando a camminare in piedi. E questo, amici, in Germania, dove finora tutte le rivoluzioni sono andate male, e dove la gente si è sempre coccolata, sotto l’imperatore, sotto i nazisti, e più tardi anche.

(…..) Il socialismo – non lo stalinista, quello giusto – che finalmente vogliamo costruire per il nostro bene e per il bene di tutta la Germania, questo socialismo è impensabile senza democrazia. Ma democrazia, parola greca, significa „governo del popolo“.

Estratti di altri interventi sottolineano la posta in gioco.

„Speranza, fantasia, impudenza e umorismo.

Jan Joseph Liefers, attore:

„Le strutture esistenti, le strutture principali che sono state ripetutamente adottate, non consentono il rinnovo. Devono quindi essere distrutti. Dobbiamo sviluppare nuove strutture per un socialismo democratico. E per me questo significa anche, tra l’altro, la divisione del potere tra maggioranza e minoranze“.

Marianne Birthler, responsabile della gioventù presso l’autorità comunale per l’istruzione, l’iniziativa per la pace e i diritti umani:

„Siamo qui perché abbiamo speranza. Centomila volte più speranza si raccoglie in questa piazza. Speranza, fantasia, guancia e umorismo. Questa speranza, che era finalmente cresciuta nella RDT per alcune settimane, doveva essere sconfitta la sera del 7 ottobre e nei giorni e nelle notti successive, prima che diventasse grande come lo è oggi. (…..) Fino ad oggi non c’è risposta: „Chi ha dato gli ordini, chi aveva la responsabilita‘ politica.“

Jens Reich, biologo molecolare, nuovo forum:

„La libertà è liberazione, e tutti noi dobbiamo liberarci dalla paura, dalla paura che tutto possa essere registrato e poi usato contro di me, – dalla vile prudenza, solo che non si stacca la testa dall’insalata, altrimenti ce n’è uno sopra, – dalla pusillanimità, dopo tutto non ha senso, nulla cambierà, tutto rimane lo stesso. No, dobbiamo esercitare il nostro diritto costituzionale, non solo qui alla manifestazione, ma davanti al capo, davanti ai nostri colleghi, davanti all’insegnante, davanti all’autorità, ovunque. E non vediamo l’ora di vedere se qualcuno che esercita questo diritto si rompe il collo“.

Gregor Gysi, avvocato, membro della SED:

„Abbiamo accolto molti anglicismi ora, contro i quali non ho nulla in contrario. Ma dalla lingua russa abbiamo adottato solo la parola dacha. Penso che sia giunto il momento di adottare altre due parole: perestroika e glasnost. E se lo facciamo anche in termini di contenuti, riusciremo a fondere i concetti di RDT, socialismo, umanesimo, umanesimo, democrazia e Stato di diritto in un’unità inseparabile“.

Christoph Hein, scrittore:

„Non lasciamoci ingannare dal nostro stesso entusiasmo! Non ce l’abbiamo ancora fatta. La mucca non fa ancora schifo. E ci sono ancora abbastanza forze che non vogliono cambiamenti, che temono una nuova società e devono temere. (…..) Creiamo una società democratica su una base giuridica applicabile! Un socialismo che non trasforma questa parola in caricatura. Una società che si addice all’uomo e non lo subordina alla struttura“.

Christa Wolf, scrittrice, membro della SED:

„Con la parola ‚Wende‘ ho le mie difficoltà. Vedo una barca a vela che chiama il capitano: „Libero per il turno“ perché il vento ha girato e gli soffia in faccia. E l’equipaggio si abbassa quando il boom velico spazza sulla barca. Ma questa immagine è ancora vera? (…..) Parlerei di rinnovamento rivoluzionario. Le rivoluzioni iniziano dal basso. Giù“ e „su“ cambiano il loro posto nel sistema di valori e questo cambiamento trasforma la società socialista dalla testa ai piedi. I grandi movimenti sociali vanno avanti. (…)

Quindi sogniamo con una ragione sveglia: „Immaginate che sia socialismo e nessuno se ne va via!“.

L’attrice ottantunenne Steffie Spira, che è anche membro della SED, è stata l’unica a concludere l’evento:

„Nel 1933 andai da solo in un paese straniero. Non ho preso niente con me, ma nella mia testa ho avuto alcuni versi di una poesia di Bertolt Brecht: Elogio della dialettica.

Non rimane cosi‘ com’e‘.
Quelli che vivono non dicono mai Mai.
Chi ha riconosciuto la sua situazione, come può essere fermato.
E non lo fara‘ mai: Ancora oggi!

Rassegna 2004

Un altro oratore, il teologo di Wittenberg Friedrich Schorlemmer, ha riassunto il significato di questa giornata in un’intervista del 4 novembre 2004:

„Quando il 4 novembre del 4 novembre sulla Alexanderplatz ha chiesto tolleranza e pace – aveva idea di cosa sarebbe successo cinque giorni dopo?

Schorlemmer: Non uno speciale. E a quel tempo non avevo il minimo desiderio di quella che oggi viene erroneamente chiamata la caduta del muro di Berlino.

