Sulla sovranità dello Stato della Germania e dei suoi cittadini

Un commento di Bernhard Loyen.

L’hai letto anche tu, ne hai sentito parlare? La Germania ha avuto un po‘ di fortuna. Sì, la felicità è qualcosa di bello e piuttosto desiderabile in questi tempi. La felicità è, sobriamente considerata, il risultato della coincidenza di circostanze particolarmente favorevoli, la coincidenza favorevole del destino.

Questa fortunata coincidenza del destino è stata vissuta dal nostro governo quando ha esaminato l’attuale salvadanaio di bilancio. Il risultato: un piacevole plus di 17,1 miliardi di euro. Il motivo? Citazione: Il ministro delle Finanze Scholz ha annunciato „Abbiamo avuto un po‘ di fortuna, e naturalmente abbiamo anche fatto buoni affari“ (1). Congratulazioni. Questa somma corrisponde a un livello che si collocherebbe al quinto posto su quindici voci del bilancio della Confederazione per il 2020 (2).

Purtroppo, la gente in Germania non ne trae realmente beneficio, se si guarda con più occhio critico allo stato generale di questo paese, di questa società. Dove diventa essenziale che i cittadini si sentano felici, a cominciare dagli asili, dalle scuole, dal mercato immobiliare, dalle infrastrutture (cioè gli ospedali, le strade, i grandi progetti di costruzione logistica di tipo noto), le cose sembrano piuttosto scarse. Una descrizione purtroppo lentamente dimenticata, ma ancora azzeccata: malandata.

In una certa misura, anche il modo in cui i responsabili dell’attuazione delle politiche affrontano la loro responsabilità nei confronti dei cittadini è scadente. Le signore e i signori del Reichstag di Berlino hanno altri obiettivi in mente quando si tratta delle priorità d’investimento per l’attuale mandato. Per il bilancio federale 2020, il settore del lavoro e degli affari sociali è al primo posto con 155 miliardi di euro. Il presidente del Bundestag, Schäuble, aveva in mente questo, citando: „Dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra domanda e promozione“, ha messo in guardia il politico della CDU in occasione del ricevimento di Capodanno dell’Unione economica e delle PMI di Amburgo. Con „noi“, però, non intendeva tutti noi, ma una casta politica che da allora è diventata distaccata, per la quale ha aggiunto un pensiero a nome della sovranità dell’esistenza quotidiana di milioni di persone, cito: „Perché se esageriamo nella promozione, distruggiamo la motivazione delle persone e le rendiamo più infelici. Schäuble si è pronunciato contro un reddito di base incondizionato. Se le persone non dovessero più lavorare, lo Stato si toglierebbe l’incentivo a trovare la propria realizzazione personale nella vita (3). Almeno pensieri onesti.

Al secondo posto, poi, il dipartimento della difesa con un incredibile 45,1 miliardi di euro. Gran parte della popolazione tedesca sa bene che una somma di questa portata non è necessaria per la sola difesa del nostro Paese. Questo Paese partecipa, in modo decisivo alla decisione dei politici eletti, alle cosiddette missioni estere, alle operazioni internazionali. Sostenere la guerra, sia attivamente che passivamente, significa anche tener conto delle conseguenze. I risultati corrispondenti su scala più ampia sono dimostrati dalle decisioni e dagli eventi che ne sono derivati in Germania dal 2015. Ampiamente documentato e discusso.

Come è noto, dal crollo del Patto di Varsavia all’inizio degli anni Novanta, sono gli Stati Uniti che devastano, distruggono e uccidono il mondo. Dopo l’ultimo attacco contro un importante esercito iraniano, con l’uccisione di un drone, il mondo intero deve di nuovo trattenere il respiro, sperando che non ci sia una nuova conflagrazione, i cui effetti prima o poi si faranno sentire anche in Germania.

Il politico Andrej Hunke del partito DIE LINKE voleva ora sapere dal governo federale se la Germania ha partecipato a questo anno ancora giovane per essere almeno in parte responsabile della provocazione di una terza guerra mondiale. Parola chiave – US-Airbase Ramstein, stazione relè.

