Vecchio splitter! | Di Roberto J. De Lapuente

Una società divisa come quella degli Stati Uniti dovrebbe essere un monito per noi – dice un socialdemocratico che è stato coinvolto nella divisione locale.

Un commento di Roberto J. De Lapuente.

Un vecchio proverbio accusa i socialdemocratici di qualcosa di molto brutto. Questo non deve essere ripetuto in questa sede. Ma se si ascolta quello che i socialdemocratici dicono oggi e come agiscono politicamente, si potrebbe pensare di riformulare il vecchio detto: „Chi ci ha diviso? I socialdemocratici, quei personaggi!“ Ma stanno solo facendo il vecchio business del potere sul principio del divide et impera.

Che bei giorni sono stati quelli in cui le elezioni presidenziali americane si sono estese davanti a noi quasi all’infinito, e si poteva quasi credere che non sarebbero mai finite. Anche la notte delle elezioni non è stata una fine e il presidente ancora in carica continua a dire che non vuole liberare lo Studio Ovale. Questi giorni sono stati e sono grandi, perché ci fanno sentire al sicuro in Germania. Perché non siamo pazzi come al di là dello stagno.

Almeno questo è quello che la gente a volte pensa. Ecco perché è sottolineato nei discorsi della domenica. Il presidente della Confederazione sa sempre come spiegare che la coesione è buona come non mai. Negli Stati Uniti non si poteva dire lo stesso. Olaf Scholz, il prossimo candidato alla carica di cancelliere della SPD senza alcuna prospettiva, ha aggiunto le sue parole, dicendo che dovremmo considerare la società statunitense divisa come un avvertimento. Dovrebbe davvero fare qualche ricerca tra i compagni di partito per vedere se ci sono fratture.

Agitatori radicali di destra, calunniatori e informatori

La ricerca non sarebbe stata difficile per lui. Appena un giorno prima della pubblicazione delle osservazioni di Scholz sul Bild am Sonntag dell’8 novembre, uno dei due capi del partito socialdemocratico ha parlato: Saskia Esken. Da quella piattaforma, che Donald Trump sa usare come nessun altro, la sua indignazione si è riversata nel paese.

„Mi è stato spesso chiesto“, ha twittato, „se avrei ripetuto il giudizio travolgente dei Covidioti. Ci ho pensato e devo ammettere che non mi sta bene. Molti di coloro che stanno correndo sono semplicemente radicali di destra, agitatori, calunniatori e informatori.

Negli ultimi quattro anni Donald Trump è diventato una decalcomania del diavolo, un seduttore e un piromane. Il fatto che egli sia stato meno la causa che il sintomo e la conseguenza del fallimento politico dello stile di vita liberale e del potere globalista e delle élite funzionali è in ritardo rispetto a questa categorizzazione. Questo Donald Trump è in un certo senso un incidente della storia, l’attacco dell’America malvagia e odiosa ai suoi buoni concittadini e a un mondo che non è poi così malvagio nel suo nucleo.

Per dividere una società, come possiamo dedurre, è necessario un tipo molto speciale. Un Advocatus Diaboli che sa mettere le persone e i gruppi sociali l’uno contro l’altro, che sa fare un clandestino o – ancora peggio! – ha una gioia aperta e disinibita nel provocare, distruggere e distruggere la porcellana. Almeno uno come quel biondo angelo vendicatore della sua torre che porta il suo nome. Che un banchiere svevo, che è arrivato alla presidenza del partito per caso e per mancanza di alternative, possa farlo almeno così come il POTUS ancora in azione: quasi nessuno nel campo dell’autocompiacimento se ne esce con l’idea.

Non essere divisi? Troppo tardi!

Dovremmo lasciare la chiesa del villaggio. In Germania, molti di questo calibro si stanno formando contro certi gruppi di protesta senza nemmeno voler prendere nota della loro motivazione. Che si tratti di emittenti pubbliche o di rappresentanti di partiti politici – lingue maliziose sussurrano che sono la stessa cosa – si stanno ovviamente parlando di esclusione.