In modo errato?

Schorlemmer: (…..) In realtà, il popolo ha preso il diritto di superare il muro. In verità, non si trattava di una „caduta del muro“, ma di un’apertura attraverso il muro.

Farà oggi lo stesso discorso che ha pronunciato il 4 novembre 1989?

Schorlemmer: Si. Sono molto felice di essere stato lì. Per me, il 4 rimane una data più importante del 9 novembre.

Perche‘?

Schorlemmer: Perché a quel tempo la ‚D‘ era ancora per la democrazia e non per la ‚Germania‘ o ‚D-Mark‘. Il 4 novembre è stato il giorno in cui – e questo è raro nella storia tedesca – ha avuto luogo un risveglio democratico. Con chiarezza, coerenza ed equità umana, i rappresentanti di questi piccoli popoli hanno messo fine alla rivendicazione di potere della SED e quindi ad una dittatura. (…)

L’unità tedesca non era un problema?

Schorlemmer: Solo nel contesto di un’unificazione europea alla Gorbaciov. All’inizio eravamo preoccupati per una RDT democratizzata“.

Di conseguenza, il 4 novembre 1989 è stato segnato in rosso e chiaramente evidenziato nella storiografia più recente della Germania.

Tuttavia, nonostante le registrazioni televisive conservate, non vi è nemmeno una registrazione video acquistabile. C’è, dopo tutto, un CD con discorsi pronunciati su Alexanderplatz – ma un semplice documento audio, soprattutto perché accorciato, non cattura l’atmosfera o la dimensione di questo evento, dando al massimo un’idea del suo significato (1).

Più che un documento contemporaneo

Un richiamo audiovisivo di questa giornata non avrebbe naturalmente un significato storico contemporaneo, ma anche attuale: le critiche che hanno colpito la direzione della SED e la società della DDR in quel momento devono ora essere rivolte in modo analogo al governo federale e alla società della RFT.

Questo è dimostrato, tra l’altro, da un altro estratto del discorso di Stefan Heym:

„Ma parlare, parlare, parlare liberamente, camminare, camminare in piedi, camminare in piedi, non basta. Impariamo anche noi a governare. Il potere non è nelle mani di un individuo o di pochi, di un apparato o di una festa“.

Avrebbe sicuramente accettato l’aggiunta di „o di una cricca di super-ricchi e capi aziendali“, ma questo non era ancora un pericolo prevedibile nell’apparente rinnovamento della RDT. Il prossimo Stephan Heym:

„Tutti devono condividere questo potere. E chiunque lo eserciti e ovunque, deve essere soggetto al controllo dei cittadini“.

Il fatto che oggi in questo paese non ci sia questione di controllo dei cittadini – o di „glasnost“, la trasparenza della politica – è così ovvio che non devo citare alcuna prova per provarlo. Ma anche la richiesta avanzata all’epoca su Alexanderplatz per la fine dello spionaggio da parte dei servizi segreti, che non si può più negare, non si è conclusa con la fine della RDT. E anche in Germania del 2019 le critiche alla sistematica disinformazione dei mezzi di comunicazione di massa sono di nuovo amaramente necessarie.

Gli eventi del 4 novembre 1989 sono quindi un invito a ricordare – e a confrontare: Quanto è retta la nostra andatura oggi? Che cosa hanno conservato gli antichi cittadini della RDT del coraggio, della creatività e dello spirito di ottimismo emersi nell’autunno dell’89? Questa domanda è tanto più pressante in quanto la dirigenza di „destra“ dell’AfD ha abusato con successo degli slogan delle ultime elezioni statali che all’epoca avevano lo scopo di permettere lo sviluppo del socialismo democratico nella parte orientale della Germania. Ma, come ho detto, quasi nessuno lo sa più…..

Fonti e commenti:

(1) Mancano le quattro canzoni di Wenzel e Mensching, due di Gerhard Schöne e una di Jürgen Eger, che ha introdotto il rally (Patrick Bauer: Der Traum ist aus.). Ma daremo tutto il necessario per renderla una realtà. 4 novembre 1989 e la sua storia, Amburgo 2019, pp. 151-167).
Con l’aiuto di Internet, tuttavia, è possibile creare un quadro quasi completo della dimostrazione. Ho quindi raccolto i link ai singoli discorsi e spettacoli di questo evento e li ho messi nel giusto ordine, in modo che possano essere visualizzati uno dopo l’altro e rendere il 4 novembre 1989 un po‘ più attendibile: https://andreas-peglau-psychoanalyse.de/eine-sozialistische-protestdemonstration-berlin-alexanderplatz-4-november-1989/
Il corrispondente è collegato anche qui nel frattempo. In questa pagina non ho scoperto alcun indizio che si trattasse di socialismo democratico sul suolo della RDT.
I discorsi sono – ma non sempre completi – da leggere anche qui.
In questo video di presentazione della mostra del Deutsches Museum si possono trovare anche gli orari esatti in cui sono comparsi i relatori.

+++

Questo articolo è stato pubblicato il 09.11.11.2019 da Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: wellphoto / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Hinterlasse eine Antwort