Durante l’ora delle interrogazioni al Bundestag ieri, mercoledì, ha voluto sapere, cito: „Quali altre stazioni di ritrasmissione sono note al governo tedesco per il controllo delle missioni dei droni americani, al che riferirà i risultati dello studio condotto alla Conferenza stampa federale (BPK) del 6 e 7 ottobre. Quando è stata l’ultima volta che ha chiesto al governo degli Stati Uniti di utilizzare la stazione di ritrasmissione di Ramstein in conformità con il diritto internazionale o ha ricevuto una garanzia non richiesta da parte degli Stati Uniti (4, pagina 4)?

La risposta di Michael Roth (ministro degli Esteri tedesco) è stata amichevole ma, come al solito, vuota. C’è stato uno scambio costante con i partner americani. Il noto fatto che Ramstein sia stato utilizzato come centro di omicidi è descritto in modo impressionante nella risposta come segue, Dal punto di vista del governo degli Stati Uniti, si tratta, cito: …di un’infrastruttura di comunicazione globale per l’uso di velivoli senza pilota, comprese varie stazioni di relè (5). Inoltre, la parte statunitense aveva confermato ancora una volta alle ultime consultazioni, cito: che rispettano la legge tedesca quando si usa la base Ramstein (5).parole vuote. Frasi dell’aringa. Almeno ora è già pubblicamente ammesso che ci sono diverse stazioni di staffetta con la conoscenza del governo federale. Solo i luoghi rimangono sconosciuti. È patetico nella sua esecuzione, ma guardiamo ancora una volta alla sobria realtà.

Trattato di transizione e „clausole sulle nazioni nemiche“.

Il 3 ottobre di quest’anno la Germania festeggerà il 3 ottobre il trentesimo anniversario della riunificazione tedesca. Nel 2006 il servizio scientifico del governo federale ha pubblicato un rapporto intitolato Trattato di transizione e „Clausole dello Stato nemico“. In materia di sovranità, si citano le seguenti righe: Il termine sovranità nel senso del diritto internazionale significa che gli Stati sono indipendenti dagli altri Stati e soggetti solo all’ordinamento giuridico internazionale… Questo principio di uguaglianza sovrana degli Stati si trova nell’articolo 2 n. 1 della Carta delle Nazioni Unite… Poiché le limitazioni della sovranità di uno Stato sono un’eccezione alla regola, esse devono essere giustificate in modo particolare (6, pagina 3).

Esistono limitazioni di questo tipo nel presente? Le basi politiche per la riunificazione tedesca furono elaborate nell’estate del 1990 nel corso dei cosiddetti „negoziati 2+4“, che portarono infine al cosiddetto „Trattato 2+4“ del 12 settembre 1990. Questo trattato contiene disposizioni definite come il cosiddetto „diritto di occupazione pietrificato“ (6, pagina 7). C’è la spiegazione, citazione: Infine, „le misure adottate dai governi o con la loro autorizzazione nel periodo tra il 1° settembre 1939 e il 5 giugno 1945 a causa dello stato di guerra esistente in Europa“, compresa la cessazione delle azioni legali in questo senso, rimangono efficaci (6, pagina 8).

Come è giustificato questo dal governo federale, cito: „Il fatto che diverse disposizioni e misure delle potenze occupanti siano valide non porta alla conclusione che la Repubblica Federale di Germania oggi non sia completamente sovrana secondo il diritto internazionale. Il mantenimento del diritto di occupazione si basa sul fatto che la Repubblica Federale Tedesca ha assunto volontariamente un impegno corrispondente secondo il diritto internazionale. Tuttavia, il fatto che uno Stato si imponga obblighi nei confronti di altri Stati non è la prova di una sovranità incompleta dello Stato, ma al contrario è proprio un’uscita della sua sovranità (6, p. 8). Tabacco duro, che, tuttavia, per il momento non sarà ulteriormente commentato.