Che si tratti di elettori AfD o dei cosiddetti Corona denari: non appaiono in questa visione del mondo come contribuenti o semplicemente come cittadini. Sono dichiarati stupidi uomini e donne. Per orribilmente stupidi e audaci, per persone di un mondo che è nato ieri, di cui non si vogliono nemmeno capire i punti di vista e le ragioni. Perché comprendere, per l’amor di Dio, non si dovrebbe andare così lontano, sarebbe una capitolazione. Lasciamo che coloro che sono stati lasciati indietro si ricongiungano alla locomotiva che ci trascina attraverso i paesaggi di successo della nostra repubblica. E a tutti gli incompresi e preoccupati: Imparate a capire, siate spensierati – ma non chiedete comprensione per le vostre preoccupazioni quotidiane!

Ma questa sarebbe la responsabilità dei media e della politica: parlare con la gente, capirla, capire da dove viene il sospetto, e cambiare rotta in modo che la gente si senta di nuovo trascinata. Negli ultimi anni siamo stati lontani da questo. Chiunque abbia espresso dubbi sulle narrazioni degli ultimi anni è stato messo in un angolo. Attualmente, sono proprio quelli che criticano la politica della Corona e si chiamano Corona denari. Non è un caso che la parola ci ricordi i negazionisti dell’Olocausto. Raramente è così ovviamente incorniciato.

Saskia Esken è coinvolta solo dai posti economici. È alla ricerca di complimenti, che si ottengono sempre sui social network quando si è particolarmente testardi e si tira il guinzaglio contro i presunti idioti. Quasi ogni giorno, i rappresentanti del popolo danno lezioni dall’alto, li rimproverano con arroganza e li stigmatizzano. La presidentessa di SPD è fondamentalmente solo un piccolo e ancora abbastanza nuovo pesce nello stagno dell’arroganza.

Dividere e conquistare

Il candidato cancelliere Olaf Scholz, naturalmente, ha parlato solo per l’edizione di domenica. Nella società profana la domenica non ha più il significato religioso che aveva un tempo. Ma per sollevare e ispirare, è ancora abbastanza buono. Ogni dannata domenica la parola è rivolta ai cittadini per dire tre battute su questo e quello. Il fatto che questi bar non si adattino affatto alla musica che viene soffiata nella vita di tutti i giorni non ha alcuna importanza. Al contrario: quanto più lontano è un discorso domenicale di questo tipo dalla triste realtà, tanto più i media e la politica sono commossi dal messaggio.

In questo senso, Scholz ha proclamato qualcosa che da tempo ha cessato di essere un problema. Non siamo sull’orlo di una minacciosa spaccatura, guardando con ansia se un Donald Trump potrebbe girare l’angolo e finalmente portarla a termine. Siamo ben al di là di questo. La divisione ha avuto luogo da tempo. La situazione ribolle in ogni angolo, le manifestazioni e gli attacchi ai funzionari pubblici non sono una coincidenza. Essi documentano il corso che stiamo seguendo. Non abbiamo bisogno di un asso nella manica per questo.

La pandemia non è la causa. Si tratta di un evento casuale che ora agisce come sintomo di un declino a lungo termine. Ma la divisione è andata avanti per molto tempo; faceva parte degli strumenti di coloro che si dividevano e governavano – e lo fanno ancora. Questo metodo è stato utilizzato per ridurre l’efficienza dello stato, per risparmiare fino al limite del fallimento dello stato. Che si trattasse della mancanza di letti d’ospedale o di personale infermieristico: la divisione era all’ordine del giorno.

Come nei reparti sanitari, che erano sempre a corto di personale e che ora hanno un valore di incidenza relativo al personale di 50 persone testate positivamente ogni 100.000 abitanti. Se non fosse stato per questo scortese corso di scissione e risparmio, chissà dove sarebbe oggi il valore di incidenza. Alcune parti di questa verità, tuttavia, potrebbero sconvolgere e far insultare l’autore da Saskia Esken. Quindi finiamola qui…

+++

Grazie agli autori per il diritto di pubblicare l’articolo

+++

Questo post è apparso per la prima volta il 26 novembre 2020 sul blog Neulandrebellen

+++

Fonte dell’immagine: fotocosmos1/tapparella

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Hinterlasse eine Antwort