Queste linee giustificano l’esistenza della più grande base militare statunitense al di fuori degli Stati Uniti, sul suolo tedesco? La stazione di trasmissione del drone Ramstein? Prima di guardare a questo, Ramstein è in realtà l’ultima proprietà dell’esercito americano dopo la riunificazione tedesca nel 1990? A quanto pare, nessuno lo sa con certezza. Risposta del governo federale dal rapporto: Portata e ubicazione delle forze statunitensi di stanza in Germania a partire dall’anno 2017, citazione: Il numero totale di sedi delle forze statunitensi di stanza in Germania non può essere determinato con precisione a causa della diversa età delle fonti disponibili, ma dovrebbe essere nel campo superiore a due cifre (7, pagina 2).

Quindi il governo federale non conosce il numero esatto dei suoi subaffittuari? Assurdo, ma non sorprendente. Vorrebbero sapere un’altra assurdità? Sapete come è regolamentato il fatto che le armi nucleari americane sul suolo tedesco? Firmato ai sensi dell’articolo 1 del Trattato di residenza delle forze armate straniere nella Repubblica Federale di Germania del – Attenzione – 23 ottobre 1954 (8, pagina 12). Fino ad oggi, tollerato e inviolabile. Guardiamo a Ramstein.

Una perizia dal titolo: La base militare Ramstein. Domande sulla legge sullo status e sulle possibili conseguenze in caso di violazione del diritto di stazionamento (9) a partire dal 2017 informa sulla base giuridica per il soggiorno delle truppe americane in Germania, citazione:

La presenza di strutture militari americane in Germania ha la sua base giuridica nella legge sullo stazionamento. La base per la residenza permanente delle forze armate statunitensi in Germania (…) è ancora il cosiddetto Trattato di residenza del 23 ottobre 1954. Nel corso della riunificazione tedesca, la validità del Trattato di residenza è stata confermata e integrata dall'“Accordo del 25 settembre 1990 sul Trattato di residenza delle forze armate straniere nella Repubblica Federale di Germania“.

Con riferimento all’attualità, l’omicidio controllato da un drone di Qasim Soleimani, si cita il punto 2: Applicabilità del diritto tedesco alla proprietà militare straniera:  Le proprietà militari straniere in Germania non sono territorio „extraterritoriale“ dello Stato di invio. La base militare di Ramstein si trova in territorio tedesco, vale a dire che, in conseguenza del principio di territorialità, si applica il diritto tedesco.

Ora non si è ancora chiarito definitivamente se la pressione finale di un pulsante è avvenuta a Ramstein. Marcel Dickow, capo del gruppo di ricerca sulla politica di sicurezza della Stiftung Wissenschaft und Politik (Istituto tedesco per gli affari internazionali e la sicurezza), l’8 gennaio, cita: „È molto probabile che Ramstein abbia avuto almeno un ruolo tecnico in questa operazione. Perché sappiamo che Ramstein funge da stazione di staffetta. Qui i dati satellitari utilizzati per controllare i droni vengono dirottati su un collegamento in fibra ottica che poi porta negli Stati Uniti. Questa infrastruttura tecnica, che gli Stati Uniti vi costruiscono e vi operano da molti anni, è essenziale per la guerra dei droni e quindi è molto probabile che Ramstein abbia svolto almeno un ruolo tecnico in questo caso (10).

Riassumendo. Lo Stato tedesco, in qualità di proprietario della proprietà, tollera in modo del tutto consapevole gli atti criminali, con la consapevolezza che può essere in parte da biasimare per scenari che non vogliamo nemmeno pensare teoricamente. Tuttavia, non ci sono prove di alcun problema per Angela Merkel, Heiko Maas e Annegret Kramp-Karrenbauer, in quanto persone politicamente responsabili. Perché il governo tedesco non vuole liberarsi politicamente e soprattutto legalmente da questi crimini? Dov’è la dichiarazione di Christine Lambrecht? Non lo sanno? Questo è il nostro attuale Ministro della Giustizia della SPD.

Dal 2014 al più tardi, questi crimini sono stati più conosciuti. L’ex pilota di droni Brandon Bryant (l’allora 28enne era di stanza in una base aerea militare nel New Mexico fino ad aprile 2011 e pilotava droni da lì) ha dichiarato, cito

„Senza la Germania, l’intera guerra dei droni militari americani non sarebbe possibile“. All’inizio del suo servizio egli „chiamava sempre Ramstein per primo“.

Citazione dall’articolo: Tuttavia, documenti dell’esercito statunitense e la dichiarazione di un ex pilota di droni suggeriscono ora che anche le missioni in Pakistan e nello Yemen sono gestite tramite Ramstein. Secondo le stime dell’organizzazione non governativa Bureau of Investigative Journalism, dal 2004 circa 1000 civili sono stati uccisi in attacchi di droni in entrambi i Paesi (11).

E‘ stato sei anni fa. Gli omicidi continuano ad essere commessi senza ostacoli da Ramstein. Anche questo è giustificato, a cui il governo tedesco sembra fare riferimento. Riposo? Almeno nel frattempo ci sono reclami, da parte dei cittadini (12) e delle vittime (13).

Ora sta diventando spiacevole, citazione: Servizi scientifici, esercizio della forza militare da parte di Stati stranieri da basi militari in Germania, 2015: Secondo l’articolo 53 comma 1 dello Statuto delle truppe della NATO (NTS-ZA), „una forza può prendere le misure all’interno dei beni immobili che le vengono dati ad uso esclusivo, necessarie per il soddisfacente adempimento dei suoi obblighi di difesa“. Se si interpreta l’Accordo aggiuntivo – proprio come il Trattato di residenza – in modo dinamico alla luce degli attuali sviluppi della politica di sicurezza, il termine „difesa“ può essere „continuato“ nella direzione della „lotta al terrorismo“ (14, pagina 7).

Si tratta quindi di una definizione legale di decenni di omicidi. Ora arriva l’uovo della sovranità Made In Germany, cito:

Tuttavia, la conformità delle operazioni di drone per „uccisioni mirate“ con il diritto internazionale è ancora oggi giuridicamente controversa; in particolare, le opinioni giuridiche americane e tedesche divergono su questa questione, che non sarà discussa in ulteriori dettagli in questa sede (14, pagina 7).

Perché dovrebbero? Dopo tutto, solo pochi uomini musulmani muoiono dall’altra parte del mondo… Il tedesco ha il diritto di rescindere il contratto?

Il Servizio Scientifico fornisce anche informazioni su questo, citazione dal rapporto „Ramstein Military Base“. Domande sullo stato e possibili conseguenze in caso di violazione del diritto di stazionamento, 2017:

„(D) il diritto di stazionamento (permessi) nella sua versione attuale non prevede un controllo di legalità completo della Repubblica Federale sulle attività delle forze armate straniere nella Repubblica Federale. È vero che l’articolo II dello Statuto delle forze armate della NATO (NTS) richiede che le forze armate di stanza in Germania rispettino il diritto tedesco. (15, pagine 5 e 6).

Ciò rende difficile per le autorità tedesche sanzionare i reati che potrebbero essere commessi nella base di Ramstein (15, pagina 6).

Difficile? È piuttosto difficile associare questo termine a uno Stato che si suppone sovrano. Ci sono possibilità piuttosto sconosciute? Consideriamo il punto 4 di questa relazione:

Annullamento del diritto di stazionamento:

Citazione: Sia l’accordo di residenza che lo statuto delle truppe NATO possono essere rescissi. Secondo il n. 3 dell’Accordo del 25 settembre 1990 relativo al Trattato di residenza delle forze armate straniere nella Repubblica federale di Germania, la Repubblica federale di Germania può rescindere il Trattato di residenza nei confronti di una o più parti contraenti con un preavviso di due anni (15, pagina 6) più (16))

Ma questo non poteva che essere collegato, cioè implementabile, con la sovranità politica nel pensiero. Per mettere in relazione questo pensiero con l’attuale staff politico… lasciamo perdere.

La Germania politica manca della sua sovranità rappresentativa, come descritto sopra. Qual è la situazione dei cittadini? Con la sovranità nella, cito: realizzazione personale della vita? L’indipendenza dagli ordini, dalle direttive della politica di governo?

Esempi:

  • Sovranità nel trovare l’asilo nido e la scuola per il bambino difficile, piuttosto lugubre
  • Sovranità nella ricerca di alloggi a prezzi accessibili – difficile, piuttosto cupo.
  • Sovranità nell’esistenza o ricerca di un lavoro realisticamente retribuito difficile, piuttosto cupo.

La sovranità nella vita di tutti i giorni, definita da una certa felicità, salute, soddisfazione e la modesta comprensione dei mezzi di sussistenza materiali, rimane una sfida per milioni di persone in questo Paese, strettamente legata alle linee guida della politica.

Berlino 2020, citazione: l’ex senatore Harald Wolf lascia la Camera dei Deputati e beneficia del regolamento sulle date chiave per l’aumento dell’alimentazione, in vigore dal 1.1.2020. Tutti i partiti, tranne l’AfD, avevano votato per questo modello. Dal 1991, Wolf è membro dell’MdA, prima per il PDS e più recentemente per il Partito della Sinistra, e per ogni anno riceve un mese di fornitura in base all’ultima dieta. Se Wolf si fosse dimesso dal suo mandato a dicembre, quando ha rivelato le sue intenzioni di chiudere i conti, avrebbe avuto diritto solo a 2564 euro al mese. Ora, a distanza di pochi giorni, per qualche giorno in Parlamento, ha già diritto a 4062 euro al mese. Umanamente, questo è comprensibile, legalmente guadagnato – ma politicamente difficile (17).

Tutto com’era, anche nel 2020. Un po‘ di fortuna per i politici. Tempi difficili per il cittadino medio.

Fonti:

  1. https://www.zeit.de/news/2020-01/13/fette-jahre-wirklich-vorbei-bund-mit-rekord-ueberschuss
  2. https://de.statista.com/infografik/17436/ausgaben-im-bundeshaushalt-2020nach-ministerien/
  3. https://www.n-tv.de/politik/Schaeuble-warnt-vor-ueppigen-Sozialleistungenarticle21502134.html
  4. https://dipbt.bundestag.de/doc/btd/19/164/1916422.pdf
  5. https://www.youtube.com/watch?time_continue=3&v=L89F7SDdnVQ&feature=emb_title
  6. https://www.bundestag.de/resource/blob/ 414956/52aff2259e2e2ca57d71335748016458/wd-2-108-06-pdf-data.pdf
  7. https://www.bundestag.de/resource/blob/496188/c869cc88b6c8431f23271f5175072749/wd-2-005-17-pdf-data.pdf
  8. https://dipbt.bundestag.de/dip21/btd/17/055/1705586.pdf
  9. https://www.bundestag.de/resource/blob/531932/%20f011954610186c3edadc3cf94c6f1e86/wd-2-086-17-pdf-data.pdf
  10. https://www.swr.de/swraktuell/rheinland-pfalz/kaiserslautern/SWP-zu-Rolle-der-US-Airbase-Ramstein-bei-Angriff-auf-Soleimani,rolle-ramstein-angriff-soleimani-100.html
  11. https://www.sueddeutsche.de/politik/us-militaerflughafen-in-deutschlandramstein-ist-zentrum-im-us-drohnenkrieg-1.1928810
  12. https://www.swr.de/swraktuell/rheinland-pfalz/kaiserslautern/Anzeige-gegen-Ramstein-wegen-Kampfdrohne-und-Tod-von-Soleimani,ramstein-drohne-100.html
  13. https://www.bundestag.de/resource/blob/406156/%20b66cc93fd4a367ea52681c5876f6a19d/wd-2-034-14-pdf-data.pdf
  14. https://www.bundestag.de/resource/blob/406156/%20b66cc93fd4a367ea52681c5876f6a19d/wd-2-034-14-pdf-data.pdf
  15. https://www.bundestag.de/resource/blob/531932/f011954610186c3edadc3cf94c6f1e86/wd-2-086-17-pdf-data.pdf
  16. https://www.bgbl.de/xaver/bgbl/start.xav#__bgbl__%2F%2F*%5B%40attr_id%3D%27bgbl290s1390.pdf%27%5D__1579131356822
  17. Tagesspiegel Checkpoint vom 16.01.2019

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort